Fandom

Creepypasta Italia

Nina the Killer

2 595pagine in
questa wiki
Crea nuova pagina
Commenti3 Condividi

Preso da un giornale locale:

Strani e inspiegabili omicidi e indizi misteriosi si sono moltiplicati nel giro di diversi mesi, c’erano dei sospetti su chi potesse essere il colpevole, ma abbiamo trovato un testimone che ha rivelato che non era un solo assassino ad agire, ma 2! Il terrore dilaga in molte città, non si sa neanche se lavorino insieme o meno, ma fortunatamente siamo riusciti a trovare questo testimone, un ragazzo ricoverato in ospedale e, con difficoltà, ci ha raccontato quello che è successo. Questo è ciò che ha raccontato il ragazzo:


"Tutto è accaduto una notte, tornavo a casa dopo il lavoro, decisi di fare una nuova strada per cambiare la solita routine... grosso errore. Già a metà strada cominciai a sentirmi osservato, sentivo dei passi, mi voltavo spesso per vedere se fosse un ladro, ma non c’era nessuno, quindi pensai che fosse tutto frutto della mia immaginazione. Continuai a camminare ma la sensazione di essere osservato diventò sempre più forte, i passi sembravano sempre più vicini.

Rigirandomi notai qualcosa, all'improvviso, vidi una ragazza con i capelli di un colore nero carbone e una fascia fucsia, poteva avere 16 o 17 anni circa, ma il suo viso non sembrava affatto umano. La sua pelle era bianchissima, i suoi occhi ardenti fissi su di me avevano qualche cosa di molto strano, osservando meglio vidi che non aveva affatto le palpebre, inoltre aveva due tagli laterali che le solcavano il viso, rendendo il suo sorriso grande e minaccioso Rimasi immobile per un minuto, sentendo l'adrenalina che attraversava il mio corpo teso.


Senza dire niente, stava ferma li per quella che mi sembrò un'eternità, e, infine, inclinando la testa all’indietro, disse, con una voce che mi perseguiterà per sempre nei miei incubi, una cosa che mi gelò anche l’ultima goccia di sangue: "Vai a dormire mio principe." Subito mi riscossi e cominciai a correre come non avevo mai fatto prima, sentii i passi della ragazza seguirmi, all’improvviso mi fu addosso e sentii un forte dolore al braccio.


Caddi a terra con un gemito, la ragazza mi tenne giù e ridendo in maniera isterica estrasse un coltello dalla mia spalla. Fortunatamente sentii arrivare un poliziotto che sparò diversi colpi verso la ragazza, lei li schivò tutti con estrema agilità, all’improvviso fece un enorme balzo arrivando sul tetto della casa vicina e fuggì nel buio della notte mentre dalla sua gola continuava ad uscire quella risata agghiacciante. Non dimenticherò mai quello sguardo e quella risata... “.

Dopo quest’intervista il giovane ragazzo fu trovato nella sua casa, morto, c’era sangue dappertutto e nel muro fu trovato scritto con il sangue: "Non sei andato a dormire principe." Se si trova la ragazza della descrizione, o l'assassino dell'ultima volta, si prega di mettersi in contatto con la polizia.

- - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - -

Nina the killer – Le origini:

Nina Hopkins, all’età di 11 anni, si trasferì in una nuova scuola più vicino a casa. La domenica mattina, prima del suo primo giorno nella sua nuova scuola, si svegliò, andò in bagno a lavarsi i denti, tornò nel suo letto e prese il suo computer portatile per connettersi.


Nina non era una di quelle ragazze che si alzano piene di energia che aprono subito le finestre per far entrare la luce del giorno e poi fare qualcosa di produttivo nel corso della giornata. No, preferiva sedersi comoda a guardare i cartoni animati giapponesi, o ascoltare musica come rock, J-pop, o pop, giocare con video-giochi, o semplicemente suonare la chitarra. Ma questa volta non voleva fare nessuna delle cose che normalmente faceva, questa volta preferì leggere per la millesima volta, "Le origini di Jeff The Killer".

Lei adorava le creepypasta, e quella era la sua preferita, provava poi una strana attrazione verso il protagonista , l'ammirava più di ogni altra cosa. Ogni volta che la leggeva sentiva invaderla uno strano impulso che le piaceva molto. Mentre stava leggendo notò, dal buco della serratura, i bellissimi occhi verdi del suo fratellino Chris che la stavano osservando. Nina lo adorava, Chris era il suo principe, lo chiamava così e ogni sera gli raccontava delle fiabe prima di addormentarsi.


Chris aveva i capelli neri, carnagione chiara e gli occhi verde chiaro, come il suo defunto padre, mentre Nina aveva i capelli di un castano chiaro, carnagione chiara e occhi azzurri ed era molto simile a sua madre. "Sorellina, a mangiare!" disse il bambino con il suo dolce sorriso. "Sto arrivando mio principe" disse Nina pizzicandogli la guancia. Lasciò il computer da una parte e andò di sotto a mangiare.


La mattina dopo, Nina e Chris andarono a scuola, Nina si alzò e si vestì con una delle sue camicie preferite, come prese la sua borsa, sentì qualcosa di strano... una sensazione che la fece bloccare, con uno strano e piccolo sorriso fisso in bocca. Improvvisamente la voce di sua madre la riportò alla realtà e subito prese la borsa ignorando completamente quello che era successo, aspettò Chris alla porta d’ingresso. Poco dopo il bambino scese pronto per partire.

"Pronti?" Chiese la madre.

"Sì!" Risposero entrambi.

"Buona fortuna a scuola" annuncio la madre dalla cucina.

"Ciao mamma!" Risposero entrambi i ragazzi uscendo di casa. Persero l’autobus e dovettero farsi tutta la strada a piedi con grande fastidio da parte di Nina.

Arrivati a scuola, Nina ed il fratello si divisero dato che lei faceva le superiori e lui le elementari. Nina sentì provenire dalla classe un gran baccano... durante la pausa pranzo Nina uscì e andò in cerca di Chris nella sua aula, decisero di trovare un posto tranquillo dove mangiare senza dover sopportare tutto il rumore fatto dagli studenti che giocavano lì intorno.


Trovarono un giardino dietro la scuola dove non c’era nessuno, né un insegnante né uno studente, così che potessero mangiare in tranquillità, pensavano che avrebbero avuto una piacevole colazione. Ad un certo punto Nina alzò lo sguardo e incontrò quello di una ragazza molto più grande di lei, con i capelli neri.


"Bene bene, chi abbiamo qui? I nuovi studenti vedo" disse la ragazza.

"Io sono Claudia e ho il controllo di questa scuola, e se non fate quello vi dico... la pagherete cara" disse minacciosamente tirando fuori un coltello dai suoi jeans.

Improvvisamente altri due ragazzi sbucarono fuori da un albero li vicino.


"Siamo Mailcom e Yoni " dissero, Nina, rapidamente, si mise di fronte a Chris per proteggerlo.


"Ehi, non vogliamo problemi, vogliamo solo fare una piacevole colazione" chiarì Nina.


"Oh, vedo! Ma non dovresti essere qui, questa zona è la nostra" disse Claudia avvicinandosi a loro.


"Questo è stupido! Non avete il diritto di mandare via chiunque!" Esclamò Chris mettendosi di fronte Nina.


Yoni lo colpì allo stomaco e Chris cadde tra le braccia di Nina.


"CHRIS!" Gridò Nina tenendolo in braccio.


"Beh, se non vuoi essere la prossima, vi consiglio di obbedire e andarvene da qui" disse Claudia accarezzando il viso di Nina con il coltello.


Nina colpì Claudia sul viso facendola cadere a terra, lasciato rapidamente Chris, Nina si lanciò su Claudia prendendogli il coltello e infilandoglielo nella spalla. Mailcom provò a trattenere Nina. Lei gli diede un forte calcio tra le gambe facendolo cadere a terra, si girò rapidamente e continuò a tempestare di calci il ragazzo colpendolo anche in bocca. Yoni, vista la reazione della ragazza, si mise a correre lontano da lei, ma Nina lo rincorse e, preso il coltello dalla spalla di Claudia, lo lanciò colpendo il ragazzo.


"NINA, BASTA!" urlò suo fratello.

Nina si voltò immediatamente verso di lui e lo guardò, aveva un sguardo sorpreso. Nina lasciò andare Yoni e fece un passo indietro guardandosi le proprie mani macchiate di sangue. Si sentiva come un mostro... ma doveva ammetterlo... una parte di lei si sentiva molto bene, corse verso il fratello e lo prese per un braccio dicendogli:


"Dai, non possiamo stare qui " lasciando così il patio.

Dopo essersi lavata le mani prese Chris da parte per parlargli dell’accaduto e gli disse che a tutti i costi doveva evitare di raccontare quello che era successo. Chris pensò che ciò che era accaduto era stato solo un modo di difendersi... ma lei sapeva cosa gli stava succedendo, sapeva che c’era qualcosa di più forte e terribile, quella sensazione di potenza e forza... la necessità e il desiderio di far del male a qualcuno.

La giornata passò in fretta e i fratelli tornarono a casa per pranzo.


“Come è andata la scuola?" Chiese la madre con un sorriso dolce. Chris esitò cercando di rispondere a questa domanda.


"Eccellente", commentò Nina con un sorriso molto teso. Nina dopo aver mangiato andò al piano di sopra e aprì il suo armadio ammirando la sua collezione di Jeff The Killer, manifesti, vari oggetti, alcuni vecchi quaderni che aveva allineato con alcune bambole e animali di peluche. Stette un po’ di tempo a osservare... con un sorriso sinistro, il suo sguardo rimase fisso per un po':


"Jeff... sei tu che mi fai questo...?".

Dopo l'incidente cercarono a lungo i responsabili, ma senza successo, chi poteva pensare che era stata una ragazza come Nina? Perciò usò questa cosa a suo vantaggio cercando di non attirare attenzione su di se.

Ma un giorno, aprendo il suo armadietto, Nina vide un foglio con su scritto:

"So cosa hai fatto... ma non preoccuparti... non lo dirò a nessuno, sei abile... ma pericolosa" Nina non trovò nessun indizio o qualcosa di simile per capire chi fosse stato, non aveva la più pallida idea di chi l’avesse lasciato li... decise però di ignorarlo.

Nel frattempo, la sanità mentale di Nina peggiorò, incominciò a tenere un coltello e passare la maggior parte della notte seduta accanto a suo fratello o sua madre.

Un giorno, Chris stava giocando con i suoi nuovi amici del quartiere, e si stava facendo buio, così sua madre, Monica, gli disse di rientrare. Nina uscì e vide in lontananza i bambini che stavano giocando, quando si avvicinò non riuscì a vedere Chris, cominciò a preoccuparsi, si avvicinò ai ragazzi e gli chiese che fine avesse fatto suo fratello, loro gli risposero che era andato via con una ragazza più grande di lei.

Nina si preoccupò e si precipitò in casa a prendere il coltello che aveva nascosto nella sua stanza, senza che la madre la se ne accorgesse. Andò alla ricerca di Chris pregando che non gli fosse successo nulla, allontanandosi sempre di più da casa. Passò molto tempo e Nina non riuscì a trovare il suo fratellino, iniziò così a piangere e a disperarsi. Ma, tutto di un tratto, ecco che sentì una macchina avvicinarsi, la portiera si aprì e ne uscì Chris seguito da strane risate. Nina rapidamente lo prese tra le braccia e vide che il povero ragazzo era stato colpito ripetutamente.


"Chris! Santo Dio! Che cosa è successo? "Esclamò Nina sostenendo il piccolo corpo di suo fratello.


"Nina…l..loro mi…mi…ha..hanno fatto m..male" disse Chris con molta difficoltà piangendo sul petto della sorella maggiore, Nina cercò di vedere chi stava ridendo e gridando dentro l’auto ma con sforzo invano dato che, una volta spinto fuori dall'auto il bambino, la macchina partì a gran velocità.

La rabbia stava per esplodere. Prese tra le sue braccia il fratello e lo portò rapidamente in un ospedale.

Nina chiamò sua madre che arrivò più veloce che poté all'ospedale. Chris aveva emorragie interne e chiari segni di violenze, la madre di Nina cominciò a piangere mentre Nina stava ferma ed in silenzio, tentando di reprimere il bisogno di far del male a qualcuno.

Quando Chris fu dimesso gli venne detto di stare a riposo per 3 settimane, così per non farlo annoiare Nina gli raccontò molte storie.

Una volta tornata a scuola, Nina, trovò un’altra lettera con su scritto:


"Mi dispiace per tuo fratello... spero che recuperi in fretta, non pensare che tu sia sola... io sono qui, e sarò il tuo amico... ma purtroppo dovrò tenermi a distanza..."


Nina controllò di nuovo la lettera per vedere se c’era una firma ma non ne trovò nessuna. Passarono delle settimane e Chris dovette tornare a scuola a malincuore, in più quel giorno ci sarebbe stata la foto di classe, così Nina decise di indossare delle calze a strisce nere e bordeaux, una gonna nera, con delle Converse, una canottiera a strisce nere e blu, guanti senza dita ed infine un fiocco rosso sangue nei suoi capelli raccolti.

Eppure sentiva che mancava qualcosa, così guardò meglio nell’ armadio e vide il suo maglione viola preferito, perché gli ricordava il maglione Jeff The Killer. Scese le scale, vicino alla porta c’era suo fratello che l’aspettava; salutarono la madre e partirono. Questa volta, per andare a scuola, presero l’autobus per evitare di incontrare le persone che avevano picchiato Chris. Arrivarono a scuola dove li aspettava una sorpresa poco piacevole.


Claudia, Mailcom e Yoni camminavano lungo il corridoio con un’ aria ostile. Nina conosceva il motivo per cui avevano quelle espressioni, stavano cercando lei e Chris. Nina reagì prendendo per un braccio il suo fratellino trascinandolo in un luogo più affollato, in modo tale da non essere visti. La giornata stava passando in fretta e né Nina né Chris vennero notati dai tre ragazzi, o almeno così sembrava.

Ad un certo punto Nina capì che li stavano seguendo, infatti, appena si girò per controllare, qualcosa la colpì in faccia facendola cadere a terra. Subito vide Mailcom che immobilizzava Chris stringendolo tra le sue braccia, Nina cercò di rialzarsi, ma un altro colpo sulla pancia la fece cadere di nuovo a terra. Guardò in su, e vide Claudia che le disse:

"Finalmente ti ho trovata mocciosa, ora pagherai per ciò che hai fatto” così dicendo tirò fuori una pistola.


"Non me ne frega un cazzo di combattere con te, anche se ti ho già battuto una volta e potrei rifarlo... sei una merda" ringhiò Nina cercando di alzarsi, rapidamente Claudia diede un calcio in testa a Nina, ma lei reagì e rapidamente e colpì la pistola più forte che poteva per cercare di spazzarla via.


Nina finalmente riuscì ad alzarsi e corse molto velocemente fuori da li, fino ad arrivare in una casa abbandonata nelle vicinanze dove si chiuse dentro. I tre l’inseguirono, sentì che le sparavano addosso ma fortunatamente non venne colpita, si chiuse in un bagno, cercando disperatamente qualcosa per difendersi.


"Ehi Nina! Rimani li pur sapendo quello che abbiamo fatto quella notte a tuo fratello??! Sei una codarda!!" Gridò Claudia dall'esterno.


Nina si sentì montare dentro di sé una grande rabbia, un odio come non ne aveva mai provato prima e ancora una volta... il bisogno di uccidere. Guardando intorno alla stanza dove si era chiusa trovò una pezzo di ferro appuntito, lo fissò per un breve tempo con un inquietante sorriso sul suo volto, lo raccolse, uscì dalla stanza e si avventò sui tre che cominciarono a sparare ma Nina era imprendibile come le foglie che cadono da un albero.

Con il pezzo di ferro colpì Yoni in testa, il suo sangue le schizzò in faccia, qualcosa cambiò in lei, si era rotto qualcosa... un filo sottile si era strappato... quel filo che divide la sanità mentale dalla follia, qualcosa che non si sarebbe più riaggiustato.


Mailcom e Claudia indietreggiarono, Nina si voltò verso di loro con il suo sorriso psicotico ed uno sguardo penetrante ed orrendo, facendo indietreggiare persino Chris. Claudia provò a scappare, Nina la inseguì impedendogli di passare, la colpì e cadde al suolo semi-incosciente, vedendo ciò, Mailcom.

Liberò Chris, il quale rimase li, in silenzio, a fissare sua sorella con orrore. Nina allora si avventò su Mailcom, lo colpì ripetute volte, aprendogli testa come un cocomero, il suo sangue schizzava dappertutto. Claudia cercò di riprendere la pistola, ma Nina gli pestò la mano, allora, impaurita, oltre ogni limite, alzò il suo sguardo incrociando quello di Nina che nel frattempo scuoteva la testa come per dirgli “no” e Nina veloce come un lampo le trafisse il cuore.

"Ni-Nina... t-ti s-senti bene?" domandò Chris sconvolto da tanto orrore, Nina si voltò verso di lui con un volto più rilassato, ma sempre con il suo sorriso agghiacciante impresso sul viso.


"Se mi sento bene...? MI SENTO BENISSIMO!!! Andiamo mio principe! Dobbiamo tornare a casa…! " Esclamò Nina prendendo con se suo fratello.

Tornati a casa, Nina,essendo piena di sangue, non poteva farsi vedere da sua madre, così andò subito nella sua stanza , lì si inginocchiò sul bordo del suo letto mettendo la testa tra le braccia. Strinse i denti come per impedire a qualcosa di uscire, poi, con la poca consapevolezza che gli restava, prese il suo portatile e scrisse una nota ... una nota che forse nessuno avrebbe mai letto.

La notte arrivò.

La madre di Nina e suo fratello dormivano tranquillamente, mentre Nina non riusciva a chiudere occhio, così si alzò, aveva ancora addosso i vestiti dello stesso giorno, guardandosi allo specchio, vide un volto comune... come quello di molti altri. Fu così che prese una decisione e andò al piano di sotto per fare la cosa più folle della sua vita. Scese in cucina iniziò a bere della vodka, poi iniziò a cercare una bottiglia di candeggina, ma non trovandola iniziò ad agitarsi.


”Dove diavolo sei candeggina..?” ringhiò.


"Stavi cercando questa...?" Disse una voce alle sue spalle, si girò sorpresa e vide un ragazzo all'entrata della cucina con la candeggina in mano, aveva una pelle molto bianca, i suoi capelli erano di un nero carbone e aveva un sorriso grande e orribile.

"Ah... che bellissima sorpresa... Jeff The Killer!" disse Nina con uno sguardo di sfida.


"Ti ho osservato per un po'... mi è sembrato che la tua sanità mentale sia andata a farsi fottere... Hahahahahaha!!!" disse Jeff con grazia.


"Hai ragione! Quindi ho bisogno di quella candeggina ..."disse Nina tendendo la mano.

"Awh ... lascia che ti aiuti!” Esclamò Jeff che, una volta aperta la candeggina, gliela tirò in viso, lei emise un gemito di dolore quando la candeggina gli entrò negli occhi e si accasciò sul pavimento. Nina sentì un altro liquido scendergli giù per la testa, guardò in alto e vide Jeff che aveva un fiammifero in mano. Nina sorrise e lo guardò ancora con aria di sfida.


"Che stai aspettando...? ...Fallo!" disse la ragazza con una voce provocatoria. Jeff sorrise e lo accese.

"Vai a dormire..." aggiunse facendo cadere il fiammifero.

Appena le fiamme toccarono la pelle di Nina, emise un fortissimo grido, si sentiva di avere l’ inferno stesso che le bruciava addosso, guardò intorno a se per cercare Jeff ma quest’ultimo era scomparso. Nina si contorceva sul pavimento quando arrivarono la madre e suo fratello che corsero subito verso di lei per cercare di spegnere il fuoco. Era semi-cosciente quando spensero le fiamme. La madre chiamò subito un’ambulanza. A causa delle grida, molti vicini si radunarono davanti casa per vedere cosa stava accadendo. Nina era incosciente così fu messa in una barella per portarla via. Tra i vicini di casa, un ragazzo con i capelli neri, carnagione chiara e occhi verdi, leggermente più grande di Nina la guardò con una certa preoccupazione, provò ad avvicinarsi ma la madre lo fermò afferrandogli la spalla.


"No Esclin non è sicuro" disse la madre trattenendolo così si fermò a guardare mentre caricavano Nina in ambulanza.

Nina si risvegliò in ospedale, provò a muovere le bracciai ma non ci riuscì dato che era legata con una benda, cercò di alzarsi, ma subito un’ infermiera entrò seguita dalla madre e il fratello.


"E’ meglio se rimani ferma, non sei ancora in grado di poterti muovere" disse l'infermiera visitandola nuovamente. Sua madre e suo fratello gli si avvicinarono e cercarono di incoraggiarla un po’.


Nina si sentiva cambiata, vedeva sua madre come fosse un’estranea, mentre, suo fratello... doveva ammetterlo, era ancora il suo unico tesoro. Passò un mese in ospedale per la riabilitazione,ricevette molto sostegno sia dalla madre che dal fratello. Venne poi il giorno di togliere le bende, tutti e tre erano desiderosi di vedere il suo volto.

"Nina” disse il medico mentre toglieva le bende:

”Le ustioni sono alquanto gravi, ma poteva andare peggio,se fosse durato più a lungo avrebbe perso parti del suo viso, naso compreso"

Tolta l’ultima benda la madre la guardò con orrore e suo fratello si nascose dietro sua madre.


“Che…? Che cosa succede? " Chiese Nina che si alzò per correre verso il bagno, si guardò allo specchio. Il suo viso...

La sua pelle era diventata completamente bianca, i suoi capelli, che prima erano lunghi quasi fino alle ginocchia, ora raggiungevano appena metà schiena, la sua pelle era dura come il cuoio. Guardo il suo nuovo volto perplessa.


"So-sorella ..." disse Chris abbracciandola "S-sei ancora bella come prima" Ma il bambino non vide lo sguardo inquietante, con il quale la ragazza guardò suo fratello minore.

"Oh Chris... sei sempre così adorabile..." disse Nina.


"Ma non è così... io mi vedo più bella che mai!!!" Esclamò la ragazza aprendo le braccia e lasciando il fratello. La madre, i medici e gli infermieri tutti a bocca aperta.


"Questo volto è perfetto... oh mio caro Jeff! Tu mi hai dato questa faccia!" continuò a gridare la ragazza.


"Do-dottore... quello che è successo a mia figlia…può averla sconvolta al punto di…insomma…impazzire?" chiese disperata la madre.


"Beh, Nina ha subito un forte trauma e lo stress che ne è seguito può aver lasciato dei segni, ma se non migliora nel tempo,il vostro conforto potrebbe non essere sufficiente e dovrete avvalervi di un aiuto medico” confermò il dottore.


"Sì..." disse con voce debole la madre avvicinandosi a Nina "Forza cara... dobbiamo andare”.


"Hahahaha!!! Certo...!" esclamò Nina mentre continuava ad ammirare il suo aspetto allo specchio.

L'infermiera gli consegnò i suoi vestiti, che erano una giacca viola, minigonna nera e calze con strisce nere e rosso bordeaux. Nina si vestì e lasciarono l'ospedale per tornare a casa.

Non potevano sapere che Nina era ormai diventata un mostro che pensava solo ad uccidere.

Arrivarono a casa, Nina continuava ad avere fisso in viso quel suo sorriso sinistro. Guardò la casa di fronte alla sua e notò che, alla finestra, c’era un ragazzo con i capelli neri e gli occhi verdi che sbirciava, il ragazzo osservava attonito il volto ormai sfigurato di Nina, lei lo guardò, poi portò il suo dito indice sulla bocca in segno di silenzio, Il ragazzo subito corse via.

Quella notte la madre di Nina si svegliò sentendo dei singhiozzii provenire dal corridoio, si alzò, guardò fuori e vide la luce accesa in camera di Nina, arrivata alla porta, la aprì, e fu così che si trovò di fronte ad un’orribile spettacolo: sua figlia ricoperta di sangue con accanto il corpo di una ragazza molto carina, alla quale erano state strappate le interiora e sparse per tutta la camera. Nina era in piedi sopra di lei con un coltello da cucina in mano, mentre fissava il soffitto.


"Continuava a tormentarmi a scuola..." mormorò Nina continuando a fissare il soffitto.

"Mamma... ora sono più bella che mai!" Esclamò Nina rivolgendo ora lo sguardo verso la madre. Il suo volto era peggiorato, si era tagliata la faccia in un sorriso che andava da una guancia all'altra, le sue palpebre erano bruciate.

"Mi sono stancata delle farse, mi sono stancata di piangere e soffrire... Ora sorriderò sempre e per sempre potrò vedere la mia bellissima faccia... la faccia che mi ha dato Jeff... Non sono bella mamma?" chiese la ragazza.


La madre di Nina non riuscì a non indietreggiare mentre scuoteva la testa dicendogli no.


"No... Nina tu... tu sei diventata un mostro... tutto questo è nato per la tua ossessione per quell'assassino... io ..." disse interrompendosi la madre cominciando poi a correre per il corridoio.


Nina inseguì la madre rapidamente "è più divertente uccidere quando corrono!!!" esclamò mentre l’ inseguiva diretta verso la camera di Chris per svegliarlo.

Ma neanche il tempo di arrivare alla maniglia della porta, che Nina colpì alla testa sua madre con il coltello, uccidendola all'istante.


"E 'un peccato che tu, mamma, non pensi che io sia bella... che cosa triste" disse Nina estraendo il coltello dalla testa della madre.


Chris nella sua camera, era inquieto, si sentiva come in pericolo, si muoveva e si muoveva cercando di trovare un posizione comoda nel letto, ma senza riuscirci. Nina aprì la porta, Chris si girò per vedere cosa stava accadendo e vide Nina stagliata contro la luce che entrava dalla porta, non riusciva a vedere la sua faccia, però poteva vedere chiaramente il coltello. Si allarmò e si rannicchiò sopra il suo cuscino.


“Chris..." disse Nina avvicinandosi a Chris, che si lasciò sfuggire un piccolo gemito di orrore vedendo il suo volto.


“È vero che sono bella, Chris? " disse inclinando la testa di lato. Chris annuì coprendosi con le lenzuola per la paura.


“Oh, andiamo Chris... non ti farò nulla" disse Nina nascondendo dietro di se la mano mentre incrociava le dita.


"Sai... mi sento più bella che mai e pronta a incominciare una nuova vita... vuoi venire con me?" domandò mentre continuava ad avvicinarsi. Chris annuì di nuovo.


"Oh... bravo ragazzo... ora, se vuoi unirti a me... non resta che andare a dormire, mio principe."

Nina apri con un calcio la porta d'ingresso della casa trasportando suo fratello sulla schiena. Chris era morto, completamente coperto di sangue, gli aveva procurato un sorriso raccapricciante da pagliaccio e gli occhi contornati di nero avevano le palpebre bruciate.

Nina, allontanandosi dall'ingresso con questo macabro fardello, notò il ragazzo che aveva visto nel pomeriggio, questa volta indossava una camicia bianca e jeans bianchi, leggeva un libro, ma per pura curiosità aveva alzato il suo sguardo notando l’orribile scena.


"Wow Chris... sembra che qualcuno ora ne sappia più del necessario... mettiamolo a dormire" disse Nina camminando verso la casa del ragazzo.


VAI A DORMIRE MIO PRINCIPE.

Nina-The-Killer-Go-to-slee-my-prince-By-Ale-1024x951.jpg





Racconto preso da qui: Nina the killer - Creepypasta ITA



Vota questo racconto:

Voto complessivo:

È necessario registrarsi e collegarsi dal browser per poter votare e visualizzare i risultati.
Un ringraziamento alla Wiki tedesca per questa funzione.


NarrazioniModifica

Nina the Killer - Go to sleep my prince! - Creepypasta ITA39:08

Nina the Killer - Go to sleep my prince! - Creepypasta ITA

Narrazione di Schrödinger's Cat

Ad blocker interference detected!


Wikia is a free-to-use site that makes money from advertising. We have a modified experience for viewers using ad blockers

Wikia is not accessible if you’ve made further modifications. Remove the custom ad blocker rule(s) and the page will load as expected.

Inoltre su Fandom

Wiki casuale