FANDOM


"Le ultime corse saranno in partenza nei prossimi quattro minuti."

Aspettavo il treno.

Non c'era nessuno, probabilmente ero l'unica a doverlo prendere a quell'ora della notte.

Quando si fermò, salii e presi posto vicino alla finestra.

Mentre partiva, tirai fuori il mio lettore mp3, la musica avrebbe ingannato il tempo.

Improvvisamente le luci nel treno smisero di funzionare, inizialmente mi parve un tentativo stentato di risparmiare soldi sull'illuminazione ma, ringraziando il cielo, almeno dall'esterno qualche raggio giungeva.

Tempo un paio di minuti ed il treno si fermò, mancavano ancora due stazioni alla mia meta.

Salì qualcuno che, giunto nel mio stesso vagone, si sedette esattamente sul lato del vagone opposto al mio.

Il buio non mi permetteva di riconoscervi nulla di familiare.

Da quella fermata in poi non feci altro che tentare di scorgere nel vetro della finestra il riflesso del suo viso, forse destando anche qualche sospetto.

Potevo benissimo rilassarmi e ascoltare della musica invece di importunare un estraneo, il quale d'altronde avrebbe potuto avere una giornataccia proprio come la sottoscritta, però mi sentivo a disagio.

Una sensazione così strana.

Mi voltai, notando fosse seduto più vicino di quanto prima non fosse.

Da quella distanza potei rendermi conto che si trattava di un ragazzo.

Distolsi lo sguardo.

Il sudore freddo che scorreva sulle tempie ed il battito accelerato erano le uniche cose che sentivo effettivamente in quel momento, in quella situazione così singolare.

Cercavo di ripetermi di restare calma ma qualcosa mi spingeva a girarmi.

Quando decisi di farlo, in un battibaleno le mie pupille vibrarono dal terrore - era seduto alle mie spalle.

"Paese di Nolo"

Non appena giunta alla mia stazione, mi diressi all'uscita.

Scesa dal treno mi voltai a guardare nel punto in cui lui era seduto, mi parve strano fosse rimasto immobile dopo la mia reazione, non mi degnò neanche di uno sguardo.

Scossi la testa in preda all'interrogatività.

Probabilmente gli sarò sembrata strana ad uscire di corsa dal treno, ma la situazione era davvero bizzarra.

Perché mai avrebbe dovuto spostarsi dietro di me? Era lui strano.

Sfinita dal peso della mia borsa, mi fermai per riprendere fiato.

Sentii dei passi.

L'episodio nel treno mi aveva suggestionata e a quel punto anche la mia stessa ombra avrebbe potuto spaventarmi.

Il prima possibile ripresi a camminare, ero diretta al mio appartamento e, grazie al cielo, nessun passo sospetto poté più sentirsi.

Giunta al terzo piano davanti la porta del mio appartamento, tirai fuori le chiavi e sentii toccarmi la spalla.

Trasalii, prima di accorgermi si trattasse solo dell'anziana inquilina dello stesso piano, Elizabeth.

Mi scusai, mentre rideva per la mia reazione.

"Non preoccuparti, figliola, avevo pensato fossi sonnambula, è tutto a posto?"

Ed io le spiegai "tranquilla, sono stata da mia madre, in ospedale, ma mi è stato chiesto di andarmene, dato l'orario"

E scambiandoci la buonanotte concludemmo la chiacchierata.

Poco dopo, appena rientrata in casa, sentii vibrare il telefono.

Era Jane, la mia migliore amica, voleva come al solito raccontarmi il suo strambo fine settimana.

Le riferii per filo e per segno ciò che era accaduto in treno e lei, divertita, commentò "probabilmente si trattava solo di un pedofilo"

"Ascolta, Jane, non è affatto divertente" le rimproverai.

"Non ci pensare" rispose, lei.

"Jane, potresti almeno ascoltarmi seriamente?" e lei chiuse "Sono tutt'orecchi! Aspetta, hanno appena suonato il campanello, devo andare!".

Sbuffai.

Posai il cellulare e mi diressi nel corridoio per prendere la scopa quando notai una lettera sullo zerbino davanti la porta.

La raccolsi e l'aprii.

"Apri la porta"

Guizzai, chiedendomi "perché dovrei?".

Diedi un'occhiata nello spioncino ma era oscurato da qualcosa, non si poteva vedere nulla.

Aprii lentamente la porta, sebbene sapessi sarebbe stata una pazzia, senza neanche qualcosa fra le mani per potermi difendere.

Non c'era nessuno, solo una piccola scatola sul pavimento, che ho poi raccolto ed aperto.

All'interno trovai uno smartphone ed un paio di anelli d'oro e diamanti.

Non potevo credere ai miei occhi, mai avevo ricevuto nulla di simile.

Rientrai e provai gli anelli.

Mi chiedevo chi avesse potuto volermi fare un regalo così costoso.

Una dolce sensazione rilassò finalmente il mio cuore.

*tonfo*

Improvvisamente un tonfo si sentì provenire dalle impresse in cucina.

"Chi c'è?"

Andai a dare un'occhiata, tremante, ricordando di non aver chiuso a chiave la porta.

Era ovvio qualcuno fosse entrato, così afferrai un vaso e mi preparai al peggio ma non trovai altro che delle forchette rovesciate sul pavimento della cucina.

Ovviamente ciò non poté rassicurarmi, incredula all'idea che delle forchette potessero essersi spostate da sole.

Controllai in tutte le stanze ma non vi era alcuna traccia di un' intrusione.

Non avevo alcuna intenzione di convincermi fosse solo frutto della mia immaginazione e, d'altronde, chi avrebbe potuto addormentarsi tranquillamente sapendo ci fosse qualcuno infiltratosi in casa?

Un'altra scatola era ai piedi della  porta sullo zerbino.

Consapevole del grosso rischio che stavo correndo, la portai fuori con me, nell'intento di chiedere aiuto ad Elizabeth, affinché chiamasse la polizia.

Nonostante suonassi insistentemente alla porta, nessuno apriva.

Mi accorsi fosse socchiusa e,

benché fossi consapevole che sarebbe stato assolutamente fuori luogo, decisi di entrare.

In cucina trovai un'agenda e sfogliandola capii che era il suo diario.

Lessi.

"In sogno vedo uno strano tipo.

A volte sembra reale, lo sento camminare verso di me.

Credevo fosse mio marito, tornato a trovarmi, finché non ho potuto vedere con i miei occhi.

La sua faccia era bianca, ed i suoi occhi, neri e vuoti come solchi, con le pupille bianche penetravano nelle mie.

Anche i suoi capelli erano chiari, tanto quanto il viso.

Avvicinatosi, potei scrutarlo.

Indossava una maglia viola con la manica destra strappata ed una cintura che gli stringeva i fianchi nella quale portava siringhe e utensili medici.

Sembra sparire ogni volta dopo aver portato dei doni, non rivolti a me."

Mi fermai nel momento in cui sentii respirare alle mie spalle, la paura non mi vinse e così decisi di voltarmi.

Non c'era nulla.

In quell'istante dubitai della mia salute mentale.

Appena ricominciai a leggere fui afferratta da qualcuno di fronte a me.

Spalancai gli occhi vedendo Elizabeth.

Mi scuoteva, era ricoperta da quello che pareva essere del sangue e due siringhe le foravano gli occhi.

Mi dibattei terrorizzata, spingendola per terra.

Non avevo la più pallida idea di cosa stesse succedendo, volevo solo andarmene e chiedere aiuto.

Ero già all'entrata quando, in una corsa convulsa nella sconclusionatezza di quella situazione urtai contro qualcuno, ritrovandomi sul pavimento.

Davanti i miei occhi potei distinguere la stessa figura descritta da Elizabeth nelle sue pagine di diario.

Mi si avvicinò e mi rivolse una domanda.

"Sei spaventata?"

La mia mente era deserta, a stento riuscii ad interrogarmi riguardo la credibilità di quanto si stesse manifestando davanti i miei occhi.

Nel mio sconcerto, gli risposi.

"No, non mi fate paura".

Sul suo viso poteva cogliersi un'espressione divertita.

"Forse non sarò spaventoso, ma ciò che ho fatto lo è, vero Anna?"

Per lui sembrava tutto un gioco.

Mi afferrò dai capelli, sollevandomi da terra per poi scaraventarmi contro l'armadio.

Mi arresi all'idea che fosse giunta la fine.

Si chinò di nuovo sul mio viso.

"Che maleducato, quasi dimenticavo di presentarmi, io ti conosco, però devi sapere il mio nome, Nick Vanill"

Non capivo perché mai avrebbe dovuto pretendere che ciò potesse importarmi in quel momento.

Chiusi gli occhi, pronta alla mia ultim'ora.

Sentii "È sveglia!" ed aprii i miei occhi, accorgendomi di essere seduta su una sedia circondata da un mucchio di persone.

Avevo probabilmente perso i sensi.

Borbottavano rivolgendomi domande, ma non capivo nulla.

Poi calò il silenzio, un agente di polizia mi si avvicinò, aprendo una cartella.

Cacciò dei documenti, sentenziando "Anna Fost, lei è in arresto per furto e sequestro di telefoni ed oggetti personali, è tutto documentato, per mezzo di prove e test del dna.

È indagata per omicidio doloso.

L'ultima vittima è stata Elizabeth Kelins.

Ha il diritto di rimanere in silenzio, qualsiasi cosa dirà potrà e sarà usata contro di lei"

Tutto ciò era agghiacciante, mi irrigidii.

"Aspetti, è stato il ragazzo di cui Elizabeth parlava, lui deve avermi incolpata!"

"Era un sogno raccontato in un diario, non è una scusante".


Vota questo racconto:

Voto complessivo:

È necessario registrarsi e collegarsi dal browser per poter votare e visualizzare i risultati.


NarrazioniModifica

Nick Vanill Creepypasta ITA-0

Nick Vanill Creepypasta ITA-0

Narrazione a cura di Er Blasco canale YouTube LaManolaVip