FANDOM


Grand Guignol



Vuoto sul palco, eccetto per



Una sedia al centro del proscenio

Un cadavere in proscenio (dietro la sedia)



Il resto è immaginazione




Voce (è luce sulla sedia, a sinistra del palco-illumina una sagoma seduta-):



Lui non ricorda; nonostante i miei numerosi tentativi, ogni sforzo si è rilevato vanifico.

Sembra osservarmi: le sue pupille celano un interrogativo perenne; mi chiedono il perché di tanto sangue. Scrutano senza sosta il cadavere a terra nella bramosia di rimembrare qualcosa di perduto: lui sa che io non ignoro.

Lui sa che l'ho visto ucciderla a mani nude.



Buio (è luce su un'altra sedia, speculare-un'altra sagoma, seduta-)

Voce:



Lui non ricorda; io lo fisso e lui tace: sta immobile, forse ha paura. Sembra continuamente sul punto di parlare, ma poi indietreggia: dietro alle pupille serrate cela qualcosa che ha perduto. Saltuariamente muove il collo in direzione della scia di sangue che macchia il pavimento: lui sa che io non ignoro.

Lui sa che l'ho visto trascinare il cadavere sin qui.



Buio sulla sedia.



Luce in diminuire; l'immagine di un uomo seduto viene per qualche istante illuminata al centro del palcoscenico.



Buio totale

Vota questo racconto:

Voto complessivo:

È necessario registrarsi e collegarsi dal browser per poter votare e visualizzare i risultati.