FANDOM


Molto spesso mi sono interrogata su fatti che accadono quasi ogni giorno... non mi riferisco a fatti ordinari, bensì a tutte quelle situazioni che noi definiamo "paranormali". Penso che questo interessi relativamente a tutti, in quanto l uomo, fin dai tempi antichi, ha sempre cercato di sapere, di capire cosa gli succeda intorno, ma di fronte alla morte... come può l'uomo anche solo cercare di immaginare cosa vi sia al di là di quest ultima?

Alcuni si confortavano nelle proprie invenzioni, che divenivano vere e proprie convinzioni che si sarebbero tramandate e mutate nel tempo... le Divinità, l'Olimpo, l'Ade...

Altri cercavano di capire... attraverso alcuni strumenti, per lo più molto rudimentali a quel tempo, ma capaci di far percepire un qualcosa... o addirittura, di comunicare con quel qualcosa...

Anche ai giorni d'oggi queste due fazioni, questi due modi per spiegare, almeno in parte, cosa vi sia dopo la morte, sono tutt'ora presenti... C'è a chi piace credere che la fede sia l'unica salvezza dalla morte, la fede fa si che il tuo spirito rimanga intatto e ti permetterà di giungere a Dio. E se Dio fosse solo una grande culla di nostra invenzione che ci protegge e ci da un qualche conforto nel pensare cosa potrebbe succedere dopo la morte? E se la morte fosse solo semplicemente la fine di tutto?... la vera fine dell essere?

Parmenide,un filoso antico,sosteneva che "L' essere è... il non essere non è". Ovvero, l'essere è tutto ciò che percepiamo... che sentiamo, tocchiamo, vediamo... il non essere è, appunto, quello che non percepiamo... quello che per noi non è, non è percepibile. Parmenide diceva che anche tutto quello che pensiamo è essere... L'essere è al tempo stesso ciò che esiste e l'unico oggetto del pensiero. Però... se ci si ragiona un po su... se Parmenide sostiene che il pensiero è essere... e io penso al non essere... allora in quel momento il non essere diventa essere... Ovvero se l'ho pensato, e il pensiero è (esiste), vuol dire che il non essere è (allora anch'esso esiste)... Forse non sarò stata sufficientemente chiara, ma il punto è... e se quando l'uomo muore diventa non essere che in realtà è? e se in realtà esistessimo anche se dopo la morte nessuno potrà più percepirci?

Forse alcuni potrebbero non capire a pieno quel che voglio dire, ma forse è meglio così, io studio da molto tempo questi singolari temi e da molto tempo in casa mia,o dovunque io mi trovi sento bisbigliare... vedo sempre muoversi qualcosa con la coda dell'occhio, sia di giorno che di notte. Sento che c'è qualcosa intorno a me, che non vuole andarsene. Ormai solo alcune volte ci faccio caso... Io so che cosa li ha spinti da me: La mia curiosità, la mia troppa curiosità... Sanno che con tutta me stessa... voglio sapere... 

Per questo motivo sto scrivendo ciò; Devo farlo, devo avvertirvi, la troppa curiosità può essere pericolosa, può rappresentare un pericolo che va al di là delle nostre possibilità. Dovete fare attenzione a cosa volete veramente... sopratutto pechè non si torna più indietro... Dovete cercare di frenare la vostra troppa curiosità prima che sia troppo tardi per tornare indietro... se già non lo fosse... 

Se in casa vostra ogni tanto, o spesso sentite dei rumori sinistri, se mentre siete apparentemente calmi, o intenti a fare una qualsiasi cosa e inspiegabilmente un brivido vi sale su per la spina dorsale, se avete come la sensazione di essere osservati... allora dovete rendervi conto...

...che potrebbe essere già troppo tardi...
PhotoGhost.jpg
  














Vota questo racconto:

Voto complessivo:

È necessario registrarsi e collegarsi dal browser per poter votare e visualizzare i risultati.
Un ringraziamento alla Wiki tedesca per questa funzione.


Ad blocker interference detected!


Wikia is a free-to-use site that makes money from advertising. We have a modified experience for viewers using ad blockers

Wikia is not accessible if you’ve made further modifications. Remove the custom ad blocker rule(s) and the page will load as expected.

Inoltre su FANDOM

Wiki casuale