FANDOM


Era Settembre allora, come un fulmine a ciel sereno, fu tutto così veloce da nemmeno rendersene conto, il suicidio, il funerale, il trasferimento. Dopo la morte del padre, Anthony e sua madre si trasferirono dalla nonna paterna, erano in crisi, la madre non aveva lavoro così la nonna li accolse in casa sua. Anthony era un ragazzo tranquillo e distaccato, sempre immerso nel suo mondo e nei suoi pensieri, accettò facilmente la morte del padre, non si facevano domande, accettava le cose per com’erano. Anthony non era entusiasta della sistemazione a casa della nonna ma accettò la cosa, a malincuore. Stava sempre in casa, non aveva amicizie da frequentare e non ne voleva, la madre faceva lavori part-time perché non riusciva a mantenere tutti con la sola pensione della nonna. Per la mancanza di denaro, Anthony non poté andare a scuola, non che gli dispiacque, ma si annoiava a morte. La casa della nonna non era molto moderna, non c’era la televisione né cose di questo genere, solo una vecchia radio che la nonna accendeva mentre lavorava a maglia. Anthony passava le giornate a girare per quell’enorme casa polverosa. Un giorno, mentre curiosava, trovò un vecchio album di fotografie, era pieno di polvere, lo aprì lentamente e dentro ci trovò foto in bianco e nero che ritraevano un ragazzino, la nonna si avvicinò ad Anthony e notò che aveva trovato l’album.

Oh, tesoro vedo che hai trovato l’album! Era da molto che lo cercavo! Quello lì è tuo padre da ragazzino… era così pimpante! D’aspetto ti somiglia molto, sai? 

Anthony sfogliava le pagine incuriosito, c'erano foto su foto, tutte che raffiguravano momenti felici, sfogliando le polverose pagine, vide che una di esse era piena di foto che raffiguravano suo padre e una ragazzina, ne prese una e la guardò attentamente, non era la madre, né un'amica di papà che avesse visto, la nonna sorrise e prese in mano una di quelle foto.

Oh! Mi ricordo chi è! Era una grandissima amica di tuo padre! Una bellissima ragazza bionda dagli occhi azzurri! Che bella… Erano molto uniti, erano inseparabili! Tuo padre guai a lei! Adorava quella ragazza… gli dispiacque molto quando successe quell’incidente.

Anthony si voltò verso la nonna.

Quale incidente?

Mentre la famiglia stava facendo un viaggio in macchina si scontrarono contro un camion che trasportava un contenitore di catrame, il conducente e i genitori morirono affogati nel catrame tra le macerie, lei sopravvisse, fu ritrovata priva di sensi con metà corpo nel catrame, i suoi capelli diventarono neri come la pece. La ragazza non aveva altri parenti a cui poteva essere affidata, così fu mandata in un orfanotrofio. Era sempre depressa, era come un corpo senz’anima, almeno così diceva tuo padre. Andava sempre a trovarla, quando lui era con lei era felice, si sentiva meglio, tuo padre mi disse che lei odiava stare all’orfanotrofio, avrebbe preferito morire, l’unica cosa che la teneva in vita, diceva, era tuo padre.

Poi che le successe?

La ragazza era davvero molto instabile, si isolava e si autolesionava, in poco tempo, perse il controllo di sé, si divertiva a farsi male e a far male alle persone, lanciava oggetti ai suoi coetanei, li graffiava, li picchiava e li faceva impazzire! Non si è mai scoperto come… Non dormiva mai, stava seduta sul letto, rannicchiata, dondolava e rideva. Così, fu portata in un manicomio e tuo padre fu molto triste.

Come si chiamava la ragazza?

Oh! Tesoro, non mi ricordo, sono passati tanti anni.

Ti ricordi almeno il manicomio in cui fu portata?

Il manicomio si chiama Hill Asylum, pochi anni dopo il ricovero della ragazza, una fuga di gas uccise il personale e i pazienti, lei è probabilmente morta lì, non hanno voluto indagare molto sull’accaduto, chissà perché.

Mh, capisco. Papà andò mai a trovarla?

No, tuo padre era davvero triste e credo che volesse andare da lei ma, nel periodo del ricovero, anche prima, credo , conobbe tua madre che insisteva sul fatto di non andare a trovarla, sarebbe stata troppo dura, per lui e per la ragazza, almeno così pensava.

Ah…

Beh… Tu se vuoi sfoglia ancora l’ album! Poi rimettilo a posto!

La nonna andò in salotto e riprese il suo lavoro a maglia. Anthony guardava le milioni di foto con la misteriosa ragazza, era incuriosito da lei, non ne sapeva il motivo e non gli interessava, voleva sapere sul suo conto, come se qualcosa lo spingesse a cercarla… che fosse suo padre pentito? Pensò.

Passarono pochi giorni dalla scoperta di quella ragazza, era una notte come tante, Anthony era a letto, si rigirava tra le lenzuola cercando un posizione comoda ma, i pensieri non riuscivano a dargli pace, una voce gli premeva nella testa “Cercala, cercala, cercala ha bisogno di te!” Il volume della voce aumentava, aumentava e aumentava sempre di più, ad un tratto si alzò e guardò fuori dalla finestra il buio infinito, d’impulso, prese il cappotto e lentamente scese le scale verso l’uscita, aprì la scricchiolante porta, uscì e la richiuse.

Prese la bici e andò in strada, cominciò a pedalare senza una destinazione ma, doveva pedalare. Non riusciva a fermare le gambe. Nella sua folle pedalata, perse l’equilibrio e cadde, si schiantò sul freddo cemento sbucciandosi il ginocchio, si alzò e iniziò a zoppicare verso una direzione ignota. Un'auto passò veloce accanto a lui, era la madre che si era accorta che era scappato, abbassò il finestrino e cominciò ad urlare al ragazzo.

Anthony! Cosa stai facendo!? Sei impazzito?! Smettila di fare lo stupido e sali in macchina!

Anthony Guardò la madre arrabbiata, annuì e salì in macchina

Il mattino seguente, Anthony, rimase sdraiato sul letto a fissare il soffitto bianco della sua stanza, la voce premeva nella sua mente, voleva uscire a cercarla... ma non sapeva dove andare… rimase disteso a pensare, dopotutto, era l’unica cosa che potesse fare. La porta di camera sua si aprì ed entrò sua nonna che si sedette sul letto, vicino a lui.

Tesoro, c’è qualcosa che non va?

No… Cioè sì… Cioè… è difficile da spiegare.

Perché?

Ti ricordi dell’album di foto? Sì Mi sono fissato con quella ragazza, non ne so la ragione! Voglio trovare cose su di lei! Non so il perché… forse è papà o… forse… sto solamente impazzendo.

La nonna fece un grosso sospiro e guardò Anthony.

Il manicomio si trova nel quartiere Sud… giusto per fartelo sapere.

La nonna si alzò e, tranquillamente, uscì dalla stanza. Anthony continuò a guardare il soffitto, un po’ sorpreso dalle informazioni della nonna ma, finalmente, sapeva dove cercare. La sera stessa aprì la finestra, con le lenzuola fece una specie di corda e, grazie ad essa, scese in giardino.

Prese la bicicletta e pedalò più veloce che poteva, l’adrenalina gli scorreva nel corpo, era eccitato, per la prima volta nella vita non aveva il controllo di sé. Arrivò al quartiere Sud e vide un grosso edificio, pedalò lentamente verso esso e scese dalla bici, si fermò davanti a quell’edificio spettrale, si sentiva stranamente sollevato. Si fermò davanti al portone ammuffito e con forza lo aprì.

Accese la torcia che si era portato dietro e vide un corridoio fatiscente e milioni di porte aperte e chiuse, si sentiva il gocciolio delle tubature rotte che perdevano acqua, si sentiva lo scricchiolio ad ogni passo che faceva, si poteva sentire rimbombare ogni rumore. Anthony guardava in ogni porta che si potesse aprire, aveva visto delle stanze dei malati con raccapriccianti disegni sui muri, scheletri ovunque con ancora della carne in decomposizione. Anthony però non si impressionava facilmente quindi rimase indifferente, anche se aveva qualche conato di vomito. Esplorando l’edificio, aprì una porta ed entrò in un ufficio molto ampio, lentamente si guardò intorno e vide degli archivi, aprì cassetti su cassetti cercando tra i documenti di pazienti ma, non vi ci trovò nulla, continuò a controllare tra quelle cartelle, era sicuro che non avesse visto la cartella della ragazza, ad un tratto un vaso cadde da un tavolino vicino. Anthony si voltò e puntò la torcia su di esso, qualcosa attirò la sua attenzione: accanto a quel tavolino c’era un archivio soprannominato “Casi Speciali”, aprì l’archivio e vi ci trovò una quarantina di cartelle, controllò tra esse e la trovò.

Cynthia Adams

Una risata ruppe il silenzio, Anthony si guardò intorno, rimase immobile per riuscire a sentire nuovamente la risata, si sentiva solo il solito gocciolio ma, nessuna risata.

Me la sarò immaginata.

Si rimise a guardare la cartella di Cynthia, c’era una sua foto, aveva i capelli lisci e nerissimi, l’espressione nella foto era seria e malinconica. Lesse attentamente la cartella, lesse qualsiasi cosa scritta su di essa, scoprì il numero della sua camera la stanza 666, numero ironico, pensò. Si guardò intorno per cercare la chiave ma, trovò chiavi di altre stanze, ormai era disperato e puntava la torcia a caso. Il fascio di luce illuminò qualcosa facendolo brillare, il brillio proveniva da un cadavere in camice, si avvicinò e vide che nella sua mano destra, c’era una chiave. Inorridito, cercò di aprire la mano del cadavere che esercitava una forte presa su di essa, dopo poco la mano putrefatta si aprì e prese la chiave su cui c’era inciso il numero 666. Anthony guardò il cadavere, esso inclinò la testa verso destra e dalla bocca uscirono milioni di scarafaggi.

Senza pensare, egli si mise a correre velocemente nell’edificio, i passi rimbombavano forte nel silenzio abissale, corse fino a non avere più fiato e sbatté, per un caso, davanti alla fatidica stanza. Era un' enorme porta, imponente ma vecchia e marcia. Mise la chiave nella serratura, la girò e si sentì un forte rumore di sblocco, la porta si sbloccò, prese il pomello e l’aprì lentamente. Puntò la torcia davanti a sé e… vide una ragazza, in mezzo alla stanza, incatenata, guardava il pavimento, il suo viso era coperto dai capelli, la pelle era pallida, il suo corpo era ricoperto di tagli, era a piedi nudi, aveva un vestito bianco, sporco e macchiato di sangue, era rovinato e strappato e arrivava alle ginocchia. Anthony la fissò incredulo mentre tremava.

C-C-Cynthia?

La ragazza alzò la testa e tra i folti e lunghi capelli neri come la pece, si vide un occhio azzurro chiarissimo, sembrava spento e vuoto, come l’occhio di un cieco.

Benjamin… sei tu? Non sei cambiato dopo tutto questo tempo… sembri ancora quel ragazzo di 17 anni…

Anthony indietreggiò.

Io… non mi chiamo Benjamin, io mi chiamo Anthony… sono… il figlio di Benjamin.

Cynthia fece uno scatto in avanti.

I-Il figlio di Benjamin?! Non è possibile… io volevo Benjamin!! Dov’è Benjamin!? DIMMELO!!

Mio padre è… morto… si è suicidato.

Suicidato?

Sì…

Dopo quelle fredde parole piombò un terribile e profondo silenzio che, non durò molto.

Ahahahahahahahaha

Perché ridi?!

Perché ha scelto la via più facile, patetico.

Di cosa stai parlando!?

Quando arrivai qui mi misero subito nei casi speciali, potevo fare cose che altri non potevano fare, potevo sentire i pensieri della gente, potevo controllare le loro menti, potevo farle impazzire, potevo far male alle persone con la psiche, senza toccarle… potevo sentire l’energia vitale delle persone. Inizialmente non volevo farmi notare dai medici, mi comportavo normalmente… Beh, come un normale pazzo intendo ma, qualcosa scatenò in me una pazzia tale che nulla mi poteva frenare…

Di cosa parli?

Di tuo padre, io e tuo padre avevamo un rapporto molto profondo, sai? All’orfanotrofio mi veniva sempre a trovare, negli ultimi periodi veniva con una ragazza di nome… Ashley.

Gli occhi di Anthony si spalancarono.

Vedo che questo nome ti ha colpito… e so il perché ma, non mi interessa parlare di tua madre adesso… comunque, da quando fui trasferita in questo manicomio, lui non venne una sola volta a farmi visita. Dopo 2 anni la mia ira esplose in atti violenti. A seguito di ciò mi incatenarono, non sapevano che altro fare. E per le mie risate maniacali invece…

Cynthia alzò la testa e mostrò metà del suo volto, la sua bocca era cucita fino alle guance, formava come una specie di sorriso, il filo era nero e molto spesso ma, riusciva tranquillamente a parlare, col tempo, il filo, si era allentato. Il viso era pieno di tagli e si poteva vedere la cicatrice causata dall’incidente. Anthony la guardò inorridito e cominciò ad ansimare.

Mi cucirono la bocca… fu molto doloroso. Imparai molto su di me e il mondo, le voci mi insegnavano nuove cose, io ero speciale, non ero una “normale” paziente, anzi… io non SONO una normale paziente. La mia mente era più estesa a nuovi orizzonti. Pure i medici dissero che ero unica. Talmente unica che un giorno mi presero e mi portarono in sala operatoria per analizzare il mio cervello, io mi ribellai usando i miei poteri per infliggere un immenso dolore agli infermieri. Il dottore non la prese bene, mi fece una cosa orribile subito dopo... ti risparmio i dettagli, ti posso dire solo che una parte di me è stata strappata. Parlando d’altro… Probabilmente, ti hanno rifilato la storia della fuga di gas che fece chiudere il manicomio, vero? Ovviamente, in realtà ho ucciso tutti io… TUTTI... mi dovevo vendicare del dolore che mi avevano inflitto, così ho ucciso ogni persona vivente in questo edificio, anche la più innocente, così, per divertimento. I poliziotti mi trovarono e mi incatenarono qui e poi… uccisi pure loro.

Ma…

Cosa c'entra tuo padre in tutto questo? Beh, volevo vendicarmi, mi aveva abbandonata nel momento più orribile della mia vita… per cosa poi?! Una stupida ragazza che aveva conosciuto dopo di me?! Così… lo chiamai usando le voci, dicendogli che ero disperata e che avevo bisogno di lui… probabilmente le ha ignorate per molto tempo e così diventarono più forti e… decise di suicidarsi. Ti chiederai perché poi le hai sentite pure tu, beh… quando non sentii più l’energia di tuo padre mi preoccupai ma poco dopo, sentii la tua che è praticamente uguale alla sua, quindi ho pensato fossi lui. Ora, sai tutta la storia.

Anthony guardò Cynthia terrorizzato, tremava, tremava come non aveva mai tremato prima, mentre, lei lo guardava senza la minima emozione, con quel suo occhio vuoto e spento.

Beh, tuo padre è morto… ma, non sono soddisfatta, non è morto per mano mia, non ho potuto sentire il suo sangue caldo sulle mie mani. Non è, una vera e propria vendetta. 

Anthony indietreggiò velocemente fino ad appoggiarsi alla porta e stringere il pomello.

Oh, no… tu non scapperai.

Cynthia blocco la porta con i suoi poteri, Anthony cercò inutilmente di girare il pomello per aprila, provò a spingerla ma, fu tutto inutile.

COSA VUOI DA ME?! IO NON TI HO FATTO NULLA!! TI PREGO LASCIAMI ANDARE!!

Tu non mi hai fatto nulla, questo è vero ma, voglio far soffrire una delle persone che mi ha rovinato la vita… Tua madre. E qual è il modo migliore se non toglierle l’ultima persona amata che le rimane? Ahahahahahahahahahaha… AHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAH!!

Anthony iniziò la battere pugni sulla porta per aprirla.

AIUTO!! FATEMI USCIRE!! AIUTOOOO!!! TU SEI PAZZA!! PAZZAAA!!!

Le catene che imprigionavano Cynthia si ruppero e, a passo lento, si avvicinò ad Anthony.

Va tutto bene, non avere paura.

NOOO!! VATTENE, VATTENE!! STAI LONTANA DA ME.

Cynthia si fermò a 3 metri di distanza e guardò fisso gli occhi in lacrime di Anthony. Prese il ciuffo che era davanti a metà volto e lo spostò… dietro quel ciuffo di capelli apparve un qualcosa di orribile. La parte del viso che circondava l’occhio non c’era più, era rimasta l’orbita nera e vuota, circondata dall’osso del cranio e qualche vena.

E' questo il costo di essere speciali, Anthony…

NO!! NO!! NO!!

La pelle di Cynthia si ricoprì di vene nere che affioravano dalla pelle in ogni parte del corpo e della parte che circondava l’occhio. Dall’orbita iniziò a sgorgare del liquido nero, esso arrivò al pavimento, formando una pozza di una sostanza identica al catrame che arrivò ai piedi di Anthony, la sostanza iniziò a risucchiarlo al suo interno.

Addio Anthony.

NOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOO!!!

Mentre veniva risucchiato verso l’oblio, Anthony, chiuse forte gli occhi, li riaprì e… si ritrovò nella stanza ma, era vuota. Senza farsi troppe domande, aprì la porta che era sbloccata, uscì dal manicomio e ritornò in bicicletta a casa.

Il mattino seguente era ancora traumatizzato, era pallido e tremava. Stava facendo colazione con sua madre e sua nonna, la madre vide che Anthony era strano e lo fissò per un po’, preoccupata.

Amore, tutto bene?

V-V-Vuole uccidermi…

Cosa!?

CYNTHIA VUOLE UCCIDERMI!! LEI È PAZZA!! PAZZA!! CAZZO!!

Calmati, i brutti sogni capitano!

NO!! NON È STATO UN SOGNO!! ERA TUTTO VERO!! PIANGEVA CATRAME E VOLEVA UCCIDERMI!! LO SO CHE È TUTTO VERO!!

Anthony basta!!

MI VERRA' A CERCARE!! MI UCCIDERA'!!!!

ANTHONY!!

Anthony si fermò e si mise a borbottare.

Mi ucciderà… mi ucciderà...

La madre portò Anthony a letto quella mattina ma, i giorni seguenti, lo portò da uno psichiatra. La situazione non cambiò, i comportamenti psicopatici di Anthony non ebbero fine, sentiva voci e urlava la notte, terrorizzato e incontrollabile. Lo psichiatra disse alla madre che non si poteva fare nulla, la sua mente era troppo malata. Ella, col cuore infranto, lo mandò in manicomio. Rimase lì per un anno ma, poi, una notte, Anthony, non riusciva a dormire. Si rigirava tra le lenzuola ma, nulla… camminava in tondo, borbottando. Ad un tratto, sentì una risata agghiacciante, gli occhi di Anthony si spalancarono, si girò velocemente e vide, a pochi centimetri dal suo volto, il viso Cynthia con un ghigno raccapricciante.

Chi è il pazzo adesso, Anthony?

La mattina dopo il corpo di Anthony fu ritrovato in una pozza di catrame, completamente maciullato e contorto, col suo sangue fu lasciato un messaggio sul muro.''                  

                                                  “ La tua mente è l’arma più forte che esista,

                                                                     basta solo ascoltarla.”                                                                            

Psychopahtic cynthia

Disegno ideato da: http://shy-moon13.deviantart.com/



























Vota questo racconto:

Voto complessivo:

È necessario registrarsi e collegarsi dal browser per poter votare e visualizzare i risultati.


NarrazioniModifica

PSYCHOPATHIC CYNTHIA Creepypasta ITA

PSYCHOPATHIC CYNTHIA Creepypasta ITA

Narrazione di BloodyMadRabbit