FANDOM


Alle quattro precise del pomeriggio, il campanello suonò. Lawrence, un ragazzo di dieci anni, chiese ad alta voce da dietro la porta: «Chi è?»

Rispose la voce di una donna: «Lawrence, sei tu?»

Lawrence aprì la porta e vide davanti a lui una bella coppia, con dei vestiti da lavoro abbinati. Non li aveva mai visti prima d’ora.

«Ciao, Lawrence.» disse la donna, con un sorriso da Colgate.

«C’è Emily in casa?» chiese l’uomo di fianco a lei.

Solo allora la sorella maggiore di Lawrence, Emily, si appostò dietro al fratello. «Chi è, Lawrence?» chiese Emily.

L’uomo sorridente fece un passo avanti, con qualcosa stretto nella sua mano. Premette l’oggetto contro il collo di Emily. Emily iniziò ad avere le convulsioni, i suoi occhi rotearono e cadde a terra.

L’atletica coppia si mosse velocemente, infilando la sorella in un grande sacco di iuta. Lawrence era troppo scioccato per muoversi. L’uomo prese il sacco, poggiandoselo sulla spalla, la coppia sorrise verso Lawrence, la donna disse «Grazie.» e, infine, se ne andarono.

Lawrence camminò lungo il corridoio che portava alla sua stanza. Si sedette davanti al computer e schiacciando alcuni tasti ritornò all’annuncio che aveva postato.


Gratis, per una buona casa. Ragazzina rompiscatole di dodici anni, è brutta e mi fa sbrigare tutte le sue faccende. Risponde al nome di Emily. Si prega di venire tra le tre e le sei del pomeriggio, perché è in quelle ore che i miei saranno a lavoro. Chiedete di Lawrence”.

Lawrence sorrise e cliccò su “elimina”. 



Ragazzo-al-pc




Testo originale di Tkopico.

Vota questo racconto:

Voto complessivo:

È necessario registrarsi e collegarsi dal browser per poter votare e visualizzare i risultati.