FANDOM


Anche questa notte lui è qui.

Lo sento, arranca annaspando verso la mia stanza. I suoi passi pesanti rimbombano nel corridoio vuoto. Quasi strisciando si avvicina alla mia stanza. Spinge violentemente la porta.

Da dietro filtra la luce della luna, la sua postura getta un'ombra sinistra e ricurva sul parquet della mia camera.

Mi guarda, il suo volto illuminato lievemente dai raggi argentei sembra più rozzo che mai. Gli occhi brillanti e spalancati, la bocca aperta e la lingua penzolante sono la mia paura più grande.

La paura mi sta paralizzando. Riesco solo a guardarlo, in attesa della sua prossima mossa. Si avvicina a me, a carponi, pian piano. Riesco a sentire il suo alito acido e disgustoso quando apre bocca per sussurrarmi nell'orecchio.

- Buonanotte - farfuglia.

La mia gola è bloccata, non riesco a deglutire ma lui mi sta guardando, in attesa. Abbasso gli occhi e rispondo, sottovoce. Lui sembra soddisfatto, allarga la bocca in un ghigno e se ne va, finalmente.

Fa molto rumore, ma nella mia mente rimbomba ancora l'eco delle mie parole, le parole che ogni notte devo ripetere.

- Buonanotte, papà. -

Vota questo racconto:

Voto complessivo:

È necessario registrarsi e collegarsi dal browser per poter votare e visualizzare i risultati.
Un ringraziamento alla Wiki tedesca per questa funzione.


Ad blocker interference detected!


Wikia is a free-to-use site that makes money from advertising. We have a modified experience for viewers using ad blockers

Wikia is not accessible if you’ve made further modifications. Remove the custom ad blocker rule(s) and the page will load as expected.

Inoltre su FANDOM

Wiki casuale