FANDOM


Tumblr mzh5p1td7j1rzegv4o7 1280

Questo è Helen, 16 anni. Le sue occhiaie sono sempre ben visibili come se non dormisse mai abbastanza. Non si preoccupa dei suoi capelli neri disordinati, dal momento che non gli piace sforzarsi nel mettersi a posto e curarsi nell'aspetto fisico, è inutile. Il suo banco è in fondo alla classe, vicino alla finestra.

Si siede sempre lì disegnando in silenzio, come se fosse tutto per lui. Non gli piace socializzare con la gente, perciò è un asociale. C'era una persona che veniva spesso presa di mira dai bulli dopo la scuola. Quello era Tom, ne era sempre vittima, non perché avesse fatto qualcosa di male, suscitava solo le antipatie delle persone attorno a lui. Quelle cose succedevano spesso, e Helen ne era consapevole. Anche se si sentiva male per Tom, non voleva interferire, dato che gli avrebbe potuto causare qualche problema.

Durante la ricreazione, Judy disse che aveva perso l'orologio e che lo stava cercando. Helen non la aiutò, dal momento che non erano affari suoi. Improvvisamente, però, qualcuno vide qualcosa scintillare nella borsa del ragazzo.

"Cos'è questo?", Disse Ben, infilando la mano nello zaino di Helen, tirandone fuori un orologio rifinito con dei diamanti finti.

Helen rimase molto sorpreso nel vederlo, non aveva idea di come fosse finito lì.

"Ah! Quello è il mio orologio!" Disse Judy, riprendendoselo da Ben dopo aver visto la scena. Entrambi fissarono Helen con uno sguardo strano.

"Non sono stato io", disse il ragazzo, che stava ancora disegnando sul suo blocco da disegni senza nemmeno alzare la testa di poco.

"Sì, come no". Judy lasciò l'aula assieme a Ben dopo aver concluso la discussione.


Il giorno seguente, come al solito, Helen si sedette al suo banco. Si accorse che l'atmosfera che lo circondava, però, non era molto positiva, la gente attorno a lui iniziò a bisbigliare, e alcuni parlavano definendolo un "ladro". Decise di non difendersi, tanto sapeva che era inutile provare a farlo. Col passare del tempo, Helen diventò il nuovo bersaglio dei bulli, tutto quello che faceva era visto come un'esagerazione. Non gli piaceva quella situazione, ma resisteva.

Teneva quei sentimenti racchiusi nel suo cuore, senza dimostrarli a nessuno. Finché un giorno, Ben venne da lui e gli afferrò il blocco da disegno, con i suoi disegni incompiuti all'interno.

"Fai sempre queste cose senza senso", disse Ben mentre strappava qualche pagina dal Blocco, li ridusse in piccoli pezzetti, volendo vedere la reazione di Helen.

Dopo questo, tutti i sentimenti che aveva tenuto dentro scoppiarono fuori. Colpì Ben in faccia con un pugno, e cominciò la lotta. Helen non era molto forte, così finì per essere pestato dopo poco tempo. Altri studenti erano accorsi a vedere la rissa, senza fermarli; alcune persone avevano addirittura iniziato a colpirlo con dei calci al volto e allo stomaco.

Subito dopo suonò la campanella, gli alunni si fermarono da qualsiasi cosa stessero facendo e andarono a sedersi prima dell'arrivo dell'insegnante. Helen tornò al suo posto, come se nulla fosse accaduto. L'insegnante entrò nell'aula più tardi,

"Oh mio Dio, Otis (Helen)! Che cosa è successo?" Helen aveva talmente tanti lividi ovunque e così visibili che l'insegnante li aveva notati appena entrata in classe.

Tutti si girarono a guardarlo, in attesa di una risposta, mentre lo fissavano con sguardi omicida.

"Sono caduto dalle scale, signorina" rispose. Le occhiatacce svanirono subito.

Dopo il ritorno a casa da scuola, anche i suoi genitori gli chiesero cosa fosse successo, e lui rispose con la stessa scusa. La giacca blu che indossava copriva tutte le contusioni, tranne quelle sul suo viso. I suoi genitori gli credevano, senza dubbi. Di solito, quando i genitori di Helen gli chiedono come è andata a scuola, lui diceva sempre che era andata bene. Aveva anche mentito dicendo che si era fatto un sacco di amici, vivendo allegramente tutti i giorni. Si rifiutava di dire ai suoi genitori la verità, dal momento che non voleva farli preoccupare.

Pochi mesi dopo, si era abituato ai commenti negativi su di lui, ed essere picchiato o umiliato era pene quotidiano, era immune a quelle cose adesso. Chi lo aveva preso di mira? Perchè gli facevano questo? Quello non importava più. Nulla gli importava più, ormai.


"Ciao! Come va?" Helen ricevette un messaggio da un utente sconosciuto su Facebook.

"Chi sei?" Gli chiese.

"Sono Tom, il tuo compagno di classe." Tom non aveva mai interagito con lui prima di allora. Questo lo sorprese un po'.

"Che c'è?", Chiese Helen. "Uhm... stai bene?" "Non sono affari tuoi." Rispose alla domanda di Tom.

Tom scrisse per un bel po' prima di uscirsene con un "Ascolta, io so come ti senti in questo momento. Sei nella stessa situazione in cui sono io. Vorrei davvero aiutarti, ma non ci riesco... mi dispiace."

Comunque, Helen e Tom si scrissero per un bel po' di tempo, e Helen si sentì molto meglio raccontandogli di tutto il dolore e delle vicende che aveva vissuto. Ogni tanto scherzava con il ragazzo, spesso utilizzando la faccina ":)" per mostrare la sua felicità.

Quella era la prima volta che pensò di aver trovato un amico. C'era un clima tiepido quel pomeriggio.

"Vieni a raggiungermi sul tetto nel primo pomeriggio. Dobbiamo parlare, non chiedermi perchè". Scrisse Tom la scorsa notte. Seguendo le sue istruzioni, Helen incontrò Tom sul tetto, agitò la mano e camminò nella sua direzione

"Hey Tom! Che succede, amico?". 


"Uhm... ho qualcosa da dire... qualcosa di importante...", disse Tom con espressione seria.

"Ricordi l'incidente dell'orologio? " Come potrebbe non ricordarselo? Era per colpa di quell'episodio che aveva iniziato a soffrire! Helen annuì per fargli capire che si ricordava.

"Ero io il colpevole!" Tom abbassò lo sguardo, per paura di guardarlo negli occhi.

"COSA?" Helen era sconvolto.

"Ho rubato l'orologio di Judy e ho fatto ricadere la colpa su di te."

"Perché lo hai fatto?" chiese Helen, "Ora che tu sei l'obbiettivo dei bulli la mia vita è molto migliorata" rispose.

Tom sorrise. Era vero però, da quando avevano iniziato a bullizzare Helen nessuno si preoccupava più di Tom. Proprio come un giocattolo abbandonato. Per lui era una situazione perfetta. Finché fosse stato in silenzio sull'episodio sarebbe stato in grado di vivere una vita scolastica pacifica. Ci era riuscito, il suo piano era perfetto.

Helen lo afferrò per il colletto della camicia, e, dopo essersi spintonati, erano finiti proprio accanto al bordo del tetto. Tom scivolò e cadde nel vuoto. Helen afferrò subito la sua mano, cercò di trarlo in salvo, ma Helen non aveva abbastanza forza per riuscirci.


"Mi dispiace tanto, Helen" Tom cadde. Helen chiuse gli occhi, spaventato nel guardare quello che stava per accadere.

Non poteva immaginare cosa accadesse a una persona dopo che era caduta da un edificio di sei piani. Dopo l'arrivo dei poliziotti, ebbero un colloquio con Helen. Era troppo sconvolto dall'incidente anche solo per dire una parola. Ancora una volta, Helen divenne l'argomento di discussione principale tra gli studenti.

Alcune persone pensavano che Helen avesse spinto Tom giù dal tetto, ma la maggior parte degli altri pensava che Tom si fosse suicidato, e Helen non fosse riuscito a salvarlo, perché lo avevano visto afferrare la mano di Tom prima che precipitasse. Quella notte, Helen era nella sua stanza a piangere, a tremare, non riusciva a fermare il senso di colpa crescente dentro di lui. Aveva bisogno di calmarsi, e improvvisamente un pensiero balenò nella sua mente:

"Non è colpa mia se Tom è morto. Meritava di morire!" Questo lo fece sentire molto meglio, il suo senso di colpa svanì improvvisamente.

Helen sorrise, un sorriso inquietante, "Tom ha avuto la sua punizione... suppongo che sia il momento che anche gli altri la ricevano, giusto? " I suoi pianti si trasformano in una risata nel buio.

I compagni di classe di Helen decisero di organizzare un party il giorno di Halloween, ma non per festeggiare Halloween, era solo per riunire tutti gli amici alla festa. Naturalmente, Helen non era stato invitato. La sera prima del giorno di Halloween Judy e Maggie si erano scambiate messaggi su Facebook. Entrambe vivevano nel dormitorio della scuola, e la stanza di Judy era accanto a quella di Maggie.



09:03 - Judy: Chi verrà alla festa di domani ? Sono così eccitata :D

09:03 - Maggie: La maggior parte della nostra classe sarà lì. Ma ho mandato un sms a Ben tante volte, e anche se tutti i messaggi che ho inviato vengono letti, non mi risponde. Cosa c'è di sbagliato in lui?

09:04 - Judy: Starà  lavorando suppongo

09:06 - Maggie: Sta succedendo qualcosa di strano... Ho sentito dei passi provenire fuori dalla mia porta per parecchio tempo... penso che ci sia qualcuno che stia camminando per il dormitorio

09:06 - Maggie: Aspetta, vado a controllare

(Usando il foro sulla porta, Maggie ha visto qualcosa di insolito...)

09:07 - Maggie: Oh mio dio! C'è un ragazzo fuori dalla mia porta che indossa una maschera e una giacca blu, e ha un coltello. ED E' TUTTO INSANGUINATO!

09:07 - Maggie: C***o ! Sta bussando alla mia porta adesso!!

09:08 - Maggie: Oh Dio oh Dio oh Dio!!

09:08 - Judy: Calmiamoci, e troviamo un' arma o qualcosa del genere

09:08 - Judy: Per proteggerci

09:09 - Maggie: Sta girando la maniglia della porta, fortunatamente l'ho bloccata!

09:09 - Maggie: Ho paura!

09:09 - Judy: Maggie

09:09 - Maggie: Cosa devo fare?!

09:09 - Judy: Maggie, ascolta

09:09 - Maggie: SALVAMI!ƒ

09:09 - Judy: Maggie, calmati

09:09 - Judy: Maggie

09:10 - Judy: Maggie?

09:10 - Judy: Sei lì? 

Il messaggio venne visualizzato, diceva di essere stato letto, ma Judy non vide la risposta di Maggie. Improvvisamente Judy sentì il suono della maniglia della propria camera che si apriva. Nell'istante in cui si girò, sentì un dolore terribile allo stomaco. Una persona sanguinolenta che indossava una maschera e una giacca blu irruppe nella stanza e la pugnalò.

Quella notte, tutti gli studenti che erano nel dormitorio furono assassinati. Nessuno sapeva come avesse fatto l'assassino. Il Killer aveva usato il sangue delle vittime per disegnare sulle pareti del dormitorio, la maggior parte dei dipinti rappresentava la faccina ":)". Molti dei cadaveri venivano tritati e ridotti in purea, forse per ottenere più " pigmenti". Helen Otis, il colpevole, ancora non si trova.

Tuttavia, nella chat room dove Judy e Maggie si stavano scrivendo, era stata scritta una risposta che alludeva al primo messaggio inviato da Judy alle 09:03:

"11:15 - Judy: Non essere entusiasta per domani :), perché non ci sarà un domani..."

Bloody painter by delucat-d6qo43a











Vota questo racconto:

Voto complessivo:

È necessario registrarsi e collegarsi dal browser per poter votare e visualizzare i risultati.


NarrazioniModifica

'Bloody Painter' - Creepypasta ITA (Storia Horror)

'Bloody Painter' - Creepypasta ITA (Storia Horror)

Narrazione di Giulyagatta97