FANDOM


*Tic-tac...Tic-tac*

Solo nella tua camera da letto, disteso con la testa sul cuscino, sguardo pensieroso rivolto al soffitto. Pensi alla tua vita, al fatto che sia monotona, ogni giorno esci di casa, ti dirigi a scuola, torni, mangi, ti rilassi, studi, di nuovo a rilassarti, e poi a letto. Ogni singolo giorno della tua inutile, miserabile vita. Ma c'è qualcosa che ti infastidisce, qualcosa che ha spezzato il ritmo quotidiano della tua vita. Sei strano da un po' di tempo, sei diventato introverso, non parli più con nessuno, non vedi i tuoi amici da giorni ormai.

*Tic-tac...Tic-tac*
"Cosa ti succede? Che problema hai? Bulli? Compiti? Cosa, io non ti capisco più. Eri un ragazzo speciale, sempre sorridente, sprizzavi felicità da tutti i pori, e guardati adesso, conti le ore, i minuti, i secondi. Cosa è successo al mio piccolo ometto? Che ti hanno fatto?"

*Tic-tac...Tic-tac*
"C'è qualcosa che non mi convince in quello che mi hai detto la scorsa settimana. Non credo che fosse per amore, no, c'è qualcosa di più. Aiutami a capire, ti prego? Ti voglio aiutare..."

*Tic-tac...Tic-tac*
"Sai, i tuoi amici non sono nemmeno venuti a cercarti. Come mai? Forse è per questo che stai così, è successo qualcosa? Scommetto che avete litigato. Cos'è successo di preciso? Non ne vuoi parlare, vero? Okay, ti preparo qualcosa da mangiare...? Bene, torno subito."

*Tic-tac...Tic-tac*
Sei rimasto di nuovo da solo, come sempre. Ripensi a quello che hai fatto, ai tuoi amici, al perché non vengono a trovarti. Ripensi a quando il dottore disse che soffrivi di schizofrenia. Un accenno di sorriso solca il tuo volto. Sei felice per quello che hai fatto, vero? Pazzo, sei solo un pazzo.

*Tic-tac...Tic-tac"
Tua madre starà preparando qualcosa di speciale, ancora non è ritornata. Perché sei ancora felice? Non ti senti in colpa per ciò che hai fatto? Non pensi a quelle povere famiglie che non potranno più rivedere i propri figli? Haha, come darti torto, sei solo un malato mentale, cosa potrebbe mai interessarti di tutto questo. Non ricordi nemmeno dove hai lasciato i corpi, vero? Non li hai degnati nemmeno di una sepoltura. Beh, prima o poi tutto verrà a galla. Infondo, io sono te, giusto? Un giorno spero che la smetterai di parlare con te stesso in questo modo...ma per ora, aspetta il ritorno di tua madre. Ricordi dove hai nascosto il coltello, giusto? Quella stupida troia non mi è mai piaciuta. Un ultima cosa, smettila di imitare un orologio, ti fa sembrare più strano di quanto sei già.

Vota questo racconto:

Voto complessivo:

È necessario registrarsi e collegarsi dal browser per poter votare e visualizzare i risultati.
Un ringraziamento alla Wiki tedesca per questa funzione.


Ad blocker interference detected!


Wikia is a free-to-use site that makes money from advertising. We have a modified experience for viewers using ad blockers

Wikia is not accessible if you’ve made further modifications. Remove the custom ad blocker rule(s) and the page will load as expected.

Inoltre su FANDOM

Wiki casuale