FANDOM


C'era una volta un uomo in grado di creare meravigliose bambole, di tutte le forme e misure. Era persino in grado di creare bambole di ragazze a grandezza reale. Molte persone richiedevano e commissionavano bambole su misura e ciò concedeva all'umile uomo di guadagnarsi molti soldi. Nonostante questo, lui viveva una vita molto modesta.

Il giovane ragazzo era affascinato dalle fantastiche creazioni del padre. Bambole e parti di bambole non complete riempivano la casa. Ognuna era unica e aveva una propria e particolare personalità. Vine era solito osservare con ammirazione il padre mentre, con delicatezza, dipingeva le labbra sui loro pallidi volti. Sognava di diventare come il padre, un giorno, e riuscire a creare bambole così artistiche.

Un giorno un ricco signore commissionò all'uomo una bambola a grandezza naturale molto ornata e bella. Egli si presentò con il nome di Gier. Nonostante la somma di denaro promessa, il creatore di bambole rifiutò di creare una bambola poiché scoprì che Gier era un buon uomo e desiderava la bambola per le sue fantasie perverse. Gier era un uomo molto egoista e permaloso e per la rabbia incaricò alcuni uomini per dare una lezione al creatore di bambole.

La casa venne data a fuoco. L'uomo sacrificò se stesso per poter salvare suo figlio dalle fiamme. Vine era costretto a guardare la scena con sgomento, suo padre venire bruciato vivo da quell'incendio. Le sue lacrime evaporavano subito a causa del calore mentre vedeva la sua casa divenire un ammasso di polvere e cenere.

Singhiozzò di fronte ai resti del padre, ad incendio spento, mentre attorno a lui non rimanevano altro che ulteriori resti, della casa. I resti di quelle meravigliose bambole. Si erano sciolte, distorte, orrendamente sfigurate, la loro bellezza di una volta ora distrutta.

Vine frugò tra le macerie con le sue piccole mani, cercando qualcosa che potesse essere sopravvissuto a quell'incendio. Alla fine tutto ciò che riuscì a trovare non fu altro che un occhio di vetro di una bambola a grandezza naturale. Richiuse le mani attorno a quell'unico oggetto, a coppetta, e se lo avvicinò al petto, al cuore, mentre i suoi riccioli neri ricadevano spettinati sul suo viso. L'occhio era l'unica cosa integra rimasta.

Il ragazzo aveva la semplice età di nove anni quando aveva assistito alla distruzione di tutto ciò a cui teneva.

Sfortunatamente per lui, non era ancora finita.

Gier ordinò ai suoi uomini di tornare alla casa per accertarsi che il creatore di bambole fosse definitivamente morto. Trovarono i resti del corpo di quello che una volta era un grande artista. Trovarono anche il figlio, vivo. Non essendo sicuri di cosa fare con lui, lo rapirono per portarlo da Gier.

Gier non aveva idea di cosa fare con quel ragazzo e decise di tenerlo, tenerlo al posto della bambola che non aveva mai avuto. Tenne Vine per tre anni. trattandolo come una bambola, un oggetto, giocando con lui. Vine era il suo prigioniero. Il ragazzo non riusciva più a sopportare quella situazione e iniziò a perdere il senno. La sua mente iniziò a deteriorarsi.

Una notte, mentre l'uomo sottometteva Vine inchiodato al letto, cercando di 'giocare' con lui, Vine decise di non voler 'giocare' mai più. Lesto afferrò una penna che si trovava sul comodino a fianco e iniziò a ficcarla nel collo di Gier, perforando la carotide. Il sangue iniziò a sgorgare dalla ferita; schizzò su tutti i muri, sul pavimento, su Vine. Vine aveva ucciso una persona per la prima volta nella sua vita. Mentre il corpo di Gier giaceva sul letto, ormai irrigidito, Vine ne approfittò per rubare dei soldi e fuggire via velocemente.

Vine iniziò a vivere per strada. Voleva riprendere l'attività di famiglia, costruendo bambole. Viveva in un appartamento abbandonato in periferia, nella parte brutta della città. Con i soldi rubati riuscì ad ottenere i materiali per fabbricare e dipingere bellissime bambole. Le vendette, ottenendo ancora più soldi, costruendone sempre di più belle. Sempre più realistiche. Plastica, porcellana e vetro non erano abbastanza per soddisfare Vine...

~Notizia del giornale~

Ragazza uccisa. L'orribile scena è stata ritrovata nel parco della città. Emily Rider, brutalmente mutilata.

Risultati dell'autopsia: la causa della morte è stata la grande perdita di sangue. La ragazza è stata trovata in un abito molto elegante che sembra essere stato fatto a mano. Gli angoli della bocca sono stati cuciti in un piccolo sorriso e le labbra sono state dipinte di rosso. Gli occhi sono stati estratti e rimpiazzati da due occhi di vetro finti. Su di lei rimane solo una fredda espressione. Il capo è stato completamente rasato e una parrucca blu rimpiazza i morbidi boccoli biondi. E, cosa peggiore, ogni articolazione del suo corpo era stata slogata o rotta. Sicuramente il lavoro di qualche assassino psicopatico.

Sembra che Emily Rider fosse pienamente cosciente quando l'assassino iniziò a mutilarla. Era ancora viva quando il suo volto veniva cucito, quando la parrucca le veniva cucita sulla testa e quando i suoi occhi vennero rimossi.

Emily è stata ritrovata su una delle panchine del parco, posizionata come se fosse una bambola.Questo potrebbe spiegare lo stato delle sue articolazioni, deformarle avrebbe reso il posizionamento del suo corpo da parte dell'assassino più semplice. Gli avrebbe permesso di posizionarla in qualunque modo volesse. Da come il crimine si è svolto, pare che l'assassino veda i suoi crimini come una forma d'arte...

Jason Harris (esaminatore medico)

Emily fu la seconda vittima di Vine, ma la prima di una lunga serie. Fremeva di eccitazione quando creava nuove bambole. Scavarle, plasmandole, rendendole bellissime.

Ora aveva diciassette anni, non era mai stato catturato. Continuava a vivere in posti abbandonati, continuava ad uccidere.

Era diventato completamente pazzo, ma lui non si considerava tale. Qualcuno lo potrebbe definire schizofrenico. Ma comunque, Vine era convinto di stare bene. Viveva in una realtà che si era creato, che solo lui poteva vedere, nella sua mente. Lui non era un assassino, lui era un artista, un artista che creava bambole di grande bellezza.

Vine si vantava dei suoi lavori e vedeva se stesso come una persona brutta, sporca, usata.

Tentò di rendersi bello come le sue creazioni. Si cavò uno dei suoi occhi e lo rimpiazzò con l'unica cosa che gli era rimasta dell'infanzia, l'occhio di vetro. Si cucì poi un mezzo sorriso sulle labbra. Non aveva ancora finito il suo lavoro nonostante il grande dolore che stava provando. Si sentì incapace di rendersi bello, mentre continuava a ferire il suo volto con le sue stesse mani.

Sapeva di essere danneggiato... sapeva di non aver nessun valore... l'unica cosa che sapeva fare era rendere le altre persone felici costruendo le sue bambole.

Il suo lavoro diventò abbastanza popolare su giornali e telegiornali, che mostravano e trasmettevano le sue opere al pubblico. E amava anche il nome che gli avevano affibbiato...

Il creatore di bambole...

The doll maker by ayatonyaa-d6v0eeq

Disegno di Ayato-Inverse su DeviantART

"Proprio come papà, vero?"



"Ora lascia che ti renda bella"  


[Creepypasta di Ayato-Inverse (DeviantART), per leggere l'originale cliccare qui  | Traduzione di Coffy ]   





Vota questo racconto:

Voto complessivo:

È necessario registrarsi e collegarsi dal browser per poter votare e visualizzare i risultati.


NARRAZIONIModifica

Creepypasta ITA The Doll Maker

Creepypasta ITA The Doll Maker

Narrazione di FearOfDarkness