FANDOM


Ice

Rovistando tra i vecchi scaffali ammucchiati nel magazzino dell’agenzia per cui lavoro – non mi è possibile farne il nome per motivi di sicurezza – ho trovato un rapporto decisamente bizzarro riguardo ad una ricerca geologica in Groenlandia avvenuta nell’ottobre del 1971, il quale mi ha lasciato alquanto perplesso, soprattutto perché mi è impossibile dubitare della sua autenticità dal momento che conosco il ricercatore capo della ricerca – di nome Joseph D. - scomparso misteriosamente alcune settimane dopo aver redatto tale rapporto.


In esso egli afferma di aver rinvenuto in mezzo ai ghiacci durante gli scavi un “uomo misterioso” tanto per citare le sue parole. Segue la descrizione redatta dallo stesso Joseph la sera della scoperta:

“Un essere dall’aspetto magro e scarno, braccia e gambe sottili e affusolate. La testa è molto grande e doveva contenere un cervello estremamente sviluppato, impossibile appartenesse ad un antico abitante di questa lande desolate. Le orbite risultano fin troppo ampie, ma la loro peculiarità sta nello strano alone bluastro che emanano in assenza di luce, specialmente quando si provoca un rumore di qualsiasi tipo o ci si avvicina al corpo in modo eccessivo.”

Ma come ci è finito lì questo strano abitante dei ghiacci?

“… sul corpo sono presenti evidenti segni di una morte violenta, visibili i colpi brutali inflitti al torace e al cranio e numerosi e profondi morsi alle gambe da parte di uno o più canidi.
Ciò lascia pensare che l’essere sia stato assassinato da un membro di una tribù indigena il che è molto strano dal momento che la pratica dell’omicidio era estremamente rara a quei tempi siccome gli abitanti contavano molto sulla vita di gruppo, al fine di sopravvivere in un ambiente così ostile. Inoltre i colpi sembrano essere stati inferti in maniera imprecisa seppur con violenza disumana, dando l’impressione che l’aggressore al momento della colluttazione fosse in preda ad una paura immensa, come si può essere solo di fronte all’ignoto più immondo.”


Il rapporto successivo di Joseph risale al mattino seguente e quanto segue mi lascia davvero perplesso:

“Questa notte si è verificata un’insolita aurora boreale fuori stagione, inoltre nessuno di noi è riuscito a chiudere occhio dentro alle tende. Tremavamo tutti, presto realizzai non si trattava del freddo. C’era qualcosa di ignoto che si intrufolava nella nostra mente. Due miei compagni si sono svegliati in preda agli incubi mormorando frasi in una lingua mai sentita prima e raccontando di essersi ritrovati soli in mezzo alla notte mentre due bagliori bluastri li inseguivano vorticando nella tempesta di neve. Altri tre manovali sono stati colti da un’improvvisa crisi epilettica durante la quale hanno sperimentato sensazioni mai provate prima mentre si trovavano in un mondo alieno e sconosciuto. Io non me la sono passata tanto meglio. Mi è parso di vedere un'ombra riflessa sulla parete della tenda dalla luce dell’aurora, qualcosa si aggirava attorno alla sepoltura come in cerca di qualcosa.”

Fin qui la storia si è fatta sempre più misteriosa, ma quanto segue varca le soglie della ragione umana: 

“Passammo l’intera giornata ad esaminare il corpo, seppure nessuno di noi osasse avvicinarsi ad esso. Ad un certo punto la guida, un abitante della zona, si accorse che vi erano rimaste delle orme sul terreno dalla notte appena trascorsa. Fui invaso dal terrore quando scoprii che quegli strani piedi che avevano camminato sulla neve mentre noi dormivamo erano identici a quelli della creatura. La guida ci abbandonò quello stesso pomeriggio e fuggi via con la sua slitta, ma non prima di aver farfugliato di una strana leggenda riguardo viaggiatori da altri mondi, luci nella notte e la sparizione di numerose persone.”


Questo è l’ultimo rapporto comprensibile redatto da Joseph prima della sua crisi di panico, che lo colpì gravemente nei giorni successivi. A quanto pare fu come se un’entità sconosciuta si fosse intrufolata nella sua mente e l’avesse messa sottosopra. I particolari del rapporto redatto dal secondo in capo - Harry T. – riguardo a questo avvenimento sono agghiaccianti.

“Joseph è completamente impazzito, ha accidentalmente fissato le orbite vuote della creatura senza riuscire a distogliere lo sguardo, nonostante urlasse come un forsennato. Sono dovuti intervenire in tre per spostarlo, come se fosse trattenuto da una forza invisibile. Da allora non fa altro che mormorare frasi confuse affermando che – loro sono fra noi – e che – ci osservano con occhi di luce –.
Abbiamo appena concluso i preparativi per la partenza, vogliamo andarcene da qui il prima possibile. Fra poche ore verrà a prenderci un aereo per il sorvolo artico. Il corpo è stato accuratamente depositato in una cassa di legno e sigillato al suo interno e verrà trasportato in nave. Mentre richiudevano il coperchio ho come avuto l’impressione che mi stesse fissando… penso che al mio ritorno avrò bisogno di una pausa.
Data 12 ottobre 1971”


Questo sembra essere l’ultimo documento originale riguardo a questa faccenda, tutti i rapporti successivi sono stati evidentemente distrutti. Credo che ci sia dietro qualcosa di grosso. Ho letto un referto secondo il quale il gruppo di ricerca è tornato sano e salvo, ma mentalmente provato.

Joseph è scomparso una notte di tempesta alcune settimane dopo mentre viaggiava in auto da solo in una zona boscosa vicino casa sua. Quella notte scomparirono altre tre persone della zona e testimoni oculari affermano di aver visto delle strane luci nel cielo.

I tre ricercatori che ebbero le crisi epilettiche si sono cavati gli occhi con le loro stesse mani il giorno dopo il ritorno affermando che “loro non hanno bisogno di occhi per vedere”, sebbene non si capisca a chi si riferiscano. In seguito ho rinvenuto un rapporto della marina militare inglese riguardo alla nave. A quanto pare, mente si trovava a metà del viaggio, le comunicazioni sono state interrotte manualmente dall’interno. Non è stato trovato nessun relitto nella zona della sparizione, la nave sembra davvero essersi volatilizzata.


Questo è tutto quello che ho scoperto finora ma nei prossimi giorni approfondirò le ricerche affinché la verità su questo “uomo del nord” venga a galla. Dannazione, ho come l’impressione di infilarmi in guai seri, ma devo farlo. Tra l’altro adesso sta infuriando una tempesta fuori casa, sembra quasi che...


LoRo Ci VEdanO

Vota questo racconto:

Voto complessivo:

È necessario registrarsi e collegarsi dal browser per poter votare e visualizzare i risultati.
Un ringraziamento alla Wiki tedesca per questa funzione.


Ad blocker interference detected!


Wikia is a free-to-use site that makes money from advertising. We have a modified experience for viewers using ad blockers

Wikia is not accessible if you’ve made further modifications. Remove the custom ad blocker rule(s) and the page will load as expected.

Inoltre su FANDOM

Wiki casuale