FANDOM


Se si ha l'impressione che molte delle leggende metropolitane diffuse nel nostro paese abbiano origine negli USA è perché forse, così come in altri campi (cinema, letteratura, moda, lifestyle), anche per quanto riguarda le "storie di paura" (vere, false o verosimili che siano) siamo un po' troppo succubi degli States.

Ma leggende urbane e misteri metropolitani esistono in tutto il mondo: il caso di cui parliamo era per esempio estremamente diffuso in Polonia, Russia, Bielorussia, Ucraina e Mongolia negli anni '60 e '70.

La storia vede protagonista assoluta un'automobile di lusso: una Volga nera.

Si tratta di un'auto che a quei tempi era fabbricata nell'Unione Sovietica, a Gorky, e che era sinonimo di rango sociale elevato: le Volga di colore nero erano in dotazione esclusiva ai politici del partito comunista o a dipendenti governativi di alto livello.

Tra il 1960 e il 1970 la leggenda vuole che siano stati tantissimi i casi di persone scomparse in cui sarebbe stata implicata una Volga nera. Per l'esattezza il modello limousine con qualche tipo di decorazione bianca (tendine, cerchioni, finiture...).

Camminavi per strada e in un attimo ti ritrovavi prigioniero all'interno dell'abitacolo finemente lavorato della lussuosa automobile, verso un destino spesso fatale.

Nella versione più diffusa a sparire nel nulla sarebbero state soprattutto ragazze giovani e belle, che venivano rapite per diventare giocattoli sessuali per il piacere dei compagni Soviet di grado più alto (versione che già girava trent'anni prima, legata a un differente modello d'auto).

In un'altra versione a sparire erano principalmente bambini soli, il cui sangue - sano, giovane e benefico - sarebbe servito per curare gli occidentali o gli arabi ricchi malati di leucemia.

E non poteva mancare la versione in cui ai rapiti veniva asportato e rubato un rene.

Alla guida dell'auto si è ipotizzato ci potesse essere chiunque: da agenti del KGB a preti, passando per ebrei, suore, vampiri (!?!), satanisti e pure il Diavolo in persona.

Ovviamente niente di tutto questo è mai stato provato, né si hanno dettagli, notizie o statistiche certe di "sparizioni" legate a Volga di colore nero.

Ma è chiaro che la paura, il sospetto e l'odio verso gli "invasori comunisti" - che in quegli anni comandavano su territori e regioni che decenni dopo sarebbero diventate nazioni indipendenti e democratiche - ha alimentato queste dicerie. Così come la propaganda occidentale anti-sovietica e la necessità di "spaventare" in qualche modo i bambini affinché fossero più cauti e prudenti una volta fuori di casa.

Questa leggenda metropolitana - che come avrai notato ha dei notevoli punti di contatto con quelle del furto di reni e dell'ambulanza nera - è però sopravvissuta alla caduta del comunismo e al disgregarsi dell'Unione Sovietica.

Ancora oggi si parla di misteriose "auto nere", spesso modelli di lusso di BMW o Mercedes, implicate in sparizioni o in vicende da incubo. Spesso le vittime sarebbero ignare e innocenti passanti a cui il guidatore di una costosa auto nera chiede l'ora dopo aver accostato: la morte colpirebbe questi sventurati nei giorni successivi, proprio all'ora comunicata all'autista.

Volga-nera-leggenda-01.jpg













Vota questo racconto:

Voto complessivo:

È necessario registrarsi e collegarsi dal browser per poter votare e visualizzare i risultati.
Un ringraziamento alla Wiki tedesca per questa funzione.


Ad blocker interference detected!


Wikia is a free-to-use site that makes money from advertising. We have a modified experience for viewers using ad blockers

Wikia is not accessible if you’ve made further modifications. Remove the custom ad blocker rule(s) and the page will load as expected.

Inoltre su FANDOM

Wiki casuale