FANDOM


Ho sempre amato le forbici. Adoro quei bordi affilati della lama. Il suono delle lame che contemporaneamente affettano, tagliano vestiti, capelli e forse anche la pelle. Fatemi ricordare  ciò che intendevo dire prima. Sono ossessionata dalle forbici, ed è per questo che le colleziono, da sette anni, da quando avevo solo quindici anni. Fatemi raccontare la storia dall'inizio. È piuttosto lunga, quindi sedetevi e sopportatemi! 

Era l'agosto del 2012 e avevo finito di fare scuola; ero di certo una studentessa patetica. Ignoravo la mia matrigna per passare il tempo libero ascoltando Creepypasta. Mi sedevo nel mio tenero letto e battevo la punta delle mie forbici preferite sulla mia lingua, trascinando silenziosamente la lama. Come ho detto prima, adoro il metallo della lama. Ho cercato di far cessare il ronzio della ninna-nanna spagnola di sottofondo della storia che stavo ascoltando, la stessa melodia che il mio scrigno portagioie faceva quando lo aprivi. Feci cadere le forbici e mi abbracciai; una lacrima mi rigò la guancia:

"Per quanto tempo dovrò sopportare l'agonia di ogni giorno di questa vita?". Pensai silenziosamente.

Chiusi gli occhi e sospirai, sedendomi lentamente. Uscii dalla pagina di YouTube mentre il sottofondo dell'oscura voce era insidiata nella mia mente. Aprii Facebook e subito digitai:

"Qualcuno sa dove si possono prendere delle forbici da collezione? Ad esempio quelle affilate?". Ricevetti solo poche risposte interessanti.

Una persona mi consigliò Ebay e un altro che non conoscevo mi chiese il mio indirizzo, vantandosene dicendo di averne un paio vecchie. Gli chiesi una foto: non stava mentendo; erano una paio di forbici vecchie da cucito, col manico dorato e lame affilate. Inviai avidamente il mio indirizzo ridacchiando. Chiusi il mio laptop infilandolo sotto il materasso prima di giocare con il mio piccolo cane e addormentarmi. Il giorno dopo, dal nulla, ricevetti un pacchetto da un ragazzo vestito di nero, ma non c'era l'indirizzo del mittente.

Il ragazzo semplicemente salutò con la mano e disse "Buona fortuna".

Vidi la figura dileguarsi a distanza; non poteva essere oltre i dieci o undici anni. Alzai le spalle. Osservando il pacco dopo scuola, realizzai che non vi era l'indirizzo del mittente. La mia amica Shannon guardò il pacchetto, ma non ne dedusse nulla; strappai la carta marrone facendo scorgere una scatola di legno dove vi era inciso sopra un pentacolo. Lo vedevo quasi sempre, quindi non ci feci caso. 


Mentre aprivo la scatola, sentivo il mio cuore sobbalzare e battere forte. Cosa potevo aspettarmi? Non ero così tanto sicura. Shannon strabuzzò gli occhi alla vista delle forbici: il suo manico dorato scintillava, le lame taglienti desiderosi di tagliare qualcosa... E l'avrebbero fatto subito! Il piccolo cane arrivò subito girando su se stesso, piagnucolando. Iniziò a ringhiare vicino alla mia spalla e ad abbaiare. I suoi occhi si spalancarono dalla paura e guaì prima di precipitarsi in cucina e poi in sala. Shannon non ci fece caso e guardò l'orologio:

"Devo andare. Divertiti con le tue nuove forbici, Hannah!". Sorrisi e la salutai. 


Come Shannon scese in strada andandosene via, guardai attraverso gli alberi. Quegli alberi scuri oscillarono, ma alzai semplicemente le spalle. Tornai dentro casa, chiudendo la porta col piede che cigolò per via del botto. Mi sedetti tranquillamente nel mio letto e ammirai la scintillante lama e il manico dorato della forbice. Mi sentii travolta da una famigliare voglia di sangue che certe volte avvertivo durante le insonnie acute e le urla strazianti che sentivo. 


Misi una Creepypasta e la strana ed oscura voce riprese a sussurrarmi: mi tranquillizzava. Ridacchiai quando sentii delle urla e degli spari. Ora non ricordo il nome della Creepypasta, ma era una di quelle della quale capivi subito il finale. Misi le forbici nella scatola, posandola su di me. Mi sdraiai nel mio letto e chiusi gli occhi. Non ricordo tutto nei minimi dettagli, ma eccovi il sogno che ebbi quella notte.


Era buio e sentivo un respiro affannoso. Qualcuno afferrò la mia caviglia e abbassai lo sguardo: ero io. Ero insanguinata, piangente e cercavo disperatamente di stare in piedi sulle mie gambe ormai distrutte. Il mio fratellino giaceva per terra e mi avvicinai per cullarlo. Una strana risatina arrivò dalla persona che ero nel sogno (da adesso la chiamerò Sara). Semplicemente, Sara afferrò mio fratello ed incominciai ad andare nel panico; guardai le mie gambe triturate: la disperazione si rilevò molto chiara in me quando Sara alzò le forbici per poi affondarle nella pancia del piccolo bambino e tolse parte dell'intestino, per poi metterlo nella mia testa. Cominciai a piangere quando strappò il cuore al bambino. Mi ammutolii. 


Quelle dannate forbici. Strillai dall'orrore; un ragazzo iniziò a lamentarsi in un angolo. Mi voltai per vedere e vidi il ragazzo che mi diede il pacchetto.

Piangeva e gridava: "Mamma! Per favore!". Andai nel panico.

Il ragazzo mi guardò e afferrò la mia maglietta: "Per favore! Fai in modo che mia madre non faccia del male più a nessuno!".


Mi svegliai. Le mie mani erano sporche di sangue; urlai. Il piccolo cucciolo che usavo per abbracciare stretto a me, giaceva storpiato sulla moquette bagnata di sangue. Le forbici erano tenute strette dalla mia mano; strabuzzai gli occhi così tanto da pensare che stessero per esplodere. Un lieve sussurro mormorò:

"Sei soddisfatta adesso? Hai bisogno di altra gente da far morire o vorresti smettere?". Alzai lo sguardo. Era la donna del sogno, Sara.

Come conoscevo il suo nome? Non lo sapevo bene.

Indietreggiai lentamente e scossi la testa quando sentii il muro dietro di me. Sarà camminò verso di me allargando le braccia. Le mie braccia si alzarono involontariamente.

"Ti ho posseduto, tesoro", rise e mi afferrò tra le sue braccia: era l'abbraccio più freddo che avessi mai sentito in tutta la mia vita. Sara girò su sé stessa e io aprii la porta, mentre le mie gambe deboli mi reggevano zoppicante da terra. 


Il corridoio era coperto di sangue; Sara mi portò in salotto: i miei occhi si riempirono di lacrime quando svoltai l'angolo. C'era la mia famiglia: erano stati tutti quanti impiccati e macellati. Guardai le mie gambe che erano coperte di sangue e trinciate, questo spiegava il perché mi era stato difficile camminare. Sara avvolse le sue braccia attorno a mio padre, poi abbracciò i miei fratelli. Guardai con orrore la donna mentre danzava per la stanza cantando a squarciagola:

"È un mondo piccolo, dopotutto". Cercai di andarmene fino a quando caddi in ginocchio. Sentii un metallo freddo sotto la mia mano: quelle dannate forbici. La donna alta vide le forbici:

"Mi odi...". Sussurrò. Misi la schiena contro il muro, disperata, scalciando. Lei si stava avvicinando a me sempre di più e sembrava stesse piangendo:

"Tutti mi odiano...". Abbracciai lentamente le mie ginocchia guardando il soffitto. Sara si sedette difronte a me, prendendomi la mano:

"Pensavo volessi che stessero più in silenzio. Pensavo volessi le mie forbici...". Sembrava triste e sentii che dovevo confortarla. Sorrise guardando in su:

"Forse qualcuno mi ama...". La fissai e mi sorrise:

"L'ho fatto anche con la mia famiglia. Ho solo passato bene la mia vita". La guardai mentre si dissolveva nella luce del giorno. E infine sentii solo la sua voce che sussurrò:

"Va tutto bene. Ti amerò sempre". Chiusi gli occhi e mi svegliai ancora nel mio letto.


Quel giorno non lasciai il letto. Tutto il sangue era andato via e le mie gambe erano a posto. Vidi, infine, il tramonto, ma nessuno si mostrò quella notte; non riuscii a dormire. Mi alzai e andai in cucina non notando, però, la mia famiglia mutilata in salotto. Presi il telefono e digitai il numero della polizia. 


Passai tre giorni in un impianto. Mi sedevo quietamente nella piccola stanza bianca. Finalmente la porta si aprì e fui libera di andare. Un ragazzino, vestito di nero, mi salutò alla porta:

"È tuo fratello?". Sbattei le palpebre ma annuii. Afferrò la mia mano e una donna vestita di nero lo prese. Mi guardò sotto un velo nero:

"Ciao Hannah". La guardai: Sara. Vidi il corridoio sporco di sangue e membra. Sentii diverse urla di pazienti. Era insopportabile. Avevo due scelte: potevo restituite le forbici e andarmene (non sapevo dove) o accettarle e sprecare il resto della mia vita uccidendo persone per soddisfare un'entità maligna dell'oscuro odio.

Cosa ho scelto, ti domandi.

Bene, ti ho detto che mi piacevano le forbici.


Non è così?

Scissor Mouth
Vota questo racconto:

Voto complessivo:

È necessario registrarsi e collegarsi dal browser per poter votare e visualizzare i risultati.