FANDOM


Non mi ricordo esattamente quando mi appassionai all'alchimia. Ma ne sono affascinato tutt'ora.

Mi hanno sempre attratto magie ed esperimenti, e mi sarebbe veramente piaciuto poter leggere o almeno sapere come effettuare anche la più piccola sostanza o creatura alchemica.

Bramavo conoscere la creazione dell'omuncolo, e fantasticavo sulla trasmutazione da ferro in oro.

Così, passeggiando per le noiose e monotone strade sotto casa mia, scorsi un edificio apparentemente appena costruito, che recava la scritta "libreria" nella parte più alta. Era immenso e nella sua grandezza pensai contenesse molti libri interessanti e/o adatti a ciò che cercavo.

Entrai, affascinato dalla struttura interna.

I libri erano divisi per genere da lastre di vetro,ed erano in ordine alfabetico per cognome.

Era come un labirinto,perché certe volte le lastre di vetro si intersecavano e si univano con altre per formare un genere diverso dai due originari.

Seguendo la lastra dei libri non recenti poco famosi e quella di magie e stregonerie del medioevo, trovai una piccola parte formata da dieci libri al massimo, dedicata all'alchimia, ai roghi di streghe e a diversi libri riguardanti il folklore delle popolazioni.

Il libro a cui ero interessato, un libretto sottile e grande in altezza, aveva come copertina un serpente che si morde la coda.

Riconoscendo subito il simbolo, mi abbassai e presi il libro, che presentava diversi foglietti inseriti tra le pagine.

Certamente pensai che erano pop-up per libri da bambini, ma non mi ricordo neanche perché lo presi.

Le sue pagine erano lisce e pesanti, e non sembrava tanto vecchio, dopotutto.

Lo comprai ad una cifra molto economica e tornai a casa, trepitante di aprire il libro e vedere cosa contenesse.

Per diversi motivi molto seccanti, dovetti lasciare il libretto sul letto e uscire per fare delle commissioni.

Quando tornai, era già buio, ma non mi importò e con una piccola torcia tascabile esaminai finalmente il libro.

I foglietti non erano pop-up, bensì dei foglietti inseriti velocemente fra le pagine del libro,apparentemente in un ordine di importanza.

Dopo quasi mezz'oretta finii il libro in sè, che era molto noioso e parlava di alchimisti, fra i quali Ermete Trismegisto era il mio preferito.

Non soddisfatto, cominciai a leggere i foglietti in ordine, e vidi che erano molto più interessanti del libro stesso; parlavano di quel che volevo leggere: come eseguire esperimenti alchemici.

Lessi attentamente come trasformare il ferro in oro o come creare un omuncolo, ma non avevo gli strumenti a disposizione per farlo in quel momento.

Quando finalmente restarono due foglietti, che dedussi erano i più pericolosi, constatai che gli altri erano difficili da eseguire e alcuni richiedevano come tempo il giorno.

Il penultimo foglietto non riportava descrizioni, solo immagini, dalle quali dedussi che l'esperimento avrebbe risvegliato un morto.

Leggendo velocemente la lista di cosa si doveva avere, con mio stupore pensai che avevo tutto.

Un tributo in sangue umano, acqua dolce da trasformare nella pozione e il nome su un foglietto del morto da risvegliare.

Prima di eseguirlo, lessi anche l'ultimo, molto interessante:

"Come vivere in eterno:

Ingredienti:

Un cuore umano pulsante

Acqua dolce

Sangue di chi vuole vivere in eterno

Metà del cuore di chi vuole vivere in eterno.



Era scritto di fretta, e pensai per un momento che tutto fosse una grande bufala.

Un cuore umano pulsante? Mezzo cuore di chi vuole vivere in eterno?

Ormai convinto che tutto fosse finto, eseguii il penultimo esperimento con noia, volendo risvegliare Ermete Trismegisto per sapere, avidamente, altri esperimenti.

Dopo aver eseguito tutto,non successe nulla.

Niente.

Mi ero pure punto il dito per del sangue.

Tempo perso,pensai.

Quando finalmente chiusi il libro, lo strappai, chiedendomi perché non avessi capito prima che era tutto finto.

Poi, sentii una mano sulla mia spalla, e una voce gelida sussurrò dolcemente al mio orecchio:




"Non puoi risvegliare i vivi".

Vota questo racconto:

Voto complessivo:

È necessario registrarsi e collegarsi dal browser per poter votare e visualizzare i risultati.