FANDOM


«Joanna...»

Il desiderio, tanto restio quanto ammorbante, mi fece bestia. Innocua dinanzi alla stessa fantasia carnale per la quale divenni succube. La così forte brama, quasi viscerale, per una carne ancora viva; per una carne ancora innocente.

- Tentennai -

Ingannato da una realtà, benché distorta, esitai. Tra quelle che erano le risa che rasentarono la stessa follia, mi piacque. L'idea di fare mia una così debole vita, inerme; andai avanti.

- Respirai affannosamente -

Lo stesso mio senno, così frivolo davanti ad un più che deforme desiderio. Ti possedevo, eri mia; ed insieme a te, il tuo corpo, la tua tenera carne. Ti guardai, restai a fissare il tuo sguardo; così spento, apatico.

- Rallentai -

Irrigidii insieme al tuo corpo, ci resi una cosa sola. I tuoi lineamenti sfiorarono i miei; godetti nel farlo. Ti meritasti il tuo dolce riposo, quel tuo lungo e dolce riposo.

«Non avresti dovuto urlare, finché morte non ci avrebbe separato.»

Vota questo racconto:

Voto complessivo:

È necessario registrarsi e collegarsi dal browser per poter votare e visualizzare i risultati.