FANDOM


Durante il XIX secolo l'Inghilterra era la patria di numerose storie terrificanti. Una di queste è quella di Jack il Saltatore. Questa creatura sputava fiamme e feriva le persone con i suoi artigli di metallo. Jack poteva anche spiccare salti incredibili per attaccare le vittime o per sfuggire alla polizia.

Chi era costui?

Nessuno sa se Jack il Saltatore fosse un animale, un extraterrestre, un'invenzione popolare o una persona reale. Era famoso per la sua capacità di saltare a delle altezze stupefacenti. Si abbatteva all'improvviso sulle vittime e spariva in un baleno se si sentiva osservato.

Gli attacchi.

Nel settembre del 1837 una donna di nome Polly Adams stava passeggiando in un parco londinese, in una notte buia e fredda. Vide una strana ombra muoversi nel buio, dopo alcuni istanti, il mostro saltò fuori da un cespuglio e la sfigurò con i suoi lunghi artigli. La ragazza disse poi alla polizia di essere stata attaccata da un uomo-diavolo. La cosa non apparve credibile e il caso venne archiviato come attacco immaginario e autolesionismo.

Dopo alcune settimane dal primo attacco, innumerevoli persone (per lo più benestanti) sostennero di essere state attaccate da una bestia la cui apparenza sembrò la medesima di quella che avrebbe attaccato Polly Adams.

Gli attacchi non avvenivano seguendo un'apparente logica o una linea temporale: il guardiano nell'avamposto di una caserma raccontò di avere udito una notte dei rumori e dei fruscii provenienti dal bosco circostante la caserma e di essersi risvegliato la mattina seguente seminudo nel bosco; in stato confusionale, attribuì la responsabilità di tutto alla stessa creatura.

Una donna che sarebbe stata vittima del mostro, disse che la creatura l'avrebbe baciata sulla bocca, compiendo poi un salto di trenta metri che lo catapultò sopra un palazzo.

La storia sembrò giunta a termine quando un marchese della Londra vittoriana venne accusato di essere il misterioso demone, poiché alcuni testimoni dissero di avere visto una W dorata all'interno del mantello che indossava la creatura nei suoi attacchi e la W era parte dello stemma della casata del marchese incolpato. Il marchese morì nel 1859 per una caduta da cavallo, ma la bestia continuò ad aggredire i passanti di Londra, iniziando secondo alcuni anche ad uccidere. Terrorizzò prima Londra e poi il resto dell'Inghilterra per ben 66 anni.

Vota questo racconto:

Voto complessivo:

È necessario registrarsi e collegarsi dal browser per poter votare e visualizzare i risultati.