FANDOM


«Amoreeeee» urla felice. «Amoreeee! Dove sei? Ho una notizia fantastica!» continua a parlare.

La trova, è seduta su una sedia, con lo sguardo rivolto verso la porta-finestra. «Eccoti, amore!» Lui le bacia una guancia, teneramente. «Ho una fantastica notizia! Ho avuto una promozione a lavoro!» lei non lo guarda. «Potremmo andarcene da questa topaia, capisci?!» dietro di lui, prende una rosa rossa e gliela porge. «Ecco, un regalo per te, amore mio.» Lei lo guarda ora, con gli occhi furenti di rabbia. «È per il vaso che ti avevo regalato? Mi dispiace se l'ho rotto, non volevo!» ha la faccia da cagnolino bastonato.

Lui passa tutto il pomeriggio con lei, guardano un film, durante questo la bacia, la coccola, prepara anche uno spuntino... Lei è comunque arrabbiata, lo capisce dai suoi occhi e dal suo respiro veloce.

«NON MI HAI ANCORA PERDONATO?» lui le urla contro, iniziando a sentire i suoi pianti. «ERA UN VASO, UN VASO! O forse, forse non è per questo, vero?» Inizia ad addolcirsi. «Il tuo ragazzo era uno stronzo, lo sai.» Lui le da un buffetto sulla testa, come se fosse un animale. «Io non ti trascuro come faceva lui, so che ti manca, so che gli volevi bene, so che lo amavi, ma non lo hai mai amato come ami me, vero?» lei annuisce poco, impaurita. Si avvicina, avvicinando la sua faccia alla faccia di lei. «Tu mi ami?» lei annuisce. «Bene, ora... la cena è pronta, ti tolgo il bavaglio. Promettimi di non urlare, okay?»

Vota questo racconto:

Voto complessivo:

È necessario registrarsi e collegarsi dal browser per poter votare e visualizzare i risultati.