FANDOM


Ascoltatemi, vi prego. Non dovete credere a tutte le calunnie che le madri raccontano su di me. Vi scongiuro, datemi retta. È importante. Quel... Quel mostro va eliminato. Non è quello che sembra. Io l’ho osservata. E ho visto. Ho visto quello che fa. È insopportabile. Di natura non mi impietosisco, altrimenti non potrei vivere, ma non posso non provare tristezza, disperazione, odio e soprattutto rabbia. In quei momenti nel mio corpo scorre la Collera. Quella vera.

Ma non divaghiamo. Quella... Quella cosa  taglia a pezzetti funghi, vermi, di tutto. Li mette in un oggetto metallico e li cuoce, almeno credo. A volte aggiunge terra. E cerca di obbligare mio cugino (siamo cugini, in fondo, anche se lontanamente) a mangiare la sbobba. Se si rifiuta, lo lega per il collo e lo frusta. E ride. Ride, capite? Nel suo laboratorio cuoce di tutto. Ho sentito dire che lo fa perchè è piccola e si annoia. Avete capito? Uccide per divertimento. E sua madre (almeno credo sia) sorride felice. È fiera del mostro che ha creato. L'ho sentita dire: "Diventerà una perfetta padrona di casa."

E poi la rabbia esplose. Un giorno che era probabilmente a caccia di vittime, a giudicare dal grosso contenitore che portava, anche se non ne ero sicuro: a volte si chinava a raccogliere frutta. Nient'altro. Cantava. Decisi di vendicarmi. L’aspettai. Lei mi vide e si fidò. Si fidò delle mie parole. Ascoltò le mie indicazioni. Avrei avuto una doppia vendetta, lei e quell'altra, più vecchia, che impuzzava con le sue brodaglie tutta la foresta. Lei le chiama marmellate. Ma avevo fatto i conti senza l’oste. Quell’uomo... Quel... Quel... ha cercato più volte di imprigionarmi. Di uccidermi. Voleva che abbandonassi la mia casa, i miei figli. Mi accusava di rovinargli il pollaio. Ma io devo pur mangiare! Ma non mi sono mai lasciato acchiappare. Almeno fino a quel giorno. Quella bestia mi catturò, proprio mentre stavo mettendo in atto la mia giusta vendetta e le salvò.



Adesso sono qui, in questa gabbia, a raccontarvi tutto. Diffidate di quella persona. È un’assassina, una torturatrice. Ma la gente accusa me! Io non ho fatto niente. È lei. 

Perchè credete che sia chiamata Cappuccetto Rosso?

2827299cos

Lei.

Vota questo racconto:

Voto complessivo:

È necessario registrarsi e collegarsi dal browser per poter votare e visualizzare i risultati.
Un ringraziamento alla Wiki tedesca per questa funzione.


NarrazioniModifica

ASCOLTATEMI Creepypasta ITA03:50

ASCOLTATEMI Creepypasta ITA

Narrazione di BloodyMadRabbit

Ad blocker interference detected!


Wikia is a free-to-use site that makes money from advertising. We have a modified experience for viewers using ad blockers

Wikia is not accessible if you’ve made further modifications. Remove the custom ad blocker rule(s) and the page will load as expected.

Inoltre su FANDOM

Wiki casuale