FANDOM


514-3-primo-della-vita-e-della-mor
Lei aveva due occhi stupendi, cangianti. Talvolta erano verdi come un prato, altre volte azzurri come il cielo con l'oro di campi di grano nel mezzo, altre ancora di un grigio quasi spiritato, inesistente, come un temporale... Come gocce d'acqua. Era bella la mattina con i capelli arruffati, bella la sera, con gli occhi arrossati. Bella quando rideva ma anche nel pianto. Più bella che mai quando si rialzava dopo aver perso il controllo. Tutti le volevano bene, tutti la desideravano, la chiamavano nel sonno. Lei era a tutte le feste. Lei era forza, LEI ERA VITA.


Poi c'era sua sorella, quella brutta, quella odiata. Lei non poteva entrare alle feste, le sbattevano la porta in faccia. Denutrita, derisa, quando riusciva ad infiltrarsi in qualche casa i suoi capelli lunghi, arti neri, portavano il gelo. Lei aveva fame, fame di vendetta. Neanche sua sorella la voleva, del resto lei continuava a ucciderla. Era molto fantasiosa in questo: poteva diffondere malattie, poteva toglierti il cibo... Toglierti tutto per poi sussurrarti parole cosi dolci da strapparti dalle braccia della prima, poteva sussurrarti parole folli, farti esplodere nelle piazze, lei poteva. Lei era paziente, sapeva quando agire. Lei ci vuole tutti alla sua mensa. Ti sta fissando, gli piaci. Lei vuole baciarti, non vuole più aspettare. Si sta facendo bella per te, stanotte danzerete insieme e tu non potrai raccontare cosa si prova. Buona notte, buona morte.

Vota questo racconto:

Voto complessivo:

È necessario registrarsi e collegarsi dal browser per poter votare e visualizzare i risultati.
Un ringraziamento alla Wiki tedesca per questa funzione.


Ad blocker interference detected!


Wikia is a free-to-use site that makes money from advertising. We have a modified experience for viewers using ad blockers

Wikia is not accessible if you’ve made further modifications. Remove the custom ad blocker rule(s) and the page will load as expected.

Inoltre su FANDOM

Wiki casuale