FANDOM


Ghost KillerModifica

Sono trascorsi anni ormai da quell'orribile giorno, quel giorno che rovinò la tua vita. Perdesti i tuoi amici, distruggesti una famiglia, ma cosa ben peggiore... creasti un mostro.

Vivi nel terrore da quel giorno, ti stai rendendo conto che il vero incubo non è stato il riformatorio, quello se non altro ti teneva al sicuro, il vero incubo per te ora è vivere senza avere la certezza di superare la notte.

Eppure sai di esserti meritato tutto ciò, nulla può giustificare ciò che hai fatto, eri senz'altro giovane e non hai agito completamente di testa tua. Ma sai di essere colpevole, è stato il tuo gesto a dare il via alla catena di orrori che si è poi scatenata.

Tu e i tuoi genitori vi siete trasferiti lontano, ormai non è rimasto nulla della tua vecchia vita, la casa in cui vivi ora sembra una prigione, con sistemi d'allarme all'avanguardia e tutto ciò che dovrebbe farti sentire al sicuro.

Sei cambiato da allora, vai a scuola regolarmente, non infastidisci più nessuno e fai ben attenzione nel selezionare le tue amicizie. Non ti fai mettere i piedi in testa da nessuno, i tuoi giorni da bullo ti hanno insegnato a tenere testa ai bulletti atteggiati di turno. Sei stimato nella tua classe, e pensi che se ti comporterai bene d'ora in poi il tuo passato sarà cancellato. Sarai perdonato. Dimenticato. E i tuoi incubi finalmente cesseranno... ma sai che non sarà così.

Finita la mattinata tornerai a casa, pranzerai, e uscirai con i tuoi nuovi amici, amici che non conoscono nemmeno il tuo vero nome né il motivo del tuo trasferimento e di certo non potranno mai sapere del fardello che stai portando, e come al solito, la tua giornata sarà rovinata da quell'orribile ricordo.


Giunta la sera torni a casa. Saluti i tuoi che si trovano nel salone, non dai peso a ciò che stanno trasmettendo in tv, nemmeno i tuoi genitori sono concentrati sul televisore. C'è il telegiornale, le solite notizie gossip spazzatura che trasmettono sempre ti fanno perdere il completo interesse, e tu sei stanco e vuoi solo andare a dormire.

Arrivato all'inizio della scalinata che porta al primo piano in cui si trova la tua stanza, il tuo cane si avvicina.

È visibilmente scosso da qualcosa, forse sta male o forse gli sei solo mancato... non avresti mai immaginato che ti saresti affezionato così tanto ad un cane da guardia.

“Avanti bello, lasciami andare a dormire”.

Lo rassicuri con qualche coccola e lo induci ad andare nella sua cuccia.

Cominci a salire gli scalini, sono pochi, ma sei stanco e fai fatica a salirli. Arrivato in cima puoi ancora sentire la tv trasmettere, e mentre percorri il breve corridoio per raggiungere la tua stanza riesci ad udire che c'è una notizia che riguarda il tuo paese, ma tuo padre già stanco dalle notizie precedenti spegne il televisore.

Cadi nel letto distrutto, e dai un'occhiata all'orologio: "21.30" e prima di accorgertene stai già dormendo, la prima notte dopo tanto tempo in cui ti addormenti senza alcun pensiero, forse oggi finalmente nessun incubo ti disturberà.

Ti risvegli. È ancora notte. Senti dei suoni provenire dal corridoio, guardi l'ora: “0.00” è ancora presto. Ti autoconvinci che sono i tuoi che stanno andando a dormire e prima che tu te ne renda conto sei di nuovo nel mondo dei sogni.

Ti risvegli. È ancora notte. C'è un odore tremendo nell'aria, un odore dolciastro nauseante. Non capisci cosa possa provocarlo. Non puoi ignorarlo. Guardi l'ora: "3.00" Ti alzi.



Percorri il buio corridoio. Non riesci a vedere bene ma sai che non c'è nulla che può intralciarti da lì fino alle scale. Nel percorrerlo ti accorgi che la porta della camera dei tuoi è aperta, dai un'occhiata all'interno restando nel corridoio. Tuo padre è lì che dorme nel suo lato del letto, tua madre non c'è. È per forza di sotto. Raggiungi le scale ma decidi di non accendere la luce per evitare di svegliare tuo padre. Cominci a scendere le scale, l'odore ora è più forte.

Inciampi a metà scalinata scivolando su qualcosa, cadi pesantemente sul pavimento del pianoterra. Non sei preoccupato di esserti fatto male, sei preoccupato per quello che ti sta toccando il volto. Qualcosa ti ha macchiato la faccia, ti tocchi la guancia e al contatto capisci di cosa si tratta... sei spaventato.

Hai capito cosa sta succedendo, quel giorno è arrivato. Ma non ti fermi e agisci subito.

Accendi la luce del salone e ciò che vedi ti distrugge. Il corpo del tuo cane giace sul pavimento in un' enorme pozza di sangue. È l'odore del suo sangue che ha impestato la casa. Il tuo cane è coperto di tagli dappertutto e nei suoi occhi puoi ancora vedere il terrore che ha provato nei suoi ultimi istanti di vita.

Sei pietrificato dalla paura. Sai di dover scappare da quella casa e correre il più lontano possibile, ma sai di non poter abbandonare lì i tuoi genitori. Il filo del telefono è stato tagliato. Ti accorgi solo ora che la luce della cucina è accesa, prima che tu possa raggiungerla senti una voce provenire dall'interno.

“Cosa fai ancora alzato?”

Non fai caso alla voce, ma riconosci l'ombra femminile riflessa sulla porta. Capisci che tua madre era lì, in piedi. Rassicurato corri in cucina.

“Mamma dobbiamo andarc...”

E realizzi che non era veramente in piedi. Ma leggermente sollevata dal terreno...

La trovi impiccata con la gola squarciata, gran parte del suo sangue era colato sul pavimento. E con altrettanto sangue una frase era scritta sul muro: “THANK YOU”.

Non ci sono più dubbi ormai, lui è lì, ti ha trovato. Prima che tu possa reagire in qualche modo una risata alle tue spalle ti blocca.

Ti si raggela il sangue.

Non vuoi girarti.

Non vuoi vederlo.

Vuoi solo svegliarti.                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                        

Ma è tutto vero.




Ti pugnala alle spalle e ciò ti fa cadere sul pavimento. Ora sei costretto a voltarti. Lo fai, e lo vedi.



1373559052113


Nulla di ciò che vedi ti è familiare. Capelli neri, occhi cerchiati col fuoco, una bocca orrenda priva di labbra che forma un orrendo sorriso e il colore della sua pelle è l'emblema del pallore della morte. Il suo volto è ben peggiore di come era stato descritto dai sopravvissuti. Non c'era più nulla del ragazzino che avevi visto anni fa.



“N-non volevo che accadesse... mi dispiace Jeff...”



Jeff: “Io non sono Jeff, io sono l'essere meraviglioso che tu hai contribuito a creare... finalmente ti ho trovato... tu mi hai aiutato a rendere perfetto il mio volto... e hai risvegliato il vero me... sono qui per ripagarti quel favore... non sarà difficile... in fondo, come hai detto al tuo cane, volevi solo andare a dormire...”

Ti scagli addosso al killer mentre realizzi tutto quanto...                                                                               

L'allarme non è suonato perché ero già entrato in casa durante il giorno. Il tuo cane mi aveva visto ed era rimasto terrorizzato, nemmeno lui è riuscito a reagire alla vista della mia splendida faccia. Ho ucciso tua madre e tuo padre nel completo silenzio. Mi sono trattenuto, non potevo rischiare che le urla ti svegliassero prima del tempo. Mi sono risparmiato dal dire la frase che è d'obbligo a tutte le mie vittime. Un piccolo strappo alla regola in cambio della tua vita, tu più di tutti quanti meriti l'armonioso abbraccio del riposo eterno, e questa notte... è una notte speciale. Ho deciso che solo una persona dovrà udire quella frase, quella frase semplice ma detta come solo un pazzo potrebbe fare.

“Torna a dormire, Keith. Torna a dormire.”




Pulendo il coltello nei miei abiti già sporchi del tuo sangue, rido.                                                                  



Rido incessantemente in quella casa ormai priva di altra vita. Rido all'idea che pensavi veramente di poter cancellare il tuo passato e di essere dimenticato da me.

Cambiare la tua vita non è servito a fermarmi.          

Mentre osservo il corpo martoriato di Keith scorgo il suo orologio da polso ormai insanguinato.


"3.20"... è ancora presto.

Large 20 85















Ghost MemoriesModifica

Finalmente l'avevamo preso, solo altre poche scalinate e sarebbe rimasto intrappolato sul tetto dell'edificio.

Questa era la terza volta che rivedevo il famigerato serial killer, Jeff.

Non ci sfuggirà questa volta, non possiamo permettergli di uccidere ancora, questo squadrone si fida di me, si fida della mia esperienza su questo caso... se questa volta fallirò, non potrò più perdonarmelo.


Siamo giunti sul tetto... lui era lì.

Ci dava le spalle fissando il profondo vuoto dall'altissimo palazzo, era immobile, impassibile, mi dava l'impressione che si sarebbe lanciato all'improvviso da un momento all'altro.

"Jeffrey, è tutto finito ora... getta il coltello e stenditi a terr-"

Fu in quel momento che Jeff si voltò verso di noi, mostrando il suo orripilante volto. Alcuni membri della SWAT vomitarono nelle loro maschere, altri si coprirono il volto per non guardarlo. Pessimo errore, questi agenti non erano di certo dei novellini ma non erano preparati ad una situazione simile.

Ma io sì.

Ho rivisto il suo volto migliaia di volte nei miei incubi, e lo rivedevo ogni volta che mi guardavo allo specchio.

Jeff approfittò di quel momento di disagio degli agenti, per tentare nuovamente di fuggire.

Ma io non avevo mai smesso di fissarlo.

Presi la mia pistola e sparai tre colpi decisi sul killer.


Jeff cadde a terra, e non si rialzò più.




Torniamo un pochino indietro.

Jeff era stato avvistato tornare nella città dove ha compiuto il suo primo massacro, nessuno di noi poteva sapere il perché, a giudicare dal suo stato mentale era possibile che nemmeno lui lo sapesse.

Quel giorno sapevamo che Jeff si sarebbe presentato in quell'appartamento, dopo l'uccisione di Keith, gli obbiettivi di Jeff diventarono solo ragazzini... dai 10 ai 15 anni, secondo alcuni, tutte le vittime che susseguirono Keith erano tutti ragazzi con una pessima reputazione a scuola, essi erano infatti tutti dei bulli nelle loro classi.


Un ragazzo aveva chiamato in lacrime il distretto il giorno prima, dicendo di aver avuto degli incubi riguardo Jeff, e di avere la sensazione di essere osservato la notte.

Questo mi ricordò il caso a Brookfield, sembrava infatti che poco tempo prima che una delle numerose vittime di Jeff morisse, egli le apparve in sogno.

Il poliziotto che ricevette la chiamata pensò ad uno scherzo di cattivo gusto, mi trovavo accanto a lui in quel momento, lo costrinsi a dirmi cosa gli era stato detto, insistette dicendomi di lasciar perdere ma fui più testardo di lui. Quando finalmente vuotò il sacco, balzai in fretta e furia per arrivare all'ufficio del mio capo, dovevo farmi concedere come minimo la ronda notturna per pattugliare quella zona.

A mia sorpresa, oltre al permesso di ronda, fece appostare gli SWAT nei pressi dell'edificio. Il mio capo si fidava molto di me, sapeva che non lo avrei mai disturbato per una sciocchezza, o forse il suo fu un modo per scusarsi per ciò che accadde al mio ex partner quella notte... ma certamente, se niente fosse successo quella sera, e avessi fatto mobilitare gli SWAT per una chiamata-scherzo, me l'avrebbe fatta pagare amaramente.

In un certo senso, avrei preferito che si trattasse di uno scherzo, poiché non sono riuscito a salvare quel povero ragazzo e la sua famiglia...

"Da dove diavolo poteva essere entrato Jeff?" fu quello che pensai quando sentimmo le urla strazianti e ci dirigevamo verso l'appartamento.

Alla porta c'era una guardia, e le finestre erano completamente sbarrate... fui uno stupido, era così elementare, e se mi fossi impegnato di più l'avrei potuto capire prima.

Jeff era sempre stato nell'appartamento, proprio come accadde con Keith, è rimasto nascosto all'interno della casa attendendo la notte per compiere il suo massacro.

È uscito distruggendo la porta dell'appartamento, il poliziotto di guardia era già intento a sfondarla, e trovandosi nel lato opposto nel momento dell'uscita di Jeff, cadde a terra non riuscendo a reagire in nessun modo. Jeff gli tranciò la gola di netto prima di fuggire verso le scale che portavano verso il tetto.

Un'altra vittima innocente nel curriculum di Jeff the Killer, un altro buon motivo per fermare la sua follia.


Fu così che finalmente riuscimmo a fermare il famigerato killer.



Fui accolto come un eroe nel mio distretto, ogni poliziotto mi accolse a braccia aperte, mi strinsero la mano uno ad uno dandomi ripetutamente pacche sulla schiena.

Festeggiarono ardentemente quel giorno, ogni poliziotto che in quel momento si trovava a pattugliare la città ancora rimpiange di non esserci stato.

Rimasi in disparte nonostante fossi il motivo di tale festeggiamento, perché avrei dovuto festeggiare la morte di un ragazzo? Mi chiesi.

Jeff sarà anche stato un killer spietato, ma si trattava di una persona mentalmente disturbata, una persona che ha avuto diversi traumi, un ragazzo che fin da bambino avrebbe dovuto avere più attenzioni, e invece... quando ha avuto bisogno di aiuto nessuno lo ha aiutato, nessuno gli ha creduto, nemmeno i suoi genitori, tutti, tranne Liu, il fratello.




Questo mi ricordò quando vidi Jeff per la prima volta, ero appena entrato in polizia e mi sembrò stupido che il mio primo incarico consisteva nell'arrestare un ragazzino che aveva picchiato diversi bulli. Ma allo stesso tempo mi sembrava strano che un 13enne potesse arrivare a pugnalare diversi ragazzi ad un'età così immatura.

Quando entrai nella casa di Jeffrey io e il mio partner fummo accolti dalla madre, ovviamente, fu un trauma per lei scoprire cosa aveva fatto il suo figlioletto a quei tre ragazzini, fu allora che Jeff scese le scale chiamato dalla madre.

Il futuro Jeff the Killer era lì davanti ai miei occhi, un ragazzino all'apparenza come tanti altri ma che nascondeva dentro di sé un istinto omicida assai difficile da colmare. Sembrava non crederci nemmeno lui a quello che aveva fatto quando sua madre gli spiegò perché c'erano degli agenti in casa.

Invitai Jeff a seguirmi in macchina, in quel momento sembrava che Jeff avesse tutte le intenzioni di scappare, anche il mio partner se ne era accorto ed eravamo entrambi pronti all'inseguimento.

Inaspettatamente, invece, Jeff disse: "Signore, sono... sono stato io. Sono stato io l'unico a picchiare i ragazzi. Liu ha provato a trattenermi, ma non ci è riuscito."

Guardai il mio collega annuendo, poi parlai: "Bene, ragazzo, sembra che un anno in rifor..."

Fu in quel momento che Liu arrivò a salvare il fratello, Liu si prese tutta la responsabilità dell'aggressione ai 3 ragazzi, Jeff si salvò e un innocente venne arrestato al suo posto.

Sapevo che non era stato Liu, si vedeva benissimo che stava agendo solo per salvare il fratello, tentai di intimidirlo mentre lo trasportavamo in centrale, dicendogli che per un'accusa così grave avrebbe rischiato un anno di riformatorio, rimase impassibile, affermando per tutto il viaggio che era stato lui a compiere tale atto.

Per quanto mi doleva arrestare un presunto innocente fui costretto a seguire la legge, è una cosa orribile da dire, ma se Liu quel giorno avesse soffocato il suo amore fraterno oggi Jeff sarebbe dietro le sbarre, e con questo, parecchie vittime innocenti sarebbero ancora vive, compresi loro due stessi.

Il gesto di quei tre bulli fu ignobile, quando interrogammo Keith lui confessò che Randy aveva costretto lui e Troy a mentire sull'aggressione alla fermata dell'autobus, andai su tutte le furie.

A causa di quello stupido gesto Randy e Troy erano morti, uccisi da Jeff, Jeff ne era uscito sfigurato e Liu si trovava ancora in prigione per un reato che non aveva commesso.

Non potemmo arrestare Jeff in quanto si trattò di legittima difesa, Keith scontò cinque anni di riformatorio, e tutto ciò che potemmo fare era finalmente far uscire Liu dal carcere.


Qualche giorno dopo il rilascio di Jeff dall'ospedale, arrivò una chiamata dai vicini di Jeff, notarono un'assenza di attività nella casa di Jeffrey, l'intera famiglia sembrava infatti scomparsa nel nulla.


Ciò che vidi quando facemmo irruzione in quella casa... ancora mi tormenta nei miei incubi... i genitori di Jeff si trovavano nella loro camera da letto, i loro corpi erano stati completamente martoriati. I muri di quella casa erano cosparsi di sangue dappertutto, quando il disgusto sparì, finalmente riuscimmo a localizzare alcune frasi scritte col sangue, "Scusa, mamma." in quel momento ci risultò chiaro che era stato uno dei due figli a compiere il massacro.

Quasi piansi quando sulla porta della camera di Liu trovai scritto "Ti voglio bene, fratello.", capì cosa avrei trovato se avessi aperto quella stanza, in quel momento non ce l'ho fatta, dovetti rinunciare a perquisire la casa e lasciar agire gli altri miei colleghi. Tale gesto mi fu perdonato in quanto ero ancora una recluta alle prime armi.

Perché quelle frasi controsenso? Prima li uccide e poi gli chiede scusa... prima li uccide e poi dice di volergli bene... come si può arrivare ad uccidere il proprio fratello in questo modo? Un fratello che per giunta lo ha sempre protetto, era andato addirittura in prigione per lui, dannazione!

Non credo esistano spiegazioni per ciò che ha fatto Jeff quella notte, l'unica mia teoria è che Jeffrey è rimasto intrappolato in quel corpo nel preciso momento in cui le fiamme hanno avvolto il suo corpo, ciò che è uscito da quell'ospedale non era altro che la personificazione del male, un demone. E Liu rappresentava l'unico filo che lo collegava alla sua umanità, un filo che avrebbe dovuto recidere.


Io oggi non festeggerò, perché io ho ucciso quel corpo, e con esso il povero Jeffrey imprigionato al suo interno.




Oggi è il funerale di Jeff.


Nessuna epigrafia funeraria su di lui ho notato in questi due giorni, mi chiedo in quanti saremo al suo funerale. Ho avuto molti problemi a scoprire l'orario di sepoltura, sembrava non lo sapesse nessuno.

Non riesco a trovare il luogo da nessuna parte, ma sono riuscito a trovare le tombe della sua famiglia, a quanto pare è stato deciso di non seppellirlo accanto a loro... ma perché?

Ho vagato invano nel cimitero per mezz'ora, poi finalmente sono riuscito a trovare qualcosa, un becchino tutto solo che seppelliva qualcuno.

"Mi scusi, saprebbe dirmi dove stanno seppellendo Jeffr..." "Sei nel posto giusto." disse indicando con il dito l'interno della bara.

Davvero? Era tutto qui? Nessuno che assisteva?

Tutto ciò che vidi era una bara aperta, malconcia, sembrava stesse per cadere a pezzi.

Il corpo di Jeff giaceva all'interno, era ancora come lo avevo visto l'ultima volta, stessi abiti, stessi fori di proiettile, non lo avevano ritoccato minimamente.

La lapide era la più spoglia e mal ridotta che avessi mai visto, solo un nome: "Jeffrey" e le rispettive date di nascita e morte, nessun cognome inciso... i suoi parenti rimanenti lo odiavano a tal punto da negargli il suo cognome pure nella morte?

Quindi è questo il funerale di un killer, nessuno sente la tua mancanza, nessuno ti onora, nessuno piange per te. Il mondo semplicemente finge che tu non sia mai esistito, quella tomba spoglia isolata nel cimitero diventerà solamente un luogo in cui i ragazzini effettueranno prove di coraggio visitandola la notte.

La bara fu chiusa con Jeff all'interno, la tomba non era nemmeno nella norma in quanto a profondità, pure il becchino sembrava fare tutto ciò controvoglia, oppure si stava solo sbrigando per andarsene il più velocemente da lì. In fondo era rimasto lì da solo per tutto quel tempo, con gli occhi di Jeff perennemente spalancati che lo fissavano.


Sono stato il solo a voler assistere al funerale di Jeff the Kil... no, di Jeffrey.



Finalmente sono a casa, come avevo previsto anche mia moglie mi ha trattato come un eroe. Ciò mi ha infastidito ma non troppo, non volevo rovinare quel momento.

Mia moglie ha detto che il mio capo ha telefonato a casa dopo che me ne sono andato durante la festa, sembra che volesse parlare con me di cose importanti, mia moglie ha supposto che si trattasse di una promozione, in quel caso non so se accetterò l'offerta, mi sono sempre trovato bene nel mio semplice lavoro da detective...



Già...


Ricordo il motivo della mia promozione a detective, uno dei giorni più brutti della mia vita.

Per quanto io possa sforzarmi di non pensare a lui, le mie memorie ci ritornano sempre.


Fu la seconda volta che vidi Jeff, accadde poco tempo dopo l'assassinio di Keith, il bullo che lo aveva sfigurato. Le precauzioni prese dall'F.B.I. dopo l'uscita dal riformatorio di Keith, non furono abbastanza per proteggere il ragazzo e la sua famiglia, Keith fu assassinato solamente un anno dopo il suo rilascio.


Fummo io e il mio collega coloro che si occuparono del caso di Jeff a Brookfield, ricordo ancora quel giorno come se fosse ieri.

Io e il mio collega eravamo praticamente stati costretti dal mio capo a fornire supporto alla polizia locale di Brookfield, “Voi due siete gli unici che lo hanno incontrato prima di ciò che è diventato, siete i più portati per questo caso” ci disse, stronzate pensai io, due persone in più non avrebbero di certo fatto la differenza.

Pattugliavamo una strada poco distante da lì quando una vicina chiamò il 911 segnalando delle urla provenienti dalla casa accanto a lei, guardai l'orologio prima di dare gas a manetta “3:20” poteva significare solo una cosa.

Non perdemmo tempo in convenevoli e sfondammo la porta cercando in fretta e furia gli abitanti della casa, fu quando entrammo nella stanza della piccola che lo vedemmo.


Il corpo senza vita di una bambina giaceva sul pavimento, ai piedi di colui che entrambi ci aspettavamo di vedere, ma che in nessun modo assomigliava a come lo avevamo visto la prima volta.


Jeff12
Non ci fu il tempo per “ammirare” il suo aspetto demoniaco, e prima che ce ne accorgessimo saltò addosso al mio collega, trafiggendogli il petto con un coltello.

Tentai di intercettare la sua fuga parandomi di fronte all'entrata della stanza, fu in quel momento che io la sentì, la sua fredda lama che tentava di squarciarmi la guancia dall'interno della mia bocca. Con un goffo movimento della testa riuscii perlomeno ad evitare di farmela squarciare del tutto, procurandomi una ferita simile alla sua, ma non così profonda.

Ciò che nessuno sa, e che a nessuno ho detto, è che prima di scappare superando la porta, per poi svanire nella notte, lui mi ha parlato. Dopo avermi inflitto quella ferita, ha avvicinato la sua orrenda bocca al mio orecchio, sussurrandomi.


“Vuole provare ad arrestarmi di nuovo, agente? Era meglio se fosse rimasto a dormire.”

Io non sono di certo stato in grado di riconoscerlo, ma Dio, se lui aveva riconosciuto me.

Non ebbi né la forza, né le capacità mentali per partire al suo inseguimento, se c'era una cosa che Jeffrey sapeva fare, era paralizzarti dalla paura, impedendoti di pensare.

Tentai dunque di soccorrere il mio collega, agonizzante al centro della stanza, a causa della ferita al petto che gli faceva perdere copiosamente il sangue. A nulla servì, fallimmo nel salvataggio di quella bambina, e io persi il mio collega quella notte. Eravamo solo arrivati in tempo per impedire l'assassinio del padre della piccola Mandy, che aveva assistito a tutto quanto restando impietrito per tutto il tempo in quella stanza.

Qualche giorno dopo la polizia locale interrogò il padre nel tentativo di registrare nuove informazioni sul killer. Tengo ancora una copia della registrazione con me.

Poliziotto locale: “Signore, lei sa perché l'assassino si trovava a casa sua?”

Padre di Mandy: “La mia bambina...”

P. L. “Conosceva sua figlia?”

P. M. “La mia piccola...”

P. L. “Signore, capisco che per lei è difficile raccontare ciò che è successo, ma se se la sente, la prego di dirci tutto quello che sa, ogni informazione può esserci utile per impedire che lui faccia questo a qualcun altro.”

P. M. “...”

P. L. “Signore...”

P. M. “Mandy... ultimamente mi diceva di avere un amico immaginario, di nome Jeff, che veniva a farle visita la notte...”

P. L. “Sta dicendo che era venuto altre volte a casa sua?”

P. M. “Non ne sono sicuro... ma la notte prima... di quello... l'avevo sentita urlare nel mezzo della notte, sono andato da lei, e quando l'ho vista sembrava come se avesse lottato con qualcuno...”

P. L. “Quand'è che sua figlia ha iniziato a parlare di Jeff?”

P. M. “Diceva di incontrarlo anche nei suoi sogni... e che lì giocava con lei... come farebbe un amico...”

P. L. “Poi cos'è cambiato?”

P. M. “Il giorno dopo la sua presunta lotta, nel pomeriggio, l'ho sorpresa a piangere... è corsa nella sua camera e ha fatto cadere un foglietto dalle mani.”

P. L. “Cosa c'era scritto nel foglietto?”

P. M. “Ci vediamo stasera.”

P. L. “Signore, dove si trova quel foglio ora?”

P. M. “... Lui... mi ha parlato...”

P. L. “Intende l'assassino? E che che le ha detto?”

P. M. “Mi ha detto solo... torna a dormire...”

P. L. “Signore... dov'è il foglio?”

P. M. “Solo... torna a dormire...”


Quando tornai a casa, assistetti al funerale del mio collega, e qualche giorno dopo, ricevetti la mia promozione da detective, direttamente dal mio capo. Che mi apparve solo come un modo per scusarsi per averci mandato lì, da soli.

Quella notte giurai vendetta per la morte del mio partner, quella notte decisi di dedicare la mia vita nel tentativo di fermare Jeffrey.



E ora mi ritrovo a fissare lo specchio. A fissare la mia guancia sfigurata... la ferita non è mai guarita, non si è mai cicatrizzata del tutto, come se a farla fosse stato un fuoco demoniaco.


Mi dirigo verso la mia camera da letto, domani sarà un nuovo giorno, sarà tutto diverso. Mi corico sul letto in attesa di addormentarmi, questa notte almeno il mondo ha una cosa in meno di cui preoccuparsi.

Tra me e me non posso che pensare...

Mi sono ritrovato ad odiare per anni una persona che non era altro che una vittima del male che c'è in questo mondo. L'ira, la frustrazione, il dolore, l'essere continuamente ignorato da chi avrebbe dovuto aiutarlo, queste sono state le cose che hanno dato vita al demone che poi ha divorato la sua anima. Io l'ho ucciso, questo è vero, ma ora non posso che provare pena per lui. Non ho esitato un momento a sparargli, avrei dovuto avere pietà per lui, ma non ne ho avuta, e ora cosa mi rende diverso da lui? Nulla. C'è del male dentro di me, come c'è in ognuno di noi.

Finalmente riesco ad addormentarmi.


Incubi, i soliti, loro continuano a non abbandonarmi.


No. C'è qualcosa che non va, c'è un'insolita strana sensazione che qualcosa sta per andare male, apro gli occhi e davanti a me c'è qualcuno.

C'è una sagoma ai piedi del mio letto, che mi osserva, immobile, silenziosa.

“Karen! Per l'amor di Dio hai intenzione di farmi venire un infarto?” dissi spaventato alla vista di mia figlia che stava lì a fissarmi.

“Papà... non riesco a dormire... puoi venire a controllare che non ci sia nessuno nella mia stanza?” rispose lei.

Non potevo lamentarmi, ero così preso dal mio lavoro ultimamente che quasi mi ero dimenticato di essere un padre, l'accompagnai nella sua cameretta e la rimettei a letto. Controllai la sua stanza per darle quella sicurezza che serve ai bambini per tornare a dormire, la controllai da cima a fondo, sotto il letto, nell'armadio, ovunque.

Finalmente aveva cominciato a calmarsi, e quando feci per andarmene lei mi disse...

“Papà... quell'uomo cattivo mi farà del male...?”

“Quale uomo cattivo, tesoro?” risposi sorpreso.

“Quello a cui tu pensi sempre!” disse con un tono arrabbiato e preoccupato all'unisono.

“No... bambina mia... quell'uomo non può più fare del male a nessuno ora” le dissi per rassicurarla.

“E perché?” chiese lei.

“Perché papà si è assicurato che lui non possa più farlo”.


“Ma lui è vivo papà... lui vuole venire da me stanotte...”


“C-cosa...?” quasi mi strozzai con la saliva.

Karen prese qualcosa dal cassetto del suo comodino e me lo porse. “Mi ha detto che questo avrei dovuto leggerlo insieme a te stanotte...”

Presi il piccolo oggetto dalle mani tremanti di Karen, era un foglietto, stropicciato e chiuso.

Lo aprii, quasi mi si raggelò il sangue, quelle poche e semplici parole mi fecero tornare in mente le parole del padre di Mandy.

“Ci vediamo stasera.”


“Quando... quando ti ha dato questo?! Quando lo hai visto?” le chiesi mentre cominciavo ad essere pervaso dal panico.

“Tre giorni fa... mi ha detto che non dovevo dirti di lui... a-altrimenti avrebbe fatto del male alla m-mamma...” Karen ha notato la mia preoccupazione, e ha cominciato a piangere.

Tre giorni fa... è la notte in cui l'ho ucciso, dev'essere successo la mattina presto... ma lui... sapeva di me? Sapeva che sarei stato lì? E perché ha lasciato quel messaggio a mia figlia?! Che cosa voleva da lei?! O... vuole?

Jeff è vivo? No, non è possibile. L'ho ucciso io. Ho visto oggi il suo corpo in quella bara, non può assolutamente ess-... eppure... il corpo era come lo avevo lasciato su quel tetto, non lo avevano minimamente ritoccato, possibile che stesse fingendo di essere morto? No, non ci voglio credere, gli ho sparato tre colpi! Nemmeno lui sarebbe potuto sopravvivere!

Non devo farmi prendere dal panico, devo cercare di restare lucido, per prima cosa devo portare mia moglie e mia figlia al sicuro, se c'è anche la minima possibilità che lui sia ancora vivo allora non possono restare qui.

La paranoia e il panico hanno preso il sopravvento, ho paura che lui sia già in casa, nascosto da qualche parte, magari ci aveva ascoltato per tutto quel tempo... ho preso la mia pistola e ho portato la mia famiglia fuori da quella casa, sono salito in macchina e ci siamo fermati a casa di un nostro fidato amico. Non ho il tempo di spiegargli cosa sta succedendo, e anche se lo avessi, non mi capirebbe, mi direbbe di calmarmi e di pensare razionalmente. Ma lui non lo conosce, io sì, Jeff non è semplicemente uno schizzato come pensavo tempo fa, non era tornato in questa cittadina per caso, lui è tornato qui per uno scopo ben preciso, e in qualche modo la mia bambina c'entrava in questa storia.

C'era solo una cosa che dovevo fare per togliermi ogni dubbio e preoccupazione: Dovevo tornare in quel cimitero.


Sono tornato in macchina e ho cominciato a dirigermi in quel posto, come se non bastasse aveva cominciato a piovere fortissimo, si stava scatenando una vera e propria tempesta. Ma io non posso aspettare l'alba e il cessare della pioggia, devo assicurarmi che è ancora in quella bara, e nel caso non lo fosse avrei potuto avvisare il dipartimento.

Non riesco a togliermi la sensazione che lui mi stia osservando, ho come il presentimento che possa sbucare all'improvviso sulla strada, come un fantasma, un killer fantasma. Ad ogni passaggio del tergicristallo temo di trovarmelo davanti, per poi saltare sulla macchina e pugnalarmi attraverso il vetro. O peggio ancora, temo di trovarmelo nel sedile posteriore, di guardare lo specchietto retrovisore e di incrociare quel suo maledetto sguardo. Un dolore lancinante mi ha pervaso la guancia, la ferita, era tornata a sanguinare. Mi è sembrato di risentire la fredda lama di quella notte, che questo sia un segnale che è ancora vivo? Tutto ciò sta diventando maledettamente sovrannaturale.

Finalmente vedo il cimitero, non ho nemmeno parcheggiato come si deve, ho lasciato le quattro frecce e l'ho abbandonata sul ciglio della strada. Dove diavolo è quella tomba? Era già stato difficile trovarla di giorno con il sole accecante, figuriamoci di notte con la tempesta.

L'ho riconosciuta per un solo motivo, il terreno era smosso e la pala era ancora conficcata nel terreno. Quel becchino incompetente, era probabile che avesse lasciato il lavoro a metà, ha pure lasciato una lanterna spenta vicino alla lapide, ora non ho modo di capire se è stato disseppellito o no, e vista la poca profondità della tomba Jeff avrebbe potuto benissimo liberarsi anche da solo.

Non ho scelta, devo disseppellire la bara e assicurarmi che lui sia ancora lì dentro.

Ho preso la pala e ho cominciato a spalare via il terreno, non è così faticoso come credevo, la pioggia aveva aiutato ad ammorbidirlo ulteriormente, ma aveva anche creato uno strato di fango che non mi aiutava a mantenere l'equilibrio.

“Tap, tap” fece la pala sbattendo su qualcosa di solido, avevo raggiunto la bara.

Faccio un lungo respiro e mi accingo a rimuovere il coperchio.

Esito un momento, ma poi armandomi di tutto il coraggio che ho in corpo, la apro. Era giunto il momento della verità. Ho acceso la lanterna.

Era lì. Il corpo non sembrava essersi mosso, era esattamente come l'avevo visto al suo funerale e come lo avevo lasciato dopo averlo ucciso. I suoi occhi sono come sempre spalancati, il mio viso è nella sua traiettoria e fa sembrare il tutto come se mi fissasse. Per un attimo mi è sembrato come se il suo sorriso si spalancasse ulteriormente, ma penso sia solo un gioco di ombre creato dalla debole luce della lanterna.

Nonostante l'inquietante atmosfera creatasi, mi sento molto più sollevato. Ora mi sento uno stupido, avrei dovuto lasciar perdere e tornare a dormire, non capirò mai perché Jeff si era avvicinato a mia figlia, ma ora non ha più importanza, quello che voleva fare ora non lo farà più, Jeff è morto. E qualsiasi fosse il suo obbiettivo ora non potrà più realizzarlo. Avvicino il mio orecchio al suo petto per accertarmene una volta per tutte.

Nulla. Ho perso solo tempo. Aspetto ancora un altro po'.

Sempre nulla. I tuoi giorni sono finiti. “Ora puoi riposare in pace Jeffrey” dico ad alta voce.

Poco prima che ritraggo il mio orecchio, un battito.

No, devo essermelo immaginato. Attendo un ipotetico secondo battito.

Non arriva, è stato frutto della mia immaginazione.

Richiudo la bara ed esco dal buco poco profondo che avevo creato, prendo la pala e comincio a riempire la tomba.

Uno squillo di telefono, quasi sono morto per lo spavento.

“Pronto?” risposi.

“Tesoro, dove sei? Cosa stai facendo? Torna a casa ti prego...” mia moglie.

“Sto arrivando, sono di strada, non ti preoccupare, va tutto bene” le dissi chiudendo la chiamata.


La lanterna si è spenta. Maledizione, ci mancava solo questa.

Un inquietante scricchiolio alle mie spalle mi ha fatto sobbalzare, non dovevo dare le spalle alla tomba.



No, non era vero, il coperchio si è tolto da solo, e non riesco a vedere nulla... cosa stava succedendo? Ci sono voluti pochi momenti ma la mia vista si è abituata al buio.

Si era alzato.

Mi stava guardando, per davvero questa volta.

Ho preso la pistola e gliel'ho puntata contro. Un fulmine nel cielo tempestoso ha illuminato completamente il suo volto.

Jeffrey









Dallo spavento sono scivolato sul fango e ho fatto cadere la pistola, ma l'ho ripresa subito, e sono tornato con lo sguardo su di lui.

“Buonasera agente, passato una bella giornata ieri?” disse rompendo il silenzio con un inquietante voce, rimanendo immobile, in piedi sulla bara.

Non riesco a rispondergli, non riesco a realizzare quello che sta accadendo.

“Perché non mi spari, agente? Tu, tra tutti, hai più motivi per volerlo fare.” continuò, con un tono di voce molto serio che faceva contrasto con il suo volto “allegro”.

Stava cercando di far tornare in me la rabbia, per fare in modo che io gli rispondessi.

“Che cosa vuoi da me?” fu tutto ciò che sono riuscito a chiedergli.

“Nulla di particolare, volevo vederti questa notte, e così è stato, e ora finalmente, puoi tornare a dormire.”

Cosa voleva dire con questo? Mi stava dicendo che aveva previsto tutto? Che aveva programmato tutto fin dall'inizio? Dalla sua presunta uccisione fino ad ora? Aveva addirittura previsto che lo avrei dissotterrato io stesso? No, questo qui è un pazzo. Non è possibile che sia riuscito a vedere così lontano, questo è troppo pure per lui.

Ma a quanto pare, ero io il suo obbiettivo. È tornato qui solo per uccidere me. Io sono colpevole quanto lo sono stati Randy, Keith e gli altri. La mia colpa, è stato non arrestarlo quel giorno quando avrei potuto farlo, la mia colpa è stata arrestare Liu quando dentro di me sapevo che era innocente. Io, ero dunque l'ultimo filo che lo collegava a ciò che era prima, un ultimo filo, che avrebbe dovuto recidere.

Gli chiedo dunque, l'unica cosa a cui non c'era una risposta logica.

“Come puoi essere ancora vivo?”

Jeff sorrise, ancora di più di quanto già lo facesse, staccò un pezzo di legno appuntito dalla bara malconcia e freddamente, rispose:

“I killer sono solo demoni che camminano sulla terra, non avere pietà per loro. Loro non ne hanno per te.”

Lentamente prendo la mira, a questo punto... c'è solo una cosa che mi preoccupa.


Spero che il fango e la pioggia non abbiano inceppato la mia arma.


Jeff charcoal portrait by tehcheychibi-d4tjpiu













Ghost SleepModifica

“Mi dispiace averla trascinata di nuovo in questa storia.” disse il direttore del carcere.

“Sarei comunque venuto qui domani per il suo trasferimento.” rispose l'altro uomo.

“Già... l'esecuzione, sa, ci abbiamo provato in tutti i modi a convincerli ad annullarla, ma non c'è stato niente da fare, purtroppo ha commesso omicidi anche laddove è in vigore la pena di morte e, siamo costretti a consegnarlo a chi di dovere.” spiegò il direttore.

“Sembra quasi che lei sia dispiaciuto di questo.” rispose sorpreso l'altro uomo.

“Lo sono, ma per un motivo. Per lo stesso motivo per cui l'ho fatta venire fin qui.” si preparò a raccontare il direttore.

I due uomini erano seduti al di là della stanza per le interrogazioni, dalla parte opposta dello specchio a due vie. Il secondo uomo fissava la stanza attraverso il falso specchio, era completamente bianca con solo un tavolo e due sedie, priva di qualcuno al suo interno, ma sapeva che ben presto avrebbe dovuto sedersi in una di quelle sedie.

“È qui da due settimane, pensavamo addirittura che non mangiasse nulla, nessuno l'ha mai visto farlo, ma i piatti li ritrovavamo vuoti e il cibo al loro interno non era più in alcun modo nella sua cella. Non ha mai dormito, nemmeno per un secondo, non ha causato problemi a nessuno e non ha mai tentato in nessun modo di fuggire. Non parla e non risponde, se non fosse per il suo aspetto che non passa di certo inosservato, potremmo dire che è un completo fantasma qui dentro.” raccontò il direttore.

“Quindi non ha mai detto una parola? Non sapete ancora come ha architettato quella messinscena in quel cimitero?” chiese l'altro uomo.

“Sì e no. Non abbiamo scoperto nulla. Ma qualcosa alla fine l'ha detta, solo poche e semplici parole.” gli rispose il direttore.

“E cos'ha detto?” chiese l'uomo.

“Il suo nome, detective. Lui vuole parlare solo con lei.” rivelò infine.


Il detective si ricordò di quella notte, ricordò il crepitio della bara che scricchiolava e il volto di Jeff che si illuminava sotto quei fulmini minacciosi. Lui era lì che lo fissava, mentre gli puntava contro la sua pistola. Provò a spingere il grilletto ma il fango era penetrato fino in fondo alla canna, non ci fu alcun sparo. Jeff non rimase lì a fissarlo a lungo, e ben presto si lanciò contro l'agente armato di un pezzo di legno appuntito. Il dolore fu atroce, quel legno malridotto che gli penetrava la spalla fu peggio di una lama arrugginita, le numerose schegge di quel “paletto” penetravano nella sua carne mentre erano accompagnate dalle agghiaccianti risate del suo avversario che si stava godendo ogni singolo momento.

Nonostante tutto, sentiva ancora la pioggia cadere pesante su di lui, mentre il killer fantasma si parava sopra di lui immobilizzando l'agente con il suo sguardo demoniaco. Ancora una volta il detective fissò quel viso che lo tormentava da dieci anni, quegli occhi bruciati e quel sorriso inciso gli avevano rovinato la vita. Gli occhi di Jeff sembrarono uscire dalle sue orbite mentre le sue pupille si rimpicciolivano, in un impeto selvaggio di pura crudeltà, Jeff afferrò il collo dell'agente per permettergli meglio di fissare il suo viso, prese con furia il pezzo di legno staccandolo di colpo dalla spalla dell'agente, e con un'ulteriore forza innaturale, conficcò di netto il paletto nella guancia sana del malcapitato.

Gli completò il sorriso.

“Oh capisco, quindi ora lei sorride al mio viso... finalmente.” quelle fredde parole pronunciate dal killer rimasero incise nella mente del detective come se fossero state marchiate a fuoco nel suo cervello.

Si trattò di fortuna quando la pistola non sparò? Si trattò di fortuna anche quando la lanterna che sembrava ormai morta, si riaccese in quel preciso momento distraendo il killer? E si trattò sempre di fortuna che quella debole luce illuminò la pala che aveva usato il detective per disseppellire quel mostro? Non fortuna, ma destino. Nessuno di loro due era destinato a morire quella notte.

La pala dimenticata da quel becchino fu l'oggetto del destino che permise all'agente di avere la meglio sul killer, bastò un colpo per scrollarsi di dosso il pallido avversario, un altro per frantumargli le dita e fargli perdere la presa dal pezzo di legno e solo un altro colpo per farlo cadere a terra. Successivamente fu il turno del detective di pararsi sopra di lui, portando il manico della pala sul suo collo.

Voleva strangolarlo.

Strinse con tutta la sua forza mentre fissava ancora una volta quegli occhi privi di umanità...

“I killer sono solo demoni di cui non devo aver pietà?” chiese il detective a Jeff.

“Ti dimostrerò il contrario.” continuò l'uomo, togliendo il manico dal suo collo per poi colpire violentemente il suo volto ancora una volta.

Jeff esplose in una risata disumana, consapevole della sconfitta ma lieto di averla subita, anche quando sentì le fredde manette che gli stringevano i polsi non smise di ridere.

La polizia non tardò ad arrivare per portare via il semivivo individuo, già marcato come deceduto ma ancora nel mondo di chi non dorme, il detective non voleva commettere di nuovo lo stesso errore, non avrebbe potuto ucciderlo di nuovo, c'era ancora molto che voleva sapere di lui, prima della fine.


“Lei è sicuro di riuscire a farcela, potrà fare questo per noi?” chiese il direttore.

“Non si preoccupi signore, avrei voluto parlare un'ultima volta con lui in ogni caso.”

“Si ricordi, cerchi di scoprire tutto il possibile su di lui, vogliamo capire perché ha fatto ciò che ha fatto e soprattutto... scopra dove ha nascosto i cadaveri delle vittime disperse.” gli raccomandò il direttore.

“Sarà la mia priorità, quelle famiglie hanno il diritto di dare una degna sepoltura ai loro cari.” affermò l'agente.

Si udì un rumore metallico di manette provenire dal corridoio fuori quella stanza, stavano finalmente portando il detenuto.
Il detective uscì dalla stanza, era ansioso ma allo stesso tempo era preparato a tutto ciò, avrebbe finalmente avuto la possibilità di comprendere l'uomo che l'aveva ossessionato tanto.

Dal corridoio fece finalmente capolino, accompagnato da altri due agenti, uno molto giovane e l'altro molto vistoso, era praticamente un armadio vivente.

Jeff fissò il detective non appena solcò la soglia, per un istante tutto sembrò fermarsi, entrambi non udirono più nulla, tra i due ci fu solo un'intensa e lunga occhiata... contatto visivo che venne interrotto solo dall'orrenda bocca di Jeff che si spalancò e formò presto un enorme e sinistro sorriso.


“Signore, è un piacere rivederla!” disse il giovane agente.

“Come? Ci conosciamo?” chiese il detective.

“Ma come, non mi riconosce? Siamo nello stesso distretto, sono stato mandato qui insieme a lei!” disse con entusiasmo, quasi ignorando chi aveva a fianco a lui.

“Oh, sei il novellino, l'agente Graham, giusto?” chiese il detective, scosso dal brusco intervento dell'agente in un momento di pura tensione.

“Esatto, spero di poterle essere d'aiuto in qualche modo.” disse il giovane.

“Continua a fare ciò che ti è stato detto agente, e assicurati che le manette siano ben strette.” gli rispose il detective.

Jeff, il giovane e la guardia carceraria entrarono nella stanza bianca, dovevano preparare il detenuto per l'interrogatorio.


“Cosa hanno detto i medici al riguardo?” chiese il detective.

“I medici? Nessuno ha avuto il coraggio di avvicinarsi a lui, il massimo che hanno fatto è stata una diagnosi a distanza. Possono dire con certezza che nessuno dei tre proiettili ha colpito punti vitali, ma sono sicuri, secondo i precedenti reperti medici, che il suo cuore non batteva il giorno che ha preceduto la sepoltura.” rispose il direttore.

“Come ha fatto a tenere il suo cuore fermo per tutto quel tempo?”

“Non ne abbiamo assolutamente idea. Tuttavia ci sono casi in tutto il mondo di persone che riescono a fermare il proprio cuore con la sola forza di volontà, nulla di verificato ma è una possibilità.”

“Ormai sono abituato al paranormale quando si tratta di Jeffrey. Ma piuttosto, cosa hanno detto del suo... volto?”

"Siamo riusciti ad ottenere i riassunti delle operazioni che il suo corpo ha dovuto subire in quell'ospedale dieci anni fa. L'incendio aveva scatenato delle ustioni di terzo grado sia sul viso che su tutto il corpo, i suoi nervi e gran parte della sua carne erano stati bruciati via. Subito dopo ha ricevuto degli innesti di pelle bianca, per coprire le ustioni e proteggere così quelle profonde ferite da fonti di luce e calore. Quel sorriso inciso... se lo è fatto da solo... a causa dei nervi bruciati non ha eccessivamente accusato il dolore, ma è un miracolo che quegli squarci non si siano infettati durante la cicatrizzazione, in quel processo deve aver sofferto veramente molto. E riguardo ai suoi occhi... la cosa è inclassificabile.”

“Inclassificabile?”

“Inclassificabile, inspiegabile. È impensabile che abbia avuto un sangue freddo tale da riuscire a bruciarsi le palpebre senza compromettere gli occhi, inoltre quelle parti del viso erano ancora sensibili al dolore... ma la cosa inspiegabile è che, semplicemente, non dovrebbe più essere capace di vedere da molto tempo, oltre al fatto che è impossibile che non ceda al sonno. Quegli occhi non hanno nulla di umano.”

Il detective conosceva già la risposta, ma sperava con tutto sé stesso che ci fosse una spiegazione logica dietro a quel misterioso sguardo maledetto, Jeff quindi non era più umano? Giunti a questo punto, cosa era Jeff in realtà?

“Sembra che sia tutto pronto per l'interrogatorio, se la sente di farlo subito o preferisce aspettare ancora un po'?” chiese il direttore.

Il detective non gli rispose, aprì la porta della stanza bianca e ci entrò senza indugio, mentre i due agenti di scorta si allontanavano in direzione del corridoio da cui erano venuti.

Lui stava lì a fissarlo, seduto nel lato opposto. Il detective si assicurò di chiudere la porta dietro di sé, tentò di prendere un lungo respiro senza farsi notare, si voltò e si sedette nella sedia libera cercando di evitare quello sguardo.

I due si fissarono, e il detective armato di tutto il suo coraggio, iniziò.



“Proviamo a cominciare dal principio, Jeff, ti va?” chiese l'uomo con il distintivo.

L'uomo però, non ricevette nessuna risposta, solo una fredda e cupa occhiata che non traspariva alcuna emozione.

“Nuova casa, nuovo quartiere, nuova vita. Questo è ciò che ti sei ritrovato davanti una volta giunto lì, fu anche il giorno precedente al nostro primo incontro, te lo ricordi Jeff? Ricordi chi eri un tempo?” disse l'uomo tentando nuovamente di far parlare il detenuto.

Ma ancora, nessuna risposta.

“Vediamo... l'accaduto è rimasto proprio come nel primo rapporto, anche dopo la testimonianza di Keith, questa parte della storia non è cambiata: un polso spezzato, un enorme livido sullo stomaco e un braccio pugnalato. Sappiamo che hai agito contro i bulli per difesa, ma è stato quello il momento in cui è successo, vero Jeffrey? È stato in quel momento che hai sentito qualcosa di... diverso?” continuò a raccontare l'uomo.

“O è successo per la prima volta durante la festa? Cos'è stato a spingerti a reagire? Gli insulti nei tuoi riguardi o... forse Randy e gli altri ti stavano sbeffeggiando per ciò che era successo a Liu?” chiese l'agente, liberandosi di un enorme peso.

La testa del prigioniero si mosse lentamente verso il detective, spostandosi inquietantemente di lato, in maniera tale da fissare negli occhi l'uomo di fronte a lui.

Era finalmente riuscito ad attirare la sua attenzione, essere riuscito a smuoverlo di quel poco per l'agente fu un gran traguardo.

“È per questo che mi odi, Jeff? È perché fui io a portare Liu lontano da te? E ad aver così causato quella discussione con i bulli? Non conterà più nulla dopo tutto questo tempo, non voglio giustificare quello che ho fatto, non dirò cose come “stavo solo facendo il mio lavoro” sapevo che Liu era innocente e ho preferito comunque procedere con l'arresto, se solo avessi saputo che ciò avrebbe causato tutto questo... beh mi sembra irrilevante dire che non lo rifarei.” molte volte si era immaginato di confessare il suo errore, e mai come ora l'agente si sentiva così libero.

Le pupille di Jeff si rimpicciolirono per qualche secondo, in quel momento i suoi occhi sembravano essere completamente bianchi.

“Odio...? Non credo di conoscere più il significato di questa parola.” rispose finalmente il killer.

“Non è per odio che hai ucciso Keith e tentato di uccidere me?” chiese l'uomo in divisa.

Il prigioniero tornò nuovamente al silenzio, limitandosi come al solito, a fissare.

“E poi venne quella notte, hai ucciso i tuoi genitori a sangue freddo, anche loro non li hai uccisi per odio?”

Nessuna risposta.

“E infine, hai ucciso anche tuo fratello, Liu.” concluse l'agente.


“Liu...” disse il prigioniero, con un tono di voce pensieroso.


“Ti ricordi di Liu? Ricordi tuo fratello?”

Il volto sfigurato di Jeff si fece improvvisamente molto più serio.

“Liu non sta più soffrendo ora... lui dorme.”

“Soffrendo? Non mi risulta che Liu avesse qualche tipo di malattia o soffrisse di depressione...”

“Vivere è una malattia.” rispose prontamente Jeff quasi interrompendo l'agente.

“È così che la pensi Jeff? Pensi che vivere sia una malattia? È per questo che uccidi?”


“Non so cosa voglia dire uccidere, io mando semplicemente a dormire chi è troppo puro per vivere in questo mondo.”


Il detective si ritrovò senza parole, nulla poteva prepararlo ad una risposta del genere.

“È solo nel sonno che siamo liberi dal male che ci circonda, in quello stato catatonico nulla può farci del male e possiamo rifugiarci nei sogni per stare al sicuro.” continuò a spiegare l'assassino.

“Anche i sogni non sono tutti rose e fiori, esistono gli incubi che possono farci del male mentre dormiamo.” tentò di spiegare l'agente, improvvisandosi psicologo.

“Gli incubi nascono a causa delle paure e delle preoccupazioni che viviamo mentre siamo svegli, se esistesse solo il sonno, non avremmo incubi.”

“Ma una persona per entrare nel sonno ha bisogno di essere viva.” controbatté l'agente.

“Non può dirlo con certezza, agente. Chi le dice che le persone non ancora nate, non vivano già in quel mondo di pace che noi raggiungiamo solo dormendo?”

“Questa è follia... pensi che togliere la vita alle persone serva a riportarle per sempre in quel mondo? Come puoi avere la certezza che dopo la morte non ci sia qualcosa di peggiore di questo?”

“È questa la visione che ho avuto quando sono morto. Nulla può essere peggiore di questo mondo, lei che è del mestiere, avrà visto di cosa è capace l'umanità mentre è sveglia.”

“Le cose peggiori che ho visto, sono quelle che hai fatto tu, Jeffrey.”

Il prigioniero non sembrava ferito in alcun modo dalle parole del detective.

“È probabile, ma sono sicuro che ha visto altre cose oltre a ciò che ho fatto io.”

“Dove vuoi arrivare con questo? Il fatto che altre persone hanno fatto ciò che hai fatto tu, non rende meno peggiori le tue azioni.”

“Io sono il risultato di tutto il male che cammina accanto a noi ogni giorno.”

“Come puoi dire quest-”

“GUARDI LA MIA FACCIA”

14281592 689096644571001 644563213 n













Jeff si alzò improvvisamente dalla sedia, protraendo il volto e le mani ammanettate verso il poliziotto.

“Io sono un demone, la mia umanità è stata bruciata viva da quel male.”


Il detective fece un cenno agli agenti nell'altra stanza di non intervenire.

Jeff tornò a sedersi scoppiando in una fragorosa risata.

“Pensi che sia un gioco? Domani salirai sulla sedia elettrica e sarai arrostito insieme alla tua follia.” disse il detective, nervoso a causa del finto attacco di Jeff.

Jeff smise di ridere e tornò in silenzio.

“Torniamo ai documenti, ciò che hai detto si ricollega a questo in particolare: l'omicidio di Keith, o, come lo chiamano in molti, “l'omicidio fantasma”."

Un omicidio perfetto, nonostante gli allarmi e le precauzioni non c'è stato nessun segnale che potesse indicare la tua presenza all'interno di quella casa.

Secondo la scientifica i genitori di Keith sono stati uccisi mentre ancora dormivano, una cosa insolita da parte tua, se non fosse stato per il soggetto ucciso non avremmo mai potuto capire che si trattasse di uno dei tuoi omicidi. Non hai risparmiato nemmeno il cane.”

“Non potevo rischiare che nulla interrompesse il mio faccia a faccia con Keith, è stata una notte speciale.”

“Quindi avevo ragione io, è per vendetta che hai deciso di ucciderlo, tu provavi ancora odio nei suoi confronti, per te è lui il male che ha bruciato la tua umanità.”

“Sta sbagliando tutto quanto, agente.” lo corresse Jeff.

“E allora perché scomodarsi così tanto per preparargli questa notte speciale?”

“Keith era l'artefice, colui che ha creato questo demone che sono oggi, ha ricevuto la ricompensa che meritava, tornando a dormire. Lui era puro, mi sono assicurato che vedesse il male che lo circondava, mostrandogli la sua famiglia morta e il mio volto. In questo modo prima di morire avrebbe potuto comprendere che io sono la cura di questo male.”

“Non riesco ancora a comprendere bene che considerazione hai di te stesso, sei consapevole di far parte di questo male di cui tanto parli, ma allo stesso tempo pensi di essere la cura di esso. Cosa pensi di essere tu?”

“Io sono un salvatore.”

Il detective cominciò ad aver di nuovo paura della persona che aveva davanti, in tanti anni aveva cercato di comprendere le motivazioni dietro a ciò che Jeff faceva, ma mai e poi mai si sarebbe aspettato di scoprire questo. Capì che quello che aveva davanti non era nient'altro che un pazzo, un pazzo non consapevole di esserlo o che addirittura negava l'esistenza stessa della pazzia.

“E in base a quali criteri decidi se una persona è “pura” o non lo è?”

“Uno come me, guardandomi, non vedrebbe nulla di sbagliato. Questo volto... può essere apprezzato solo da coloro che hanno il male come loro parte integrante.”

Il detective capì, che secondo Jeff solo le persone folli e malate avrebbero potuto apprezzare la sua faccia, una persona portata a far del male.

“E ti basta la loro reazione per capire se lo sono oppure no?”

“Certo che no. Lei per esempio, provava timore per questa mia faccia, ma nel suo passato ci sono tracce di impurità. Ha arrestato un ragazzo mentre era consapevole della sua innocenza, e se non sbaglio, non ha esitato per un attimo a spararmi quella notte sul tetto di quell'edificio. E in quel momento, non ha avuto alcun timore di questo volto.”

“Dunque? Non sono idoneo al tuo folle mondo dei sogni?”

“Non lo so. Vede agente, se lei ancora non sta dormendo, è perché io ancora non so se lei meriti di chiudere gli occhi... o di rimanere sveglio. Pensavo che lei fosse impuro, ma la scorsa notte, in quel cimitero, non mi aspettavo il suo arrivo... ma lo desideravo.”

“Quindi è per questo che hai infine tentato di uccidermi.”

“Ha trascorso buona parte della sua vita a cercare di uccidermi, trascurando la sua famiglia e facendosi divorare da quello che lei chiama “odio”. Eppure lei oggi è qui davanti a me, ha tentato di scusarsi mostrandosi pentito per i suoi peccati, e sta nuovamente mostrando timore per la mia bellissima faccia. Lei agente, è uno dei pochi di cui non so proprio cosa fare.”

“Ce ne sono stati altri, dunque.”

Jeff non rispose.

“Mandy è stata una di questi?”

“Sì... in lei c'era bontà, ma non provava alcun timore per me.”

“Perché hai infine deciso di ucciderla? Secondo il rapporto, sei andato da lei più giorni.”

“Le ho spiegato ciò che facevo, e alla fine la paura l'ha avvolta, rivelando la sua purezza.”

“È forse quello che stai facendo ora con me?” chiese l'agente.

“No, non so ancora come giudicarla, ma sento che lei ora deve rimanere sveglio. Lei deve vedere.”

Il detective ripensò alle notti insonni che aveva passato in quei giorni, come se gli fosse stato impedito di dormire per volere di Jeff.

“Tornando a ciò che hai detto prima, cosa ti dà un ulteriore convinzione che “mandare a dormire” le persone sia un gesto di salvezza che tu dai a loro?” chiese ancora perplesso l'agente per la risposta data in precedenza da Jeff.

“Esistono casi di persone che dopo aver subito torture, intese come sia fisiche che psicologiche, e aver sofferto a causa di questo male, si ritirino dentro un mondo fantastico da cui non vogliono svegliarsi.”

Il detective aspirò l'aria pronto a dare la sua risposta.

“Appunto, non vogliono. Nessuno di noi dovrebbe mai svegliarsi. Lì si sentono al sicuro come è giusto che deve essere.” lo precedette Jeff.

“Come un sistema di difesa?” chiese il detective.

“Esattamente, noi siamo propensi a fuggire da questo mondo, solo che non vogliamo accettarlo e proviamo ad andare avanti per poi renderci conto che soffriamo ancora.” disse Jeff.

“E questa teoria ti dà la convinzione che ciò che fai è giusto?”

“Lei mi ha chiesto uno dei motivi agente, le ho già detto prima perché penso questo, io l'ho visto.”

Calò il silenzio tra i due, il detective si ritrovò senza domande, cominciò a crearsi ansia in lui, era ancora scosso dal precedente finto attacco di Jeff e pensava che se non avesse continuato a farlo parlare avrebbe rifatto qualcosa di simile.

“La vuole sentire una storiella, agente?” disse Jeff rompendo il silenzio.

“Che tipo di storiella?” chiese interessato il detective.

“Ha mai sentito parlare di un certo esperimento condotto da scienziati russi poco dopo la fine della seconda guerra mondiale?” chiese Jeff.

“Affatto.” Rispose l'altro uomo.

“Questi scienziati chiusero cinque prigionieri di guerra in una stanza e la riempirono con un gas stimolante per impedire a loro di dormire.” cominciò Jeff.

“Perché avrebbero dovuto fare questo?”

“Non è rilevante. Sa cosa accadde a quelle cavie in seguito?”

“Ti ho già detto che non lo so.”

“Si automutilarono.”

“Cosa...”

“Dopo quattordici giorni passati a rimanere sempre svegli, cominciarono a strappare la loro carne e a far uscire i loro organi, uno di loro urlò fino a squarciarsi le corde vocali.”

“Poi cosa accadde...?”

“Il più fisicamente sano tra loro, che parlò per tutti, disse che non volevano più dormire.” affermò Jeff.

Il detective rimase senza parole.

“Lei capisce cosa è successo a loro, vero? Rimanendo svegli così a lungo è fuoriuscito il male che avevano dentro, aveva preso il controllo su di loro. Hanno tentato di rimanere loro stessi autoinfliggendosi quelle ferite, hanno tentato di soffocare il loro demone usando il dolore. Ma alla fine, il loro demone ha vinto.”

“Mi stai dicendo che...”

“Io ho visto ciò che hanno visto loro, ci sono individui che sono malvagi per natura e non sanno di esserlo, io sono come loro e non ce ne dovranno essere altri. Se queste persone rimanessero sveglie diventerebbero come loro... come me.”

Il racconto di Jeff non convinse appieno il detective, ciò che aveva raccontato era malato e innaturale, eppure, qualcosa nelle parole di Jeff lo avevano turbato nel profondo.


Jeff fissò un determinato punto del falso specchio, come se stesse fissando negli occhi uno di coloro che si nascondeva lì dietro, spostava le pupille di rado, come se l'uomo lì dietro si spostasse apposta per evitare il suo sguardo.

“La sente, agente? La sente la paura di chi ci sta fissando aldilà di quel vetro? Rendono il tutto così... divertente.” disse Jeff con voce sadica.

“Jeff, tu sai quello che loro vogliono, vero?” chiese il detective al detenuto.

“So solo cosa voglio io, e cosa vuole lei.” rispose Jeff.

“Vogliono sapere dove sono i dispersi, Jeff. Vogliono sapere la posizione di coloro che sono stati uccisi da te ma i cui corpi non sono mai stati trovati.” disse l'agente.

“Messi a dormire, agente, non uccisi.” lo corresse Jeff mantenendo la voce sadica di poco prima.

“Puoi dircelo?” chiese il detective.

“Sì, solo perché è lei a chiedermelo, e perché è venuto fino a qui come volevo, come volevamo.”

Jeff cominciò a parlare mentre il detective appuntava in un blocchetto che era stato lasciato lì apposta, ciò che Jeff disse era spaventoso. La lista delle persone che uscì dalla sua bocca superava la cinquantina, ricordava a memoria ogni singolo luogo in cui si trovavano i cadaveri, addirittura per alcune conosceva a memoria le coordinate. Era come se Jeff ricordasse il nome e il volto di ogni singola persona che aveva ucciso.

“Scommetto che stanno gioendo aldilà di quel vetro.” disse Jeff sarcasticamente.


“Jeffrey, perché non hai mai detto tutto questo a qualcun altro? Intendo il motivo per cui uccidi e tutto il resto.” domandò perplesso il detective.

“Oh, ma l'ho fatto.” disse Jeff con tono serio.

“E a chi l'hai detto?”

Jeff ridacchiò, il suo volto assunse un'aria di sfida e malizia.

“Se lei l'avesse già capito, probabilmente avrebbe già dato l'allarme.”

“Co- cosa?!”

“La risposta è nei suoi documenti, agente.”

“Di che cosa stai parlando?!”

Jeff indicò con un dito l'ultimo documento che il detective non aveva ancora preso in considerazione.

Il detective prese in mano il foglio indicato da Jeff, era un articolo di giornale, molto vecchio, molto nostalgico ma molto famoso.

“MINACCIOSO ASSASSINO SCONOSCIUTO È ANCORA A PIEDE LIBERO” lesse il detective ad alta voce.

“Ricorda di cosa parla quell'articolo?” chiese Jeff.

“Me lo ricordo come se fosse ieri, accadde tre anni dopo il massacro della tua famiglia. Questa fu l'unica vittima a sopravvivere tra tutti i tuoi omicidi, era un ragazzo di dodici anni, che raccontò al mondo il suo scontro con te.” spiegò il detective.

“Esatto, ma la cosa non finì lì.” lo corresse Jeff.

“Che intendi dire?”

“Non fu il mio unico incontro con quel ragazzo. Andai a fargli visita di nuovo, un anno dopo.” disse Jeff.

“E perché? Perché tutto questo?” chiese perplesso il poliziotto.

Si udì un botto provenire dai microfoni situati aldilà del vetro, poi dei violenti scontri e dei colpi di pistola.

“Sembra che il nostro tempo sia finito.” disse Jeff.

“Cosa diavolo sta succedendo lì dentro?!” urlò il detective sperando in una risposta.

Dal microfono non si udì più alcun suono.


Il detective si alzò in piedi pronto per andare a controllare.

“Si fermi, agente. È della sua incolumità di cui ora deve preoccuparsi.” disse Jeff alzandosi in piedi.

Un rumore metallico provenire dai piedi di Jeff fece sobbalzare il detective.

Le manette erano cadute.

Il detective puntò la pistola verso il detenuto.

“Non ti muovere! Cosa diavolo hai architettato questa volta?!” disse urlando.

“Presto, lo capirà. Presto lo vedrà.” rispose Jeff rimanendo nell'assoluta calma.

“Chi cazzo c'è in quella stanza?!” disse il detective ormai nel panico.

“Sa dirmi che ora è, agente?” chiese Jeff ignorando le imprecazioni dell'uomo che lo minacciava.

“Cosa c'entra adesso?” chiese l'agente, tentando di prevedere ciò che Jeff voleva fare.

“Suvvia, me lo dica e basta, il tempo mica le appartiene.” continuò Jeff.

“Sono le 3:20, e allora?” gli rispose infine controllando il suo orologio.

“È ancora presto.” concluse Jeff.

Le luci si spensero.


Il buio pesto della stanza intaccò la psiche del detective come una sanguisuga fa con la sua vittima.
Solo buio, oscurità e nient'altro. No. C'era anche qualcos'altro, qualcosa di familiare, qualcosa che il detective sapeva che era presente in quella stanza insieme a lui.
Il perenne respiro affannoso di Jeff non permetteva il silenzio, l'uomo voleva solo urlare e sparare per tutta la stanza sperando di colpire l'assassino, ma sapeva che un colpo a vuoto avrebbe rivelato la sua posizione e avrebbe dato il via libera all'assalto del killer.

10-09-2016 Immagine 001

“Le piace l'oscurità? Non la trova familiare? Come quel dolce momento che precede il riposo, quando è nella sua stanza da letto e non riesce ad addormentarsi, ha paura in quel momento, paura di ciò che le potrebbe accadere mentre cerca di prendere sonno, come se il mondo di chi non dorme non volesse smetterla di farle del male fino all'ultimo, come se non volesse lasciarla entrare in quel mondo di pace... mi manca sa... poter dormire. Ma io non posso dormire, lei può ancora farlo se è quello che desidera. Me lo dica ora, e le concederò l'accesso a quel mondo di pace. Me lo dica... mi dica che vuole solo... tornare a dormire.” chiese Jeff con assoluta calma, mentre la sua voce rimbombava per tutta la buia stanza, non permettendo al detective di capire la sua precisa posizione.


“Io non voglio morire Jeff, e non intendo essere ucciso per mano tua.” gli rispose l'impaurito uomo.

“Ancora non capisce... ma non si preoccupi, avrà tutto il tempo per scegliere.”

Un rumore di passi si faceva strada verso il rappresentante della legge.

“Non ti avvicinare Jeff, giuro che stavolta sparo.”

“Non può sparare a ciò che non vede.”

“Ma ora io ti vedo.”

Il detective non mentiva, ringraziò con tutto se stesso l'atavica abilità dell'occhio umano di vedere le sagome nel buio una volta abituata la vista ad essa.

La porta alle spalle del detective si aprì, sentì quasi un certo sollievo nell'udire quel suono, sperando che fosse uno degli altri agenti che era venuto a prestargli soccorso.

“Grazie a Dio siete qui, aiut-”

Un forte rumore provocato da un'arma contundente avvolse la buia stanza, qualcuno aveva colpito il detective alle spalle.


La vista si offuscava mentre le luci d'emergenza lentamente si accesero, non poté vedere il suo assalitore, ma vide con chiarezza Jeff avvicinarsi a lui, di nuovo quel volto, orribile anche con la vista appannata.

“Ci pensi di nuovo agente, mi darà la risposta più tardi. Ma per adesso, dorma.”



“Dorma.”





Siete mai stati svegli per più di un giorno? Avete idea della stanchezza e la pesantezza che si prova? Immaginate il nostro povero detective, che ha passato ben quattordici giorni a lottare per cercare di dormire ma con scarsi risultati, ora poteva finalmente riposare, poteva finalmente bearsi della pace di cui Jeff gli aveva tanto parlato, ma, non poteva concedersi questo lusso.
Fu un sonno senza incubi, un sonno che non aveva alcuna traccia di malignità, fu come un bagno rigenerante. Era questo ciò che intendeva Jeff, un mondo dove non esiste né male né sofferenza, sarebbe stato al sicuro da esse fintanto che il sonno sarebbe continuato, il detective sapeva che una volta svegliato lo attendeva l'inferno, ma doveva farlo, doveva fermare Jeff... ancora una volta.

Con tutte le sue forze riuscì a svegliarsi, lui voleva rimanere sveglio, era ancora intenzionato a preservare la sua vita e quella degli altri. Attorno a sé vide poco e nulla, la luce d'emergenza era accesa ma era troppo debole, l'oscurità aveva ancora il sopravvento sulla stanza bianca.

La pistola non c'era più, non aveva più motivo di restare lì dentro, decise finalmente di uscire.
Il corridoio gli appariva proprio come la stanza bianca, buio e silenzioso, la corrente principale era stata proprio disattivata, cosa poteva significare? Che tutti i detenuti si erano liberati? Cosa diavolo era successo mentre il detective era svenuto? Decise di perlustrare per prima la stanza aldilà del falso specchio, consapevole di ciò che lo attendeva.

Morte.

C'erano tre uomini lì dentro, il bastardo che aveva stordito il detective li aveva uccisi tutti quanti, solo uno di loro sembrava essere stato armato, tuttavia non c'era alcuna arma da fuoco nelle vicinanze. Anche il corpo del direttore giaceva lì dentro, non lo conosceva molto ma sapeva che era un brav'uomo, avrebbe evitato l'esecuzione di Jeff pur di avere la lista delle persone disperse.

Il detective strinse forte il pezzo di carta contenente la lista delle vittime di Jeff, perlomeno era riuscito a salvarla, era riuscito a trarre qualcosa di buono da quell'interrogatorio... dato che l'impianto di registrazione, situato aldilà della stanza per gli interrogatori era stato distrutto, Jeff si era assicurato che solo il detective sapesse ciò che gli era stato detto, non aveva mai avuto intenzione di divulgare il suo profilo psicologico ad altri, era come se quella conversazione fosse rimasta una cosa privata. L'unica cosa concreta, era proprio quel pezzo di carta.

L'agente riuscì a trovare una torcia, che lo avrebbe almeno aiutato a farsi strada tra l'oscurità dei corridoi della prigione, ora doveva trovare Jeff e scoprire la risposta a molte domande rimaste in sospeso.

Chi era il complice? Perché quella messinscena al cimitero? Dov'era Jeff, era lì per un motivo, oppure aveva pensato solo ad evadere?

Le domande senza risposta rimbombavano come tamburi nella testa del detective, mentre percorreva il buio corridoio passando accanto a decine di porte che portavano a stanze vuote.

C'erano due luoghi sensati in cui sarebbe potuto andare, o perlomeno dove avrebbe potuto trovare qualcuno, sempre se erano ancora rimaste persone in vita.
Il primo luogo erano le prigioni, il secondo la sala del generatore;
Nel primo caso avrebbe potuto assicurarsi che non si fosse scatenata una rivolta, nel secondo avrebbe potuto accertarsi che la corrente fosse realmente completamente fuori uso.

Optò per il secondo luogo, poiché comunicare con l'esterno l'accaduto era la priorità assoluta.


Sinistri rumori di porte che si aprono e si chiudono si udirono mentre il detective si dirigeva alla sala del generatore, erano i sopravvissuti? Erano le guardie oppure era Jeff che voleva attirarlo in una trappola?

Nulla era certo, e non poteva rischiare di farsi sentire, avrebbe dovuto avanzare con la massima cautela se non voleva essere preso alla sprovvista ancora una volta, urlare e chiamare soccorso lo avrebbe messo in pericolo.
Tutto ciò che poteva fare era procedere lungo la scalinata che l'avrebbe portato al piano sotterraneo, tutto ciò che poteva fare era proseguire mentre la puzza di sangue e morte si faceva strada nelle sue narici.

Perché è questo ciò che trovò, corpi mutilati giacevano ai suoi piedi, altri avevano avuto la sua stessa idea e si erano diretti a controllare il generatore. Lui li aveva aspettati, aveva atteso nel buio, tutte quelle brave persone erano morte.

“Brave persone?” pensò tra sé l'agente.

“Perché ho questa certezza che fossero tutte brave persone? Perché i morti che cominciano ad affluire in questa prigione devono essere per forza state delle brave persone? È per ciò che ha detto Jeff? Li ha uccisi perché li ha considerati persone pure? Li ha salvati...? No, non devo crederci, sono i vaneggiamenti di un pazzo, se comincio a credere al suo sistema finirò per diventare come lui.” un conflitto interiore cominciò ad insediarsi nella mente del detective.

Un rumore.

I pensieri del detective furono interrotti da un rumore forte e costante, un rumore molto familiare.
Nel buio cominciò ad emergere il frastuono di un respiro affannoso, che bastò per riempire di terrore il cuore del detective, ricordando la paura che aveva sentito poche ore prima nella stanza bianca avvolta nell'oscurità.

Anche questa volta non era chiaro da quale punto provenisse il rumore, la prigione era stata costruita per essere un luogo chiuso, per cui qualsiasi rumore echeggiava ovunque sulle pareti della struttura.

Si mosse con estrema cautela verso dove il rumore era più forte, cercando di non farsi ingannare dagli echi.
Con sua sorpresa, non c'era nessun assassino psicopatico ad aspettarlo, era uno delle guardie del carcere, accasciato contro la parete mentre lottava contro se stesso per non morire dissanguato.

L'agente riconobbe l'uomo, era la montagna di muscoli che aveva accompagnato Jeff nella stanza per gli interrogatori.

“Chi è stato a farti questo?” chiese l'agente.

“Davvero me lo stai chiedendo?” rispose l'uomo agonizzante.

“C'era qualcuno con lui?”

“Di cosa stai parlando...”

“Qualcuno lo ha aiutato a liberarsi, probabilmente la stessa persona che ha fatto saltare tutto quanto!”

“Quel bastardo...”

“Già... hai una vaga idea di che cosa voglia fare?”

“E io che speravo che queste risposte me le avresti date tu... che cosa cazzo vi siete detti in quella stanza?!” anche in punto di morte quest'uomo dava sfogo a quello che senza dubbio era il suo pessimo carattere.

“Devi restare calmo, rispondi solo alle mie domande o non potrò fare nulla per fermarlo.” disse l'agente con tono preoccupato, era l'unica persona viva che era riuscito a trovare e non voleva rimanere da solo in mezzo a tutto quel casino.

La guardia cominciò a tossire in modo ossessivo, sputando sangue di tanto in tanto, esso era arrivato ai polmoni, non gli rimaneva molto tempo.

“Raccontami cosa è successo.” chiese l'agente.

“Quel coso... quel mostro... ci ha teso un'imboscata non appena siamo scesi qui sotto, è scivolato giù da uno dei condotti di ventilazione e ha cominciato a sgozzare tutto ciò che gli veniva a tiro, il bastardo ha poi usato come scudo il corpo dei primi malcapitati... non si vedeva nulla, erano tutti spaventati, alcuni hanno cominciato a sparare nell'oscurità cercando di colpirlo... sono caduti tutti uno dopo l'altro, chi sotto al fuoco amico dei colleghi e chi sotto a quel suo... fottutissimo... coltello...” l'uomo strinse con forza lo squarcio che aveva sul petto, probabilmente ricordando il dolore che gli aveva causato quel fendente.

“Come è arrivato a te?”

“Quando gli spari cessarono eravamo rimasti in piedi solo io, lui e quel novellino che era arrivato qui poco prima del tuo arrivo...”

“Intende l'agente Graham?”

“Sì... Jeff lo stava caricando, sarebbe stata la sua prossima vittima, sono riuscito a pararmi davanti a lui in tempo per salvare il ragazzino. Ho afferrato il braccio di quel maniaco e ho cominciato a stritolarglielo facendogli cadere il coltello, l'ho colpito al petto con tutta la forza che avevo nel braccio... non so spiegarti la sensazione che ho provato, è stato come colpire del cuoio indurito, come colpire un involucro senza nulla al suo interno... non sembrò risentirne affatto, al contrario, stava ridendo, ha riso per tutto il tempo, anche mentre tentavo di rompergli le ossa del braccio.”

“Capisco cosa intendi, è una sensazione che ho provato anch'io.”

“Non avevo paura di quella sua fottuta faccia, volevo solo fargli del male.”

“Come è finita poi?”

“Il pazzo ha estratto un altro coltello dai pantaloni, usando il braccio che non avevo tenuto sotto controllo, non avrei potuto prevederlo, mi ha pugnalato senza alcuna esitazione al petto. Il ragazzino era già scapato via impaurito, non so dirti da che parte sia scappato, poi, lo psicotico, prima di fuggirsene in quella direzione, si è divertito come un sadico a martoriare il mio corpo, ma senza uccidermi.”

“Mi dispiace...”

“Ha detto, che per ora dovevo rimanere sveglio, che non era ancora il mio momento di dormire.”

“È tutta colpa mia...”

“Che intendi dire?”

“Non capisci? Sta di nuovo prevedendo le mie mosse, ti ha lasciato vivo perché voleva che tu mi raccontassi tutto, sapeva già che sarei passato da questa parte, sta di nuovo tentando di convincermi che questo sia l'inferno.”

“Non so cosa stai blaterando amico... ma ti consiglio... di andare da lui... si è diretto verso il generatore d'emergenza... probabilmente tenterà di abbattere anche quello...”

“Risparmia le forze, non preoccuparti, me ne occuperò io.”

“No, aspetta!” urlò la guardia mentre il detective fece cenno di muoversi verso la posizione indicata da lui in precedenza.

“Cosa c'è?”

“Cerca... l'uomo con il pacemaker...”

“L'uomo con il pacemaker?”

“Sì... lui è qui... per...”

Non riuscì a dire altro, l'uomo perse i sensi.



Il detective prese una delle pistole delle guardie decedute e si diresse verso la posizione in cui si era diretto Jeff, lasciando la guardia svenuta alle sue spalle, non sarebbe mai riuscito a portare in spalla un bestione del genere.
Le luci di emergenza in quel tratto del corridoio facevano il loro lavoro, probabilmente si stava avvicinando al generatore, poiché le luci d'emergenza erano state posizionate in maniera tale da rendere il generatore principale abbastanza illuminato nel caso qualcuno avesse provato ad aggiustarlo in caso di guasto.

Ed infatti eccolo lì, era completamente distrutto. Non c'era nulla di salvabile, non era stata certamente qualche botta a ridurlo così, queste erano state delle precise ma letali microesplosioni. Attrezzatura che in nessun modo sarebbe potuta essere presente all'interno della prigione, erano stati probabilmente quegli esplosivi utilizzati dalle squadre SWAT per far saltare in aria le serrature, aggeggi assolutamente vietati in una prigione di massima sicurezza, chi li ha portati era sicuramente qualcuno di esterno allo staff del carcere.

Un rumore di tubi che si infrangono al suolo fece sobbalzare il detective.

“Chi va là?!”

Per un attimo l'agente sentì una ventata d'aria venirgli contro, come se qualcuno gli fosse appena passato a fianco.

Se veramente qualcuno era passato di lì, allora in questo momento si trovava nella penombra, nell'unico tratto che non era ben illuminato.


“NON TI MUOVERE” una voce si udì aldilà della stanza del generatore.

“Giuro c-che se ti avvicini u-un'altra volta sparo!” continuò la voce.

Era Graham, il novellino aveva scambiato il detective per Jeff.

“Fermo! Sono io! Agente Graham, non sparare!” urlò il detective.


“S-signore? È veramente lei? Sia ringraziato il cielo.”

“Attento a dove punti la pistola, ragazzo.”

“Mi dispiace, l'avevo scambiata per lui, sa... per le sue cicatrici.”

“Non ti preoccupare, è tutto a posto, è una cosa con cui dovrò imparare a convivere.”

“Non sono riuscito a fare niente... ho abbandonato gli altri e sono scappato... mi ha inseguito e mi sono chiuso dentro questa stanza.”

“Hai fatto un ottimo lavoro, in questo modo gli hai impedito di distruggere anche l'altro generatore.”

“Ha continuato a graffiare la porta con il coltello, ha provato ad abbatterla in ogni modo, Dio, ho addirittura sigillato i condotti d'aria per paura che potesse passare per di là.”

“Riprenditi agente Graham, hai fatto più di quanto credi. Ma sei sicuro che fosse lui? Non ho incrociato nessuno mentre mi dirigevo qui.”

“Fin troppo sicuro... gli altri prigionieri sono ancora nelle loro celle, sono tutte chiuse a chiave, il blackout non può aver intaccato le serrature in nessuno modo...”

“Questo vuol dire che... maledizione! Seguimi presto!” urlò il detective uscendo di corsa dalla stanza col generatore d'emergenza.

Il detective aveva previsto qualcosa, qualcosa che purtroppo si era avverata.
L'agente tornò sui suoi passi, trovando la guardia con un coltello conficcato nel cranio.


La lama era penetrata da fin sopra il cranio e la punta di essa si poteva vedere uscire dalla bocca della guardia ormai morta, il sangue sgorgava fuori da essa, come se non ce ne fosse già stato abbastanza in precedenza.
Non fu una sensazione, qualcosa era realmente passato accanto al detective poco prima dell'incontro con l'agente Graham, Jeff l'aveva visto arrivare e aveva deciso di tornare indietro, completando così la sua opera lasciata incompiuta sul corpo della guardia.

“Non sono riuscito a salvare nemmeno lui...” si disperò il detective.

“Penso sia stato meglio così... insomma guardi le sue ferite, non ce l'avrebbe fatta in ogni caso, si è risparmiato tutto il male...” disse l'agente Graham.

“Penso tu abbia ragione, ma, sta morendo fin troppa gente, e noi siamo isolati qui senza la possibilità di contattare l'esterno.” disse il detective.

“Prima o poi arriveranno i rinforzi, si dovranno pur accorgere che qui qualcosa non quadra.”

“Lo spero proprio, perché in questo momento, è come se ci trovassimo a casa sua, ora questa è una prigione fantasma...”


I due agenti risalirono la scalinata per tornare al piano terra, alla ricerca del male più profondo.

“Agente Graham, non è che per caso hai problemi al cuore di qualche tipo?” chiese il detective.

“Problemi al cuore? In che senso?” chiese perplesso.

“Porti un pacemaker o qualcosa di simile?” continuò a chiedere.

“No, perché? Che le salta in mente?”

“Nulla, nulla. È qualcosa che ho sentito.”


Entrambi si ritrovarono dinanzi ad un nuovo, lungo, ed estenuante, buio corridoio.

“Dobbiamo cercare una mappa, o qualcosa che ci aiuti ad orientarci, o qui continueremo a girare a vuoto.” disse il detective.

“Credo di sapere dove siamo, poco più avanti dovrebbe esserci la stanza del direttore, lì ci sarà sicuramente qualcosa.” rispose Graham.

Si diressero lì ed entrarono nella stanza. Dopo una breve ricerca, trovarono finalmente una mappa.

“Mi aspettavo che questo posto fosse molto più grande.” disse stranito il detective.

“No, non lo è. Questo è un carcere di massima sicurezza, è vero, ma i prigionieri qui non sono solo persone pericolose condannate all'ergastolo o roba simile, questo carcere è stato costruito principalmente per rinchiudere gli avanzi di galera che la gente crede già morta.” spiegò Graham.

“Quindi è per questo che Jeff è stato rinchiuso qui... perché i civili pensano ancora che sia dentro quella bara in quel cimitero.”

“Esattamente, rinchiudere questo tipo di persone è il segreto di questo carcere.” affermò nuovamente il novellino.

“E tu come sai tutto questo?” chiese il detective.

“Davvero non lo sapeva? È una leggenda piuttosto famosa, è per questo che ho chiesto di venire a visitare questo posto insieme a lei, non potevo perdermi l'occasione di confermare la leggenda!” rispose Graham con entusiasmo.

Graham lesse dei documenti posti dentro un cassetto della scrivania del direttore.

“Che cosa stai facendo?” chiese il detective.

“Lei non è curioso di scoprire quali altri carcerati che pensava morti sono ancora in vita?” rispose Graham con un'altra domanda.

“No, e non me ne importa niente, ricordati qual è la nostra priorità.” concluse il detective.




I due uscirono dalla stanza, ora si erano fatti un'idea chiara della struttura del posto.
L'agente Graham camminava davanti al detective, come se volesse decidere lui dove cercare.


“Tu sei qui da un giorno in più di me, dove pensi che sia diretto ora?” chiese il detective.

“Sta andando a chiudere il cerchio.” rispose Graham.

“Cosa?”

“Credo di averlo appena visto...”

“Dove?!”

“Qualcuno è appena entrato in quella stanza, quella di fronte all'estintore!”

“Ne sei sicuro?”

“Sicurissimo.”


“Agente Graham, la smetta di fingere.” disse il detective cambiando tono di voce.


“Di che cosa sta parlando?”

“Non c'era alcun graffio sulla porta del secondo generatore.”


Calò il silenzio tra i due, Graham smise di tremare, cosa che aveva fatto per tutto il tempo, nel suo viso comparve una smorfia, un'orribile e sinistra smorfia.

“Quand'è che l'ha capito?” chiese il novellino, con un timbro di voce rauco.

“Da quando Jeff ha menzionato quell'articolo di giornale, sei tu il ragazzo sopravvissuto, vero? Sei tu il protagonista di quell'articolo.”

“Sì...” rispose Graham ridacchiando.

“L'età coincideva, inoltre, ti avevo detto di controllare le sue manette, e Jeff se le è tolte come se nulla fosse... tu fai parte del mio stesso distretto, dì la verità! Hai architettato tu la messinscena al cimitero, ti sei assicurato che nessuno esaminasse il corpo di Jeff, che venisse sepolto vivo, tutto per farmi uccidere per sua mano, quella notte!” rivelò il detective.

Graham applaudì fieramente alle parole del detective, come per beffeggiarsi di lui.

“Complimenti detective, non ha sbagliato una singola cosa, dunque la sua promozione se la è meritata dopotutto.”

“E come se non bastasse, il tuo cognome mi è familiare. Conoscevi Jeff da ancora prima l'evento riportato sul giornale, dico bene?”

Graham simulò una pistola con le mani e le diresse verso il detective.


“Bang, bang.” disse mantenendo la voce rauca.


“Ti rendi conto di quello che hai fatto, hai idea di quante persone siano morte a causa sua?”

“Io glielo dicevo che lei non avrebbe capito, io ancora non capisco che cosa ci vede in lei.” rispose Graham.

“Spiegati meglio.”

“Noi dobbiamo aiutarlo, detective, noi dobbiamo aiutarlo a salvare quelle persone.”

“Tu sei pazzo.”

“Pazzia è continuare a vivere in questo mondo malato. Lui me l'ha promesso... mi ha promesso che oggi sarei entrato anch'io nel mondo di chi dorme, se l'avessi aiutato a completare il cerchio.”

“Quale cerchio?”

“La sua ultima notte speciale, non creda che tutto giri attorno a lei, detective, questa notte non è sua, la sua c'è già stata due settimane fa, e lei ha puntualmente rifiutato il dono che Jeff voleva farle.”

“Ti rendi conto di quello che dici?! Tu sei un poliziotto! Hai fatto un giuramento, hai giurato di proteggere le persone, non di farle morire!” rispose infuriato il detective.

“Io ho giurato di salvarle, ed è quello che faccio, aiutando lui.” rispose l'uomo corrotto.

“Quando il pacemaker di quell'uomo sarà spento, il cerchio sarà finalmente completo, avranno tutti ricevuto la loro ricompensa.” continuò Graham.

“Chi è l'uomo con il pacemaker?!” chiese il detective.

“Ancora non l'ha capito? Sono sicuro che può arrivarci a scoprirlo.”

Un'esplosione fece sobbalzare il detective, l'agente Graham aveva minato anche il secondo generatore durante la sua permanenza nel piano sotterraneo.
Il folle agente rubò la pistola al detective, ma invece di sparare, scappò via verso una direzione ignota, ora solo la luce della torcia avrebbe potuto guidare il detective.

Graham corse per un breve tratto prima di fermarsi sul colpo, si girò lentamente e guardò il detective mentre si avvicinava a lui.

“Ridammi la pistola, agente.” disse il detective.

“Non posso farlo, con questa rischierebbe di rovinare tutto.” gli rispose con freddezza.

“Tutto cosa?”

“Non ho mentito quando ho detto di aver visto qualcuno entrare in quella stanza.”

Un lungo brivido di terrore percorse la schiena del detective. L'entrata di quella stanza ora era alle sue spalle.


Mentre il detective impietrito non si mosse di un millimetro, Jeff gli passò accanto, la luce della torcia non lo stava illuminando, ma nel buio riconobbe con chiarezza la sagoma del killer.

Passò oltre, ignorando completamente l'agente, e concentrandosi sull'agente Graham.


“Allora, l'hai trovato?” chiese Jeff all'agente corrotto.

Graham bisbigliò qualcosa nell'orecchio di Jeff.

“Hai fatto un ottimo lavoro, Billy.” rivelò Jeff.


“B-Billy?” balbettò il detective ancora preso dal terrore. “Lui è Billy Graham?! Il ragazzino della festa di compleanno?!” continuò poi.

“Esatto detective, Billy è il protagonista di quell'articolo di giornale.”

L'agente non riuscì a dire una parola.

“Anche il nostro Billy fa parte del cerchio, proprio come lei. Lui doveva essere il primo a salvarsi da questa prigione, il primo a ricevere la ricompensa.” spiegò Jeff.

“Quando Jeff venne da me sette anni fa, ancora non capivo, lo trovai a fissarmi dietro quelle tende, quel suo sguardo mi aveva terrorizzato, lottai con lui e poi mio padre riuscì a farlo fuggire.” continuò Billy.

“Un anno dopo, la madre di Billy, Barbara, morì di tumore. Fu allora che tornai da lui. E quella volta non ebbe paura di me, il dolore che aveva provato per la scomparsa di sua madre lo aiutò a capire che in questo mondo esiste solo il male.” concluse Jeff.

“Quindi è tuo complice da sei anni?” riuscì finalmente a parlare il detective.

“Proprio così, Billy una volta era puro, ma quando tornai da lui, non provava più alcun timore per la mia faccia. Non era più idoneo a dormire, tuttavia avrebbe potuto aiutarmi a chiudere il cerchio, una volta entrato in polizia.” spiegò Jeff.

“Quindi non ritieni che esistano delle persone pure, ritieni la purezza una cosa temporanea, le uccidi prima che possano essere corrotte dal male.” capì il detective, ripensando alla storia che aveva raccontato Jeff durante l'interrogatorio.

“Il tuo dovere è finalmente compiuto.” parlò nuovamente Jeff rivolgendosi a Billy.

Il folle ghigno scomparve dalla faccia di Billy, al suo posto vi fu un'espressione di pura gioia.

“D-dici davvero?” chiese Billy in preda all'emozione.


“Sì, torna a dormire, Billy.” disse Jeff.


“Che cosa?! Fermo?!”
Disse il detective in un ultimo urlo di disperazione.


Billy si mise in ginocchio e aprì le braccia come per ricevere l'assunzione. Il tutto accadde troppo velocemente. Jeff infilò la sua lama nel collo di Billy, con un rapido e violento scatto.

Il viso di Billy non cambiò mai espressione, neanche quando Jeff cominciò a pugnalarlo ossessivamente, neanche mentre il liquido cremisi sgorgava da venti o più ferite, Billy semplicemente sorrideva, gioiva di quel momento, pensava realmente che morire per mano di Jeff gli avrebbe concesso una felicità perpetua. Non emise alcun suono, né una parola, né un urlo e non ebbe nemmeno un attimo di esitazione, Billy rimase in quella posizione per tutto il tempo, mentre lentamente la vita cominciava ad abbandonare il suo corpo. Il detective nel mentre non riusciva a concepire quello che stava accadendo e vomitava disgustato dinnanzi a quella che fu la scena più violenta e malata a cui assistette in tutta la sua vita.

Quando finalmente Jeff concluse la sua opera, il suo viso e le sue vesti erano completamente inzuppate del sangue della sua... vittima? Sì, nessuno più di Billy era stato vittima della marcia influenza e malignità di Jeff the Killer.
Billy compieva nove anni il giorno in cui Jeff assaggiò le fiamme che l'avrebbero trasformato nel demone che è oggi, dodici il giorno in cui Jeff tentò di assassinarlo, e tredici, la stessa età di Jeff al loro primo incontro, quando Billy divenne il suo complice.
Nei suoi restanti sei anni di vita, Billy aiutò Jeff nei suoi massacri, a diciotto anni entrò in polizia per poter aiutare meglio il killer fantasma e, a diciannove anni trovò la sua fine per sua volontà e per mano del killer a cui aveva dedicato metà della sua breve vita.

10-09-2016 Immagine 002



“Ora lo capisce, agente? Può finalmente vederlo anche lei? O pensa ancora che possa esistere un mondo peggiore di questo? Noi siamo già all'inferno, detective.”

Jeff si congedò così, prima di sparire nuovamente nel buio.





La psiche dell'agente si trovava ora in un basso fondale, la scena a cui aveva assistito l'aveva provato molto, non fu solo l'orribile morte di Billy ad impedirgli di alzarsi e ad inseguire la sua nemesi, ma tutto il dolore e la morte che essa aveva causato, e che non era riuscito ad impedire.
Pensò che presto, il nome delle defunte guardie della prigione, il nome di Billy e anche il suo sarebbero state presto impresse in quella lista che teneva in tasca.

Già, la lista... era la cosa che più contava ora, erano morte tante persone per proteggere quella lista, e il detective non poteva assolutamente permettersi di morire senza averla prima consegnata a chi di dovere. Fu il motivo per cui il detective riuscì a reggersi di nuovo in piedi, doveva assicurarsi che una seconda lista non sarebbe mai dovuta esistere, si diresse nuovamente nell'ufficio del direttore.

Sì, perché se c'era un posto in cui avrebbe potuto scoprire dove Jeff si stava dirigendo ora, era sicuramente quello. Doveva leggere i documenti che Billy aveva letto di nascosto quando erano entrati lì la prima volta, in quei fascicoli era per forza nascosto il motivo per cui Jeff aveva orchestrato questo assedio, in questa precisa prigione.

Quando il detective entrò in quell'ufficio, aprì senza indugio il cassetto che conteneva i documenti e li prese con forza. Puntò la torcia per illuminarli e vide di cosa si trattava.

Era un fascicolo, che riguardava uno dei prigionieri lì rinchiusi, il prigioniero veniva chiamato con il nome di “l'uomo con il pacemaker” non c'era alcun nome di battesimo per un semplice motivo, era uno di quei prigionieri già considerati morti da tempo, uno di quelli di cui aveva parlato Billy. Lesse tutto il fascicolo, il detenuto non aveva commesso crimini spaventosamente gravi, c'era un altro motivo per cui si trovava lì, un motivo strettamente legato a Jeffrey. Anche se nessun nome era riportato, la breve lettura della biografia di questo detenuto, fece capire al detective di chi si trattava. Era l'unica persona al mondo per cui Jeff si sarebbe spinto a tanto.
Comunque, trovò l'informazione che più gli serviva, la posizione di questo detenuto, la cella R-4.

Non c'era tempo da perdere, Jeff era diretto lì.


Jeff era nei pressi della cella tanto ambita, mentre trasportava una sacca e un mazzo di chiavi.

Jeff sapeva la posizione della cella grazie a Billy, ma non aveva ancora avuto modo di aprirla a causa della mancanza delle chiavi, questo per dare del tempo al detective per scoprire la sua destinazione.
A Jeff non serviva la luce per vedere attraverso le tenebre, aveva vissuto in esse per dieci lunghi anni, e ciò gli permise di scorgere la scritta che tanto voleva veder apparire davanti ai suoi orribili occhi, “R-4”.

Accanto a Jeff non c'era nessuno, fino ad allora si era udito solo il rumore del mazzo di chiavi tintinnare nel buio e, anche se nel volto di Jeff non si poteva vedere alcuna espressione umana, se non quella della follia pura, Jeff si sentì parecchio deluso nell'accorgersi che era arrivato lì per primo.

Cominciò a cercare la chiave che aprisse la cella, su ogni chiave era riportata la cella corrispondente, ma Jeff non volle leggerla, trovare da solo la chiave, provandole tutte, avrebbe reso quell'atteso momento ancora più memorabile.

Provò con la prima, ma nulla da fare.

Arrivò il turno della seconda, per un attimo sembrò calzare a pennello ma non era nemmeno lei quella giusta.

La terza...


“Fermati Jeff”

“Ce l'ha finalmente fatta a raggiungermi, detective, per un attimo ho temuto che non sarebbe arrivato.” disse Jeff rivelando di chi fosse la voce.

“Che cosa pensi di ottenere uccidendo quell'uomo?”

“Di nuovo con questa storia dell'uccidere? Non lo capisce che non so di cosa sta parlando?” rispose Jeff continuando a provare le varie chiavi.

“Lo sai bene che non ti permetterò di uccidere anche lui.” gli rispose l'agente.

“Non dovrà fare nulla del genere.”

“Ti sto puntando contro la pistola, Jeff.”

“Non sia sciocco, lo sa bene che non sparerà, lei è curioso quanto me di vedere la persona dietro a questa porta.”

Finalmente la chiave esatta entrò perfettamente nella toppa.

“Molto bene, pare che sia giunto il momento.” disse Jeff chinandosi per aprire la borsa che si era trascinato dietro.

“Che diavolo hai in quella borsa?”

Jeff estrasse dalla borsa dei vestiti, una benda, una tanica di benzina e... una pistola.

“Gettala subito!” urlò il detective.

“Sa bene che non uso questo genere di cose quando si tratta di mettere a dormire le persone, solo le lame sono adatte, così chi sta per addormentarsi per sempre può sentire per un'ultima volta il dolore e il male che sta per lasciarsi alle spalle.” spiegò Jeff.

“Tu sei completamente pazzo, guardati attorno, guarda cosa hai fatto!” disse il detective indicando le guardie della prigione vicino ai loro piedi, morte anche loro per mano di Jeff qualche attimo prima che il detective arrivasse.

“Io vedo semplicemente delle persone libere.” concluse Jeff.

Jeff indossò in fretta la veste estratta dal borsone, si coprì il volto con la benda e poi appoggiò la tanica a terra.

“Cosa hai intenzione di fare con quelli?” chiese il detective

“Lo vedrà presto, di quella forse non ce ne sarà il bisogno.” rispose Jeff indicando la tanica, poco prima di girare la chiave e aprire la cella R-4.


Una strana luce inondava la stanza, era rossa e calda, era l'alba, i primi raggi del sole stavano cominciando a penetrare dalla piccola finestra situata all'interno della cella.

La cella era spoglia, come qualsiasi altra, di certo la prima attenzione era data all'uomo che stava seduto sul letto, fissando i due visitatori che fecero capolino nella stanza.

Chiamarlo uomo, era un eufemismo, l'individuo era senza dubbio di sesso maschile, ma a prima vista chiunque l'avrebbe scambiato per un semplice ragazzo malato e sofferente.

Jeff scattò accanto all'”uomo”, ora il detective aveva luce a sufficienza per colpire Jeff senza che egli avrebbe avuto il modo di contrattaccare, tuttavia non sparò quando vide che Jeff gli si avvicinò semplicemente,


dicendogli:



“Ciao, Randy.”


Quel giorno, durante la festa di compleanno, quando i medici arrivarono per portare via Jeff in seguito all'incendio subito, si pensò che non potesse farcela, ma così non fu, il resto lo conosciamo.
Ma, c'erano altri tre ragazzi gravemente feriti e altri, privi di vita.

Il primo che ricevette assistenza medica fu Keith, il ragazzo aveva una grave ferita in testa e gli occhi danneggiati da sostanze infiammabili, nonostante tutto però aveva solo perso i sensi e delle cure immediate bastarono per salvarlo.

Il secondo che fu visitato fu Troy, il ragazzo grasso fu trovato con il cranio aperto, la ferita era simile a quella di Keith ma molto più profonda, addirittura si intravedeva il cervello, non si poté fare nulla, Troy era decisamente morto.

Il terzo ed ultimo ragazzo, fu Randy.

Randy era morto, in seguito ad un arresto cardiaco provocato da delle violente contusioni ad opera di Jeff. Quest'ultimo l'aveva colpito più volte con tutta la forza che aveva nei pugni, proprio nella zona sopra il cuore.
Tuttavia, per prassi, i medici sono tenuti a tentare una rianimazione in ogni caso, tranne nel caso in cui la vittima sia decapitata o abbia il cervello distrutto, quindi fu tentata una rianimazione sul corpo di Randy.

Il cuore di Randy riprese a battere, con sorpresa di tutti, ma era molto debole e il corpo aveva già subito delle emorragie interne, fu trasportato in fretta in ospedale e ciò impedì la sua morte per una seconda volta.

Il suo fisico però ne risentì fin troppo, il cuore ben presto si sarebbe fermato di nuovo, ragion per cui gli fu impiantato un pacemaker che gli avrebbe concesso di rimanere in vita ma, non sveglio.
Randy cadde in un coma che durò per ben cinque anni, in questo lasso di tempo quasi nessuno sapeva che lui era ancora in vita, e fu una cosa positiva, poiché se Jeff l'avesse scoperto, gli avrebbe dato senza dubbio la caccia. E poi Randy si svegliò.

Il coma aveva rovinato il suo aspetto fisico, un sonno così lungo a quell'età gli rovinò per sempre lo sviluppo, Randy non aveva ricevuto quanto bastava per maturare, ragione per cui il suo aspetto sembrava quello di un ragazzo deperito.

Il malessere di Randy non terminò, oltre al fisico distrutto, Randy soffrì anche di un'amnesia stabile dovuta al precedente arresto cardiaco, non ricordava più chi era. Come se non bastasse, Randy era ancora colpevole per l'aggressione e il tentato omicidio di Jeff, passò gli altri cinque anni in prigione per un reato che non ricordava nemmeno di aver commesso. Randy venne trasferito in quella che ora era la prigione fantasma di Jeff, gli tolsero il suo nome poiché non se lo ricordava nemmeno lui stesso, e da allora fu conosciuto da tutto lo staff del carcere come “l'uomo con il pacemaker”.


Jeff mise la pistola in mano a Randy.

“Guarda chi c'è là, Randy, è il pazzo che è venuto per ucciderti.” gli intimò Jeff puntando il dito contro al detective.

“Ma c-che” balbettò il detective.

“Guarda il suo viso! Il suo sorriso inciso, il nero sotto i suoi occhi! Guarda i suoi vestiti pieni di sangue!” continuò Jeff.

La follia di Jeff non aveva fine, voleva fare in modo che Randy sparasse all'agente, facendolo passare per se stesso.

Ma era vero, il sorriso che gli aveva inciso Jeff era simile al suo, le occhiaie a causa della mancanza di sonno somigliavano davvero ad un contorno bruciato e, i suoi abiti erano zuppi del sangue di tutte le guardie che aveva cercato di soccorrere.

“Io n-non...” disse Randy in preda al panico, mentre stringeva la pistola tremando.

“Non farlo ragazzo! È lui l'assassino!” tentò di difendersi il detective.

Jeff si era travestito e si era bendato il volto, aveva programmato tutto quanto.

“Ti prego non sparare!” lo implorò l'agente, mentre entrambi si puntavano contro le rispettive pistole.

Il detective puntò la pistola verso Jeff. No, non poteva sparare, un colpo verso Jeff avrebbe fatto scattare automaticamente la pistola di Randy.

“Stai lontano da me!” urlò Randy.

Randy spinse leggermente il grilletto, pronto a far fuoco.

“Dannazione!”

Uno sparo.


Randy cadde a terra, ferito e agonizzante.

Jeff rise, scoppiò nella più malata e rumorosa risata che avesse mai fatto.

“Dunque alla fine, si è lasciato divorare dal male, agente.” disse Jeff ridendo come un pazzo.

Il suo test aveva avuto successo, Jeff voleva verificare chi dei due fosse il più puro, ora poteva finalmente chiudere il cerchio.

Il detective sparò a Jeff ma questo lo schivò lasciando scivolare via il bendaggio.

Il viso di Jeff era ora visibile per la prima volta anche per Randy, che stava facendo pressione sulla ferita inferta dal detective.

“Come mi trovi, Randy, non sono bellissimo?” chiese Jeff sadicamente.

Randy, spaventato, tentò di allontanarsi all'indietro strisciando come un verme.

“Come supponevo.” disse nuovamente Jeff.

Jeff raccolse Randy da terra e si mise dietro di lui usandolo come scudo.

“Non farlo Jeff! L'hai già ucciso una volta!” urlò il detective.

“Non ha dormito abbastanza.” concluse Jeff, prima di affondare la lama sul pacemaker di Randy, spegnendolo per sempre.


Un altro fallimento...

Jeff lasciò cadere il corpo di Randy a terra.


Fu allora che il detective ne aveva avute abbastanza, puntò di nuovo la pistola e cominciò a sparare verso Jeff. Purtroppo la luminosità non era delle migliori, e Jeff tentò di schivare come meglio poté, ma riuscì comunque a mettere qualche colpo a segno, abbastanza per potersi avvicinare a lui e dare sfogo alla sua rabbia.

Mentre l'agente si lanciava contro il killer, Jeff gli rimembrò le parole che gli disse al cimitero.

“I killer sono solo demoni che camminano sulla terra, non abbia pietà di me questa volta, agente.”

L'agente quella notte gli disse di volergli dimostrare il contrario, ora non gli importava più di nulla, tutto ciò che voleva era fare del male a Jeff, voleva ucciderlo.

L'agente lo gettò a terra e cominciò a colpirgli ripetutamente la faccia.

“Mi hai rovinato la vita!” urlò colpendolo ripetutamente.

Tutto ciò che provava non era nient'altro che rabbia, guardò il corpo di Randy, ripensò a Billy, al suo partner, alla guardia che aveva torturato e ad ogni singolo nome presente nella lista, mentre picchiava con tutte le sue forze quel volto da incubo.

Jeff tentò di difendersi pugnalando il detective al fianco, ma giunti a questo punto, non gli importava più nemmeno di provare dolore. Prese il coltello di Jeff dalla parte della lama e glielo strappò via dalla mano, poi lo afferrò dal manico e cominciò a fare a Jeff ciò che lui aveva fatto a Billy.

Per un attimo gli sembrò che Jeff non si muovesse più, si alzò, e cominciò a muoversi verso la tanica.

“Te l'ho già detto agente, io non posso più dormire ormai... e ora nemmeno tu potrai più farlo.” disse Jeff rialzandosi a metà.

Il detective prese la tanica e sparse il combustibile ovunque nella stanza, voleva assicurarsi che non rimanesse alcuna via di fuga.

“Il fuoco fortifica i demoni.” disse Jeff, intimandogli di non appiccare l'incendio.

“Non mi importano più i tuoi vaneggiamenti, non voglio nemmeno sapere se avevi previsto anche questo, non voglio sapere se questa tanica era qui per questo scopo, io voglio solo che tu soffra più di quanto io ho sofferto.”

L'agente trovò un accendino zippo dentro la borsa che aveva portato Jeff, lo lanciò verso il liquido infiammabile senza alcuna esitazione.

Il fuoco divampò in fretta, Jeff non si mosse dal punto in cui era rimasto.

14269512 689140651233267 520458298 n












“Dunque hai infine scelto di rimanere sveglio.” disse Jeff prima di rimanere apparentemente avvolto dalle fiamme.



L'agente chiuse la cella, ormai divenuta un altoforno, girando tre volte la chiave attaccata alle porte ignifughe della R-4.




Quando arrivarono i soccorsi, in vita erano rimaste poche guardie oltre al detective, quest'ultimo non voleva saperne più nulla, non si pentì di quello che aveva fatto, né volle sapere com'era lo stato di quella stanza data in pasto alle fiamme.
Tuttavia un solo corpo fu trovato al suo interno, carbonizzato, oltre ad una veste e ad una benda bruciata.



“Dunque tutti i nomi delle sue vittime si trovano in questa lista?” chiese il capo del distretto.

“Quasi tutti, mancano quello di Randy e quello di Billy Graham... oltre a tutti quelli delle guardie della prigione...” disse il detective arrancando.

“Capisco, provvederemo ad aggiungere i rimanenti nomi, ma piuttosto, ti senti bene detective Jeffrey? Non ha una bella cera.” domandò il capo.

“La prego, capo, non mi chiami con il mio nome di battesimo. Ho intenzione di cambiarlo a breve.” disse il detective. “Comunque, è solo che non riesco a dormire da settimane.”

“Vai a casa a riposare detective, non tornare al lavoro finché non ti sarai rimesso in sesto, te la sei meritata una vacanza.” concluse l'uomo.


Il detective ora si trovava a casa sua, nel suo bagno.

“Tesoro, perché non vieni a dormire?” chiese la moglie.

“Lo sai che non riesco a farlo.” ribatté il detective.

“Per favore, provaci, rimani almeno solo sdraiato sul letto, anche solo riposare così ti farà bene.” lo scongiurò la moglie.

“E va bene... tra un po' arrivo, ti raggiungo subito.”

Il detective fece per uscire dal bagno quando qualcosa sullo specchio attirò la sua attenzione.

“Finalmente questa storia è finita.” pensò tra sé l'uomo. “Posso finalmente lasciarmi tutto alle spalle e non pensarci mai più.”

“Se solo non fosse per queste orrende cicatrici riuscirei a stare più tranquillo.” cominciò a parlare a voce alta.

“Sì... è colpa di questo stupido e orrendo sorriso.”

“Questo orribile e intagliato sorriso.”

“Orribile... orribile...”

“Questo...”


...

“... Bellissimo sorriso.”

...


Ghost UnconsciousModifica

“Questo ticchettio non la vuole smettere...” pensò il reporter mentre tentava di trovare l'uscita da quel luogo prigioniero delle tenebre.

Erano i topi che rosicchiavano qualcosa? Le pareti scricchiolanti? No. L'uomo sapeva benissimo di cosa si trattava, in quel posto non era solo, anche se... non aveva visto nessuno.

Esatto, più di due ore passate in quell'edificio a perlustrare tutte le stanze con la sua torcia e non aveva visto l'ombra di nessuno, tuttavia l'ammontare di sangue, cibo ammuffito sparso ovunque e la puzza nauseabonda di altri liquidi organici rendevano chiara la presenza di qualcuno lì dentro.

Anche i rumori sinistri lo confermavano, soprattutto quel ticchettio che presto si trasformò in un rumore graffiante.

“Sei videocamere, solo sei videocamere sono tutto ciò che mi serve per stanarlo.” aveva pensato l'uomo tra sé e sé.

Tutto questo, almeno, era ciò che si aspettava all'inizio, ma le cose erano decisamente cambiate una volta che entrò lì dentro.

Il suo compito era quello di recuperare sei videocamere nell'edificio, in questo modo se qualcuno viveva davvero lì dentro allora era sicuramente rimasto intrappolato nelle immagini. Ma l'uomo non era uno stupido: che senso avrebbe avuto recuperare le sei videocamere in presenza stessa del soggetto che esse dovevano riprendere? Voglio dire, quel pazzo sarebbe potuto saltare fuori da un momento all'altro e perforargli il collo da parte a parte senza la minima esitazione, distruggendo le videocamere subito dopo. 

Ma non era più lui a volerle recuperare, e per lui intendo il nostro intrepido protagonista, era proprio il pazzo che voleva che lo facesse.

Il ticchettio significava che il reporter si stava allontanando troppo dal punto in cui il killer voleva che recuperasse una delle videocamere, i graffi invece indicavano che si stava avvicinando ad una di esse.

Un gioco malato che l'uomo è riuscito da solo a comprendere nel momento in cui il picchiettio è cessato e, una fredda lama ha fatto presto strada nel polpaccio della sua gamba.

Non l'aveva nemmeno sentito arrivare, né l'aveva visto fuggire dopo l'aggressione, non c'era nulla che poteva fare per anticiparlo, perché nel buio lui non ci aveva vissuto come aveva fatto il pazzo osservatore lì insieme a lui. Lui era le tenebre stesse, un fantasma composto da ombre forgiato da fuoco e malizia: un killer fantasma.

Dunque il suo obbiettivo non era più quello di trovare l'uscita, ma fare ciò che il killer voleva e sperare che esso non lo uccidesse subito dopo aver completato il suo compito.

“Tic, Tic, TIC.”

“Dannazione, ero sicuro che di qui mi sarei avvicinato al prossimo punto...”

Il tempo stringeva, l'uomo non sapeva ancora quanto tempo il killer gli avrebbe concesso, ma il buio non gli permetteva di muoversi come voleva e il ticchettio stava nuovamente aumentando di frequenza.

Lanciò un poderoso urlo che riecheggiò per tutte le stanze.

Era stato colpito nuovamente, ma questa volta non da una lama: il folle lo aveva calciato con forza nel polpaccio che gli aveva perforato poco prima, facendo sgorgare ancora più sangue dalla ferita che, presto, ricoprì totalmente l'amatoriale bendaggio che l'uomo aveva improvvisato.

Se voleva uscire vivo da lì doveva fare completamente affidamento su tutti i suoi sensi, la torcia non bastava più per salvargli la vita e, dopotutto, non sarebbe durata ancora per tanto.

L'uomo si alzò a fatica ma si rimise in piedi, aveva tratto vantaggio da ciò che era successo. L'urlo che aveva lanciato fu così intenso da echeggiare per più di qualche secondo e, grazie a quegli echi, riuscì ad identificare un corridoio che non aveva ancora affrontato prima.

Il ticchettio non tardò a ricominciare, egli tentò di coordinare il rumore dei suoi passi a quelli del fastidioso ticchettio per assicurarsi che esso non aumentasse di frequenza... cosa che riprese di nuovo a fare.

La paura lo stava attanagliando di nuovo, si fermò di colpo preparandosi per la sua prossima punizione.

La frequenza del picchiettio però non cessò, finché l'uomo sarebbe rimasto fermo il killer non lo avrebbe attaccato, perciò fece alcuni passi indietro.

Fu in quel momento che la vittima capì che il killer era padrone del gioco, era il suo gioco, poteva fare ciò che voleva. Il ticchettio continuò ad una velocità frenetica anche mentre l'uomo tentava di tornare indietro, così quest'ultimo capì di trovarsi di fronte ad un bivio, anche se non poteva assolutamente vedere le strade da prendere.

Non poteva tornare indietro, poteva solo proseguire in una delle due strade e sperare di prendere quella giusta.

“Destra.” disse l'uomo sussurrando.

“Sbagliato.” rispose la voce dietro di lui.




Questa volta fu il turno della sua spalla e, questa volta, la ferita fu più profonda. 

“La mia solita fortuna...” disse accasciandosi al suolo, ridacchiando e pensando che la sua fine era ormai vicina.



“Perché stai facendo tutto questo, Jeffrey...” pensò infine.









Il giorno prima, ore 16:00



“Dunque, hai finito di installare i tuoi giocattolini?” chiese il direttore del giornale con tono seccato.

“Non mi vuole proprio perdonare per averle chiesto di portarmi fin qui eh.” rispose il reporter.

“Ascoltami bene, l'ho fatto perché le dovevo un favore, ma non l'ho assolutamente fatto per permetterle di ridicolizzare il mio giornale con la caccia ai fantasmi.” continuò il direttore mentre faceva salire a bordo l'altro uomo e azionava la macchina.

“Non possono essere solamente delle voci, lo sa anche lei che molti dei nomi di quella lista riportavano come coordinate luoghi abbandonati come questi.” si difese l'uomo.

Il direttore fece un respiro profondo per calmarsi “Mi ascolti, posso capire come si è potuto sentire quando ha saputo che il suo nome e cognome erano in quella lista e che le coordinate di essi conducevano proprio dentro quel luogo, ma rifletta solo un secondo: potrebbe trattarsi di qualcun altro con il suo stesso nome e cognome oppure quel bastardo di un assassino ha semplicemente mentito alla polizia.” spiegò poi mentre si dirigeva in città verso la sede del suo giornale.

“Non è possibile, è l'unico nome della lista il cui corpo non è stato ritrovato e l'unico nome che non risulta tra le persone disperse negli archivi della polizia.” controbatté l'uomo.

“E lei pensa che il killer, nel bel mezzo di quell'assalto alla prigione di due anni fa, abbia pianificato di ucciderla in quell'edificio?” chiese il direttore.

“Non lo so, come potrei fare a saperlo... io so solo che lì c'era il mio nome... inoltre sono solo delle voci ciò che è successo in quel luogo, nessuno ha mai confermato ciò che è veramente successo lì dentro.” rispose il reporter preoccupato.

“Insomma, che ha trovato dentro quel mattatoio per tutto il tempo in cui è rimasto al suo interno?” chiese il direttore tentando di non lasciare l'altro uomo ai suoi pensieri.

“Ho installato sei videocamere in punti specifici, domani tornerò a prenderle per controllare che non abbiano registrato qualcosa di importante. Ho avuto un'ansia addosso per tutto il tempo.” rispose l'uomo.

“Che intendi dire?” chiese il direttore.

“Non so... per un attimo credo di aver visto la sagoma di qualcuno che mi osservava, ho avvertito dei graffi e dei passi e penso di aver sentito pure delle urla in lontananza, non posso dire concretamente che lì dentro ci fosse qualcun altro oltre a me ma sono certo di non essere stato solo... per un attimo penso che qualcuno mi abbia inseguito e così ho iniziato a correre verso l'uscita.” raccontò il reporter.

“Comunque sia, quel mostro è morto in quella prigione, sempre che ci sia stato veramente.” cambiò discorso il direttore.

“Ma signore, quel nastro che siamo riusciti ad ottenere e tutte le recenti vittime...” 

“Basta così,” lo interruppe il capo “e poi lo sa bene che ad uccidere quelle guardie è stato quel detective impazzito.” proseguì poi.

“Intende quell'uomo che ha quasi ammazzato la sua famiglia?” chiese il reporter.

“Sì, sono sicuro che è stato quel poliziotto a commettere il presunto massacro in quella prigione, in quanto alle recenti vittime è soltanto qualcuno che vuole emulare quei due folli.” concluse il reporter.

“Quindi lei pensa davvero che Jeff the Killer sia morto. In quanto a quel detective, si sa qualcosa su che fine abbia fatto?” chiese infine l'uomo.



Il direttore parcheggiò la macchina, spense il motore e tolse le chiavi, si voltò verso l'uomo, lo fissò negli occhi e pronunciò le seguenti parole:



“Sei veramente sicuro di volerlo sapere?” 







Presente



“Tic, tic, TIC.”

“Avanti alzati, ne mancano solo tre, vuoi davvero mollare ora razza di idiota?!” si disse il reporter.

“Tic, tic, tic, tictic, tictictic.”

Improvvisamente il ticchettio da sottile e squillante si trasformò in pestoni pesanti, con frequenze sempre più veloci. Era un suono nuovo per l'uomo e non poteva significare nulla di buono, era infatti un countdown della morte.

“Tap, tap, tap.”

Se il reporter non si fosse sbrigato ad alzarsi avrebbe presto fatto una brutta fine.

“Non ho scelta...” disse l'uomo mettendosi in bocca un pezzo di camicia strappata.

Si alzò più velocemente che poté, ciò provocò una notevole pressione sanguigna che fece schizzare più rapidamente fuori il sangue dalla spalla.

Ma quel momento di puro dolore gli consentì almeno di far cessare quel rumore sordo, facendo ripartire il solito ticchettio.

Si bendò anche la spalla meglio che poté, ma di questo passo sarebbe morto lentamente dissanguato: doveva sbrigarsi a trovare la quarta videocamera e a visionare il suo contenuto.

Prese la strada a sinistra, quella che avrebbe dovuto prendere fin dal principio.

Il ticchettio cessò.

L'uomo deglutì rumorosamente.

“Grat, grat.”

Il reporter poté finalmente tirare un sospiro di sollievo nel scoprire che il rumore non era cessato per un prossimo attacco del killer, ma perché era finalmente vicino alla videocamera.

“Grat, grat, grat.”

“Eccola...” si disse sollevato alla vista dell'aggeggio piazzato da lui stesso, sarebbe stato più facile se il killer l'avesse lasciata dove l'aveva collocata il reporter nel giorno precedente, ma ovviamente in questo modo sarebbe stato fin troppo facile.

Prese in mano la videocamera e se la portò vicino al volto, anche questa aveva poca batteria, giusto il tempo per visionare il video un paio di volte e non permettergli di utilizzarla come fonte di luce.

Il video partì, era il solito cimitero mostrato anche nei video precedenti, questa volta la tomba era di Randy, ai piedi della lapide c'era una fotografia che raffigurava il corpo completamente carbonizzato di quest'ultimo, o almeno questa era la cosa più plausibile essendo il cadavere completamente irriconoscibile. Il video poi tagliò sul nero e comparve la scritta “VENDETTA”.

La presenza che fino a quel momento aveva perseguitato l'uomo sembrava essere completamente svanita, nessun ticchettio si poté più udire, ciò poteva forse significare che le videocamere in quella zona fossero finite.

Dunque non rimaneva che procedere verso la parte più interna del mattatoio, dove il reporter sperava di trovare le ultime due videocamere, oltre che l'uscita da quell'inferno.

L'aria si fece molto più pesante in quel punto, d'altronde si trovava in un ammazzatoio abbandonato, le pareti di quel luogo avevano ancora memoria delle urla degli animali che venivano lì uccisi per essere poi venduti come carne, ma non erano solo le urla del bestiame ad essere penetrate in quelle pareti.

Quando il reporter calpestò un cadavere mezzo decomposto di una donna, capì che quel posto, abbandonato o non, era ancora un mattatoio: il mattatoio del killer.

“Tic, tic, tic”

“Ci siamo, si ricomincia.” disse il reporter prendendo un bel respiro.

Questa volta se non altro si trovava in una vasta area, non c'erano stanze o stanzette da controllare, ma solo una gigantesca stanza piena di cadaveri.

“Grat, grat.”

“Non posso crederci!” pensò entusiasta l'uomo.

Entusiasta finché non udì un gorgoglio provenire di fronte a sé.

Solo l'odore fece vomitare il reporter all'istante, era la cosa più nauseante a cui avesse mai assistito.

Si trovò dinanzi ad un'enorme vasca dalla forma circolare, con un grande cilindro di legno posto al centro di essa, in cui era stata riposta la quinta videocamera.

L'intera vasca era ricoperta di sangue, pezzi di animali e persone galleggianti, doveva trattarsi sicuramente del posto in cui scolavano il sangue degli animali dati al macello. Come se non bastasse a mollo ci erano finite anche le vittime del killer.

L'uomo esitò e si girò lentamente per scappare, ma il ticchettio gli ricordò presto che era meglio se non lo facesse.

Non c'era scelta, se voleva avere le risposte avrebbe dovuto attraversare quel putridume di cadaveri e sangue putrefatto.

L'uomo si immerse nel liquido cremisi: un intenso bruciore assalì subito il malcapitato.

Le ferite aperte dell'uomo non reagirono bene al contatto col sangue marcescente, ebbe pure la sensazione che in quella poltiglia il sangue non fosse l'unico elemento.

“Non cedere ora, hai affrontato di peggio, non dimenticarti di questo... ma chi voglio prendere in giro... sto per morire, è questo il mio destino? Diventare l'ennesimo contenitore di sangue che aumenterà la capacità di questa vasca? No, ho bisogno di quella videocamera, ho bisogno della risposta.” pensò l'uomo per non sentire l'intenso bruciore che lo stava lentamente portando allo svenimento.

Il sangue gli arrivava fino al mento, riusciva solo a tenere fuori le braccia per usare la torcia e tenere la ferita sulla spalla il meno possibile a contatto con la poltiglia.

Qualcosa lo fece sobbalzare, una testa mezza immersa nel sangue sembrava fissarlo, poté scrutare per qualche secondo quegli occhi indemoniati privi di vita.

Ebfea776466a038b4f5af4284b478a1b

Uno spostamento del liquido gli fece perdere il controllo dei nervi e lo fece girare di scatto per vedere cosa fosse.

Non c'era niente, indi per cui tornò a guardare la mezza testa familiare di poco fa, che non si trovava più al suo posto.

Non dovette spostarsi di molto per ritrovarsi quello sguardo a due centimetri dalla faccia, quegli occhi enormi bianchi e contornati di ustioni, se ne stavano lì completamente sbarrati perché impossibilitati a chiudersi, occhi senza vita che ne avevano tolta altrettanta a innumerevoli persone. Il sangue scivolava come nulla fosse da quei due enormi bulbi oculari, che non sembravano subire alcun fastidio da esso.

Poi, si immerse.

Il reporter rimase pietrificato dalla paura per qualche secondo, non era pronto a tutto ciò, stava sperimentando sulla sua pelle il terrore più assoluto.

Ben presto non ebbe più tempo per pensare: il killer afferrò entrambe le sue gambe facendo pressione sul polpaccio ferito dell'uomo, per trascinarlo poi insieme a lui sotto quella poltiglia putrefatta.

Il sangue era arrivato alla gola, ma nonostante questo le sue urla si udirono anche al di fuori della vasca di sangue.





Il giorno prima, ore 19:00



“Quindi è questo il posto in cui è stato per tutto questo tempo.” disse il giornalista.

“Già, dopo il suo arresto è scomparso per qualche tempo, poi una mia fonte ha confermato la sua identità all'interno di questo ospedale psichiatrico.” confermò il direttore.

“Un manicomio?! Ma non erano stati aboliti? E poi a me dà l'aria di essere un normale ospedale.” chiese preoccupato il reporter.

“Sembra che qui vengano curati i criminali alla vecchia maniera, se capisci cosa intendo, abbiamo scritto un articolo tempo fa sulla presunta esistenza di questo manicomio ma la cosa venne insabbiata e fatta passare per una bufala, ora le voci sono tutto ciò che è rimasto.” raccontò il direttore del giornale.

I due uomini si divisero, il direttore come gli aveva promesso l'aveva portato nel luogo in cui si trovava ora l'uomo conosciuto, in passato, come il detective Jeffrey, l'unico che avrebbe potuto sapere cosa realmente era successo a Jeff the Killer, sempre se era ancora in grado di parlare.

Il reporter chiese alla reception se potesse incontrare il suddetto ex detective, l'infermiera fu sorpresa nell'udire il nome di quel paziente, nessuno era mai venuto a trovarlo durante la sua intera permanenza in quel luogo.

Così gli fu acconsentito di incontrarlo: aveva a disposizione solo venti minuti per interrogarlo. Fu portato all'interno della stanza di Jeffrey, che sedeva nel suo letto con la testa rivolta verso la finestra dando le spalle all'uomo che si accomodò nella stanza.

“Lei è l'agente Jeffrey, giusto?” chiese il reporter.

“Ex agente, e non mi chiami con quel nome” rispose scontroso l'uomo.

“Come devo chiamarla quindi?”

“Non lo so, non sono più nulla ormai.” rispose l'uomo con tono triste.

“Mi ascolti... sono qui per chiederle un'intervista, è disposto a farla o c'è un motivo per cui non accetterebbe?” chiese il giornalista.

“Spero tu mi stia prendendo in giro, non ti hanno parlato di me? Non sai cosa ho fatto? Non hai paura a restare in questa stanza da solo con me?” chiese sorpreso l'ex detective.

Il giornalista gli raccontò tutto ciò che era successo quello stesso giorno, gli spiegò del suo nome presente nella lista che lui stesso aveva recuperato e del perché decise di incontrarlo.

“Quindi alla fine anche quella lista, l'unica cosa buona estrapolata da tutto ciò, si è rivelata un altro oggetto portatore di morte.” pensò a voce alta il paziente, seccato da tutto ciò.

“Tuttavia, non vedo perché dovresti preoccuparti tanto di questa cosa, lo sanno tutti che Jeff the Killer è morto e non è mai stato in quella prigione, non hai visto la sua tomba, ragazzo?” continuò l'ex detective.

“Quindi mi sta confermando che è stato proprio lei a compiere quell'assalto nella prigione? Lei, insieme all'agente Billy?” chiese il reporter.

“Per quale motivo non dovrebbe essere la verità?” chiese Jeffrey.

“Perché sono sicuro che Jeff the Killer sia ancora vivo, e che lei sia stato usato come capro espiatorio per ciò che è realmente successo lì dentro.” disse il reporter convinto della sua affermazione.

“Jeff è morto, io l'ho ucciso, ho bruciato il suo corpo all'interno della R-4.” disse Jeffrey con tono assente.

“Mi ascolti bene, ciò che sto per farle ascoltare è segretissimo, nessun altro deve sapere dell'esistenza di questo nastro.” disse il reporter tirando fuori dalla tasca un piccolo registratore e premendo play una volta finita la frase.


1° voce: “Amico, quella cella è un vero macello, dubito potranno riutilizzarla di nuovo.”

2° voce: “Già, senza contare che quella cella era stata costruita in maniera tale da sembrare la camera di quel ragazzo, tutti i soldi per realizzarla sono stati buttati al vento.”

1° voce: “Perché dobbiamo esaminare questa roba? Che cosa sperano di ottenere dall'esame del corpo abbrustolito di quel ragazzo?”

2° voce: “Non lo chiedere a me, poi lo sai come funziona questa roba, è semplicemente la prassi.”

1° voce: “Ehy ma stai registrando?!”

2° voce: “Certo, lo sai che questo aggeggio fa spesso brutti scherzi e c'è bisogno di iniziare la registrazione un po' prima, inoltre non ti preoccupare, cancellerò la parte iniziale.”

1° voce: “Ok ma assicurati che non si senta che mi sono lamentato del mio lavoro.”

2° voce: “Non ti preoccupare, piuttosto, pensi anche tu che siano stati quel detective e quell'agente morto a causare questo casino?”

1° voce: “Non ne ho proprio idea amico, ma l'hai visto anche tu com'era ridotto quel detective, quel suo sguardo affossato e quel suo fottuto sorriso inquietante mi hanno fatto gelare il sangue.”

2° voce: “Già, me ne sono accorto anch'io, non penso che gli eroi possano avere il volto di un demone.”

1° voce: “Inoltre il corpo di quel suo killer non era presente nella cella, quel bastardo deve aver semplicemente dato fuoco a quel povero ragazzo smemorato.”

2° voce: “Come se non bastasse è stato trovato un proiettile nel suo cadavere, e pare proprio essere stato sparato dalla pistola di quel detective.”

1° voce: “Spero che i veri detective si sbrighino presto ad inchiodare quel mostro, ho perso molti amici a causa sua.”

2° voce: “Ok, direi che possiamo iniziare ad esaminare questa roba, dunque c'era solo una benda e quest'uniforme bruciata dentro la cella?”

1° voce: “No, pare ci fosse anche quel borsone laggiù, la copertura era ignifuga ed è resistita all'incendio.”

2° voce: “Diamine l'avevo scordato, secondo quel detective questo era il borsone in cui il killer aveva nascosto la tanica di benzina e altra attrezzatura, come se non bastasse era ancora pesantissimo, mi chiedo cos'altro possa esserci ancora al suo interno.”

1° voce: “Non lo so ma sbrighiamoci ad esaminare quella roba, ho bisogno di un bel bagno caldo dopo tutta questa storia, stai attento che la cerniera è danneggiata, dovrai tagliare la copertura per aprirlo.”

Si sentono dei passi muoversi verso un'altra direzione, probabilmente la seconda voce si diresse verso il borsone appena accennato.

2° voce: “Ehy, ma è già stato tagliato, mi prendi per il culo amico?”

2° voce: “Amico...?”

3° voce: “Shhhh... torna a dormire.”


Registrazione interrotta.




“...” Jeffrey rimase senza parole.

“Io non credo sia stato tu, quella frase...” 

“Lo so che è ancora vivo.” disse l'ex detective interrompendo l'uomo.

“Allora perché...”

“Io ho perso tutto, la mia vita, la mia famiglia... Dio... stavo per ucciderla con le mie stesse mani, stavo diventando lo stesso mostro che era lui... stavo spezzando i legami della mia umanità mentre il collo di mia moglie era fra le mie mani.” iniziò a raccontare Jeffrey.

“Come è potuta succedere una cosa simile?” chiese il reporter.

“Ascoltami, quella che ti sto per raccontare è la sola verità assoluta, anche se hai detto di fidarti di me non credo tu possa credere a tutto ciò che ti sto per dire.” preannunciò l'ex detective.

Jeffrey gli raccontò tutto quanto, dal primo incontro con Jeff quando aveva solo tredici anni a ciò che è accaduto all'interno della R-4.

“Ci costrinse a spararci per verificare chi tra noi due fosse il più puro, chi tra le vittime del suo cerchio era divorata dai suoi demoni e non meritava quella che lui chiamava liberazione.” disse Jeffrey concludendo la prima parte del suo racconto.

“Quindi gli hai sparato semplicemente perché stava per farlo lui, in parole povere l'impuro era lui, no?”

“Ma alla fine fui sempre io a sparare per primo, nessuno sa se lui avrebbe premuto veramente il grilletto. Sta di fatto che, non vado fiero di ciò che ho fatto poi, ho sparato, pugnalato e bruciato il corpo di quel pazzo assassino, ho macchiato la mia anima con l'odio e nonostante tutto non è servito a niente. Lo so che lui è ancora vivo, ormai io e lui siamo legati fintanto che il cerchio rimarrà aperto, non so come spiegarlo, semplicemente sento ancora la sua presenza in questo mondo.” si sfogò Jeffrey.

“Pensi davvero che l'eccessiva privazione del sonno possa portare le persone a diventare come lui?” chiese il reporter.

“No, a quanto pare c'è dell'altro, qualcosa che non ha voluto dirmi, qualcosa che doveva accadere prima della privazione del sonno.” disse convinto l'ex agente.

“Perché pensi questo?” chiese l'altro uomo.

“C'è una cosa che non ti ho ancora raccontato, e c'entra con la mia sparizione in questi ultimi due anni. Sono stato tenuto prigioniero, usato come cavia da dei pazzi che volevano scoprire cosa è successo a Jeff e perché è divenuto ciò che è.”


“Ho raccontato la mia storia alla persona sbagliata che faceva parte di questa organizzazione intenta a raccogliere, contenere e all'estremo distruggere qualsiasi persona, oggetto, cosa o animale che abbia un qualsiasi aspetto sovrannaturale, o che comunque è fuori dall'ordinario.” iniziò a raccontare l'ex detective.

“E cosa volevano fare con te?” chiese il reporter.

“Hanno fatto dei test su di me, hanno continuato a tenermi sveglio, mi hanno tolto anche quelle poche ore di sonno che riuscivo ad avere, volevano che diventassi come lui per poter esaminare il fenomeno e curarlo per fare in modo che una cosa del genere non avvenisse in altre persone. Io ero solo un'istanza dell'elemento a cui mi hanno appioppato, l'elemento vero e proprio è quella che loro hanno definito come malattia, ma che Jeff ha definito demone. Per loro questo è un fattore impossibile da contenere, essendo un elemento che può manifestarsi su tutti gli esseri umani.
Ma io non ero ciò che loro si aspettavano, non ho potuto e saputo dargli i risultati che loro volevano. Sono stato la loro cavia per un intero anno, ogni tanto inviavano dentro la mia cella di contenimento dei detenuti o dei rinnegati che loro usano per testare i loro elementi, alcuni di questi avevano paura solamente ad avvicinarsi a me, lì dentro devono aver visto delle mostruosità peggiori. Questo è durato finché uno di loro mi riconobbe: era un delinquente che arrestai io stesso e che ero convinto fosse stato ammazzato sulla sedia elettrica, quel tizio mi ha pestato a sangue e ci mancò poco che non mi uccidesse, una delle guardie entrò nella cella e lo ammazzò senza alcuna esitazione.” finì di raccontare Jeffrey.

“E poi cosa accadde, perché non ti trovi più in quel posto?” chiese il giornalista.

“Quando si resero conto che non potevo dargli ciò che volevano non sapevano più cosa farsene di me, non potevano continuare a contenere una persona che ormai dava segni di normalità, ma non potevano nemmeno terminarmi, ero l'unica cosa in loro possesso collegata a quell'elemento. Quindi decisero di rinchiudermi qui, in questo ospedale, in questa area camuffata dell'ospedale che non è altro che un manicomio creato e controllato da loro. Non credo nemmeno più che si ricordino di me... mi hanno tolto quel poco di vita che Jeff non era riuscito a togliermi...”

“Ascoltami, tu devi uscire di qui, dobbiamo portare una prova che Jeff è ancora vivo e scagionarti!” lo intimò il reporter.

“No, non posso. Io non sono più quello che ero prima, sono diventato un mostro, ho quasi ammazzato la mia famiglia in preda ad un raptus di follia... stavo per diventare ciò a cui ho sempre dato la caccia.” 

“Io non vedo alcun mostro, guardati ora, non sei più malato.” disse il reporter.

“Come fai a dirlo, sono rimasto di spalle per tutto il tempo...” chiese Jeffrey.

“Il riflesso di quella finestra non mente, tu sei quello di un tempo, PUOI ancora essere quello di un tempo.” insistette il giornalista.

“Anche se fosse così, se io uscissi non farei che riaprire il cerchio, sono l'unico ancora vivo nella sua lista di sangue, senza contare che ovunque io sia andato, qualsiasi cosa io abbia fatto non è mai servita a fermarlo, è sempre stato un passo avanti a me, mi ha sempre usato per arrivare dove voleva arrivare. Io non posso più affrontarlo, non posso più... vederlo...” cominciò a dire Jeffrey in preda al panico.

“Ora girati e ascoltami bene: tu sei un simbolo in questa vicenda.”

Jeffrey si girò e guardò l'uomo negli occhi “Un simbolo...” disse in un sospiro.

“Anche se la tua storia non è stata un granché tu hai comunque avuto la forza di restare a galla, molte persone si sono fidate di te, molte persone ti adorano e, anche se ci sono state molte persone migliori di te, tu sei comunque stato il punto di riferimento per molti. Anche se la tua vita è stata rovinata da delle persone e anche se altre di loro ti hanno gettato fango addosso ritenendoti un danno, tu sei comunque stato un simbolo in questo trascorso. La gente pensando a quella vicenda si ricorda di te... e non solo per qualcosa di brutto. Ora esci da questa cella buia e aiutami ad aiutarti.” disse l'uomo protraendo la mano verso Jeffrey per stringergli la sua.



“Non lasciarti schiacciare. La salvezza è dentro di te. Lo è sempre stata. E sempre lo sarà.”







Presente


C'erano solo pochi decimetri a separarlo dalla superficie, tuttavia era invisibile ai suoi occhi che non potevano penetrare il denso liquido cremisi che, oltre a non lasciar filtrare nemmeno l'oscurità, non gli permetteva nemmeno di mantenere gli occhi aperti per via dell'intenso bruciore.

Ciò che poteva vedere era solo l'intenso colore rosso, “e pensare che era pure il mio colore preferito.” pensò mentre non poteva far altro che dimenarsi nella speranza di liberarsi dalla presa di quello squalo.

Il killer sembrò odiare quel suo polpaccio così tanto che addirittura affondò i suoi denti sempre nella stessa ferita della sua vittima: voleva menomarlo ancora e ancora per assicurarsi che il suo percorso fosse stato il più sofferente possibile.

Il fiato iniziò a mancare, quattro videocamere su sei, sarebbe stato un buon primo risultato se i crediti a sua disposizione non fossero stati solamente uno.

Poi finalmente il killer lasciò la presa, finirla così presto non l'avrebbe soddisfatto abbastanza. La morte per annegamento in una poltiglia putrefatta per quanto orribile sarebbe stata non era ciò che la sua vittima meritava.

Il reporter riuscì a tornare a galla, si lasciò andare in un lungo e rumoroso respiro mentre, in preda al panico, tentava di raggiungere la struttura cilindrica e ad arrampicarcisi su.

Rimase disteso sopra lo stretto cilindro stringendo forte con la mano la videocamera appena recuperata, avviò il video rimanendo a pancia in su e tenendo la videocamera sopra di lui: doveva sbrigarsi a visionare il video prima che le sue mani bagnate di sangue danneggiassero l'apparecchio.

Il cimitero. Questa volta la tomba era forse quella più legata in assoluto alla persona di Jeff, infatti apparteneva a Liu, il fratello, ciò comunque non gli impedì di posizionare ai piedi della tomba l'ennesima foto che raffigurava la morte del soggetto: il corpo impresso su quella foto era completamente ricoperto di tagli e affondi, l'intero letto del ragazzo era stato inzuppato del suo sangue, non si poteva scorgere una sola sfumatura che non fosse colorata di rosso. Il video tagliò sul nero e apparve la scritta “INNOCENZA”.

Solo un'altra e sarebbe stato tutto finito, ma l'uomo era ormai all'estremo delle forze. Se veramente voleva trovare l'ultima videocamera allora doveva sbrigarsi a riattraversare la vasca, col rischio che il killer lo attaccasse di nuovo.

“Tic, Tic, Tic.”

Quel suono era appena diventato il più terrificante al mondo, ma d'altronde se il rumore era ricominciato il killer non poteva ancora essere a mollo nella poltiglia, no?

Per sua fortuna andò proprio così, riattraversò la vasca più veloce che poté stringendo i denti per non urlare a causa delle ferite che bruciavano terribilmente.

E ora? In quale altro posto poteva trovarsi l'ultima videocamera? Perfino il ticchettio era cessato e non stava più guidando l'uomo tra le tenebre, dove doveva dirigersi arrivato a questo punto? 

“Grat, grat” il rumore era vicino.

L'uomo non fece in tempo a gioire a causa della lama che gli tagliò superficialmente la schiena.

“Tic... tic...”

Se il suono era debole significava che...

“Grat, grat”

Un altro taglio improvviso, questa volta sul fianco.

“Che cosa diavolo significa?!” urlò con tutta la sua forza l'uomo mentre veniva lentamente martoriato dal fantasma.

“Tic... tic...”

“Aiuto...”

“Grat...”





“Sembrava voler solo mandare le sue vittime a dormire.” dicevano i media dopo aver intervistato i sopravvissuti, “lui voleva solo salvarci.” recitavano alcune delle lettere di suicidio di quest'ultimi. Si definiva un salvatore, uccideva i buoni per mandarli in un mondo migliore, un mondo che lui aveva visto con i suoi occhi. Questo era il credo di Jeff the Killer: i cattivi dovevano restare in vita e i buoni dovevano raggiungere il mondo dei sogni.

Allora perché? Perché il killer continuava a tormentare in questo modo l'uomo che avrebbe dovuto salvare quel giorno? Perché costringerlo a giocare al suo gioco malato per poi interromperlo così, senza motivo, torturandolo a morte? Perché i killer sono demoni, demoni che camminano sulla terra. I demoni non sono eroi, lui gode a fare quello che fa, anche se pensa che quello che fa sia giusto lui non perde l'occasione di inebriarsi del piacevole suono della carne che si lacera al passaggio del suo coltello arrugginito, del suono del sangue che dal suo coltello gocciola sul pavimento. 

“Quanto sangue schizzerà fuori questa volta se metterò più pressione sull'estremità del manico...?” probabilmente fu quello che pensava l'assassino in quel momento, mentre grattava la sua lama contro il muro per segnalare all'uomo che era vicino all'ultima videocamera, per poi attaccarlo nuovamente senza alcuna pietà, “Quanti litri di sangue può perdere una persona prima di morire dissanguata?” sicuramente ne era già a conoscenza, chissà con quante altre persone si era posto quella domanda e aveva già trovato risposta. Mentiva a se stesso pensando di non saperlo, oppure semplicemente questa volta la risposta sperava fosse diversa, dopotutto dovrebbe variare da persona a persona, no?

Non cercare mai di capire cosa passa per la testa di un killer che ha perso la sua umanità, non lo troveresti affascinante. A meno che tu non sia come lui. 

“Tap, tap, tap.”

Il countdown della morte ripartì appena il killer vide che l'uomo era ormai al limite. Purtroppo quest'ultimo aveva capito troppo tardi dove fosse l'ultima videocamera: se l'avesse capito entro i primi tre attacchi forse avrebbe potuto meditare una strategia, ma ormai non c'era più niente da fare... se non correre.

Videocamera o no, non sarebbe rimasto lì fermo a morire, poteva ancora sperare di trovare della luce da qualche parte nell'edificio accanto, doveva solo raggiungere il tunnel...




Il giorno prima, ore 21:00


“Vedi, questo è il mattatoio e questo è il tunnel sotterraneo che lo collega all'edificio amministrativo.” disse il reporter illustrando la planimetria all'ex detective Jeffrey.

“...”

“Ho piazzato videocamere qui, qui e qui. Andremo questa notte a verificare se qualcosa è stato lì dentro nelle ultime dieci ore.” continuò il reporter.

“Perché proprio di notte, non possiamo valerci della luce solare?” chiese l'ex agente.

“Il mattatoio ha finestre e porte completamente sbarrate, lì dentro è come se fosse sempre notte. Per quanto riguarda l'edificio, ha ancora delle parti in luce, oggi c'è la luna piena e dovrebbe bastare ad illuminare la maggior parte delle stanze in cui ho piazzato le videocamere. Non ti preoccupare sarà un gioco da ragazzi recuperarle, inoltre le videocamere si trovano solo nell'ufficio amministrativo, non sarei mai entrato in quel mattatoio da brividi.” rispose il giornalista.

“Per quanto tempo potrò stare fuori dall'ospedale? E come sei riuscito a convincerli a farmi uscire? Non so neppure il tuo nome.” chiese titubante Jeffrey, ancora sbalordito nel poter respirare nuovamente aria fresca.

“Mi chiamo Benjamin, il mio capo aveva un amico in quell'ospedale e mi doveva ancora un ultimo favore. Non ti preoccupare, ti riporterò indietro prima che quei pazzi di cui parlavi si accorgano che tu sia uscito da lì.” lo rassicurò Benjamin.


Benjamin e Jeffrey si divisero per prepararsi, si incontrarono tre ore dopo a mezzanotte spaccate davanti all'edificio amministrativo dell'ammazzatoio, entrambi nel tempo passato si erano procurati l'attrezzatura per la perlustrazione dell'edificio.



Quello stesso giorno, ore 0:00



“La prima videocamera dovrebbe essere subito qui all'ingresso, l'ho nascosta per bene nella receptionis-” disse Benjamin aprendo la porta d'ingresso, la videocamera gli arrivò dritta in faccia, era appesa con un cavo proprio sopra la porta.

“Ma che d-diavolo...” balbettò Benjamin ancora sorpreso per lo spavento.

I due staccarono la videocamera da dove era stata riposta e la esaminarono.

“Qualcuno l'ha spostata. Oltre a me solo tu sapevi della posizione delle videocamere, quindi o sei stato tu o qui è passato qualcun altro.” rifletté il reporter.

“Controlla che non abbia registrato qualcosa, ti sei assicurato che fosse accesa quando l'hai riposta almeno?” chiese Jeffrey.

“Mi credi uno stupido? Io ci lavoro tutti i giorni con questi aggeggi, vedi, basta premere qui e... non c'è batteria.” disse amareggiato l'uomo.

“Sei un'idiota.” disse Jeffrey coprendosi il viso.

“No, aspetta! Vedo qualcosa... chi ha registrato queste immagini...”

Il video mostrava una panoramica del cimitero comunale, per poi soffermarsi su due tombe molto vicine tra loro.

“Margaret e Peter, uniti anche nella morte.” recitò a voce Benjamin, leggendo la scritta presente in entrambe le lapidi.

“Aspetta, c'è dell'altro.” continuò Benjamin.

Benjamin notò una fotografia posta proprio nel mezzo delle due lapidi, la foto raffigurava due sposi distesi sul letto in un bagno di sangue, entrambi i corpi presentavano molte ferite profonde, le loro mani erano unite come se se ne fossero andati insieme.

Il video tagliò sul nero, apparve la scritta “SUPERBIA”.

“Peter e Margaret, non erano forse i genitori di...”

“Di Jeff.” lo interruppe l'ex detective. “Inoltre, questa fotografia la scattai io stesso, fino ad oggi ero convinto fosse rimasta negli archivi della polizia...” continuò l'uomo.

“Che cosa significa tutto ciò? Questa è senza dubbio una delle mie videocamere ma io non ho assolutamente registrato nulla del genere!” dichiarò Benjamin.

“Ti credo, questa è sicuramente opera sua, è una trappola. Probabilmente si aspetta che noi recuperiamo tutte le videocamere per poi attaccarci nel buio.” rispose Jeffrey.

“Hai idea di cosa possa significare quella parola?” chiese il reporter.

“Superbia è una parola che s'addice molto ai genitori di Jeff, trascurarono i loro figli e non presero mai le loro difese quando cominciarono i guai, in quanto adulti si sentirono superiori e dettero per scontato che dei ragazzini come loro stessero mentendo. Inoltre, erano due persone molto snob che si preoccupavano solo di come le altre persone li vedessero, volevano senza dubbio essere la famiglia più amata del quartiere. Hanno commesso i loro errori ma non per questo meritavano di morire, soprattutto non per mano di uno dei loro figli. Chissà cosa hanno pensato... cosa hanno provato mentre Jeff macellava i loro corpi...” racconto Jeffrey.

“Ti senti bene?” chiese Benjamin.

“Sì, non ti preoccupare.”

“Dunque pensi che il messaggio illustri il motivo per cui Jeff li abbia uccisi?” ragionò Benjamin.

“È possibile, Margaret e Peter furono le prime vittime del cerchio di Jeff, la loro superbia probabilmente è una delle cause del sul cambiamento, ma sono sicuro ci sia sotto qualcos'altro...” rifletté Jeffrey. “In ogni caso mi sembra ovvio chi sia stato a fare queste riprese e chi si è assicurato che noi le vedessimo.”

“Ora si trova all'interno dell'edificio quindi...” 

“E noi faremmo meglio ad andarcene.” affermò Jeffrey.

“Perché?” chiese il reporter.

“Te l'ho già detto, lui non deve assolutamente vedermi, non deve assolutamente sapere che sono ancora vivo e in circolazione. Il cerchio deve rimanere chiuso.” rispose Jeffrey.

“Quindi basta così? Ce ne andiamo e basta?”

“Volevi una prova che Jeff è ancora vivo, eccola qui, buona fortuna e tanti saluti.”

“Questa registrazione potrebbe averla fatta chiunque, cosa ne so che non le ha fatte qualcuno che tu hai chiamato, o se non le hai fatte tu stesso prima che noi ci rincontrassimo?!” lo accusò Benjamin.

“Ascoltami bene, non esiste la possibilità che sia stato qualcun altro, non hai idea di cosa avrà in servo per te se ti addentrerai qui dentro!” rispose Jeffrey con rabbia.

“Di cosa hai paura...” 

“Te l'ho già detto... perderò il controllo se lo rivedrò...”

“Va bene, ho capito, allora tu rimani qui, se la situazione si farà troppo pericolosa prometto che tornerò indietro.” disse Benjamin.

“Ti aspetterò qui allora.” concluse Jeffrey.




Presente


“Corri, corri maledetto bastardo, CORRI!” si ripeteva Benjamin nella testa, mentre correva lungo il corridoio sotterraneo.

0ef2c2e4-1dfc-48d7-a238-90e3d562823a
Il killer era appena dietro di lui, avrebbe potuto raggiungerlo immediatamente se non avesse perso tempo a battere il manico del suo coltello contro la parete a fianco per produrre un “Tap, tap” sempre più pesante e rapido, che alla sua vittima ormai appariva solamente come un tamburo della morte.

Il reporter stava mettendo il suo fisico al massimo della prova: non sentiva più la sua gamba destra ormai, la camicia strappata era stata stretta così tanto da togliere quasi completamente la circolazione alla parte inferiore. Molto probabilmente, il killer, vedendo così poco sangue fuoriuscire da quella ferita aveva aumentato la sua ira, così tanto che la sua mano, ormai, stava per toccare la schiena dell'uomo.

Il tunnel si sviluppava in pendenza, era progettato per arrivare direttamente al piano terra dell'edificio accanto. Non era una salita così tanto faticosa, ma per un uomo fisicamente devastato era come scalare una montagna di 3000 metri.

Ancora mezzo metro di vantaggio e il killer avrebbe potuto tirarlo a sé dalla maglia e sgozzarlo come un maiale, dipingendo i muri di rosso. Aveva così tanta voglia di trapassare l'osso del suo collo con la lama, che ormai aveva perso qualsiasi interesse di giocare con lui.

Eccolo, solo un altro po'. Le fredde dita toccarono il collo dell'inseguito.


Benjamin si tuffò in avanti sfondando le porte che portavano all'edificio amministrativo, rotolò per diversi metri prima di sbattere contro il muro che si trovava al di là dell'ingresso del tunnel schiacciandosi tutte le ferite soffrendo atrocemente, mentre il rumore delle porte che si richiusero sbattendo dietro di lui accompagnava il tutto.

L'uomo strisciò contro il muro riuscendo a sedersi e tenendo appoggiata la schiena contro esso, poi, ricordandosi di ciò da cui era appena fuggito, osservò le porte chiuse che aveva appena varcato, rimanendo a fissarle e sperando con tutto il cuore che nessuno avrebbe fatto capolino da lì.

Si udì un forte tonfo provenire dall'altra parte. Il battito cardiaco di Benjamin risuonava per tutta la stanza, se non altro, ora si trovava in una stanza discretamente illuminata e, come aveva previsto, la luce lunare stava facendo il suo compito. Mai come allora la luna sembrava essere stata così luminosa.


“Non farlo battere così forte.” disse una voce provenire da dietro ciò che l'uomo reputava come la sua salvezza, “Aumenterà la tua pressione sanguigna e morirai dissanguato troppo presto.” le porte si aprirono.

Jeffrey by mjjloverr-d6ha3132


Una persona si ergeva tra le due porte, la luna riuscì ad illuminarlo fino alla bocca e Benjamin poté intravedere un orrendo sorriso intagliato, proprio come quello del detective Jeffrey, che si spalancava sempre di più tremando, come in preda a delle convulsioni.

Il giornalista tentò di vederne il volto, ma non ci riusciva, oltretutto temeva di vedere di nuovo quello sguardo freddo, osservato poco prima all'interno della vasca di sangue.

Gli occhi brillavano al di là dell'oscurità, il reporter si sentì ancora peggio a fissarlo, quegli occhi sembravano scrutando la sua anima.

Poi, lanciò contro all'uomo qualcosa. Benjamin chiuse gli occhi e attese che il coltello gettato dal killer lo finisse una volta per tutte.

L'oggetto colpì il piede dell'uomo, quest'ultimo aprì lentamente gli occhi verso quello che credeva essere il pugnale del mostro, ma con sua sorpresa si trattava della sesta ed ultima videocamera.

Il reporter riportò il suo sguardo verso la figura che si nascondeva dietro l'oscurità, ma se ne era già andata richiudendo le porte.

Proprio come aveva sospettato poco prima della sua fuga, l'ultima videocamera era in mano del killer stesso, per questo il rumore graffiante era sempre più forte poco prima che il killer attaccasse: indicava la distanza tra lui e Benjamin.

Titubante Benjamin raccolse la videocamera pronto a visionarne il contenuto:

si trattava per l'ennesima ed ultima volta del cimitero, ma questa volta c'era qualcosa di strano. La lapide indicata era molto diversa dalle altre, era spoglia, con solo data di nascita, morte e un nome, “Jeffrey”, nessun cognome, nessuna fotografia.

Quando il video tagliò come al solito, qualcosa di diverso apparve: la scritta era “VITA” ma lo sfondo in cui era collocata era diverso, come se questa volta fosse stata incisa sul marmo.

“Jeffrey... questa era la sua tomba se non vado errato.” rifletté Benjamin, “ma se non si riferisse a se stesso, ma al detective...? Vita... come dovrebbe essere intesa, realmente o metaforicamente? Che Jeff si sia ucciso per “autosalvarsi”? Oppure si riferisce al fatto che il detective dovrebbe essere già morto? Non capisco...” l'uomo si abbandonò ai suoi pensieri, per un attimo non badò alle numerose ferite che coprivano il suo corpo.

Ad un tratto, le porte del tunnel si riaprirono. Benjamin aveva il cuore in gola.

Dalla soglia fece capolino il detective Jeffrey, con un pugnale insanguinato in mano.

“Quindi sei stato davvero tu per tutto questo tempo...” disse il giornalista.

Jeffrey si avvicinò a passo lento verso l'uomo.

“Avanti, fallo, fai in fretta.” si rassegnò il reporter.




Quello stesso giorno, ore 01:00



“Questa non sembra essersi mossa da qui.” disse Benjamin vedendo che una delle sue videocamere si trovava ancora in uno dei punti da lui stabiliti.

Aveva perso un'intera ora per perlustrare i punti in cui avrebbero dovuto esserci le sue videocamere, e solamente questa si trovava ancora nel punto giusto.

“Come non detto...” esclamò vedendo che anche questa seconda telecamera aveva poca batteria, segno che era stata comunque usata da qualcuno.

Partì il video, il cimitero, la tomba era di Keith. La fotografia era la più disgustosa di tutte, su di lui sembrava esserci stato un particolare accanimento, molto probabilmente non tutti gli organi rimasero all'interno del suo corpo. Il video tagliò sul nero e apparve la scritta “RIMPIANTI”.

“Da ciò che mi ha detto Jeffrey, il ragazzo visse sei anni nel rimpianto per quello che aveva fatto a Jeff, proprio come il detective Jeffrey si pentì per aver sparato a Jeff quella notte sul tetto. Questo cambia tutto, questa volta si tratta di emozioni scaturite solamente dopo la trasformazione di Jeff, dunque ci sbagliavamo. Queste parole non riguardano il motivo per cui Jeff ha ucciso queste persone, c'è davvero dell'altro.” rifletté Benjamin, “Devo tornare da Jeffrey e riferirgli quanto scoperto.” decise poi.


Nel frattempo, Jeffrey si era stancato di aspettare e si addentrò anch'egli nel palazzo, affrontando le sue paure, alla ricerca di Benjamin. 

Il reporter era tornato all'entrata ma non avendo trovato Jeffrey decise di attendere un po', passò così un'altra mezz'ora, infine Benjamin decise di ripartire alla ricerca della terza videocamera: si sarebbe preoccupato dopo di che fine aveva fatto l'ex detective.




Presente, ore 02:20



“Di cosa stai parlando?” chiese l'ex detective mentre stingeva forte il coltello che aveva in mano.

“Hai architettato tutto questo, non è così? Hai scritto il mio nome in quella lista poiché io, un giorno, potessi cercarti e liberarti, non è forse vero?!” rispose Benjamin in un tono di rabbia.

“Che cosa stai dicendo!? Ti ho cercato per tutto il tempo! E poi, come diavolo avrei fatto a sapere il tuo nome!?” ribatté Jeffrey.

“Sono un giornalista, non è così strano che tu conoscessi da prima il mio nome. E poi dimmi, perché tieni un coltello in mano, intriso di sangue per giunta, il mio sangue!” insisté il reporter.

“L'ho trovato pochi secondi fa, era lì conficcato dietro quelle due porte!” si difendé l'uomo.

“Non attacca più Jeffrey, è evidente ormai che ho sbagliato a fidarmi di te.” concluse Benjamin.

Non c'era nulla che Jeffrey potesse dire per scagionarsi, gli sembrava di essere tornato all'interno della R-4, gli sembrava di puntare nuovamente la pistola contro Randy, gli sembrava di pronunciare di nuovo le stesse parole che non raggiunsero il cuore del ragazzo.

Fece, dunque, la cosa che avrebbe dovuto fare quel giorno.

Jeffrey gettò a terra il coltello.

“Se è questo quello a cui credi, allora uccidimi.” disse l'ex detective mettendo le braccia a croce.

Benjamin non ci pensò due volte, si alzò in piedi con le poche forze che gli erano rimaste, prese il coltello e lo puntò alla gola dell'ex poliziotto.

Jeffrey chiuse gli occhi in attesa di ritrovare la pace di cui Jeff gli aveva parlato.

Ma li riaprì, rendendosi conto di quanto stupido fosse ciò a cui aveva appena pensato, stava rinnegando se stesso e ciò a cui aveva sempre creduto per credere, in punto di morte, ad un credo che aveva sempre ritenuto sbagliato.

Fu quando Jeffrey riaprì gli occhi che Benjamin scrutò il suo sguardo: non era lo stesso sguardo che aveva visto nella vasca di sangue. Fino ad ora era stato torturato da qualcuno, non era mai riuscito a vederlo bene, ma per quanto le prove portassero tutte all'uomo che teneva in pugno, ora sentiva per certo che non era lui. Rimise dunque in mano il coltello all'uomo di fronte a lui.

Jeffrey ne rimase sorpreso, impugnò con forza il coltello e... 


lo lanciò via, lontano dai due uomini.

Benjamin si risedette in segno di sollievo.



“Se non sei stato tu, allora dove sei stato per tutto questo tempo? Perché non sei rimasto dove avevi detto?” chiese il reporter.

“Dopo quasi un'ora d'attesa pensavo ti fosse successo qualcosa, quindi sono venuto a cercarti. Ti ho visto entrare all'interno del tunnel che portava al mattatoio, ma non ho fatto in tempo a fermarti.” raccontò Jeffrey.

“Quindi mi hai seguito?”

“Sì, mi sono addentrato nel buio corridoio, poi un rumore mi ha attirato all'interno di una stanza posta a metà del tunnel. Credo che lui fosse al suo interno quando sono entrato, ad un certo punto ho sentito una sensazione molto familiare.” disse Jeffrey.

“Che tipo di sensazione?”

“Sono sicuro che per un momento, nel buio più completo, lui mi sia passato accanto. Ho sentito solo un leggero spostamento d'aria ma ero sicuro ci fosse qualcosa nell'oscurità. Una sensazione simile l'ho provata una sola volta nella mia vita, quando tentai di riparare il generatore della prigione fantasma.” rispose l'ex detective. “Poco dopo, la porta si è chiusa dietro di me, sono rimasto intrappolato lì dentro fino a poco fa.”

“In che modo sei riuscito a scappare?”

“In nessun modo, la porta si è riaperta da sola, ero convinto fossi stato tu, ma quando ho guardato fuori non c'era nessuno.” rispose Jeffrey.

“Quindi ti ha lasciato uscire solo dopo che ho recuperato l'ultima videocamera...” capì Benjamin.

“Sei riuscito a trovarle tutte?! Ottimo lavoro!” gli disse Jeffrey sorpreso.

“Sì... ma a caro prezzo...” e dopo quella frase, Benjamin raccontò a Jeffrey tutto ciò che gli era successo per il recupero delle ultime tre videocamere, gli raccontò del gioco malato di cui era stato vittima, dell'agonia provata nella vasca ricolma di sangue e dell'inseguimento mortale in seguito alla macellazione che la sua schiena aveva subito.

“Quindi, dopo che abbiamo trovato insieme la prima telecamera, hai trovato la seconda videocamera al secondo piano di questo edificio, la quarta nelle stanze degli operai del mattatoio, la quinta nella vasca di sangue e la sesta era in mano di Jeff stesso. Ma la terza?” chiese Jeffrey facendo il punto della situazione.

“La terza era proprio qui, era appesa come la prima ma davanti all'ingresso del tunnel. Lì accanto potrai notare una piantina dei due edifici, c'è un 3 inciso con una lama su entrambi gli edifici. Da lì ho capito che le ultime tre videocamere erano per forza all'interno del mattatoio, quel posto mi farà venire gli incubi per sempre.” raccontò Benjamin, “La terza tomba era quella di Billy, la foto della sua lapide mostrava un corpo ridotto ad un colabrodo, perfino i suoi connotati erano scomparsi a causa dei tagli e gli affondi nel suo viso. La parola era “PAURA” su sfondo nero.” in seguito Benjamin gli illustrò tutti i restanti video che aveva visionato ad eccezione dell'ultimo, quello che riguardava il nome “Jeffrey”, non voleva preoccupare l'ex agente, dunque mentì dicendo che il video mostrava una tomba vuota e nulla più.

“Ascoltami, non sono stato chiuso dentro quella stanza per caso, lì dentro c'è qualcosa che Jeff voleva che vedessi. Manca ancora un tassello, le videocamere non hanno dato la risposta completa.”

Jeffrey prese in spalla Benjamin e si diressero nuovamente all'interno del tunnel, la stanza che avrebbero dovuto raggiungere era la sala conferenze: era quella in cui Jeffrey era rimasto rinchiuso per tutto quel tempo.

“Come ti senti, pensi di riuscire a farcela?” chiese Jeffrey.

“Non ti preoccupare, questa gamba e questo braccio hanno intenzione di vendicare i loro fratelli.” disse l'uomo, facendo notare che una gamba ed un braccio erano inutilizzabili a causa delle due ferite più profonde.

“... perché hai deciso di nuovo di fidarti di me? Ormai avrai notato da te che la mia sanità mentale ha iniziato ad abbandonarmi.” disse Jeffrey in preda alle sue solite paranoie.

“Ammetto che pensavo realmente fossi tu a massacrarmi, ma dentro di me credo ancora alle parole che ti ho detto in quell'ospedale. Penso davvero che tu sia un simbolo positivo all'interno di questa storia, non meritavi nulla di ciò che ti è accaduto, mi dispiace molto per quello che ti è successo.” spiegò Benjamin.

“Perché ti dispiace?”

“Perché sei un brav'uomo.” rispose rapidamente il reporter.

Jeffrey sapeva che c'era dell'altro, ma per il momento decise di lasciare stare, c'erano cose più importanti da fare prima.



“Siamo arrivati.” annunciò Jeffrey.

“Che cos'è questo tanfo...” chiese Benjamin.

“Ora vedrai...” l'ex detective accese la sua torcia, aveva sicuramente più batteria di quella di Benjamin, puntò il fascio di luce in direzione dei banchi in cui sedevano i gestori del luogo durante le loro riunioni.

“Madre di Dio...” fu tutto ciò che Benjamin riuscì a dire.

I banchi erano stati disposti a cerchio, sopra ad alcuni dei banchi erano incise alcune delle scritte che il giornalista era riuscito a trovare visionando le videocamere. “Superbia, innocenza, paura, rimpianto, vendetta e... nella sesta non c'era scritto nulla. Inoltre i banchi erano sette.”
Seduta sulla sedia di ogni banco c'era la salma di qualcuno, era facile intuire di chi fossero. Solamente i corpi di Margaret, Peter e Liu si erano già scheletriti, gli altri seppur morti da parecchi anni, non si erano ancora decomposti completamente. Jeff aveva riesumato i corpi di tutte le vittime del cerchio.

“Non c'è limite alla sua follia.” affermò Jeffrey.

“Non si può dire che non sia uno che vuole fare le cose in grande stile, ma Gesù santissimo, questo livello di pazzia supera qualsiasi cosa io abbia visto in tutta la mia vita.” replicò Benjamin.

“Hai notato quei due banchi? Uno presenta un corpo ma senza alcun nome o una scritta, mentre nell'altro è seduto un manichino con un cappello da poliziotto in testa e un sorriso inciso nel legno.” fece notare Jeffrey.

Benjamin sapeva chi rappresentava il manichino e pensò che ormai anche l'ex detective ci fosse arrivato, per non affrontare subito l'argomento Benjamin spostò l'attenzione sul sesto banco.

“Un solo corpo eh... di chi pensi appartenga, qualcuno del cerchio che non conosci?” chiese Benjamin.

“Sono rimasto rinchiuso qui per ore, ho avuto tutto il tempo per esaminare il corpo, riflettendo ho pensato che le vittime possibili potessero essere solamente tre.” esplicò Jeffrey.

“Chi?”

“Il primo a cui ho pensato fu Troy, ma il ragazzo era morto prima della trasformazione di Jeff, dunque era un membro del cerchio morto prima che l'idea di esso fosse stata concepita da Jeff. La seconda fu Barbara, la madre di Billy, ma poi mi sono ricordato che non è morta per mano di Jeff, morì a causa di un tumore al cervello, fu l'unica vittima del cerchio a non morire per mano sua. Dunque poteva essere solamente David.” raccontò Jeffrey aggiungendo un tono triste alla rivelazione dell'ultimo nome.

“Chi è David?” chiese di consueto il reporter.

“David era il mio collega, il mio partner. Ho esaminato il corpo e, anche se il suo viso ormai è irriconoscibile, ho trovato il segno di una pugnalata sullo sterno, quella fu la causa della sua morte.” rivelò Jeffrey.
”Penso che Jeff mi abbia rinchiuso qui perché io riuscissi ad identificare il suo corpo, essendo quello più strettamente collegato a me. Lo ha fatto di proposito, vuole distruggere ancora di più la mia psiche...” illustrò Jeffrey mettendosi le mani sopra la testa.

“Non ci pensare! Rimani concentrato, ci siamo vicini, avanti!” lo incoraggiò Benji.

“Tuttavia... non sono riuscito a trovare la parola chiave da abbinare a David, pensavo fosse in una delle videocamere che hai trovato, ma ora non ho proprio idea di come possiamo fare a scoprirla.” affermò l'ex detective.

“Riflettiamo, i video fino ad ora hanno mostrato queste frasi incise su questi banchi neri, in ogni video sono presenti una tomba e una fotografia. Noi sappiamo che questo è David quindi non abbiamo bisogno di vedere la sua lapide, deve essere qualcosa che c'entra con la foto.” rifletté Benjamin. 

“Le foto hanno sempre illustrato questi corpi nel momento in cui erano morti, non hanno mostrato nient'altro.” esplicò Jeffrey.

“Quindi se ci fosse una foto di David, questo lo ritrarrebbe con una ferita sullo sterno, giusto?” chiese il reporter.

“Sì.”

“Non ci capisco niente.” si arrese Benjamin.

“Dov'è finito il tuo entusiasmo?” chiese deluso l'ex poliziotto, “Ricordo David, ricordo quando tentai di soccorrerlo, non mollare gli dissi, non riusciva nemmeno a proferire parola... sputava il sangue che gli era arrivato alla gola per tentare di parlarmi, i suoi occhi si ricoprirono di lacrime perché non riusciva a dire nulla. Morì dissanguato poco dopo...” pensò a voce alta Jeffrey mentre pensava agli ultimi istanti di vita del suo partner.

“Posso capirlo, ancora un po' e farò la sua stessa fine.” borbottò tristemente Benjamin.

“Come hai detto?” chiese Jeffrey, aveva avuto un'illuminazione.

“Che morirò dissanguato se non ci sbrighiamo.” replicò nuovamente Benjamin.

“Credo di aver capito. Girati!” 

“Cosa?!”

“Quante volte hai detto di essere stato inciso sulla schiena?” chiese Jeffrey.

“Una dozzina di volte, ma che c'entra ora?!” chiese confuso Benjamin.

“Non è stata la ferita sullo sterno a causare la morte di David, è stato l'agonizzante dissanguamento. La sesta parola è su di te! Jeff vuole farti condividere lo stesso destino di David!” spiegò Jeffrey mentre sollevava la camicia di Benjamin scoprendo la sua schiena.
Aveva ragione, seppur non perfettamente scritta, gli innumerevoli tagli avevano formato una parola sull'intera schiena di Benjamin, la parola andava da fianco a fianco e rivelava “FIDUCIA”.

“Non me ne ero minimamente reso conto, ha davvero avuto il tempo di farmi una cosa simile, con questa precisione per giunta?!” chiese confuso e spaventato Benjamin.

“Ora dobbiamo solo mettere insieme le parole e capire il significato di tutto quest-”


Un rumore di microfoni risuonò per tutte le stanze del palazzo, interrompendo l'ex agente.


“Che cosa è stato?” chiese Benjamin.



«C'era una volta un uomo dedito alla giustizia.»



“Di chi è questa voce?”

“È Jeff...”



«L'uomo da bambino fu vittima di un tremendo trauma, suo padre era stato assassinato da un ladro in casa loro.»



“Ma la corrente non era assente?”

“Deve averla appena riattivata.”



«Fu allora che l'uomo decise di diventare un poliziotto.»



A Jeffrey venne un lungo brivido lungo la schiena.

“Merda, non ricordo dove fossero gli altoparlanti!” disse Benjamin.



«Il suo obbiettivo era quello di fermare i killer.»



“Sta parlando di me...” disse Jeffrey in un sussurro.

“Non farti incantare, andiamo a prenderlo!” urlò Benjamin.



«Le sue ambizioni erano alte, la sua bontà d'animo e la sua innocenza erano pure.»



“Un momento... dovrebbe trovarsi nella reception, sbrigati Jeffrey, andiamo!”

Jeffrey andò nel panico, quella voce, quella storia, lo stavano facendo impazzire di nuovo.



«Il poliziotto un giorno perse il suo partner per mano di un killer, in lui nacque il desiderio di vendetta e non riuscì più ad aver fiducia in nessun altro.»



Benjamin scuoté Jeffrey, con quelle ferite non poteva raggiungere Jeff da solo, aveva bisogno del suo aiuto.

“Jeffrey tu non sei come lui, non pensare nemmeno per un istante di esserlo! Ricordati, tu sei un simbolo positivo!” insisté Benjamin.



«La vendetta nascose la paura dell'uomo, che uccise il killer.»



“Nella reception c'era una radio...” disse Jeffrey in preda al panico, “i cittadini sintonizzati in questo momento, stanno ascoltando tutto questo...”



«Il desiderio di vendetta svanì e in seguito arrivarono i rimpianti per averlo fatto.»



Jeffrey prese Benjamin per il collo.

“Jeff... rey...” disse Benjamin mentre veniva strangolato. 



«L'uomo ancor pentito perse la sua ambizione e la superbia in lui sparì del tutto, addirittura da rifiutare una promozione di lavoro.»



“Ti piace il mio viso? Ti piacciono le mie cicatrici?” disse sadicamente Jeffrey.

Benjamin riuscì a calciare lontano Jeffrey con la gamba buona, liberandosi dalla sua presa.



«Ma il killer tornò di nuovo e gli fece riprovare quella sensazione di paura.»



“Non perdere te stesso, non perdere i tuoi princìpi, continua a lottare contro il demone, detective Jeffrey!” urlò Benjamin ansimando.



«In lui vigevano ancora la paura, il rimpianto e l'innocenza.»



“Cosa ne sai tu... cosa ne sai tu di cosa è un demone?!” urlò Jeffrey tirando un pugno verso Benjamin



«Perse tutto quando vide due ragazzi morire per mano del killer che lo tormentava.»



“Non so nulla sui demoni, ma so per certo che tu non sei uno di loro.” affermò Benjamin.



«Tornò la vendetta, ma in cambio perse l'innocenza e non ebbe più paura del killer.»



“Non ascoltarlo, la tua innocenza non è mai svanita! Quel giorno non eri in te!” urlò nuovamente Benjamin ormai all'estremo.



«Non ebbe più rimpianti dopo che uccise per la seconda volta il killer dandogli fuoco.»


Jeffrey continuava a colpirle sul volto il reporter, ma quest'ultimo con un enorme sforzo riuscì ad allontanarlo di nuovo spingendo via l'uomo, con il braccio buono che gli era rimasto.

“Tu hai rimpianto ciò che hai fatto, me l'hai detto ieri stesso!” tentò nuovamente di far rinsavire Jeffrey.



«Con il desiderio di vendetta colmato, tutte le sensazioni erano scomparse.»



La vista di Benjamin si appannò, cadde in ginocchio ormai privo di forze.

“Perché, perché non dovrei semplicemente lasciare che questo faccia parte di me?” chiese Jeffrey rialzandosi.



«Superbia, rimpianto, fiducia, innocenza, vendetta e paura non c'erano più. L'uomo poteva ora essere un demone.»


“Perché tu non sei lui. Lui si sta sbagliando di grosso, tu non hai mai perso i tuoi rimpianti e la tua innocenza, è per questo che, a differenza sua, riesci ancora a conservare la tua sanità mentale!” Benjamin non aveva nemmeno più fiato per parlare.



«Il sonno avrebbe portato via la sua umanità e, la sua vita.»



“Perché pensi che io non sia come lui?” chiese infine Jeffrey.

“Perché ho fiducia in te...” rispose l'uomo ritrovando il fiato grazie alla sua forza di volontà.



Gli altoparlanti cessarono.



“Ho fiducia in te come ne aveva David, come ne aveva il tuo capo, come ne aveva il direttore della prigione e come ne ha tua moglie.” continuò Benjamin.

Jeffrey finalmente si fermò, il giornalista ci stava riuscendo.

“Anche tu ieri ti sei fidato di me, ricordi? «Lascia che ti aiuti ad aiutarti» ti dissi.”

“La salvezza è dentro di me...” iniziò Jeffrey.

“Lo è sempre stata.” continuò Benjamin.

“E sempre lo sarà.” concluse Jeffrey.



“Perdonami...” esclamò Jeffrey.

“Non ti devi preoccupare, avanti amico mio, andiamo a prendere quel bastardo!” disse Benjamin per rincuorare l'ex detective.


“Dunque quelle parole nei video e sulla mia schiena, erano collegate per puro caso a quelle persone. Le parole fin dall'inizio rappresentavano ciò che bisogna perdere per diventare come Jeff.” esplicò Benjamin.

“Non proprio... ogni vittima del cerchio rappresentava una di quelle sensazioni, dubito fosse solo per puro caso. Jeff tentò di privarmi di tutte quelle sensazioni... voleva che diventassi come lui... aveva in servo per me il destino peggiore di tutti dopo che non riuscì ad uccidermi quella notte nel cimitero...” capì Jeffrey.

“Immagino che quei sentimenti e sensazioni sono la cosa che ci rende umani, sono la cosa che insieme al riposo tengono a freno la malattia.” continuò Benjamin.

“Malattia... sei sempre stato uno di loro vero, fai parte anche tu di quei tizi che mi hanno rapito e tenuto prigioniero per tutto questo tempo.” disse Jeffrey.

Benjamin rimase in silenzio.



“Quando l'hai capito?” chiese Benjamin.


“Dopotutto ero un detective, ricordi? Fin da subito mi è sembrato fin troppo strano che qualcuno potesse venire a farmi visita e liberarmi così come se niente fosse... poi quel nastro, il voler assolutamente scoprire se Jeff fosse vivo o meno e ora hai chiamato questa cosa malattia proprio come facevano loro. Ho capito che mi stavi usando per arrivare a lui.” raccontò Jeffrey mentre, insieme, si dirigevano verso la reception.

“È tutto vero, fin dal principio l'organizzazione mi aveva chiesto di liberarti per usarti, ma la realtà è che loro tutti erano convinti che il fatto della prigione fosse veramente stato causato da te. Erano tutti convinti che Jeff fosse morto e che tu fossi impazzito sia allora che una volta che ti avrei liberato.” illustrò Benjamin.

“Non è poi così lontano dalla verità.” affermò Jeffrey.

“Già, mi hai veramente fatto a pezzi lì dentro.” rispose ridendo, “Fa male ridere.” aggiunse poi, “Come hai fatto a fidarti comunque di me dopo aver capito che ti stavo solo usando?” chiese infine.

“Per ciò che hai detto in quell'ospedale, quella frase sul simbolo mi hai aiutato a vedere le cose come le vedevo un tempo e, poco fa, mi hai salvato la vita. Ora grazie a te ho finalmente capito me stesso e ciò che devo fare. Inoltre, avevo capito il vero motivo per cui ti eri dispiaciuto prima, ti sentivi in colpa per ciò che la tua organizzazione mi aveva fatto.” esplicò Jeffrey.

“Penso che il tuo licenziamento come detective sia la cosa più stupida che abbiano potuto fare fino ad oggi.” concluse Benjamin.



I due arrivarono alla reception, Jeff se ne era già andato.



“Bene sembra che siamo giunti al capolinea.” disse Benjamin.

“Che intendi dire?” chiese Jeffrey.

“Io non posso più muovermi, mi dispiace, ma dovrai pensarci tu da qui in poi.” rispose Benjamin estraendo una sigaretta dalla tasca e accendendola col suo accendino.

“Perché non hai usato quella come fonte di luce nel mattatoio?” chiese Jeffrey stranito.

“Perché era l'ultima.” rispose. 

“Ascoltami, tra poco quegli uomini saranno qui, il mio obbiettivo era scoprire cosa causava la trasformazione oltre alla prolungata privazione del sonno, quindi il mio lavoro qui è compiuto.” proseguì poi Benjamin.

“Dunque non siete mai stati intenzionati a catturare Jeff.” capì Jeffrey.

“Ascoltami bene, l'ultimo video raffigurava una tomba spoglia con su scritto “Jeffrey”, c'era solo la data di nascita e morte e nessuna fotografia. La parola era “VITA”, ma non l'ho vista scritta da nessuna parte in questo edificio, scusa se ti ho mentito riguardo la lapide vuota.” spiegò Benjamin.

“Non ti preoccupare, so che l'hai fatto per il mio bene.” gli rispose Jeffrey. “Cosa ne sarà di te ora?” chiese preoccupato.

L'uomo ridacchiò, “Non ne ho assolutamente idea, forse mi uccideranno dopo che gli darò la risposta, per questo mi farò medicare prima di dire ciò che so. Se poi mi terranno in vita, tenterò di riabilitare il tuo nome, sono veramente un reporter dopotutto, anche se sembra essere solo una copertura. Tu pensa a vivere la tua vita e a tornare dalla tua famiglia.” disse Benjamin.

“Ormai avranno voltato pagina, dubito mi stiano ancora aspettando.”

“Ti sbagli. L'organizzazione li ha tenuti d'occhio per tutto questo tempo, pensavano ci sarebbero state delle conseguenze psicologiche dopo la tua aggressione nei loro confronti, ma così non è stato, non hanno mai smesso di pensare a te, amico, tuttavia sarai tu che dovrai farti perdonare da loro.” replicò l'agente sotto copertura.

“Grazie, Benjamin...” disse semplicemente l'ex detective.

“Grazie a te per l'aiuto che ci hai dato.” disse freddamente l'altro uomo, “E grazie per non avermi ucciso.” disse ironicamente, poi.

“Ma non posso andare da loro ora.” continuò Jeffrey.

“Perché?”

“C'è ancora una cosa che devo fare, una persona che devo ancora incontrare.” disse Jeffrey facendogli intendere di chi parlava.

“Quindi sai dov'è diretto ora eh, non dirmelo, vai lì e basta e non ti preoccupare per me.” concluse Benjamin.

“C'è solo un posto in cui potrebbe trovarsi ora.” annunciò Jeffrey, “Buona fortuna, reporter Benjamin.”

“Buona fortuna a te, detective Jeffrey.”

“Non chiamarmi con quel nome, Benji.”

“E come dovrei chiamarti allora?”

“Chiamami... Rey.” rispose l'ex detective.

“Jeff... Rey... capita. Divertente.” replicò Benjamin.



Rey uscì finalmente dall'edificio, facendo un ultimo cenno di saluto al suo nuovo amico, prima di andarsene.




Ore 3:05

Jeff The Killer Theme Song Piano Version Sweet Dre


“Non riesco a togliermi la sensazione che lui mi stia osservando, ho come il presentimento che possa sbucare all'improvviso sulla strada, come un fantasma, un killer fantasma. “


“Dunque il destino mi ha riportato di nuovo qui...” pensò Rey mentre parcheggiava malamente sul ciglio della strada lasciando l'auto con le quattro frecce.

“Ciao pioggia, ti ricordi ancora di me?” disse guardando il cielo.


“Come se non bastasse aveva cominciato a piovere fortissimo, si stava scatenando una vera e propria tempesta."


L'uomo entrò nel cimitero e iniziò a cercare la tomba a cui voleva far visita.

Questa volta non ci mise molto a trovare quella tomba, ricordava benissimo dove fosse, essendo forse la sua.


“La lapide era la più spoglia e mal ridotta che avessi mai visto, solo un nome: "Jeffrey" e le rispettive date di nascita e morte, nessun cognome inciso...“


C'era qualcuno ai piedi della lapide, stava scavando la fossa nonostante fosse consapevole che lì non c'era nessuno da riesumare.

L'uomo gli si avvicinò semplicemente e gli disse:

“Ciao, Jeff.”

La figura smise di fare ciò che stava facendo, lentamente si girò verso l'ex poliziotto.


“Buonasera agente, passato una bella giornata ieri?” 


“Ciao, Jeff.” rispose. “Le piace?” continuò poi indicando la lapide, non più spoglia.

Nel marmo della lapide era stato inciso “VITA”, poco più sotto c'era quella che sembrava essere una dedica.


«Non lasciate che il vostro cuore vi comandi, esso è il vostro peggior nemico. Esso non è nient'altro che una macchina, un pacemaker naturale che vi obbliga a vivere nel peggior posto che esista. Lasciate scorrere il sangue fuori dal vostro corpo, senza benzina la macchina si fermerà e voi sarete liberi.»


“Non giacerò mai in una tomba che riporta scritto un tale abominio.” gli rispose Rey.

Jeff accese una piccola lanterna posta lì vicino. Ora era finalmente in luce.

Il corpo di Jeff era messo ancora peggio di come Rey se lo ricordasse: se ne stava a petto nudo sotto il freddo della tempesta. Il suo corpo era quasi scheletrico, il suo torace riportava cicatrici di numerose pugnalate, sei fori di proiettili si trovavano un po' su tutto il corpo e, a ricoprire il tutto, c'erano ustioni ovunque. Jeff non ne era uscito completamente illeso dalla R-4, ma nonostante il suo corpo si potesse definire clinicamente morto lui era ancora lì, in piedi, a parlare.

“Quindi sapevi che sarei arrivato?” chiese Rey.


“Vede agente, se lei ancora non sta dormendo, è perché io ancora non so se lei meriti di chiudere gli occhi... o di rimanere sveglio. Pensavo che lei fosse impuro, ma la scorsa notte, in quel cimitero, non mi aspettavo il suo arrivo... ma lo desideravo.” 


“Non ero sicuro di chi tra i due mi avrebbe raggiunto, ci avrei scommesso che sarebbe stato lei, ma non avrei mai pensato che l'altro uomo sarebbe sopravvissuto. Lo leggo nei suoi occhi agente, è riuscito a salvare la “vittima” questa volta.” gli rispose Jeff.

“Penso che non sia stato completamente merito mio.” disse Rey.

“Che intende dire, agente?” chiese Jeff.

“Più di una volta mi hai dato possibilità di salvare la vittima o di salvare me stesso, non è mai stata completamente inevitabile la cosa.” disse Rey spiegando le sue deduzioni.

Jeff rimase in silenzio.

“Mi hai sempre dato una certa agevolazione, se tu avessi voluto ogni volta fare quello che volevi non saresti mai stato esposto così tanto. Il tuo corpo non sarebbe ridotto in questo modo.” continuò Rey.

Jeff continuò a fissarlo e basta, quei suoi due occhi volevano creare soggezione all'uomo.

“Non funziona più Jeff, non ho più paura di te, non ne avrò più.” 

“Una volta una bambina, la creatura più pura esistente, disse: il male quando arriva non lo puoi fermare, non arriva per un motivo, ma quando lo fa puoi solamente sperare che esso non colpisca te.” raccontò Jeff.

“Lei è di nuovo puro agente, questa volta vedo che lei è riuscito a trovare il vero se stesso, sarò lieto di ricompensarla. Avanti, si avvicini, così finalmente potrà tornare a dormire.” continuò Jeff.

Rey iniziò a muoversi pian piano verso il killer. A pochi metri da quest'ultimo, egli si fermò.

“Lascia che ti racconti io una storia adesso.” disse Rey.

Jeff rimase sorpreso.

“C'era una volta un ragazzo, questo aveva un fratello che amava più di ogni altra cosa. La superbia dei genitori influirono negativamente sul ragazzo, tanto che lui si promise di non diventare mai come loro. Un giorno lui e suo fratello vennero attaccati da tre bulli, non provava alcuna paura per loro, dentro di lui sentiva solo di dover fare del male a quei tre ragazzi per vendicare ciò che stavano facendo a suo fratello. Nel farlo provò un piacere immenso, scoprì che far del male lo compiaceva, perse la sua innocenza quel giorno e non ebbe mai rimpianti per ciò che aveva fatto.
Quando i tre bulli tentarono di vendicarsi per l'umiliazione subita, nel ragazzo si ruppe qualcosa, uccise uno di loro e ne ridusse in fin di vita due. Il terzo, però, diede fuoco al ragazzo che perse la vita. Quest'ultima era intesa in entrambi i modi: con l'aspetto che avrebbe avuto non avrebbe più potuto riavere la sua vita, inoltre, ciò che tornò dall'ospedale non era più lui. Era morto ma non totalmente.
Il demone al suo interno si era quasi svegliato, il ragazzo si era ormai completamente trasformato in esso, ma per rimanere sveglio il demone fece in modo che non potesse più riaddormentarsi. Si incise un sorriso per convincere se stesso che non doveva mai essere triste e si bruciò le palpebre per non cedere mai più al sonno.
Era rimasta una sola cosa che poteva fermare il demone: la fiducia verso suo fratello. Una volta ucciso quest'ultimo il ragazzo sarebbe diventato totalmente qualcos'altro, e così accadde.” finì di raccontare il detective.


“L'unica mia teoria è che Jeffrey è rimasto intrappolato in quel corpo nel preciso momento in cui le fiamme hanno avvolto il suo corpo, ciò che è uscito da quell'ospedale non era altro che la personificazione del male, un demone. E Liu rappresentava l'unico filo che lo collegava alla sua umanità, un filo che avrebbe dovuto recidere.” 


Jeff rimase in silenzio per tutto il tempo, ascoltando la sua stessa storia.

“Ma il vecchio Jeffrey non se ne è mai veramente andato.” disse poi l'ex detective.


“Mi manca sa... poter dormire. Ma io non posso dormire, lei può ancora farlo se è quello che desidera."


“Dunque rimpiange ancora ciò che mi ha fatto, agente?” chiese Jeff.

“No, non è rimpianto. Semplicemente non avevo ancora capito cosa fare per liberare il mondo da te.” rispose Rey.

Jeff sorrise fieramente, si sentì orgoglioso di ciò che aveva creato.


“Non so cosa voglia dire uccidere, io mando semplicemente a dormire chi è troppo puro per vivere in questo mondo.” 


“Quindi mi ucciderà, di nuovo?” chiese nuovamente.


“Cosa pensi di essere tu?”
“Io sono un salvatore.”


“Questa volta non sarà un omicidio, sarà un salvataggio.” esclamò Rey.


“Uno come me, guardandomi, non vedrebbe nulla di sbagliato. Questo volto... può essere apprezzato solo da coloro che hanno il male come loro parte integrante.” 


“E questa volta ha capito come farlo?” continuò a chiedere Jeff.


“Ho afferrato il braccio di quel maniaco e ho cominciato a stritolarglielo facendogli cadere il coltello, l'ho colpito al petto con tutta la forza che avevo nel braccio... non so spiegarti la sensazione che ho provato, è stato come colpire del cuoio indurito, come colpire un involucro senza nulla al suo interno...”


“Sì, non si tratta di uccidere, si tratta di mettere a dormire. Questa volta metterò a dormire il tuo demone...” rispose schietto Rey.


“...ma la cosa inspiegabile è che, semplicemente, non dovrebbe più essere capace di vedere da molto tempo, oltre al fatto che è impossibile che non ceda al sonno. Quegli occhi non hanno nulla di umano.” 


“...Distruggendo i tuoi occhi.”


I tuoni continuavano ad infrangere i brevi silenzi che c'erano tra i due. Quegli occhi, così famigerati per essere degli sprigionatori di paura, in realtà non erano altro che i cuori del demone, ciò che l'hanno tenuto vivo e sveglio per tutto questo tempo.

“In questo modo il demone dormirà, come inconsciamente tu hai voluto per tutto questo tempo.” concluse Rey.

“Spero tu sappia che non me ne starò qui fermo a lasciartelo fare e non ci saranno agevolazioni questa volta. Uno di noi due dovrà morire, in ogni caso. Con uno di noi due morto, il cerchio sarà veramente chiuso, una volta e per sempre.” disse Jeff smettendo di dare del lei all'uomo di fronte a sé.

Jeff estrasse una benda bruciata dalla tasca dei pantaloni e la usò per nascondere i suoi occhi. Poi, distrusse la lanterna schiacciandola con forza.


Rey guardò il suo braccio, attorno al suo polso.

“Che c'è che non va?” chiese Jeff.


“Penso che... dopotutto... per te le 3:20 siano un'ora perfetta per andare a dormire.”

Vota questo racconto:

Voto complessivo:

È necessario registrarsi e collegarsi dal browser per poter votare e visualizzare i risultati.
Un ringraziamento alla Wiki tedesca per questa funzione.


Ad blocker interference detected!


Wikia is a free-to-use site that makes money from advertising. We have a modified experience for viewers using ad blockers

Wikia is not accessible if you’ve made further modifications. Remove the custom ad blocker rule(s) and the page will load as expected.