FANDOM


Ore 0.45

Sono a letto, sotto le lenzuola. E in questo momento credo di essere una delle persone più felici al mondo. Da qualche giorno mi vedo con una ragazza conosciuta al centro commerciale dove lavoro. Era così carina e gentile che se non le avessi chiesto di rivederci almeno un'altra volta non me lo sarei mai perdonato. E così, è andata come accade sempre, quando va bene naturalmente. Beviamo una cosa insieme, parliamo, parliamo e parliamo. C'è intesa, ci divertiamo, insieme stiamo bene. Continuiamo a vederci. E a parlare, come facciamo anche adesso. La mia stanza è buia, silenziosa, l'unica luce è quella dello schermo del mio smartphone. Sarà una buona oretta che chattiamo, raccontandoci le nostre giornate. Domani però ci aspetta entrambi una bella levataccia e siamo tutti e due piuttosto stanchi. La conversazione si fa più lenta. Ci avviamo teneramente ai saluti, che comunque non durano poco, tra uno scambio di emoticon e l'altro.

Chiudo la conversazione, poso il cellulare sul comodino, chiudo gli occhi e penso a lei. Sono felice. Forse anche troppo per prendere sonno rapidamente. Tutto è silenzioso, eccetto i soliti scricchiolii del letto e dei vari mobili della stanza.

Ecco ci sono quasi. Mi sto addormentando. No, il materasso scricchiola ma sempre più forte. Io però non mi sto muovendo, questo è strano. E anche un po' fastidioso. No, non sono io. Sento come se qualcosa si stesse muovendo, scavando nella gommapiuma e grattando il tessuto del materasso dall'interno. Sono un po' assonnato, forse potrei star sognando. sento qualcosa pungermi la schiena. Mi sveglio di soprassalto. È stato doloroso, cerco di alzarmi e incespico nel lenzuolo, cadendo rovinosamente dal letto.

Qualcosa sta uscendo fuori dal materasso. Un corpo allungato, e segmentato, con ai lati una miriade di zampe articolate che si muovono in diverse direzioni. Non riesco a vedere bene. Non è niente che io abbia mai visto, o anche solo immaginato. Non riesco a muovermi bene, respiro a fatica. Sento ancora un dolore alla schiena, come se ci fosse conficcato qualcosa di appuntito. Vorrei scappare, ma le forze mi abbandonano e sento tutti gli arti che formicolano, addormentati. Vedo l'estremità superiore del corpo della cosa, un segmento più lungo, con due grandi mandibole, che si incrociano e si separano rapidamente. La testa della cosa punta verso di me. Scatta, me la ritrovo addosso, tutte quelle zampe mi si conficcano nella carne.

Sento un dolore lancinate, poi più niente...

640mandible









Vota questo racconto:

Voto complessivo:

È necessario registrarsi e collegarsi dal browser per poter votare e visualizzare i risultati.