FANDOM



The Puppeteer di BleedingHeartworks - Creepypasta -ITA- SPECIALE DI HALLOWEEN

The Puppeteer di BleedingHeartworks - Creepypasta -ITA- SPECIALE DI HALLOWEEN

Qui di seguito la quadrilogia di The Puppeteer, tradotta interamente da Schrödinger's Cat.


The PuppeteerModifica

Ho avuto questa bambola per un bel po’ di tempo. Era una bellissima bambola di porcellana. Sapete, era fatta come la maggior parte delle bambole di porcellana, quelle che si vedono più spesso. Con lunghi boccoli biondi. Occhi neri. Un bellissimo vestito rosa e rosso con una crestina sulla testa, che si legava sotto al mento con due nastrini di raso. Era una bambola che ricevetti da mia madre in tenera età. A quell’età ho sempre pensato che fosse davvero una bambola graziosa – perfetta. Mia nonna ha almeno cinquanta bambole di quel genere. Tutte bellissime, bambole di porcellana. Ma questa in particolare, quella bionda con il vestito rosso, è quella che mi ricorderò sempre.

Perché questa, è quella che avrebbe segnato il momento della mia morte.


Ho vissuto per un po’ di tempo da sola. Ero appena arrivata al college, dinanzi a me si stagliava ogni possibilità di carriera e io dovevo soltanto scegliere quello che facesse per me. Semplice. Stavo puntando a Psicologia – una materia che aveva iniziato a piacermi e a seguirla negli ultimi tre anni. Dopotutto, mia madre era un’infermiera e mio padre uno psicologo, quindi era una scelta ovvia per me. Ma allontanarmi da tutti i miei amici e dalla mia famiglia, non era stato così facile come avevo pensato.

Certo, la mia compagna di stanza era una brava persona, ma forse non così loquace come avevo sperato. Io non ero quel tipo di persona da starsene in silenzio nella propria stanza e senza mai dire una parola, se non per necessità. Mi piaceva uscire, frequentare gli amici… ma non avevo tempo o amici intorno. Nessuno mi parlava, almeno che non avessi avuto bisogno di chiedere qualcosa all’insegnante a scuola o di dire alla mia compagna di stanza che avevo dimenticato di comprare il latte. Era triste non avere nulla di cui parlare.

Lo studio era l’unica cosa che mi distraeva dalla solitudine.

Non avevo neanche il tempo di cercare dei nuovi amici. Gli amici erano una cosa insignificante, dopotutto. Non avevo tempo di andare alle feste e magari di conoscere qualcuno di interessante. Era inutile, perché in entrambi i casi mio padre mi avrebbe scuoiata viva, se non mi fossi concentrata abbastanza sullo studio.

L’unica cosa che mi ero portata dietro come ricordo della mia famiglia, era stata quella bambola. Il giocattolo era adagiato sulla mia scrivania, di fronte al letto, che sorrideva verso di me, quando avevo bisogno di parlare con qualcuno o stava semplicemente a fissarmi, mentre dormivo. C’eravamo solo io e quella bambola per tutto il tempo.

Quella orrenda e fottuta bambola.


Col passare del tempo, ho iniziato a ritirarmi sempre di più da ogni contatto umano possibile. Ero sommersa dal lavoro scolastico e il rimpianto di essere venuta qui, aveva iniziato a riempirmi la testa. Ma non potevo mollare ora e tornare a casa, non dopo che i miei genitori avevano pagato tutte le rette del college e la macchina per arrivare fin qui. Dovevo solo stringere i denti e tenere duro, facendo del mio meglio. Ci ho veramente provato duramente.

Ma ogni giorno l’odio delle persone nei miei confronti cresceva e avevo bisogno di trascorrere sempre più ore da sola, nella mia stanza, per scrollarmi tutto di dosso. Aveva iniziato a diventare difficile uscire ogni giorno. La mia compagna di stanza mi disprezzava, lo posso dire con certezza. E non potevo biasimarla. Mi stavo comportando da cogliona. Mi ero rifiutata di svolgere le faccende domestiche – pulire i pavimenti, portare fuori la spazzatura… ma io non potevo farlo. Mi sentivo trascinare in un buco nero.

E insieme alla solitudine, arrivò anche la paranoia.

In un primo momento, avevo accettato la mia solitudine. Ma poi sono arrivata al punto di realizzare il mio comportamento bizzarro, cercando di spiegare alle persone intorno a me che non mi sentivo bene. C’era solo stress e nessuno aveva tempo di parlare a una stupida studentessa del college. Io speravo davvero che ne avessero.

Mi rinchiusi nella mia stanza e non volevo più uscire di lì. Ho dovuto avvisare i miei insegnanti e cancellare le lezioni, giorno dopo giorno. Ma questo non gli importava. Loro non si erano dati pena di venirmi a cercare. Così ho continuano a girare dentro la mia stanza, una settimana fuori e l’altra dentro. Si era innescato un circolo vizioso da cui non avevo più scampo.

Poi accadde. La mia stanza divenne la mia gabbia. Non volevo mangiare; non potevo. Ero arrivata al punto che la mia compagna di stanza aveva iniziato a bussare alla porta per sapere se stava andando tutto bene. Ma io non le ho mai aperto. Le urlavo di risposta per dirle di andarsene. E lei così ha fatto.

Non le importava abbastanza da fare un secondo tentativo. Non bussò mai più alla mia porta. C’ero solo io. Io e la bambola che vegliava su ogni mio respiro.

Poi, ci fu quella notte.

Questa notte, a dire il vero.


Era una notte che ero abituata a trascorrere. Sola. Non mi ero nemmeno disturbata ad accendere le luci, quando ero scesa dal letto e mi ero infilata una felpa e un paio di Converse slacciate, prima di uscire dalla mia stanza. Avevo bisogno di aria fresca e la mia finestra era rotta, perché non riuscivo più ad aprirla. È successo nel bel mezzo della notte, forse, anche di mattina. Era piuttosto buio fuori e così ho pensato che era ancora notte, anche se non ho mai controllato l’orario. Non che me ne importasse più di tanto.

Comunque, è stato come avere una spina nel fianco dover uscire dalla mia stanza, col minimo rumore, senza svegliare la mia stupida coinquilina. Tutto quello di cui avevo bisogno, era di uscire per un minuto o due, per prendere una boccata d’aria, magari uscire e comprare anche un paio di sigarette. Mi ero promessa di smettere di fumare, ma ultimamente, era l’unica cosa che facevo. Fumare. Sgattaiolavo fuori in tarda notte per andare a comprare nuove sigarette. Era una cosa malsana. Lo so. Ma era l’unica cosa che mi faceva andare avanti e mi faceva sentire sveglia e sicura.

Ma quella notte in particolare, era successo qualcosa di strano. Qualcuno aveva lasciato aperto il cancello, quello che portava in strada. Non era mai successo prima d’ora e pensare che il padrone di casa era stato piuttosto ferreo nel volerlo tenere chiuso tutto il tempo. Non mi importava. Ho tirato fuori dalla tasca la piccola scatola rossa e ho iniziato a fumare. La cosa buona di uscire di notte, era che non c’era nessuno in giro, nessuno poteva disturbarmi con la sua stupida voce. Era tranquillo, giusto qualche macchina di passaggio ogni tanto. Ma poi, nulla di più. Solo pace.

Un paio di minuti dopo essermi rinfrescata la pelle calda e aver inspirato del fumo a pieni polmoni, avevo deciso di tornare indietro e magari di guardare un po’ di televisione. Non c’era quasi mai nulla di interessante da vedere di notte, ma valeva la pena provare.

Ho fatto un passo indietro dall’edificio e mi strinsi le spalle per trattenere un po’ di calore sul mio corpo, pronta a sgattaiolare di nuovo dentro la mia stanza. Ma non appena sono arrivata alla scalinata, c’era qualcosa in mezzo alla strada. O, qualcuno. Qualcuno se ne stava fermo sulle scale.

Dovevo ammettere, che mi aveva spaventata ad un certo punto, ma un secondo dopo, ero tornata in modalità ‘sbattitene e vai avanti’ e ho cominciato a salire le scale, senza dire una parola alla persona che stava sulla mia strada. A prima vista, avevo pensato che si trattasse della mia compagna di stanza, ma la figura di quella persona era troppo… mascolina. Troppo grande per essere la mia compagna di stanza mingherlina che conoscevo.

Ho provato a sorpassare lo strano sconosciuto e il mio gomito ha leggermente urtato il suo. Ma lui non si mosse e non disse nulla. Semplicemente, rimase lì in piedi. Mi stava spaventando. La situazione stava diventando troppo strana. Ma ovviamente, non c’erano altro che studenti in questo plesso bramosi di spaventare a morte gli studenti del primo anno con i loro stupidi scherzi. E io non ero così sprovveduta da cascarci.

Non mi sono fermata fin quando non ho sentito un rumore. Era uno di quei rumori fastidiosi che ti costringono a interrompere la tua concentrazione e ad ascoltare. Era… distraente. Spaventoso. Snervante. Non riuscivo ad andare avanti, così mi sono bloccata e ho cercato di girarmi verso di lui. Per prima cosa, si era sentito uno scricchiolìo – un suono che mi aveva spaventata. Poi, ci fu un basso lamento. La voce di un giovane ragazzo che stava piangendo. Ma non era umana.

ThePuppeteerBleedingHeartworks

La voce si stava alzando; poi fu interrotta dal suono disturbante dello statico della televisione. Mi trovavo solo a un paio di passi dall’ombra di quell’uomo. Volevo soltanto muovermi e fare qualcosa – ma non potevo. Sono rimasta paralizzata e i miei piedi erano incollati alle scale.

Avevo provato a parlare, ma lui parlò prima che io ne avessi la possibilità. Adesso potevo vederlo meglio, ora che la mia vista si era abituata ormai al buio. Indossava una sorta di cappotto, nero. Tutto nero. Un berretto di lana, con dei fili che partivano dalla sua schiena. Anche quelli erano neri. I suoi capelli erano sfilacciati ma lunghi, dall’aria trasandata; come se non fosse stato capace di tagliarseli o… come fossero stati semplicemente bagnati.

Il suo aspetto era stato scolpito nella mia memoria, poi la sua voce giunse alle mie orecchie come una pugnalata. Quando parlò, emise una sorta di rumore statico, come una vecchia radio rotta. Ma disse delle parole. Aveva provato a tranquillizzarmi. Ma a quel punto ero così spaventata che non era possibile provare a farmi stare calma.

«Sei sola, non è così?».

Deglutii a fatica il nodo alla gola. Al solo pensiero di qualcuno che mi perseguitava mi stava facendo venire il bisogno di vomitare, sentendomi disgustata da quell’uomo e dalla sua voce. Ho solo scosso con la testa per dire di ‘no’. Non riuscivo a dargli una risposta. Avrei dovuto. Magari avrebbe cambiato tutta la situazione per il meglio. Magari non sarei dovuta trovarmi qui, ora, spaventata come non mai e attaccata alla mia vita. Ma lo ero. Ero sola. E sapevo che anche lui se ne era accorto.

Quando non gli diedi la risposta che lui si aspettava, si rivolse a me. E la sua vista era una dei volti più terrificanti e anche affascinanti che avessi mai visto. Non era sfigurato o ferito in qualche modo da farmi sentire a disagio per il suo aspetto.

Ma i suoi occhi. E la sua bocca. C’era una strana luce. Una luce dorata e arancione. Una luce che riempiva le sue cavità oculari e la sua bocca, i suoi denti brillavano di una intensa luce gialla. Splendeva al buio e un fascio luminoso si proiettava tra di noi. Sulle scale, sul pavimento… su di me. E potevo vedere un sorriso impresso sul suo volto grigio. Questo è quello che ho memorizzato.

Non era umano. E io mi sarei dovuta allontanare di lì.

Quando riuscii a rompere le corde invisibili che mi bloccavano, ho salito rapidamente le scale, per poi inciampare sui lacci delle scarpe e cadere rovinosamente sul pavimento di legno. Sono scappata dentro la mia stanza senza pensare un secondo. Fortunatamente, la mia compagna di stanza che avevo ignorato per così tante settimane, mi sentì. E chiamò la polizia.

. . .

Ho chiuso ho porta alle mie spalle e mi sono chiusa a chiave, strisciai sul pavimento fino alla scrivania che urtai; la mia preziosa bambola di famiglia cadde sul pavimento. La porcellana si ruppe e allo stesso tempo, ho esalato un respiro di panico, cercando di rimettere insieme nella mia mente, tutto quello che mi era appena successo. Non si era sentito più quel rumore di statico, da quando avevo chiuso la porta della mia stanza.

Non c’era nessuna coinquilina che veniva a controllare come stavo, nessuno strano uomo con la bocca e gli occhi illuminati. Solo io e la mia bambola rotta; riversa sul pavimento. Ho provato a urlare o a piangere, per chiedere aiuto a qualcuno, ma poi ci ho ripensato.

Non era stato reale. Stavo diventando pazza. Malsana. Dopo aver trascorso così tanti mesi da sola, questo è quello che è successo. Stavo sdraiata sul pavimento di legno, mi sentivo distrutta e a pezzi. Non sapevo più a cosa credere.

Non dormii. Mi sedetti sul pavimento, dopo un po’, facendo avanti e indietro per la stanza, continuando a strisciare sul pavimento e facendo attenzione a non fare rumore. La sigaretta di prima mi aveva asciugato la gola. Avevo sete, ma non potevo uscire per andare in cucina a bere qualcosa. Magari Lui era lì. Stava aspettando che io uscissi. Non mi mossi dalla mia stanza.

Non l’ho mai più lasciata.


Un’ora dopo, essere stata in completo silenzio nella mia stanza, ho iniziato a calmarmi e mi sono alzata per tranquillizzarmi. Anche se avevo addosso ancora la sensazione di sentirmi osservata. E conoscevo quella sensazione molto bene. Quella di essere paranoica e solitaria, si fece sentire. Ho iniziato a piangere.

Una volta che mi è tornata in mente la mia bambola rotta; ho immediatamente cercato di rimettere insieme i pezzi. Era l’unica cosa che mi preoccupava; la mia migliore amica. Sono riuscita a trovare un ago, un po’ di filo e della colla nella mia camera, per riportare la bambola al suo antico splendore. Ma non era facile. Non importava quando duramente avessi provato, i pezzi della bambola crollavano su sé stessi. Era diventato un tentativo vano. Ci ho provato ancora e ancora, ma i pezzi non stavano insieme.

La mia unica amica.

Avevo iniziato a sentirmi stanca dopo tutto quel panico e avevo cominciato a fissare la mia bambola, o quel che ne restava; così mi sono stesa sul letto. Mi sono rannicchiata sotto le coperte e ho tirato le lenzuola fin sopra la mia testa, pensando che ora nessun mostro sotto al letto avrebbe potuto raggiungermi. Tutto quello che volevo era dormire.

Ma non potevo immaginare che, Lui, sarebbe ritornato.


Questa volta fu diverso, però. Questa volta, lo accolsi. Ero stanca di scappare tutto il tempo e avrei preferito morire nel sonno piuttosto che passare un altro giorno della mia vita nella solitudine. E ora, con la mia unica amica ridotta a pezzi, che cosa avrei dovuto fare?

Era stato snervante, il modo in cui Lui si era avvicinato. Era stato come se io fossi addormentata, ma potevo ancora controllare il mio corpo. Come stessi sognando da sveglia. Non avevo il coraggio di affrontare un nuovo giorno. Questa notte, tutto sarebbe finito. Proprio come temevo che sarebbe andata. Ma ormai non mi importava più. Non me ne fregava niente. Avrei voluto addormentarmi e non risvegliarmi più. Per non affrontare mai più la solitudine.

Venne verso di me. Giostrando con le mani mi fece alzare dal letto, ha avvolto la mia mente coi suoi pensieri, in modo che io vedessi le cose come le vedeva lui. Ma l’unica cosa che potevo vedere, erano le sue mani grigie, che tenevano strette le mie. Improvvisamente, ebbi una sensazione che non ero sicura di percepire. Mi sembrava di fluttuare.

Come un burattino, mi ha aperto due tagli ai polsi. Ma non era… tutto. Ha aperto un taglio lungo il mio avambraccio verso il basso, per raggiungere qualcosa. I muscoli. Qualcosa da estrarre fuori e usare come appiglio. La cosa cattiva è stata che, gli ho permesso di farlo. La mia lotta aveva iniziato a diventare troppo per me, non potevo più sopportare. E con i lunghi pezzi di muscoli che penzolavano fuori dai tagli ai polsi, ha iniziato a tirarli. Li tirò a sé come se volesse prendere il controllo del mio corpo e delle braccia, poi del mio sistema nervoso e del mio scheletro. Lui sapeva bene come funzionava.

Ancora, non provai dolore. Nessun dolore afflisse il mio cuore o il mio corpo, una parte della mia mente si sentiva persino in pace. Fu una sensazione meravigliosa.

Era come se nient’altro mi importasse.

E come Lui continuò a tagliare il mio corpo, ha iniziato a cantare.

“Mi chiamano il Burattinaio

le mie dita affusolate e le mie mani bagnate

con le mie lacrime versate

per i burattini che io dirigo

con le mie corde e i sogni.”

Ora potevo vederlo meglio. L’uomo che io avevo odiato con tutta l’anima, adesso lo avevo accolto per portare a termine la mia infinita sofferenza. Forse, era stato Lui a costringermi a pensarla in questo modo? Forse, Lui era la causa di tutto quello che mi era successo? Era tutto nella mia testa – o era reale?

“Mi chiamano il Burattinaio,

non ho amici, come te.

Quelli che della mia amicizia

il valore non sanno riconoscere

Alla fine, anche loro miei amici

chiederanno di diventare

Con le mie corde e i sogni.”

Mi bastò solo qualche minuto prima di perdere completamente ogni percezione. Il mio sistema nervoso era in pieno controllo nella mano di quell’uomo – quella cosa, stava rompendo ogni osso del mio corpo. Sentivo che stava torcendo le mie costole e l’osso dell’anca. Tutto perché fosse più facile per Lui potermi manovrare come avrebbe desiderato. Era stato come se i lunghi pezzi di muscolo si stessero strappando; controllando le mie membra e la testa, agitandola da un lato. Tutto quello che riuscì a vedere era il suo sorriso, così io ricambiai il suo sorriso.

“Mi chiamano il Burattinaio,

il mio corpo è scuro e miei occhi bramosi d’oro.

Ai miei occhi, nessuno è solo.

E alla fine, anche tu, sarai mio amico.”

L’ultima sensazione che provai, fu quella della sua mano che tirava il mio collo. Poi, sentii qualcosa rompersi. Ero terrorizzata di morire in questo modo. Non avevo mai pensato di morire così. Avrei detto di no e avrei rifiutato, se solo avessi potuto decidere di testa mia. Ma non potevo.

Dissi di sì.

Con il collo rotto, ero a un passo dalla morte. Poi non ci fu nient’altro, se non un sorriso dorato e le sue mani calde, che stavano reggendo i fili quando il mio corpo crollò.

. . .

Il mattino seguente, la mia compagna di stanza mi trovò. Morta. Mi ero suicidata appendendomi al ventilatore del soffitto, assicurando la mia morte. Poi, sono saltata giù dal letto. Dietro di me, si trovava quella bambola. La porcellana infranta della bambola con il vestito rosso e una bellissima chioma bionda.

Vi starete domandando come sia riuscita a scrivere questo messaggio, o come abbia fatto a mettermi in contatto con voi.

Ho solo visto la necessità di scrivere la mia storia prima di andarmene.

Questo è il mio lascito, questo è quello che mi sono portata dietro.

Non riuscivo più a sopportare la solitudine. Non riuscivo più ad affrontare i problemi per conto mio. Ci è voluto così tanto tempo. Troppo tempo.


Cari mamma e papà,

mi dispiace tanto.

The Puppeteer II - Amore Materno Modifica

Modifica

Tutto è cominciato quando ho iniziato a notare dei cambiamenti repentini in mia madre.

No, è iniziato ancora prima di questo, ora che ci penso meglio. Anni fa. Magari ancora prima che io potessi ricordare quando ho imparato a distinguere il giusto dallo sbagliato, e quindi è stato parecchio tempo fa. Sono sempre stato uno dei due fratelli nella mia famiglia. Nostra madre era single, lo era sempre stata da quel che posso ricordare. Nostro padre se n’era andato quando gli arrivò la notizia che mia madre mi stava aspettando. Noi amavamo nostra madre, davvero. Ci comprava bei vestiti anche se non poteva permetterselo, procurava il cibo necessario e ci aveva fatto crescere in una casa accogliente. Tutto era fantastico, anche se mia mamma aveva solo un problema con l’alcool. 

Non era solo un problema, era un grande problema. Lei era rimasta single, anche se aveva cercato di incontrare qualcun’altro. Tutto andava sempre bene all’inizio, finché non cambiava idea e sbatteva fuori dalla porta di casa l’ennesimo uomo. Era sempre la stessa storia con lei. 

Io mi sentivo molto… solo. Mio fratello non aveva interesse di giocare con me, visto che lui era di cinque anni più grande e mi vedeva solo come il piccolo fratellino fastidioso. Ma tutto quello che volevo era stare in compagnia. 

Non avevo avuto molto successo a farmi nuovi amici a scuola o durante il tempo libero. Passavo ogni momento da solo. A mia madre non importava, ovviamente. Era troppo impegnata a portare a termine il suo lavoro, così da poter trascorrere le ultime ore della sera a bere. 

Ma credo che in ogni singolo secondo di solitudine trascorso, qualcosa era stato portato via da me. Avevo iniziato a… sognare a occhi aperti. Un sacco di volte. Creare amici immaginari era diventato il mio passatempo preferito. Sì, un passatempo. Ne creavo uno nuovo di volta in volta, tanto che diventava difficile stare al passo – anche per me. 

Vedete, c’era questo particolare amico immaginario.

Lui non era come gli altri. Questo era l’unico che mi faceva sentire più in pace. Lui giocava con me, ovviamente, ma si faceva vedere solo di notte. Poi, noi chiacchieravamo e scherzavamo insieme, assicurandoci che mia madre non sentisse il mio allegro ridacchiare. Lui era un esperto in tante cose, ma era il migliore a lavorare e creare per me dei burattini. Ogni giorno lui portava una nuova bambola, in ogni tipo di design che avrei desiderato che fosse. Questa era una sua peculiarità. 

L’uomo burattino. 

Sono sempre riuscito a nascondere il fatto che avessi degli amici immaginari, ma con lui… era stato difficile negare che fosse effettivamente lì. Perché sapevo che c’era. Ogni notte che lui diceva che dovevo dormire, rimaneva lì per un'altra ora solo per assicurarsi che io mi ero veramente addormentato. I suoi ardenti occhi dorati mi osservavano da lontano, nel buio. Sul suo volto grigio era dipinta un’espressione di calma e sembrava che continuasse a sorridere verso di me. Mi addormentavo così ogni notte. 

Ma non potevo parlare a nessuno della creatura che mi faceva visita la notte. 

Era stato… strano. 

Il tempo passò come avrebbe dovuto. Io crebbi, come era stato per mio fratello. L’unica cosa che sembrava non cambiare mai era l’abitudine malsana di mia madre a bere. Mio fratello se ne andò via di casa all’età di 18 anni, non riusciva più a sopportarla. Io avevo solo 12 anni a quei tempi e non avrei potuto lasciare casa per molto, molto tempo. Stavo aspettando pazientemente, e suppongo che fosse l’unica cosa che potevo fare quando mi sentivo così… solo. 

Tuttavia, il mio amico immaginario non se ne era mai andato, e aveva iniziato a essere un problema. Continuava a farmi visita ogni singola sera, tenendomi compagnia. Avevo iniziato a ignorarlo, ero pazzo… così doveva essere. A 12 anni l’intera faccenda dell’amico immaginario sembrava ridicola. Avrei avuto altre cose da fare in ogni caso: i compiti e giocare alla playstation 2. Ero… soddisfatto. Non felice. Solo neutrale. Non mi sentivo solo, avevo messo da parte quel pensiero molto tempo fa. Eppure lui era lì… a fissarmi con il suo volto nascosto nel buio della mia stanza, gli ardenti occhi dorati posati su di me che mi studiavano. Passò un altro anno. 

Alla fine mi sono stancato di tutto. A scuola ero considerato un ritardato e mia mamma era peggiorata sempre di più col bere. Fino al punto che aveva iniziato ad farsi del male. Si rifiutava di parlare con me, anche se io ci provavo. Perse il lavoro, alla fine. Era… era qualcosa che avevo previsto già molto tempo fa; ho sempre pensato che questo l’avrebbe aiutata a rendersi conto di avere un problema… ma no, dopo di questo mia mamma non fece nulla, ma continuò a starsene seduta lì… a bere sui suoi problemi. Divenne aggressiva col tempo, tutti se ne erano accorti. Tutti quanti… cioè, me. Facevo di tutto pur di non rimanere a casa – dormendo a casa di mia zia o cercando di contattare mio fratello. Ma c’erano certe notti che dovevo rimanere a casa ed era l’inferno sulla terra. 

Ogni giorno lei mi rimproverava per niente. Erano cose così stupide, semplici cose. Come dimenticare di comprare il latte, dimenticare di preparare la cena… che cosa potevo fare? Avevo 13 anni. Mia mamma non riusciva nemmeno a dirmi quanto fosse dispiaciuta. Lei continuava ad andare avanti così… e una notte, perse la testa.

Me lo ricordo chiaramente. 

Era qualcosa riguardo i piatti. Dovevo lavare i piatti dopo cena, come al solito, e questa volta me ne era accidentalmente caduto uno. Era caduto rumorosamente sul pavimento e si era frantumato in tanti piccoli pezzi. Mia mamma era ovviamente furiosa con me. Potevo capirla fino a un certo punto, capire perché fosse arrabbiata con me… ma adesso le do la colpa per tutto quello che è successo.

Questa volta lei non si era limitata a urlarmi davanti alla faccia per un minuto o due. Questa volta era stata più violenta, afferrando una sedia l’aveva lanciata in mezzo alla cucina. Urlò contro di me di non essere il figlio perfetto, e che aveva perso tutto a causa mia e di mio fratello… tutto quanto era stato per colpa nostra. Mi aveva dato uno schiaffo in faccia. E poi… aveva finito. 


Sono corso via e mi sono chiuso a chiave dentro la mia camera. 

E lui era lì, ad aspettarmi. Era sera dopotutto. E per la prima volta dopo almeno due anni, gli parlai. Lui era l’unica anima con cui potessi parlare. Anche se era immaginario, anche se stavo praticamente parlando da solo... non mi importava. Ne avevo un disperato bisogno. 

E per la prima volta… lui mi parlò. 

Era molto più calmo di quanto potessi immaginare. 

«Tua mamma… lei è cattiva».

Non ero d’accordo. Lei non era cattiva… o lo era? Aveva rovinato la mia vita, mi odiava, ma continuavo a scuotere la testa. 

«Non piangere». Si rivolse a me. «I ragazzi grandi non piangono… calmati. Andrò io a parlare con tua mamma. Adesso vai a dormire… ne hai bisogno». 

Ho fatto come mi ha detto. Senza fare nessuna domanda, sono andato a letto. Il cuore mi batteva forte e mi girava anche la testa. Mia mamma non era mai venuta a controllarmi… mi avrebbe lasciato in ogni caso. Questa è l’unica cosa che lei aveva sempre fatto. Aveva smesso di curarsi di noi, di curarsi di tutto… della vita. 

Non mi ci volle troppo tempo per addormentarmi quella notte. La mattina sarei ritornato a scuola come se nulla fosse successo e per ritrovarmi con la stessa patetica madre alcolizzata il giorno dopo. 

Ma non ci sarebbe stato un altro giorno. 

. . . 

Mi sono svegliato di nuovo. Era tutto buio attorno a me, l’appartamento sembrava inghiottito dalle tenebre. Non mi ero svegliato di mia iniziativa, avevo sentito uno strano rumore fuori dalla mia stanza. Circospetto e insicuro, sono scivolato fuori dal letto e sono andato nel corridoio. Si sentiva uno scricchiolio. Come di qualcuno che camminava sul ghiaccio o su dei vetri rotti, ma era molto più forte quel rumore. La mia curiosità prese il sopravvento e continuai a cercare finché non trovai la fonte del rumore. Era nella camera da letto di mia madre. 

Che cosa stava accadendo lì? A quest’ora mia mamma avrebbe dovuto dormire… mi sono avvicinato, e il rumore aveva iniziato ad aumentare. Dopo un minuto che ero rimasto in silenzio ad ascoltare fuori dalla stanza, decisi di entrare. Ho spinto la porta di legno e sono caduto sulle ginocchia. Quello che vidi… nessuno avrebbe mai dovuto vederlo.

Tumblr mxx688oHUZ1s1spmvo1 1280


Mia mamma era riversa sul pavimento. Il suo viso era insanguinato e il suo naso sembrava rotto. Era in ginocchio, con le braccia tese indietro in una posizione innaturale e le mani che si contorcevano dal dolore. Sembrava che avesse voluto urlare, ma tossì solamente, respirando affannosamente. Lei mi vide. E questo è stato il momento in cui ho perso la testa. 

Ho provato a urlare, ma non ci riuscivo. Ho solo strisciato verso il bordo del letto, stringendomi ad esso come fosse la mia unica ancora di salvezza. Le braccia di mia madre si spezzarono davanti alla mia faccia, da qualcosa che non potevo né vedere né sentire. Potevo solo vedere lei, mia madre. Ero spaventato per la mia vita. 

E poi lentamente lui apparve davanti a me. Le sue mani grigie e il suo volto, che emergeva dalle tenebre. I suoi occhi dorati erano completamente focalizzati su di lei, e poi ho potuto vedere quello che stava facendo, con un piede sulla sua schiena. Dai suoi polpastrelli partivano delle corde dorate che si erano intrecciate attorno alle braccia di mia madre. Lui le stava rompendo in due parti. 

Il mio uomo burattino. 

Le sue ossa non potevano sopportare per molto. Alla fine si ruppero, in una serie di rumori orribili e sordi. Ho provato a urlare di nuovo, ma di nuovo rimasi muto a causa della mia stessa paura. Ho provato a calmarmi, cercando di realizzare che stavo immaginando tutto. Ma era reale. Il mio amico, il mio amico immaginario stava uccidendo mia mamma. E io non ho fatto niente per fermarlo. 

Non ero contento, ho provato a chiamarlo, ho provato a implorarlo di fermarsi… ma lui non voleva ascoltare. Ha continuato a fare del male a mia madre ulteriormente. Aveva preso tempo questa volta, e sembrò intenzionato a rompere ogni osso del suo corpo. Mi aveva costretto a star lì, facendomi guardare come lui stava facendo a pezzi mia madre. Mi ha detto che voleva liberarsi del male. Avrei voluto credergli… ma non ci riuscivo. Le ruppe le gambe, le costole… anche le dita. Le ossa si piegavano in tutte le direzioni come non avrebbero dovuto. Ho urlato e urlato. Nessuno mi sentii. I suoi occhi dorati si posarono su di me e mi fissarono e così lui mi zitti per l’ultima volta. 

Poi, la strangolò. Bellissime e brillanti corde dorate di morte si avvolsero attorno al suo collo, spremendo l’ultima goccia di vita dagli occhi di mia madre. Questa era l’ultima cosa che ricordai, prima che tutto diventasse buio e perdessi coscienza sul pavimento accanto al letto. 

. . . 

I nostri vicini avevano sentito le mie grida e avevano chiamato la polizia. Tutti provavano pietà per il povero orfano che aveva visto sua madre morire di fronte ai propri occhi; ma secondo loro, mia madre non era stata assassinata. Lei era stata ritrovata al centro della stanza con un cappio avvolto attorno al collo. La corda non era stata in grado di reggere il corpo di mia madre e si era spezzata in due, facendo cadere sul pavimento il cadavere di mia madre. 

Non ho mai parlato della sua morte, non ho mai detto una parola riguardo il mio amico immaginario. Magari era stato solo un orribile incubo e lui era sempre stato nella mia testa…

Anche al funerale di mia madre, ero completamente solo. Mio fratello non si era neanche preoccupato di farsi vedere. Solo mia zia e mio zio erano venuti. Tutti se lo erano aspettati in qualche modo. Tutti tranne me. Ho passato ore ad aspettare che tornasse a prendermi. L’unica persona che mi aveva ascoltato per tutto questo tempo. Facendomi compagnia. Confortandomi quando ne avevo bisogno. 

E quando io me ne stavo accanto alla sua bara, ho improvvisamente sentito qualcuno afferrare la mia mano.

E ho sorriso. La sua mano grigia era posata sulla mia spalla.



«Non pensavo che saresti ritornato».

The Puppeteer III - Il mio sacrificio Modifica


Il mio nome è Zach.

In realtà, mia mamma mi ha chiamato Zachary; ma ho sempre preferito Zach. 

Era più facile da dire. Non l’ho più sentito pronunciare da lei negli ultimi… quattro anni. Perché, vi starete chiedendo? Vedete, mia madre è morta quattro anni fa. Alcune persone avevano detto che era stanca di vivere, così si è suicidata; ma io sapevo la verità. Che cosa era accaduto realmente anni fa. Lei non si sarebbe mai tolta la vita così… non era quel tipo di persona. Non si era mai buttata giù… qualcuno l’ha uccisa. E io l’ho visto durante l’atto. Non si trattava di un sogno che non era mai successo, era stato un incubo che si era rivelato essere fin troppo reale.

Non successe niente dopo l’accaduto. Era come se la mia vita avesse preso una pausa, tutto aveva cominciato a rallentare. Guardavo gli adulti litigare con altri adulti, discutendo della mia custodia. Avevo solo 13 anni a quei tempi e non ero capace di prendermi cura di me stesso. Avevo continuato a girare per ospedali, per proseguire le cure, prima di finire a casa di mia zia… non ero esattamente felice, ma mandava bene. Nulla poteva essere peggio che di rimanere a casa o finire da qualcuno che non avevo mai visto prima.

La vita andava avanti, né più né meno. Ho continuato come se niente fosse. Trascorrendo molte delle mie giornate a casa, o dai medici… tutti volevano aiutare il ragazzo orfano col cuore infranto. Mi sono lasciato aiutare, o almeno all’esterno. Ero tornato a sorridere; ma dentro, ero quello di sempre. 

Mi mancava davvero mia mamma. 

Ma cosa c’era di così importante da ricordare su fatti accaduti ben quattro anni fa? 

La verità… la verità mi aveva trovato da sola. 

Seduto qui. Macchiato di sangue, imbrattato del mio sudore e delle mie lacrime. I miei occhi non si erano spostati dalle mie mani negli ultimi cinque minuti. Che cosa era successo? Mi ricordavo di essermi svegliato e poi, all’improvviso… questo. Solo un’ora fa, tutto era normale. Era quasi l’ora di cena e poi… mia zia era tra le mie braccia, morente. Il suono del silenzio assoluto riempiva le mie orecchie. Squillando. Tutto quello che avevo conosciuto finora, se n’era andato. Mi sentivo inutile. Non avevo potuto nemmeno aiutare mia zia mentre stava sanguinando fino alla morte tra le mie braccia. Lei era… caduta. Un paio di secondi, e aveva iniziato a urlare. Come prima di lei, aveva fatto mia madre; ma questa volta, non potevo vedere chi stava tirando i fili dietro le tende. La seconda cosa che ho udito era suo marito, mio zio, camminare dentro la stanza. E da una forza invisibile, era stato scaraventato indietro e giù per le scale. Tutto quello che era capitato aveva l’aria di essere stato uno spietato omicidio… 

E ora, io me ne stavo solo seduto qui.

Guardando l’ultimo bagliore di vita abbandonare gli occhi di mia zia. 

Me ne sarei dovuto andare. 

Tremando, avevo fatto un passo indietro dai corpi senza vita dei miei parenti, stesi sul pavimento, in orribile sfacelo. Ero inciampato ed ero caduto sul pavimento. Avevo rallentato e il panico aveva iniziato a crescere. Oh Dio… questo non poteva succedere. Mi ero rialzato in piedi ancora una volta, guardandomi attorno. Dovevo sparire prima che qualcuno potesse vedermi… e dovevo farlo in fretta. I vicini sarebbero venuti a controllare se avessero udito qualcosa… ed ero abbastanza sicuro che avessero sentito. Tutto, ma questo… 

Ho spalancato la porta sul retro della nostra casa, respirando affannosamente nell’aria di quella fredda notte. Bene. Non c'era nessuno nei dintorni, tutto era a posto e così avevo iniziato a correre… ma dove sarei andato? Non avevo posti dove andare, posti dove nascondermi. Potevo solo correre per ora… non avevo nessuno da chiamare. 

Oh, Zachary.  

Una voce interruppe il filo dei miei pensieri. Non avevo tempo per questo… cazzo! Ma non avevo potuto fare a meno di riconoscere quella voce. Aveva… ucciso la mia famiglia. Proprio come quella volta. Non c’era più niente per me qui. Ma quella voce, quella fottuta voce… 

Io potevo riconoscerla. 

Che cosa hai fatto?

Ho girato intorno. Qualcuno lo sapeva, e qualcuno mi stava seguendo per ricordarmelo. Ma io non avevo fatto nulla di male… nulla. Le mie mani si strinsero in un pugno mentre cercavo di continuare ad andare oltre, ignorando la voce che infestava la mia mente. 

O stai scappando via come al solito? Proprio come con tua mamma… carissimo ragazzo… perché stai correndo? 

Sta. Zitto. Sta zitto! 

Mi afferrai la testa tra le mani, correndo in tondo. Non riuscivo a respirare. Era come se una tonnellata di mattoni stesse gravando sui miei polmoni, schiacciandoli sotto il proprio peso. Ho smesso di correre in tondo e poi… ho visto qualcuno.

Qualcuno con un sorriso dorato e due bulbi oculari che brillavano sopra la sua bocca. E… sapevo chi era. Mi ero bloccato nel secondo stesso in cui l’avevo realizzato: mi trovavo in mezzo alla strada. Mi sono avvicinato, seguendo il volto al centro di quella via. «Aspetta!». L’ho chiamato. Sembrava che si stesse voltando, il suo sguardo guardava in un’altra direzione. Voleva che lo seguissi…? Sapevo chi era, lo avevo già visto prima.



Era l’assassino di mia madre.



Finendo di correre in un vicolo, mi sono fermato. Era scomparso della mia vista. Era tutto molto tranquillo, troppo tranquillo… e stavo aspettando che lui tornasse da me. Avevo bisogno di confrontarmi con lui. Quando una sorta di buon senso emerse tra i miei pensieri disorganizzati… piuttosto avrei dovuto pensare a nascondermi, invece di inseguire il fantasma che mi stava invitando a seguirlo; ma ho fatto come lui voleva. 

Il mio corpo si bloccò ancora. Mi rifiutavo di andare oltre. Anche se ero completamente solo, sentivo una presenza alle mie spalle. Sentivo il suo fiato sul collo, ma non riuscivo ancora a muovermi. Lui mi teneva bloccato. 

Guarda in che razza di pasticcio ti sei cacciato… perché hai ucciso quelle persone, Zachary? Sono tornato da te, e tu finisci così…  

Io? Non riuscivo nemmeno a parlare. Ho provato ad aprir bocca, ma la voce continuava a tremarmi, mentre discutevo con lui. 

«Io… io non ho… ucciso…».

Oh, ma tu li hai visti morire, non è così? Ed eri l’unico sopravvissuto… dimmi. Se tu non li hai uccisi, perché stavi cercando di scappare?

… Perché stavo cercando di scappare? Non avevo nessun senso di colpa… o lo avevo… ? La mia vista aveva iniziato ad appannarsi ancora una volta. Non riuscivo più a vedere niente oltre le mie stesse mani, ancora macchiate di sangue dai polpastrelli fino ai gomiti… e poi, ho potuto vederlo. Le mie mani che avevano spinto mio zio giù dalle scale, mentre afferravo un coltello per accoltellare mia zia… era stata una visione orribile. In che altro modo avrei potuto spiegarlo? Non c’era stata nessuna sorta di forza invisibile e non potevo usare questo in mia difesa. 

«Cosa… cosa vuoi che faccia…?».

Io? Non chiedo altro che una semplice amicizia, mio caro Zachary… ti ho tenuto al sicuro sotto il mio braccio per molto tempo, ma tu ti sei dimenticato di me… ormai non sono più tuo amico.

E fece un passo indietro. 

Sono caduto sulle ginocchia sopra la neve, i gomiti che scavavano nel freddo terreno sotto di me. Ho guardato in alto e finalmente mi sono ricordato di lui. Il mio unico amico… 

L’uomo burattino. 

«No, per favore… non mi lasciare… io… io non ho più nulla per cui vivere, non ho nessuno con cui parlare… ti prego, aiutami… non voglio essere solo».

Io non voglio diventare come te. 

«Ehi, ragazzo».

Un’altra voce mi fece voltare indietro. Questa volta era stata più profonda e sembrò provenire alle mie spalle. I miei occhi si focalizzarono su un uomo vestito con una divisa della polizia che si trovava a un paio di metri, la torcia puntata su di me e il cono di luce che mi puntava dritto in faccia. Mi sono nascosto per paura, avvolgendo stretto il mio corpo tra le braccia. No, no… loro mi avevano trovato… cazzo…

«Ti ho sentito venire qui… stai bene? C’è qualcosa che non va?».


Si avvicinò.

Questo non poteva succedere.


«Sei ferito? Avanti, parlami… c’è qualcuno che posso chiamare?».

Ho scosso la testa. No, non avevo bisogno di aiuto. Oppure mi sarei dovuto convincere a raccontargli la verità. Aveva appena notato il sangue che copriva le mie braccia. Ho continuato a tremare, pregando che mi lasciasse da solo; ma sapevo che questo non sarebbe successo. L’uomo si avvicinò, insistendo nel suo tentativo di comunicare con me. Volevo che sparisse, prima che le cose potessero mettersi male. Prima che lui potesse vederlo. Alla fine, il poliziotto decise di chiamare qualcuno e di fare rapporto.

Il suo più grande sbaglio.


Hai visto? Sta facendo rapporto sulla tua scomparsa, loro sanno che cosa hai fatto… stai per essere rinchiuso dopo questo, Zachary. Non rivedrai mai più il sole… né me… tu sarai completamente… solo. 

Se non fai qualcosa adesso… sarà finita. 


Sapevo che cosa dovevo fare. Eppure, mi disprezzavo per questo. Per puro istinto, ho afferrato una delle bottiglie di vetro vuote che avevo notato prima di entrare in questo posto. Due passi e… aveva la sua schiena rivolta verso di me. Non aveva neanche potuto vederlo.

Gli ho spaccato la bottiglia sulla testa, lasciandolo tra i vetri in frantumi. L’uomo cadde sulla neve, fiocchi di neve volarono in aria prima di posarsi di nuovo sull’uomo che era atterrato immobile al suolo.

Era… morto?


Ma si mosse, con un paio di contrazioni. Potevo sentire un freddo e duro senso di colpa che mi aveva bloccato la gola, costringendomi a scagliarmi addosso a lui. Dovevo ucciderlo. Non c’era strada di ritorno. L’ho voltato dall’altra parte, inchiodandolo al suolo tenendo le ginocchia sui suoi gomiti, schiacciandoli sotto l’impatto del mio peso. Il fondo della bottiglia in frantumi ora mi serviva come arma. Ho continuato a conficcarla sulla sua nuca ripetutamente, guardando il sangue sgorgare fuori e macchiare la neve bianca. Ancora e ancora ho conficcato le schegge fino alla sua gola, guardandolo morire tra le mie mani.

E una piacevole sensazione di sollievo mi riempii i sensi in quell’esatto momento.


Realizzai. Lasciai cadere la bottiglia in un istante, guardandola cadere giù in un tonfo e rompersi. Poi, non ci fu più nulla. I miei occhi erano bloccati sul poliziotto, ora morto sulla neve, bagnato dal suo stesso sangue. Poi me ne resi conto. Avevo ucciso quell’uomo all’aperto dove chiunque avrebbe potuto vedere e prima che potessi pensarci… mi rialzai in piedi.

Il sollievo si trasformò in rimpianto.


Corri.

Corri adesso.


Potevo ancora sentire le voci provenire dal telefono del poliziotto come mi ero alzato dal suo corpo. Ignorandolo, ho solo continuato. Il mio amico alle mie spalle continuò a seguirmi, non potevo sentirlo o vederlo ancora. Ad ogni passo, potevo sentire i fili che manovravano i miei piedi, mentre attraversavo il paesaggio invernale della città. Avevo appena sentito qualcuno aver trovato il poliziotto morto. Era segno che era il momento di correre, e così ho fatto.

Sentivo il mio corpo correre, ma in qualche modo la mia mente era rimasta sulla scena del crimine. Quell’uomo che avevo ucciso con le mie stesse mani. Lui non se lo meritava, non ne era valsa la pena… eppure lo avevo ucciso; ma per salvare me stesso, per salvare la dignità che avevo abbandonato. Le urla alle mie spalle avevano iniziato a riempirmi le orecchie. Assassino. Assassino. Assassino.

Assassino.


Ma nessuno mi capiva.

Tutti avevano rifiutato di farlo. Ogni minuto che passava, le persone avevano iniziato a darmi la caccia. Una macchina della polizia infine mi aveva trovato, ma sapevo dove andare. Il vecchio ponte. Mi sono voltato in fretta, ancora sentendo il fantasma che tracciava i miei passi mentre correvo. La neve aveva iniziato a scendere su di me ancora una volta, tempestando la mia vista con fiocchi di neve. Era bellissimo; ma non ero capace di apprezzarlo. Mi affrettai, trovando la strada diretta per il vecchio ponte, iniziai a percorrerla. Era l’unico posto in cui mi potessi nascondere…

Non sapevo che stava per diventare la mia tomba.

Ero rimasto intrappolato: sulla scala tra il ponte e la terra ferma, bloccato dal rumore delle sirene proveniente dalle macchine della polizia e il suono di un oceano di onde che riempiva le mie orecchie. Mi ero sentito completamente insensibile al vento gelido che mi alitava in faccia; qualcuno mi stava chiamando, ma loro non sapevano il mio nome… nessuno conosceva la ragione per cui mi trovavo qui. Tutti loro sapevano solamente che avevo ucciso qualcuno. Ancora una volta, ero il ragazzo infranto che aveva bisogno di aiuto e avevo semplicemente rifiutato di tornare indietro – era troppo tardi. Qualsiasi vita avessi abbandonato nella mia vecchia casa – non mi apparteneva più.


Ero rimasto lì fermo. Con un piede sulla scala e l’altro sulla barra di sostegno del ponte in acciaio. Avevo solo una mano avvolta intorno alla sbarra di ferro verticale e l’altra che oscillava avanti e indietro in aria.

Non avevo nessun posto dove andare. Ancora una volta.

Se solo avessi potuto saltare. Forse, così avrei potuto salvare quel che ne restava del mio orgoglio. Nessuno sarebbe venuto a sapere di me, del mio passato, della mia famiglia, di mia madre, o di lui.

Improvvisamente, il mio corpo cadde. La scivolosa sbarra di acciaio non poteva più reggere il mio peso e mi aveva fatto perdere l’equilibrio. Nel mezzo di tutto questo, il mio cuore si era fermato e i miei polmoni avevano smesso di funzionare. E poi… lui mi aveva afferrato. I miei piedi erano ancora sulla scala che stava reggendo il mio corpo, in qualche modo, mentre la sua mano grigia stringeva in una morsa la mia maglia, per trattenermi. La mia schiena era rivolta verso l’acqua, sentendo il gelido vento invernale che soffiava forte contro di me, mentre mi sforzavo di tirarmi su; ma mentre lui mi stava salvando da una morte orribile, mi stava anche tenendo giù.


Il suo sorriso dorato incontrò i miei occhi, che lo stavano fissando in completa soggezione.

Lui mi parlò.


Ti fidi di me?


Non risposi. Potevo solo sentire l’oceano sotto di me. Tremante di paura, mi ero voltato lentamente indietro per incontrare il suo sguardo. Io non volevo morire, non ora… anche se fosse stata la mia ultima possibilità, doveva esserci un’altra strada. Alla fine avevo risposto con un semplice cenno del capo.

«S-sì».

Il mio amico sorrise verso di me per l’ultima volta.

E poi lasciò andare la mia mano.


Tutti guardarono come il piccolo ragazzo che conoscevano come il povero ragazzino col cuore infranto, cadere tra le onde dell’oceano. Mi sembrava di fluttuare, come in una malata e contorta danza. Quella intera notte… non andò mai come mi ero promesso che sarebbe andata. Alcuni dissero di avermi visto volare per un paio di secondi, come se qualcuno mi avesse sollevato prima di cadere tra le braccia della morte. Non mi importava… ho accolto tutto questo per scivolare fuori da quella morsa opprimente.

Era stato… fantastico.


E come sono morto, la mia vita è cominciata.

L’inizio di una nuova meravigliosa vita.

Zachary by BleedingHeartworks










The Puppeteer: Le origini Modifica

Jonathan Blake nacque il 25 Luglio del 1974 a Yulee in Florida, dall'unione di Mary Blake (Hernandez) e Christopher Blake.

All'inizio della sua infanzia Jonathan era molto affascinato dal mondo del Musical e del teatro, cosa che entrambi i suoi genitori incoraggiarono a continuare. Grazie a questo, avrebbe fatto di tutto per alimentare la sua ossessione. Guardare la TV fino a tarda ora era diventata una routine quotidiana, nonché gironzolare nei pressi del teatro in città quando ciò gli era possibile. Jonathan, ben presto, si rivelò il figlio maggiore della famiglia, con un fratellino minore e tre sorelline piccole.

Per questo motivo entrambi i suoi genitori facevano un doppio lavoro per stabilizzare la loro grande famiglia, e a lui spesso toccava assumersi la responsabilità durante il giorno. Gli era stato insegnato a prendersi cura dei suoi fratelli più piccoli fin dalla più tenera età, portandolo a diventare una specie di padre agli occhi dei suoi fratelli.


Più cresceva, e più sembrava sentirsi usurato ed esausto dalla situazione; ma nonostante questo si era spinto ulteriormente in modo da potersi prendere cura della sua famiglia quando i suoi genitori non erano presenti.


I primi anni della sua adolescenza passarono in fretta quando si avvicinò il momento di frequentare il liceo, una cosa che Jonathan aveva atteso tutta la vita. A causa della sua costanza nel prendersi cura dei suoi fratelli non aveva avuto molte occasioni per farsi degli amici, e finalmente con la prospettiva del liceo iniziava a vedere una nuova possibilità per avere una vita più aperta.


Il primo anno di superiori era entrato a far parte del Club di Teatro, accrescendo il suo interesse per la recitazione, e naturalmente, incontrando altre persone che condividevano il suo stesso interesse. E nonostante i suoi modi introversi di fare, era anche riuscito a stringere qualche amicizia con una delle ragazze del gruppo di nome Emra, che si dava il caso frequentasse anche la sua stessa classe. Emra, per molti versi, era una delle ragazze più popolari della scuola. Era carina, divertente e di talento, spesso corteggiata da altri ragazzi; ma dal momento che lei aspirava a diventare una ballerina professionista le richieste dei suoi adulatori venivano sempre respinte.


Ma, come Jonathan, aveva un debole per il teatro, e spesso le venivano assegnati i ruoli femminili principali alle recite a cui partecipavano insieme.


Jonathan non aveva mai sperimentato un legame così stretto con qualcuno prima e ben presto si avvicinò molto a lei. Spesso, i due, venivano visti insieme a pranzo e a parlare durante le pause. Nonostante i loro status di popolarità diversa non erano mai stati ostacolati a continuare a frequentarsi. Alla fine Jonathan chiese ad Emra di iniziare a vedersi anche fuori da scuola e i due iniziarono a frequentarsi, una cosa che gli altri avevano previsto che non sarebbe successo neanche tra un milione di miglia di anni di distanza.


Durante gli anni di liceo i due erano diventati inseparabili. Emra non mancava mai di essere lì per Jonathan quando aveva delle difficoltà con i suoi momenti di depressione, e Jonathan non mancava mai di essere presente per Emra quando aveva bisogno di sfogarsi per le richieste esigenti dei suoi genitori. In diverse occasioni, Jonathan portava Emra fuori fino a tardi, ritrovandosi nel loro posto preferito a suonare la chitarra e a condividere l’amore per il loro interesse comune.


Sembrava una storia d'amore perfetta.


Ma, mentre il loro ultimo anno al liceo stava per volgere al termine, anche la loro relazione stava per farlo.


Un giorno, tornando a casa Emra si imbatté nei suoi genitori, che fino a quel momento erano rimasti all’oscuro della sua relazione e la costrinsero a prendere una decisione definitiva: se era decisa a frequentare la scuola di ballo avrebbe dovuto rompere definitivamente con Jonathan. Incapace di ignorare il sogno e unico obiettivo da lungo tempo ambito promise di rompere con lui appena avrebbe potuto.


Così, Emra, iniziò a fingersi più fredda e distaccata nei confronti di Jonathan. Lui, ovviamente all’oscuro di tutto, aveva iniziato a credersi responsabile del suo atteggiamento nei suoi confronti. Più volte aveva cercato di parlare con lei di queste cose, ma ogni volta che ci provava otteneva solo risposte secche e taglienti. Lentamente i sogni sulla loro vita futura andarono in frantumi e ben presto, i due, smisero completamente di rivolgersi la parola.


Col passare del tempo i due si diplomarono al liceo. Emra scomparve per inseguire i suoi sogni, abbandonando la piccola città in cui aveva vissuto e con essa, abbandonando anche Jonathan. Più il tempo passava e più Jonathan aveva iniziato a ritirarsi lontano dalla gente. Aveva detto addio ai suoi genitori e si era trasferito in nuovo appartamento in centro città, lontano dal vecchio quartiere e dalle strade da cui era solito passare. I suoi amici del liceo divennero ben presto un vecchio e lontano ricordo e per loro, Jonathan diventò lo stesso.


Aveva iniziato a tagliare tutti i contatti con qualsiasi essere umano residente nel suo condominio, in cui viveva nel suo minuscolo monolocale.


Le settimane sembravano andare avanti, nonostante il mondo continuasse a rimanere statico. Lentamente iniziò ad impazzire. Passando diverse notti a camminare avanti e indietro per la stanza, in compagnia di una voce che gli parlava dalla parte posteriore della sua testa, suggerendogli come risolvere la situazione.


Senza più lui al mondo, nessuno avrebbe notato qualche cambiamento.

E una notte, finalmente prese la sua decisione.

Era troppo emotivo per scrivere una lettera di addio o di chiamare qualcuno per dare l'ultimo saluto. La corda che una volta era stata usata per il teatro per spostare oggetti di scena, d’un tratto sembrava aver trovato il suo scopo finale.  


Tuttavia, il tentativo di suicidio non era stato veloce come si era aspettato. Era saltato giù dal tavolo della cucina con la corda stretta attorno alla sua gola. L’osso del collo non si era fratturato come aveva sperato e la sua fu una morte lenta. Si prodigò a lungo, finché tutta l’aria dal suo cervello non si consumò e ancora, fino agli ultimi istanti della sua vita, poté sentire in quel torpore l’influenza delle sue ultime emozioni.

Rabbia, Impotenza. Dolore.

Ma non avrebbe mai pensato che sarebbe tornato.





Vota questo racconto:

Voto complessivo:

È necessario registrarsi e collegarsi dal browser per poter votare e visualizzare i risultati.


Correlati

Fan Fiction

Between Dreams and Reality