FANDOM


Potresti essere contento della tua vita.

Hai un lavoro che ti piace, tanti amici, una moglie e dei figli.

Ma qualcosa non va. Non ti senti..."pieno"... senti un vuoto dentro di te, non succede spesso, ma quando succede puoi colmarlo solo con il sangue.

Sì. Hai bisogno di vedere sangue.

Se questo senso di vuoto non viene sfamato non può fare altro che crescere.

È da quel momento che hai cominciato a uccidere, non te ne rendi conto, sai solo che ti svegli in camera tua senza ricordarti quel che è successo nelle ultime ore. E le tue mani sono piene di sangue.

Sempre.

In questi giorni sei sempre più nervoso. Non ti piace questa situazione, da dopo che hai raccontato tutto a tua moglie e ai tuoi amici, hanno cominciato ad allontanarti, il tuo lavoro non è più lo stesso, nessuno ti cerca più, il tuo capo ti ignora, e tu non sai il perché.

Ma hai deciso che tutto questo deve finire.

Cerchi qualcuno che sappia dirti qualcosa, cominci a frequentare altre persone, cerchi delle risposte, finché... non trovi qualcuno che credi ti sappia rispondere, lo cerchi, ovunque.

Alla fine lo trovi e lo incontri in un vicolo secondario, dove nessuno può vedervi.

"Allora?" chiede, non appena ti avvicini.

"Voglio sapere che succede"

Ti dà le spalle, non si gira.

"Racconta"

"È da qualche giorno che... non so... di punto in bianco mi risveglio nel mio letto, con le mani insanguinate... e con una sensazione di potere addosso"

Parole sospese nell'aria.

"Cosa posso fare?" chiedi, con tutta la tua disperazione nella voce. Vuoi solo che questo finisca. Vuoi tornare alla tua vita normale.

"Sei disposto a tutto?"

"Sì. A tutto."

Rispondi senza neanche pensare.

"Allora seguimi"

L'uomo si incammina verso una svolta nel vicolo. Non sai dove porti, ma senti di doverlo seguire.

Appena giri l'angolo senti un forte dolore alla nuca. Poi nero.


Ti risvegli nella tua stanza.

-Che?-

Pensi.

-È finita così?-

Ti alzi dal letto matrimoniale e avanzi lentamente verso la porta. Hai paura ad aprirla. E fai bene.

Non appena apri la porta vedi un corridoio in stile medievale.

Piastrelle di pietra sulle pareti. Torce ad illuminare la via.

-Che diavolo succede?-

"Ah. Ti sei svegliato."

Una voce rieccheggia nell'aria.

All'inizio non la riconosci, poi comprendi che è l'uomo del vicolo.

"Dove sono?" Urli.

"Dove tutto questo finirà"

Rimani basito da quelle parole.

-Che vuol dire? Dove sono? Perché sono qui?-

"Presto scoprirai la risposta a tutte quelle domande"

-Che?! Mi legge nel pensiero?-

L'uomo non parla più. Decidi di non indugiare oltre e ti incammini nel buio del corridoio.

Dopo molto tempo arrivi ad un bivio. Un cartello in mezzo.

"<-- Sentimenti. Apatia -->"

-Ma che vuol dire?-

"La tua prima scelta. Qui penso sia facile. Devi scegliere se continuare la tua vita con o senza emozioni"

Rifletti.

-Allora, è grazie alle emozioni che sono arrivato dove sono... non è bello, però è vero, ho manipolato i pensieri altrui in modo da girarmeli a mio favore...-

Stai fermo.

-Andrò per l'Apatia. Se ho manipolato i pensieri altrui costoro potrebbero farlo con me-

Prendo la strada a destra.

Un altro corridoio... questa volta è più tetro, più scuro...

-Ci saranno meno torce-

Dopo 20 minuti di camminata arrivi ad un altro bivio

"<-- Moglie. Figli -->"

-Che?-

"Ed eccoci ad un nuovo bivio"

"Quanti sono?"

"Tranquillo. Il prossimo è l'ultimo."

Tiri un sospiro di sollievo.

"Qui devi scegliere tra moglie e figli. Chi vivrà?"

"EH?! Devo scegliere se uccidere i miei figli o mia moglie?! Tu sei pazzo!"

"No. Il pazzo sei tu."

Rifletti di nuovo.

-Se uccido mia moglie, non avrò sempre i miei bambini... ma sarà difficile crescerli da solo... se uccido loro, potrò averne degli altri... AAAH! Ma perché lo sto pensando?... Diavolo! Cosa faccio? Cosa faccio?...-

A tuo malgrado, prendi la strada a sinistra.

Cammini più lentamente adesso. Il pensiero di aver perso i tuoi figli ti stravolge.

Poi ragioni.

-Ma io ho scelto apatia... perché provo dolore?-

Decidi di ignorare quel pensiero e di proseguire.

Arrivi al terzo bivio

"<-- Lavoro Divertimento -->"

"Eh? Penso la scelta sia logica"

"Davvero? Cosa sceglieresti?"

"È la prima volta che mi fai domande riguardo alle mie scelte"

"Lo so. Sono curioso"

"Allora guarda"

Prendi la strada a sinistra.

"Bene. Adesso puoi uscire."

"Quanto devo camminare?"

"È un corridoio come gli altri. Ci metterai lo stesso tempo di prima."

Cammini. Questa volta sembra più lunga però.

Arrivi alla fine. Vedi una porta. La stessa di casa tua.

Pieno di sollievo la apri. Senti comunque un po' di paura... sarà tutto come prima?

Tiri giù la maniglia.

Spingi la porta.

Vedi quello che i tuoi occhi non vorrebbero.

Una stanza.

Una maledettissima stanza.

Stai per urlare quando noti un tavolo dritto davanti a te.

Ti avvicini e noti che sopra c'è una pistola.

"Allora"

Ancora quella voce.

"Sei felice delle scelte che hai fatto?"

"Certo"

"Allora prendi la pistola."

Ormai non vuoi altro che uscire di lì.

Afferri la pistola.

"Bene. Vedo che hai capito. Esci da qui e goditi il mondo che hai creato"

Non capisci niente, ma ti avvii verso la porta davanti a te.

"Addio"

Esci, e vedi la tua camera.

Tua moglie dorme, guardi l'orologio: le 2 di mattina... sei stanco e vuoi dormire... metti la pistola sotto il cuscino e ti butti sul letto.


Quando ti svegli tua moglie è già al lavoro.

Ti ricordi adesso che sei stato anche licenziato...

Esci a fare una passeggiata e... nessuno per strada, nessun bambino al parco, le poche persone che vedi per le strade sono tristi, apatiche... ed è lì che realizzi tutto.

Gli omicidi erano una scusa per farti incontrare con quell'uomo, che ti ha fatto scegliere le cose basiche dell'uomo: Emozioni, Famiglia, e Doveri...


Tu hai pensato solo a te stesso, hai cambiato il mondo per come volevi, e hai sbagliato... ma aspetta... c'è qualcun altro con cui devo giocare...

Ah, ricordi la pistola?

Usala pure

Vota questo racconto:

Voto complessivo:

È necessario registrarsi e collegarsi dal browser per poter votare e visualizzare i risultati.
Un ringraziamento alla Wiki tedesca per questa funzione.


Ad blocker interference detected!


Wikia is a free-to-use site that makes money from advertising. We have a modified experience for viewers using ad blockers

Wikia is not accessible if you’ve made further modifications. Remove the custom ad blocker rule(s) and the page will load as expected.

Inoltre su FANDOM

Wiki casuale