FANDOM


Candy Pop di Jesterca - Creepypasta -ITA-

Candy Pop di Jesterca - Creepypasta -ITA-

Era in momenti come questi, che avrei voluto solo scappare e non guardarmi mai indietro. Avrei voluto urlare, ma potevo solo piangere dentro di me per tutto lo stress che mi causava la mia famiglia. Mio padre e la mia matrigna continuavano ad azzannarsi al collo come una coppia di leoni che litigavano per un pezzo di carne. Non c'era pace. Alcune volte avrei desiderato poter strisciare via per nascondermi in un buco e non uscirne più. Pregavo disperatamente Dio ogni giorno, perché le cose andassero un po' meglio del solito... ma non andavano mai come speravo. Nulla andava mai per il meglio.


L'unica cosa che non vedevo l'ora di fare era dormire. La sensazione di oppressione e distacco da parte della mia matrigna aumentava ogni giorno che passava. A volte, mi stendevo sul letto a domandarmi se sarei mai mancata alla mia famiglia o agli amici, se un giorno me ne fossi andata. Avrebbero pianto per me? L'unico amore che avevo ricevuto era stato quello di mio padre, ma poco dopo le cose avevano preso una brutta piega. Le lotte avevano iniziato a farsi più violente e c'erano giorni in cui trovavo mio padre in lacrime, che pregava perché accadesse un miracolo.


Calò la sera e aspettai nella mia stanza per diverse ore. Il rumore della lancetta dell'orologio stava alimentando la mia frustrazione ogni secondo che passava, e non sentivo più mio padre e la matrigna discutere. La mia ansia crebbe e nella fretta afferrai la maniglia, e proprio quando stavo per spingere la porta quest'ultima si aprì. Un uomo se ne stava sul ciglio della porta. Fissai la sua espressione stanca e sciupata. Lentamente mi avvicinai verso di lui. Era mio padre, abbattuto e segnato dai ripetuti abusi che la mia matrigna gli aveva inflitto. Sul momento, decisi che quel che era troppo era davvero troppo. Persi il filo dei pensieri e afferrai per mano mio padre. Iniziai a farmi largo spingendo da parte la mia matrigna, notando l'espressione nera di rabbia che le aveva deturpato il volto.

Rapidamente, accompagnai mio padre in macchina facendolo salire dal lato del passeggero, quello accanto al conducente poi, iniziai a sentire le urla agghiaccianti della mia matrigna che stavano maledicendo il mio nome.

"ALEXA!". Aveva urlato con voce rauca.


Il mio unico proposito era di portare mio padre lontano da lì, per quanto mi sarebbe stato possibile. Faticai a trovare rapidamente le chiavi della macchina. Un botto improvviso sul finestrino dell'auto mi aveva spaventata a morte, quando mi resi conto che la mia matrigna aveva iniziato a colpirlo con una mazza da baseball. Ho pianto per il terrore, mentre il mio sguardo era rimasto incollato a quello che stava facendo la mia matrigna. Ho iniziato a cercare le chiavi nel vano portaoggetti. Mio padre urlò. Afferrò rapidamente le chiavi dal cruscotto spingendomi fuori dal posto di guida e avviando la macchina. Lasciò una sgommata sul vialetto e una scia di fumo bianco.


Il panico crebbe. Pregai mio padre di rallentare. La macchina accelerò e lui perse il controllo della vettura. Potevo sentire il veicolo andare fuori controllo, e improvvisamente sentì l'impatto della macchina che aveva provocato delle forti turbolenze che avevano fatto fremere ogni fibra dei nostri corpi, quando la questa era andata a schiantarsi contro un lampione. Le cintura di sicurezza che aveva trattenuto il mio corpo durante l'impatto si ruppe, e fui catapultata fuori dall'abitacolo. Atterrai parecchi metri più in là, lontana dalla zona dell'incidente.

Sembravo finita in un posto molto isolato. Il terreno duro e freddo mi aveva fatto accapponare la pelle, costringendo i miei occhi ad aprirsi immediatamente. Ero stata colta all'improvviso da un forte dolore. La testa mi stava pulsando a causa del duro atterraggio. Il mio corpo stava accusando il colpo dello schianto. Le mie mani sfregarono sul suolo e stranamente, udì il silenzio più assoluto. Non c'erano persone che parlavano o uccellini che cinguettavano. Ma potevo ancora distinguere il suono dell'allarme della macchina in lontananza. Una debole brezza gelata mi sbuffò in faccia, soffiandomi indietro i capelli. Lentamente cercai di alzarmi in piedi, mentre mi guardavo intorno con circospezione, gridando per mio padre. 

"Papà?!". Nessuna risposta. 

Ho gridato più e più volte il nome di mio padre. Ancora nessuna risposta. Ad un certo punto, la mia voce aveva iniziato ad esaurirsi e mi ero dovuta fermare per non rischiare di perdere anche la voce, oltre che a mio padre. Spossata, ho iniziato ad allontanarmi da lì e a guardarmi intorno. Più mi strofinavo gli occhi e più la luce stava regredendo nel buio. Una sensazione di disagio mi pervase la mente, e quando riaprì gli occhi rimasi accecata da una singola luce. Mentre l'oscurità più totale mi circondava. Un debole tintinnio fece eco dentro e fuori alle mie orecchie. Una sinistra risata si aggiunse alle mie ansie. Ho gridato di nuovo, sperando di trovare mio padre.

"E - ehilà? Papà sei tu?". 

Ho aspettato alcuni minuti per la risposta, ma nessuno si era fatto avanti per confermare i miei timori. Ho continuato a procedere a ritroso sulla strada. I peli sulla nuca si drizzarono e mi voltai immediatamente. Lì, di colore blu, magenta e verde acqua, troneggiava un giullare. Aveva un portamento singolare e orgoglioso. 

Sembrava annoiato e presto notificò la mia presenza. Non aveva fatto un solo rumore, l'unico suono che proveniva da lui era stato un lieve tintinnio che proveniva dai campanelli legati all'estremità dei suoi capelli blu. I miei occhi erano rimasti incollati su di lui e alle sue... stranezze. I suoi lineamenti vivaci e sgargianti risaltavano la sua figura così vitale e così gioconda. Il giullare si approssimò a me con un sorriso, di cui non avrei saputo se fidarmi o no. Non capivo da dove proveniva o come io avessi fatto a ritrovarmi in quell'oscuro antro.

Balloon

Poi, il giullare catturò la mia attenzione iniziando ad esibirsi in alcuni trucchi, che avrebbero stupito gli occhi di chiunque. Uno dei trucchi che aveva fatto era stato quello di far apparire dal nulla un palloncino viola nella sua mano, poi mi guardò e sorrise. Sul palloncino era impressa una faccina sorridente e me lo offrì. Ma io non volevo prenderlo. Soprattutto perché era un estraneo per me, non sapevo da dove provenisse e non avevo tempo per essere intrattenuta da lui, dovevo cercare mio padre. 


Così ho semplicemente arretrato di qualche passo e mi sono voltata dall'altra parte, per ritrovarmi ancora una volta lui di fronte. Il giullare sembrava deluso e stava scuotendo con il capo in segno di 'no'. Nuovamente tentò di offrirmi quel palloncino viola. Non riuscivo a sopportare quel surreale silenzio tra me e lui, così ho raccolto un po' di coraggio e gli parlai.


"Chi sei tu?". Domandai umilmente.


Il giullare ancora non rispose. Glielo richiesi di nuovo e non rispose ancora, ma ad ogni domanda che gli avevo rivolto il giullare aveva estratto delle carte che recavano una lettera. Lo osservai mentre faceva danzare magicamente quelle carte attorno a lui, rivelando il suo nome. Guardai le carte e lessi la parola che avevano composto.


"Candy Pop?". Risposi. 


L'unica risposta che mi diede fu un ampio e lungo sorriso. Non sapevo il perché, ma ogni volta che sorrideva sentivo dei brividi corrermi lungo la spina dorsale. In qualche modo sentivo che c'era qualcosa che non andava, e non sapevo il perché. Iniziò ancora una volta a fare i suoi trucchi e questa volta il palloncino viola sparì dalle sue mani e fece apparire un lecca-lecca blu, e poi un altro e un altro ancora. Infine, si ritrovò in mano con tre lecca-lecca uno diverso dall'altro. Non ero sicura di cosa dire o cosa chiedergli, perché non mi stava parlando. Così ho continuato ad assistere in silenzio a quel bizzarro spettacolo.


Mi aprì la mano e mise i lecca-lecca, facendomela richiudere in un pugno. Ancora una volta il giullare aveva fatto apparire lo stesso palloncino viola, ma questa volta lo allungò e lo piegò provocando diversi rumori, potevo sentire il suono della gomma del palloncino che veniva manipolata. Quando si voltò verso di me aveva appena terminato la sua creazione. Mi aveva fatto un palloncino a forma di fiore.


Il giullare esibì un sorriso dolce e gentile. Non ero sicura del motivo per il quale era così persistente nel volermi far prendere quel palloncino, ma forse voleva solo essere mio amico. Così decisi di fidarmi di lui e accettai il palloncino. Lo esaminai, e guardai di nuovo l'espressione di Candy Pop, che era cambiata all'improvviso, passando dall'espressione dolce e gentile di prima ad un'altra più sinistra. Rapidamente, mi allontanai e serrai il palloncino tra le braccia, quando sentì il mio corpo sollevarsi dal suolo. Più in alto sempre più in alto. Lontano dalla luce, non riuscivo a smettere di fluttuare.


"C-che cos'è quello!?". Ho piagnucolato. Non aveva importanza cosa avessi fatto, non riuscivo più a staccare le mani dal palloncino. Sentivo il mio corpo incollato ad esso. La luce su di me divenne sempre più brillante sempre più brillante. Potevo vedere il mio corpo avvicinarsi a quella luce ardente. Guardai in basso e notai che quel inquietante giullare stava agitando la mano in cenno di saluto. Lo fissai meglio, accorgendomi che la sua ombra non corrispondeva alla sua figura.


L'ombra proiettata sul pavimento aveva una forma diabolica, con due corna e una coda. In quel preciso istante, quando avevo provato a guardare di nuovo il giullare, dal suo volto deturpato e distorto avevo potuto udire una serie di sussurri provenire da un luogo non precisato. Ho sentito la mia testa girare. Ho chiuso gli occhi. E ho iniziato a sperare che qualsiasi cosa avessi sognato sarebbe presto finita. La luce abbagliante continuava ad ardere finché, non udì la voce ovattata di mio padre.


''ALEXA! Alexa! Svegliati! ALEXA!!!''. 


Mio padre mi stava chiamando. Quando mi svegliai ero fredda come un cadavere. Ho avuto paura. Lo abbracciai così forte che non mi resi conto di aver fatto scoppiare il palloncino. Ho aperto gli occhi e la luce abbagliante era diventata più chiara, finché non ho potuto realizzare che si trattavano solo delle luci della strada. Mio padre si inginocchiò accanto a me per controllare che stessi bene. 


Quasi immediatamente, l'ho abbracciato di nuovo, piangendo mentre ignoravo il dolore. Lui mi stava fissando con una espressione preoccupata. La seconda cosa che ricordo, era che dopo mi ha portata in ospedale. Mio padre era stato così premuroso da avermi portata in braccio per tutta la strada. Era esausto, ma aveva camminato per tutto il tragitto, per assicurarsi che le mie ferite ricevessero le adeguate attenzioni. In fin dei conti ero contenta di essere lontana dalla mia matrigna e ancora più felice di essere sopravvissuta insieme a mio padre.

Passarono tre mesi dall'incidente, ma ancora continuavo ad avere quella sensazione che qualcosa non andava. Mi ero scrollata semplicemente di dosso quei pensieri ed avevo levato un profondo sospiro. Guardai fuori dalla finestra. Stava piovendo, proprio come il giorno in cui io e mio padre eravamo fuggiti dalla mia matrigna. Il medico mi fece trasalire quando aprì la porta ed entrò nella mia stanza. Probabilmente era venuto a controllare i miei progressi. Mi voltai verso di lui. Mi stava dando le spalle. Una volta che il medico si voltò verso di me, mi resi conto in quel momento che in mano stava tenendo qualcosa e mi parlò con voce soave.


"Hai fatto scoppiare l'ultimo palloncino che ti ho dato, ma non preoccuparti Alexa... te ne ho portato uno nuovo...".

Traduzione di Schrödinger's Cat. Modifica
Vota questo racconto:

Voto complessivo:

È necessario registrarsi e collegarsi dal browser per poter votare e visualizzare i risultati.


Correlati

Origini

Once Upon a Time