FANDOM


In questo mondo esiste uno spirito, né uomo né donna. Lo spirito è coperto con un abito nero, separato da un cappuccio bianco, che copre interamente la sua testa. Si dice che porti con sé un enorme sacco di iuta, in cui tiene intrappolate le sue vittime. Per lo più, bambini. Si dice che nel secondo in cui il suo nome viene pronunciato, sia direttamente che indirettamente, la persona che lo ha detto sarà portata via dallo spirito e ne diverrà sua esclusiva proprietà, per sempre. Molti di quelli che hanno visto la sua apparizione, dicono si presenti come un folle con gli occhi incavati. Lo spirito è molto, molto reale e chi pronuncerà il nome di Candle Jack, sarà da lui catturato e portato in un luogo segreto, da cui non farà mai più ritorno.

CandleJack - Creepypasta -ITA- SPECIALE DI HALLOWEEN

CandleJack - Creepypasta -ITA- SPECIALE DI HALLOWEEN

. . .


Ho sempre saputo che c’era qualcosa che non andava nella mia cara nonna. Tutto è iniziato da quando lei cominciò a parlare di una ‘creatura’.

“Lui mi segue.” Sussurrava. La sua pelle grigia diventava, di giorno in giorno, sempre più grigia.

“Lui mi parla.” Le sue pupille si dilatavano.

E così, come ogni famiglia premurosa, tutti abbiamo iniziato a pensare che stesse perdendo colpi a causa dell’età e così abbiamo deciso di affidarla a una casa di riposo. Quasi sempre andavo a trovare la mia cara nonna e spesso, la trovavo seduta sulla sedia a dondolo a parlare da sola, nella vuota stanza. Lei si voltava verso di me e provava a dirmi qualcosa, ma subito dopo, mi raccontava che cosa vedeva ogni notte.

“Fori bianchi al posto degli occhi.” I peli sulla nuca si rizzavano per la paura. “Lui mi fissa dalla finestra, aspettando la sua chance.” Poi, socchiudeva gli occhi. “Lui aspetta, aspetta me per…” faceva una pausa “… perché io dica, il suo nome.”

Ho pensato che fosse un altro dei suoi episodi e non mi allarmai più di tanto. Così, mi sono concentrato di più sulla mia vita. Poi, un giorno, quando andai a trovare mia nonna, come al solito lei sedeva su quella sedia.

Ma questa volta, lei mi guardò e dopo una lunga pausa, disse il suo nome.

La mia cara nonna scomparve misteriosamente quella notte.

Da quel giorno, mi sono spremuto le meningi per ricordare il nome di quella creatura che l’aveva perseguitata negli ultimi anni della sua vita.

Candle Jack, non si chiamava così?

Non riesco a ricord…

Vota questo racconto:

Voto complessivo:

È necessario registrarsi e collegarsi dal browser per poter votare e visualizzare i risultati.