FANDOM


Il sole cocente aveva iniziato a tramontare fuori dalla mia finestra. Avevo appena portato a termine le mie commissioni quotidiane, e intorno le 8.00 di ogni sera, mi serbavo il resto del tempo libero per lavorare ai miei disegni. Ho trovato comodo usare questa routine, dato che i lavori al computer potevano richiedere un po’ di tempo.

Crosshatch (feat

Crosshatch (feat. Leprechaun) - Creepypasta ITA

I miei genitori avevano lasciato casa per una settimana o giù di lì, perché mia nonna aveva iniziato a stare molto male e loro avevano pensato che sarebbe stato un bene assisterla; per questo ero stato lasciato a casa da solo. Mi ero seduto alla mia postazione di lavoro di tutti i giorni; con il monitor di fronte rivolto verso di me, a destra c’era il mio computer e a sinistra le illustrazioni sul mio tablet. Tutto era al suo posto e ho cominciato a disegnare.

Dopo un paio di minuti che avevo iniziato a lavorare ad alcune bozze, mi tornò in mente che non controllavo più la mail da diverso tempo. Ho sempre voluto essere carino nel rispondere agli altri sulle mie opere d’arte; aiutava a mantenere forte la mia motivazione. Ho salvato i disegni sul desktop e sono entrato nel profilo della mia posta elettronica. Come avevo già dato per scontato, la mia casella di posta era invasa da ogni tipo di mail: in alto nell’angolo a destra della pagina era riportato che avevo duecento messaggi, la cosa non mi lasciò molto sorpreso. Non riuscivo nemmeno a ricordare l’ultima volta che avevo controllato i messaggi. Così, senza ulteriori esitazioni, ho iniziato a scorrere l’elenco. Non vi era nulla di fuori dall’ordinario: la maggior parte dei messaggi erano inutili newsletter o spam. Con delusione, avevo trovato solo un paio di mail con alcuni complimenti sui miei lavori e questo era tutto.

Dopo quelli che erano stati cinque minuti buoni, stavo arrivando alla fine dei miei messaggi. Elimina quello, elimina l’altro, finché non sono arrivato al quartultimo messaggio. Anche se aveva l’aria di essere un’altra mail di spam, guardando più attentamente, notai che era molto diversa dalle mail che avevo ricevuto. Normalmente, col mio profilo di posta elettronica, era sempre specificato dove e da chi era stato inviato il messaggio. Per quanto riguarda questa in particolare, non era affatto indicato da dove proveniva. Dal titolo del messaggio lessi semplicemente:

“Crosshatch”.

Molte persone con la testa sulle spalle avrebbero detto di non aprire mai messaggi del genere, e che sarebbe stato meglio eliminarli e andare avanti. Senza esitazione, ho spostato il cursore sopra la casella del messaggio.

Anche se non ci avevo ancora cliccato sopra, il messaggio si aprì da solo. A colpo d’occhio il contenuto mi sembrò vuoto, senza scritte o files, solo una mail vuota. Questa era stata la mia prima impressione, poi guardai sul lato destro del mio schermo e notai che la barra di scorrimento era di gran lunga inferiore a prima, affermando che potevo ancora scorrere in basso nel messaggio.

Come mi aspettavo, c’era una scritta verso la fine.

“x_x”

Le lettere erano: ‘x’ sottolineatura ‘x’. Sembrava quasi una specie di faccia.

Un file si trovava proprio sotto di essa ed era stato nominato: ‘crosshatch’. Ridacchiai, questa era ovviamente una specie di strana truffa o qualche mail inviata all’indirizzo sbagliato. Mi sono scollegato e ho chiuso la finestra, iniziando a pensare di tornare ai miei disegni. Non volevo cliccare sul file, giusto nel caso si trattasse di qualche sorta di virus. Avrei chiesto a mio padre di aiutarmi a sbarazzarmene quando sarebbe ritornato. Ci sapeva fare con cose di questo genere.

Senza ulteriori indugi, sono tornato alle mie illustrazioni, che durarono ben sette minuti o poco più.

Poi, ho iniziato a notare che il mio computer aveva cominciato a diventare più lento del solito. Certo, non era cosa troppo fuori dal comune per me. Non mi aspettavo alcuna prestazione perfetta dal mio computer, in ogni caso. Ho sempre avuto lo stesso per più di 6 anni. Un mouse un po’ in ritardo era certo l’ultima delle mie preoccupazioni.

Ma era veramente lento; quasi sul punto che il cursore del mouse non riusciva più a spostarsi. Ho scosso il mouse e ho riavviato il computer. Windows si avviò normalmente e si udì la solita colonna sonora prima che apparisse il desktop. Con mio grande sollievo, i miei disegni erano ancora lì. Tuttavia, proprio qualche attimo prima di cliccare sui miei file e tornare ai miei disegni, notai un file sotto di essi, che di certo prima non c’era. Era un file jpeg, nominato ‘crosshatch’. Buon Dio, come aveva fatto ad arrivare sul mio computer se non lo avevo neanche scaricato? Infastidito, ho controllato la cronologia del miei download per controllare se avevo salvato il file per errore. Non risultava nessun download relativo a ‘crosshatch’.

Non volevo scavare più a fondo in quella situazione, perché non ero del tutto sicuro di cos’era quel file. Poteva essere un virus, e avendo avuto già delle esperienze in passato, sapevo quanto poteva essere orribile e difficoltoso riuscire a eliminarli. Da quella volta, ho sempre cercato di tenermi alla larga dai download che non sono sicuri; ma la parte più inquietante della situazione, in primo luogo, era che non avevo salvato il file e che aveva trovato da solo una strada per arrivare sul mio computer.

Non ho potuto fare a meno di sentirmi curioso circa la situazione, non so che cosa mi abbia spinto a farlo, ma cliccai sul file. Ho pensato che un jpeg non poteva infettare il computer e che forse c’era stato un malinteso o una specie di problema tecnico.
Crosshatch 2

Come mi aspettavo, un’immagine spuntò sul mio schermo. Mi ero sentito un po’ sollevato dal fatto che non si trattasse di qualcosa di troppo strano; ma, era lo stesso un po’ inquietante. Era l’immagine di una ragazza con la pelle e i capelli bianchi, che indossava quella che sembrava un' enorme felpa nera. Quello che mi allarmò un po’, furono i suoi occhi. Erano di un nero puro, con alcuni piccoli puntini blu luminosi al centro di ognuno.

Raramente avevo trovato immagini che trasmettessero un senso di disagio così forte, ma il modo in cui lei mi stava fissando… era come se mi stesse guardando dritto negli occhi, con un ghigno intimidatorio impresso sul suo pallido viso.

Scossi la testa. Almeno sapevo che non era nulla di troppo strano, niente di più che uno stupido file jpeg. Sospirai leggermente infastidito e cliccai su ‘elimina’.

Questo un po' mi era dispiaciuto, perché nel momento in cui avevo cliccato sull’immagine, avrei GIURATO di vedere la sua espressione cambiare, anche se era solo un file jpeg. Una casella di testo spuntò fuori.

“Fa male”.

Il mio stomaco aveva iniziato a contrarsi. Quale raccapricciante individuo creerebbe mai un virus del genere…?

Ho cliccato di nuovo su ‘elimina’, sperando per il meglio. Lo schermo sfarfallò un paio di volte, mentre l’espressione della ragazza aveva iniziato a diventare sempre più sconvolta. La stessa casella di testo era spuntata fuori ogni volta che avevo cliccato su elimina. Diventando sempre più frustrato, ho cliccato per l’ultima volta su ‘elimina’.

Lo schermo aveva iniziato a sgranare come la casella di testo era spuntata fuori, tremando violentemente.

“FA MOLTO MALE!!!”.

Lo schermo del mio computer si arrestò per un paio di secondi. In preda al panico, scossi il mouse un paio di volte, ma il cursore non si spostò. Poco dopo, un breve suono dai toni alti si udì dagli altoparlanti e il computer si riavviò da solo. Sono rimasto semplicemente seduto, iniziando a chiedermi che cosa fosse successo.

Avrei potuto tirare il cavo del computer dalla presa e salvarlo da ulteriori corruzioni; ma mi sentivo attratto dalla situazione, solo Dio sa perché. Volevo disperatamente sapere che diavolo era successo.

Windows si riavviò normalmente, ancora. Tutto era normale, eccetto per il fatto che quei dannati file si trovavano ancora lì. Controllai il resto dei miei files, erano tutti lì. Mi sono appoggiato una mano sulla fronte in segno di sollievo. Tutti i miei lavori erano salvi, ed era tutto quello che mi interessava in quel momento.

Poi di nuovo, era stato stupido da parte mia pensare che il virus avesse lasciato il sistema. Tutti i miei files erano stati rinominati: “x_x”.

Non lo avevo fatto io. Un'altra di quelle caselle di testo spuntò fuori.

“Perché hai cercato di eliminarmi? Ho fatto qualcosa di sbagliato? x_x ".

La mia gola aveva iniziato ad asciugarsi e avevo cominciato a sudare. Era solo un virus - ho cercato di convincere me stesso. Non può farti del male. Respira.

Non aveva importanza quante volte me lo fossi ripetuto, il mio stomaco si era rifiutato di sciogliere i suoi nodi.

Apparve un’altra casella di testo, seguita da un debole rumore di statico.

“RISPONDIMI!!”.

Colto dalla paura, ho soffocato le uniche parole che potevo dire.

«Che cosa sei... ??».

“Io sono un umano, come te. Che altro dovrei essere? Haha. x_x “.

Non riuscivo a muovere un dito dalle emozioni che stavo provando. Mi sentivo ansioso e ardere allo stesso tempo di pazzia. Che diavolo mi stava succedendo??

Con rabbia, sono riuscito a tirar fuori una risposta.

«Che cazzo vuoi da me?!! Lasciami in pace… non mi importa di te!!».

La schermata del mio computer lampeggiò ancora una volta.

“Non ti ho mai fatto nulla di male, ero soltanto sola.“

“Tu sei come gli altri. Che pena.”  


Ne avevo abbastanza. Ho aperto la scansione antivirus e senza esitazione ho cliccato ‘Start Scan’.

Come mi aspettavo, il mio computer si riavviò da solo senza che io avessi fatto niente. Questa volta non ci furono rumori strani, ma quando tutto si è riavviato di nuovo, ci volle più tempo del normale.

No, io non ne potevo più.

Al centro dello schermo era mostrata la classica bandiera di Windows, lo schermo tremò e si sgranò ancora, seguito da una breve e sgradevole risata. Sulla schermata dove sarebbe dovuta apparire la scritta: “Windows sta preparando il desktop”, c’era semplicemente una schermata nera. La colonna sonora si ripeté, ma era stata eseguita in modo strano: le note venivano ripetute costantemente e pezzi della melodia sembravano essere più lunghi del normale. E per di più, quello che mi spaventò, fu che al posto della scritta: “Windows sta preparando il desktop”, seguì un messaggio che riportava le seguenti parole:

“Io sono solo il mostro che tu hai creato. x_x “.

Lo stomaco aveva iniziato a contorcersi per la forte paranoia, mentre quella frase si stava ripetendo nella mia testa. Che cosa stava a significare? Io non avevo fatto nulla di male!

Dopo quella che mi sembrò un’eternità, il mio desktop finalmente apparve, e io rimasi lì seduto a tremare dalla paura.

Tutto sul mio desktop era rovesciato e distorto, i pixels che saltavano fuori dalla schermata e uno sfarfallio di strani colori. Le mie mani stavano tremando nel momento in cui stavo cercando di spostare il mouse sullo schermo, per controllare i risultati dello scan.

Diceva che era stato trovato solo un virus, un virus fatale; ma tutte le informazioni del virus erano sgranate, facendo in modo che fosse impossibile da leggere. La finestra si richiuse di sua iniziativa, lasciando il mio desktop completamente distorto a schermo intero.

Mi sentivo frustrato, mentre stavo scavando con le dita nel palmo della mia mano. Tutti i miei lavori sembravano spariti o corrotti, e probabilmente non c’era nulla che io potessi fare per recuperarli.

D’un tratto, un briciolo di buon senso mi tornò in mente. Senza un secondo in più di esitazione, ho afferrato il cavo dalla presa e l’ho tirato fuori, creando una raffica di scintille.

Non volevo più affrontare quella situazione, così ho fatto un profondo sospiro e decisi di andare a letto.

. . .

11:23 PM. Il tempo era passato più in fretta di quanto mi fossi aspettato. Sono andato nel bagno e mi sono spruzzato dell' acqua fredda sulla faccia per calmarmi. Ho fatto un paio di profondi respiri e poi mi sono diretto verso il letto. Ho abbassato le luci, lasciando la mia stanza buia per quanto possibile e mi infilai nel mio letto, sperando che quella tremenda esperienza sarebbe diventata presto solo un ricordo.

Mentre stavo sdraiato, ero rivolto verso una delle pareti della mia camera da letto, mentre il mio computer si trovava sul lato opposto della stanza. Volevo davvero dimenticare tutto quello che era successo, ma ho lasciato che la situazione avesse la meglio su di me. Il fatto che il virus potesse sentire quello che dicevo, era sufficiente da rendermi traumatizzato dalla paura. Non sapevo nemmeno cosa fare.

Sebbene addormentarsi fu difficile, riuscii a farmi qualche ora di sonno. Mezzo addormentato, mi sono risvegliato a causa di un rumore soffocato che proveniva dalla mia stanza. Erano le 2:45 AM, quando avevo letto i numeri illuminati dalla debole luce rossa della sveglia.

Ho stropicciato gli occhi, perché tutto era sfocato. Avrei voluto non averlo fatto.

Ho guardato il muro verso cui ero rivolto e i miei occhi si spalancarono dalla paura. C’era un debole bagliore riflesso contro la mia parete.

Preparandomi al peggio, mi voltai titubante, e sono rimasto senza fiato dal terrore. Il mio computer era accesso, e quella ragazza… quella ragazza era appesa a testa in giù sullo schermo del mio computer, guardandomi dritto negli occhi. Questa volta però, i suoi occhi sembrava come se fossero a forma di ‘x’ e una sostanza nera stava colando dagli occhi, mentre un vuoto e nero sorriso era impresso sul suo pallido viso. Le sua terrificante risata si stava mescolando al rumore acuto dello statico, era persino quasi troppo reale.

Mi sono rapidamente drizzato a sedere sul letto, tremando violentemente. Il mio computer NON era attaccato alla presa.

Non riuscivo a sentire i miei pensieri. Troppe cose stavano attraversando la mia testa. I suoni che provenivano dal mio computer avevano iniziato a farsi via via sempre più intensi.

L’aria della stanza aveva iniziato a diventare fredda e stagnante, rendendo quasi difficile respirare. Non potevo urlare, non importava quanto ci avessi provato. Potevo solo piangere e soffocare il mio stesso respiro. Non avevo idea di cosa fare. Avrei potuto facilmente correre fuori dalla mia stanza, ma per tutto il tempo mi sentivo paralizzato dalla paura… sono finito per crollare sul letto, piangendo e pregando silenziosamente che quella ragazza mi lasciasse in pace. 

Dopo che furono trascorsi due minuti all’incirca, il mio schermo immediatamente si spense e il rumore si arrestò. Ho lentamente lasciato la presa sulle coperte, mentre la faccia era calda e inumidita dalle lacrime. La mia stanza era buia e calma, di nuovo. Anche se mi sentivo ancora fisicamente debole, sono riuscito ad alzarmi e ad accendere le luci della mia stanza. Mai più.

Ho lasciato la mia stanza, camminando rapidamente verso mio tavolo di lavoro e ho tirato fuori un martello da uno dei cassetti. Ho scaraventato il mio computer sul pavimento, e l’ho colpito col martello con tutte le mie forze. Freddi bit e pezzi di metallo volarono in tutte le direzioni e ho continuato a colpirlo col martello più volte. Ho sentito come se la mia mente fosse diventata completamente insensibile. Non mi importava più dei miei lavori, volevo che il mio computer sparisse.

Ho raccolto quanti più pezzi possibile del mio computer e li ho buttati via, desiderando di non rivederli mai più. Passandomi una mano sulla fronte cancellai le goccioline di sudore freddo, mentre continuavo a respirare pesantemente.

Il mio cuore continuava a battere all’impazzata per l’adrenalina, ma riuscii a calmarmi un po’, sapendo che ora il mio computer era andato. LEI era andata.

. . .

2.57 AM. Ho cercato col meglio delle mie capacità di addormentarmi di nuovo.

Sorprendentemente, anche con un paio di incubi, riuscii a dormire per tutta la notte. Mi svegliai alle 7.50 AM e levai un lungo sospiro, espirando fuori tutta la tensione dai miei polmoni. Mi sentivo un po’ meglio. Mi alzai dal letto e cercai di fare del mio meglio per continuare la giornata come se nulla fosse accaduto.

Passarono un paio di giorni da quella volta. Mi sentivo ancora un po’ paranoico, ma allo stesso tempo, mi sentivo risollevato. Avevo buone speranze che le cose sarebbero andate per il meglio, e la cosa più importante, era che volevo stare meglio.

Almeno, questo era quello che pensavo.

Era circa l’1:30 AM del mattino. Stavo dormendo molto bene, finché non ho sentito una porta sbattere.

Ho sentito il mio cuore battere all’impazzata nel mio petto, dallo shock. Era buio pesto nella mia stanza, così potevo a malapena vedere qualcosa.

Chi diavolo c’era nella mia stanza. I miei genitori erano ancora dalla nonn-

Poi, ho smesso di pensare a quello che mi era saltato in mente. I miei genitori erano ancora a casa di mia nonna.

L’aria della mia stanza aveva iniziato a diventare stagnante. Non c’era rumore, a parte quello dei passi che facevano scricchiolare il legno del pavimento. C’era qualcuno nella mia stanza.

Ho socchiuso gli occhi più che potevo. Un’ondata di scuse e possibili spiegazioni aveva investito la mia mente, cercando di trovare la miglior spiegazione possibile di quello che stava accadendo.

«Sei molto stanco, è solo la tua immaginazione che ti sta facendo degli scherzi».

«È soltanto un sogno».

«È tua mamma, è tornata presto a casa ed è qui per rimboccarti le coperte».

Ma non andava bene. Non mi riuscivo a muovere. Non volevo aprire gli occhi. C’era qualcuno lì.

Ci fu silenzio per alcuni istanti. Ogni secondo mi sembrò un’eternità. Ero terrorizzato oltre ogni limite.

Come la persona respirò sul mio collo, ho iniziato a preoccuparmi per la mia incolumità. Dannazione… corri… corri!!

Ma non stava andando bene. Non mi riuscivo a muovere.

Sono solo riuscito a dire una parola.

«Mamma?».

E le parole che non avrei mai voluto sentire, furono la risposta.

«Un errore irreversibile è stato trovato. Arrestare il sistema?».


Vota questo racconto:

Voto complessivo:

È necessario registrarsi e collegarsi dal browser per poter votare e visualizzare i risultati.