FANDOM


Bloody crosses rq by cutecat111-d6bzij1

Il cielo si stava facendo buio, ma la città era illuminata dalle luci provenienti dalle case e dagli edifici. La notte era tranquilla, la strade vuote; solo poche persone erano lì fuori per una piacevole e tranquilla passeggiata. James Nothely, un giovane uomo di 26 anni, stava camminando sopra il grande ponte che passava sul centro della città. Sotto al ponte c’era un bellissimo lago blu che si estendeva per miglia. Era una notte veramente tranquilla, ma in quei giorni la città non era in una delle sue forme migliori. 

James acquistò un giornale in uno dei negozi sul ponte. Erano sempre aperti, e ogni sera James era lì per leggere le notizie. Ma ultimamente, erano sempre le stesse: “Uomo trovato morto in un appartamento, assassino sconosciuto”. Sempre curioso, James continuò a leggere l’articolo. ― “Giovane uomo di 34 anni, single, è stato trovato morto nel suo appartamento. Martedì pomeriggio. Il cadavere è stato trovato lungo disteso in salotto, e il corpo era segnato da molteplici cicatrici a forma di croci. Nella stanza c’erano segni di lotta e i muri erano coperti di croci disegnate con del sangue. Le analisi sul sangue hanno rivelato che si trattava del sangue dell’uomo ucciso”.  James congelò. Negli ultimi giorni, un sacco di persone era stata trovata morta, e la maggior parte di esse era stata uccisa nello stesso modo, molto probabilmente significava che era lo stesso assassino a commettere questi crimini.

Dopo qualche minuto di passeggiata, James decise di tornare a casa. Si stava facendo tardi, dopotutto. Sulla strada di ritorno, mentre stava camminando in una delle strade principali della città, lanciò un’occhiata agli edifici alla sua sinistra. 

«Che cos’è quello?». Si fermò per fissare qualcosa che si stava muovendo rapidamente sopra i tetti. Rimase lì a fissarlo, confuso da quella figura in nero. Era troppo buio sui tetti e si stava spostando troppo velocemente, perché James potesse dire che cosa fosse. «Forse è solo un animale…». Aveva pensato. Decidendo di non preoccuparsi troppo, continuò a camminare verso casa. 

Dopo essere arrivato a casa, James chiuse la porta alle sue spalle e sospirò. Aveva avuto una giornata molto pesante e il lavoro lo aveva stressato un po’. Si tolse il cappotto e lo appoggiò sul gancio, e fece lo stesso anche col suo cappello. Mise le chiavi sul tavolo del soggiorno, e poi andò in cucina per cenare. Tuttavia, non si sentiva molto affamato, così mangiò solamente un sandwich fatto in fretta. 

Prima di andare a letto, James chiuse tutte le finestre della casa. Di notte faceva un po’ freddo, e non voleva congelare durante il sonno. Andò a chiudere la finestra del bagno, e fu in quel momento che James vide di nuovo quella scura figura correre. «Ancora quella cosa. Sto avendo delle allucinazioni?». Mormorò James tra sé e sé. Vide la stessa ombra correre nella strada di fronte casa sua. Era molto stanco, e diede la colpa al fatto che si sentiva assonnato. Andò a dormire e mentre si rilassava, si dimenticò della stressante giornata. 

. . . 

Il giorno seguente, James si svegliò col suono della sveglia che trillava nelle sue orecchie. Oggi era un'altra giornata di lavoro, così si preparò in fretta per la giornata per non arrivare in ritardo. Era un meccanico ed era conosciuto come il miglior meccanico della città, e ogni giorno un sacco di gente andava nella sua officina per riavere le proprie macchine o scooter e altre cose simili. Lavorava tutta la mattina e fino a metà pomeriggio, poi per un'altra metà della giornata e arrivava a sera che era sfinito. Lavorava insieme ad altri due colleghi, Carlos e Ron, e a causa di questo doveva lavorare molto. 

Quel giorno, tutto stava andando a gonfie vele, fino alle quattro del pomeriggio circa. James disse ai suoi colleghi che sarebbe uscito per comprarsi uno snack per la pausa. Andò in una caffetteria non molto lontana dal suo posto di lavoro e acquistò un paio di ciambelle alla crema e al cioccolato, insieme a tre bottiglie di acqua fresca. 

Dopo aver pagato, uscì dalla caffetteria, e prima che potesse cominciare a tornare indietro, Ron andò a sbattere contro di lui. Sembrava scioccato, terrorizzato e molto confuso. 

«J-James! A-al garage… è - è successo… c’è sangue o-ovunque! Vieni a vedere tu stesso!». Afferrò James per un braccio e lo trascinò fino al garage. Entrarono dentro con cautela e videro la raccapricciante scena. 

Carlos era prono sul pavimento, immobile, sopra una pozza di sangue. 

«Che cos… come diavolo è successo?». James si stava spaventando. Quello era il suo lavoro, il suo amico. Come poteva essere successo così in fretta? 

«Io non lo so! Non lo so! Che cosa facciamo?». Ron aveva iniziato a urlare per la paura, non avendo mai visto una cosa del genere. Non avrebbe mai dovuto vedere uno spettacolo simile. Tutti i muri attorno al corpo in fin di vita erano ricoperti di croci sanguinanti, dal soffitto al pavimento, col sangue di quell’uomo in fin di vita. 

«G-guarda James…!». James si avvicinò, non troppo lontano dal cadavere di Carlos e sentendo l’odore ferroso del sangue. Si accovacciò ed esaminò la pelle. Ogni centimetro della sua pelle era ricoperta di cicatrici, a forma di croci. Senza avere un’idea migliore, James e Ron decisero di girare Carlos e di metterlo a pancia in su. Come fecero questo, videro un piccolo buco al centro del petto dell’uomo, da cui il sangue era uscito fuori. Carlos era stato pugnalato al centro del petto ed era morto dissanguato. Era orribile… 

James era davvero spaventato da tutte quelle cose e Ron stava piangendo e a un certo punto, aveva anche vomitato da qualche parte, dopo aver visto la ferita al petto. L’elemento che peggiorava la situazione, era che Carlos era il suo migliore amico. 

James chiamò la polizia e un’ambulanza e dopo questo, l’officina fu chiusa per le indagini; dissero che sarebbe rimasta chiusa al pubblico per un paio di giorni. 

. . . 

James era davvero scioccato, uno dei suoi amici era morto quel giorno, senza sapere chi avesse commesso quello spietato crimine. Lentamente tornò a casa, e decise di cercare qualcosa da fare per dimenticare l’accaduto. Non volle uscire per andare a fare una passeggiata quella sera, era troppo stanco e annientato per questo. In quel momento, voleva solo riposare sul divano e guardare qualche programma televisivo divertente. Ma non riusciva a sorridere. 

Guardò la fotografia sul tavolo del soggiorno, che mostrava tre amici insieme. Una lacrima scivolò fuori dal suo occhio, quando aveva cominciato a ricordare i bei tempi in cui erano stati tutti insieme.

— CRASH! — 

«Cos- ? Cos’è stato?». James si svegliò subito, ancora disorientato. Si era addormentato sul divano, anche se non era proprio sicuro di quello che aveva avuto. Tutto quello che sapeva, era che aveva sentito un forte rumore provenire dalla cucina, e che lo aveva svegliato. 

«Si è rotto qualcosa…?». James si alzò lentamente, tranquillo e andò a controllare. Raggiunse la porta della cucina e la aprì lentamente; era un po’ spaventato e stava tremando come una foglia. 

Spalancò la porta e sbirciò dentro. 

James vide un vaso rotto sul pavimento, l’acqua aveva sciabordato e i bei fiori si erano rovinati per la caduta. La finestra era aperta, allora doveva essere stato il vento a fare ciò. I forti venti invernali tendevano a farlo. 

«Ah, erano i miei fiori preferiti…». Si accovacciò per raccoglierli. Dopo aver raccolto i fiori, per riporli in un nuovo vaso e posizionarlo di nuovo sul tavolo, James vide un pezzo di carta attaccato al muro accanto alla finestra. Si avvicinò e lo strappò dalla parete. 

«Tu ― sarai ―il ― prossimo… cosa?». C’erano delle grandi parole in rosso sulla carta, ma erano state sbavate via e James aveva rischiato di confondersi nel provare a leggerle. 

Guardò fuori dalla finestra e urlò, «Non mi piacciono questo genere di scherzi, chiunque tu sia!». Borbottò tra sé e sé, lanciando un’occhiata nella zona intorno, prima di chiudere la finestra. Tornò a dormire, cercando di dimenticare quella caotica giornata. 

. . . 

Verso le quattro in punto, James si svegliò di nuovo. Sembrava che non riuscisse a dormire bene, si sentiva come se qualcosa non andasse. Decise di alzarsi dal suo comodo letto e di andare a bere un bicchiere d’acqua prima di tornare a dormire. Anche se, sapeva che non avrebbe contato molto, era quasi l’alba e col riposo avuto fino ad ora, sarebbe stato difficile tornare a dormire. 

Si trascinò in cucina, ma questa volta quando aprì la porta, rimase terrorizzato per davvero, nel vedere l’interno della stanza. 

«No… no, non di nuovo!». Fece un passo indietro, gli occhi erano spalancati. Tutte le superfici della cucina erano ricoperte di sangue, di nuovo, le croci. Muri, mobili, pavimento. Ora, che sentiva violata la sua privacy e la sua vita minacciata, James decise di avvertire la polizia, così si precipitò verso il telefono. 

Afferrò la cornetta e iniziò a digitare il numero della polizia e aspettò di sentire lo squillo del telefono. Un suono che non sentì mai arrivare. In realtà, non c’era nessun suono. James cercò di risolvere il problema e trovò abbastanza in fretta la causa; i fili erano stati tagliati. 

«M-ma che diavolo? Chi ha tagliato i fili?!». Posò la cornetta e corse in direzione della porta per uscire subito di casa. Provò ad aprirla, ma era bloccata o qualcosa del genere. Iniziò a urlare, prendendo a pugni la porta furiosamente e ignorando il dolore. 

«DANNAZIONE! Ma che diavolo sta succedendo qui?!». Ringhiò, mentre cercava un’altra via di uscita. Controllò le finestre del salotto, della camera da letto e delle altre stanze. Tutte erano state chiuse dall’esterno e non c’era modo di aprirle dall’interno. Era andato a controllare le finestra del bagno, per ritrovare la stessa situazione che c’era in cucina. 

Le pareti erano coperte di croci e sullo specchio c’erano striature di sangue, come se qualcuno avesse sanguinato sullo specchio… James stava diventando veramente nervoso e spaventato. Non sapeva più che altro fare e non aveva idea di cosa stava succedendo. Si ricordò del suo cellulare, che aveva lasciato in camera la letto e rapidamente si precipitò a prenderlo, anche se entrando, si era ritrovato dinanzi la stessa scena. 

Le coperte del letto erano ricoperte di croci, e così tutti i muri e i mobili della stanza. 

«Non era così prima che mi svegliassi… ne sono sicuro… dev’esserci qualcuno in casa…». 

Mormorò come se avesse voluto confortarsi, ma si sentì né più né meno, come se avesse appena esalato la sua ultima frase prima di morire. 

Ignorando le croci insanguinate per il momento, aprì l’armadio e iniziò a rovistare nelle tasche dei suoi vestiti per prendere il suo cellulare. Lo trovò nella tasca della giacca, ma nel tirarlo fuori, notò che era stato rotto in due pezzi, tenuti insieme solo da un unico filo rovinato. 

«Mantieni la calma… mantieni la calma, non andare nel panico…». James stava respirando pesantemente e provò a riflettere nel panico. Poi, ebbe un’idea; al piano interrato! La porta che portava di sotto poteva essere ancora aperta, così si incamminò giù per le scale nel buio. 

Era veramente buio nella cantina, le luci non funzionavo bene là sotto, per qualsiasi motivo. Quando i suoi piedi incontrarono il pavimento, si spostò lentamente in avanti, in attesa che i suoi occhi si abituassero al buio. 

Dopo qualche attimo, James era in grado di vedere meglio nell’oscurità. Continuò a camminare, e poi si fermò quando incontrò un altro muro. Come sempre, le pareti erano dipinte di sangue rosso-ruggine. Questa volta c’era anche una scritta al centro del muro. 

«Ti stai divertendo?». Aveva letto. 

Lui rabbrividì per la paura e anche perché avvertiva una presenza. 

«Chi è là?? Questo non è divertente, basta con gli scherzi!». James gridò, sperando disperatamente nella sua salvezza. Dopo qualche attimo nelle tenebre silenziose, vide qualcosa muoversi. Un’ombra, come quella che aveva visto il giorno prima. 

«Ancora tu! Chi sei?». L’oscura figura si era dileguata nell’istante stesso in cui James lo aveva visto. L’oscurità copriva i suoi movimenti, così che James non poté vedere altro. 

Ci fu un forte rumore provenire da non troppo lontano; adesso la porta si era chiusa e James non poteva più tornare indietro. L’uomo terrorizzato cominciò a girare in tondo, spaventato dall’idea che qualcosa avrebbe potuto attaccarlo, da un momento all’altro. Fece un passo indietro, continuando a studiare il luogo e poi, urtò qualcosa. Si girò di scatto per vedere che cosa avesse urtato. 

«Paura?». 

James balzò indietro, cadendo a terra nella sua fretta. C’era un ragazzo dietro di lui, ma era troppo buio perché potesse distinguere i lineamenti e vedere chi fosse. 

«C-chi sei? Che diavolo stai facendo nella MIA casa? Fammi uscire di qui, lasciami in pace!». James aveva iniziato a urlare allo sconosciuto, la paura e la rabbia gli fecero perdere il controllo. 

«Mi dispiace di averti dato problemi, pensavo ti stessi divertendo… fino ad ora». Lo sconosciuto iniziò a camminare verso James, ogni passo era calibrato e tranquillo. Si alzò in fretta e fece un passo indietro. 

«Ho detto: fammi – uscire – di – qui. ADESSO.». James era arrabbiato adesso e si era garantito che nulla di buono sarebbe potuto capitare. 

Lo sconosciuto si precipitò su James, per fermarsi solo quando si trovò vicino al suo orecchio. Abbassando la voce, l’uomo sussurrò, «Continuiamo a giocare». 

James sentì un terribile e schiacciante dolore al braccio. Lo strano ragazzo aveva accoltellato James col la sua lama appuntita. Il braccio di James aveva iniziato a perdere sangue copiosamente e sul pavimento si stava allargando una pozza di sangue. Quando il ragazzo estrasse la lama indietro, James cadde ancora sul pavimento, tenendo il suo braccio ferito. 

«T-tu sei pazzo!!». 

Il ragazzo afferrò James per il colletto della camicia e lo sollevò. I piedi di James non stavano toccando più il pavimento. In quel momento, una pallida luce filtrò dalla finestra in alto della cantina, coperta per metà da sbarre di legno. Le luce fece in modo che James, poté vedere meglio il ragazzo. 

Lo strano individuo non era normale; la sua faccia era completamente grigia, scura, con una sclera totalmente nera; quel ragazzo non sembrava per niente umano. 

«C-chi diavolo sei tu?». Chiese James, esalando il suo ultimo respiro. 

«Io? Il mio nome… è Bleeding Cross. Cerca di non dimenticartelo». James cadde sul pavimento, con una lama appuntita piantata nel petto. Il misterioso assassino riprese la lama, abbandonando il corpo senza vita di James.

Attraversò la porta della cantina e poi, scoppiò a ridere.

«Peccato… la porta era aperta, saresti potuto fuggire! Ma, troppo tardi…». Uscì dalla cantina, chiudendosi la porta alle spalle e andò via, lasciandosi dietro delle impronte insanguinate.

. . .

L’edicolante sul ponte, afferrò un giornale e diede una rapida occhiata alle notizie in prima pagina. Quella sera, nessuno era venuto da lui a comprare il quotidiano.

«Mmm, vediamo… lui era uno dei miei clienti preferiti…».

“James Nothely, un uomo di 26 anni, single, è stato trovato morto nella cantina della sua abitazione ieri pomeriggio. James è stato ritrovato con un braccio rotto e un buco al centro del petto, la polizia pensa che l’arma del delitto sia un coltello. Le scena del crimine è nuovamente ricoperta di sangue e croci. La polizia ha comunicato che si tratta di un caso di omicidio, anche se l’assassino rimane tuttora sconosciuto”.

Bleeding Cross poteva vedere e leggere il giornale appoggiato sul bancone della sua edicola, dal tetto su cui si trovava. Dietro la croce che copriva la sua bocca, si allargò un sorriso e poi, si lasciò sfuggire una sadica risata. 

Traduzione di Schrödinger's cat. Modifica
Storia originale e personaggio originale di PocketChocolate su deviantArt, NON USARE IN ALCUN MODO la storia o il personaggo senza il permesso dell'autrice originale. Modifica
Vota questo racconto:

Voto complessivo:

È necessario registrarsi e collegarsi dal browser per poter votare e visualizzare i risultati.
Un ringraziamento alla Wiki tedesca per questa funzione.


Ad blocker interference detected!


Wikia is a free-to-use site that makes money from advertising. We have a modified experience for viewers using ad blockers

Wikia is not accessible if you’ve made further modifications. Remove the custom ad blocker rule(s) and the page will load as expected.

Inoltre su FANDOM

Wiki casuale