FANDOM


Nel 1954 mia nonna abitava a Dezzo di Scalve, un piccolo paese che si affaccia sul fiume Dezzo.

Era primavera e la scuola stava finendo. Aveva otto anni ed era solita andare a giocare con le sue amiche vicino al bosco, dietro al cimitero; lì c'era una specie di parchetto, dove c'era il classico giochetto della campana.

Un giorno stavano giocando alla campana, quando ha iniziato a diluviare a dirotto; beh, era già nuvoloso, quindi non si stupirono più di tanto.

Stavano andando tutte a casa, quando questa bimba vide un gatto nel bosco e le piacque veramente tanto.

Mia nonna si fermò lì ad urlarle di andare a casa, di non badare al gatto, che se la sarebbe cavata da solo, ma la bambina ormai era già lontana, nel bosco a cercare il gatto.

Mia nonna ovviamente non era così scema da stare sotto l'acqua, così andò a casa, dandole fiducia, pensando che sarebbe tornata indietro.

Il giorno dopo andarono a cercarla tutte insieme, ma niente.

Fecero qualche metro nel bosco, ma eran tutte spaventate e l'unica cosa che trovarono fu la scarpetta sinistra della bambina.

Pensarono "L'avrà persa, magari è a casa", così tornarono indietro.

Dopo circa una settimana, la bambina non si fece ancora vedere. I genitori, sempre più preoccupati, andarono a chiedere aiuto alla polizia, giustamente.

Così iniziarono le ricerche di quella piccola bambina, persa nel bosco.

Trovarono un corpo a circa 600 metri dal paese, un corpo minuto e con gli stessi vestiti della piccola; vicino a lei, il gatto, fermo e silenzioso, che scrutava il corpicino e non faceva avvicinare nessuno.

Si ebbe, quindi, l'idea di chiedere a qualcuno che possedeva un cane di far scappare il gatto.

Il fattore prestò allora il cane ai "poliziotti", i vigilanti dell'epoca insomma.

Portarono il cane, ma il gatto non c'era più.

Così presero il corpicino e lo portarono via.

I genitori erano distrutti, piansero per giorni e non si fecero più veder in paese.

Era ormai estate e in paese c'era ancora il mistero della morte di quella bambina che faceva accapponare la pelle anche agli stranieri.

In più, i genitori non si eran più visti da allora.

Nel paese si iniziava a preoccuparsi anche per loro. Così qualcuno decise di andare a vedere se stessero bene.

Questa signora, una abbastanza in lá con l'età, andò a bussare alla porta di questi, ma non rispose nessuno.

Allarmò allora i vigilanti, che si diressero all'abitazione immediatamente.

La porta era chiusa a chiave, così la sfondarono e si trovarono davanti una scena orribile: sulle poltrone del soggiorno giacevano i due corpi, ormai in decomposizione, dei genitori, cosparsi da pozze di sangue raggrumato intorno.

Vennero portati immediatamente via e nessuno mise più piede in quella casa.

A volte si vedeva qualcosa all'interno, quando i bambini passavano per andare a giocare altrove, dopo che era capitato quell'incidente, forse un gatto. Un gatto dagli occhi che brillavano inquietantemente al buio.

A causa delle strane cose che accadevano in quella casa, come le urla nel bel mezzo della notte, i miagolii, rumori di oggetti che cadevano, la casa venne demolita da lì a poco.

Ci costruirono in seguito una lapide, in memoria della famiglia, e alcune volte, tutt'ora, sopra questa si può trovare un gatto.

Un gatto che miagola incessantemente, e che appare solo in primavera, gli ultimi giorni di primavera e che non lascia avvicinare nessuno.


Creepy cat










Vota questo racconto:

Voto complessivo:

È necessario registrarsi e collegarsi dal browser per poter votare e visualizzare i risultati.
Un ringraziamento alla Wiki tedesca per questa funzione.


Ad blocker interference detected!


Wikia is a free-to-use site that makes money from advertising. We have a modified experience for viewers using ad blockers

Wikia is not accessible if you’ve made further modifications. Remove the custom ad blocker rule(s) and the page will load as expected.

Inoltre su FANDOM

Wiki casuale